Nuoto: Brasile senza Cielo, l’olimpionico manca il pass

(ANSA) – ROMA, 21 APR – “Chiedo scusa a tutti”. Nel giorno dell’accensione della fiaccola a Olimpia, il Brasile perde una delle sue stelle per i Giochi di Rio, Cesar Cielo, che ha chiesto tra le lacrime il perdono dei suoi tanti sostenitori per aver mancato il pass nei 50 sl. Il nuotatore più famoso del Paese, detentore dei record mondiali sui 50 e sui 100 sl, oro a Pechino 2008, aveva già fallito il pass olimpico nella doppia vasca e poi è giunto solo terzo nella 50, battuto da Bruno Fratus e Italo Manzine, ai quali ha rivolto il suo “in bocca al lupo”. “Triste addio” titolano molti media online, celebrando uno degli idoli sportivi brasiliani che a quasi 30 anni si avvia verso il tramonto dopo un 2015 nero, segnato da problemi fisici. Ai Mondiali a Kazan ha deluso e nei mesi seguenti le terapie e il recupero non gli hanno comunque ridato lo smalto di un tempo.

Condividi: