Elena Ceste: figli davanti giudici minorili, due ore udienza

(ANSA) – TORINO, 20 APR – I giudici del tribunale dei minori di Torino decideranno il prossimo 25 maggio se accogliere la richiesta di Michele Buoninconti, condannato in primo grado a trent’anni per l’omicidio della moglie Elena Ceste, di rivedere i figli. Oggi due dei quattro ragazzi sono stati ascoltati dai magistrati; il colloquio, durato circa due ore, non è stato videoregistrato. I figli sono stati affidati ai nonni materni, che li accudiscono con gli zii. La famiglia Ceste, rappresentata dagli avvocati Deborah Abate Zaro e Carlo Tabbia, è contraria a contatti tra figli e padre, a cui è stata sospesa la patria potestà. L’appello al riguardo, in corte d’Assise a Torino, si potrebbe tenere a fine estate o al più tardi in autunno, anche se la data non è ancora stata fissata. I difensori di fiducia di Buoninconti, Enrico Scolari dello studio Benni di Ivrea e Giuseppe Marazzita, puntano a disarticolare con una serie di contro-perizie il lavoro dell’accusa.(ANSA).

Condividi: