Truffa fibra ottica in Sardegna, tre a processo a settembre

(ANSA) – CAGLIARI, 19 APR – Sono accusati di concussione e truffa per aver effettuato dei lavori per la fibra ottica in diversi comuni della Sardegna facendo fare interventi differenti da quelli previsti, così da risparmiare e guadagnare sul capitolato. Il Gup del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha rinviato a giudizio i tre funzionari della Ifratel e della Imet Spa, Nicola Tenaglia, Michele Ragni e Luciano Tracucci, finiti nell’inchiesta sulla fibra ottica del sostituto procuratore Emanuele Secci. Il processo nei loro confronti si aprirà il 23 settembre prossimo. Secondo le accuse, i tre avrebbero costretto le società che effettuavano materialmente i lavori a svolgere scavi meno profondi di quanto indicato e a risparmiare sulla protezione dei cavi, così da eseguire interventi di fatto più economici di quelli pagati con i fondi europei. Per tutti, terminata l’inchiesta, il pm Secci aveva sollecitato il rinvio a giudizio. Oggi al termine di una breve camera di consiglio il Gup Pintori ha accolto la richiesta.

Condividi: