Calcio venezuelano: va in scena il clásico Táchira-Caracas

Pubblicato il 23 aprile 2016 da redazione

calcio

CARACAS – Domani dalle 17:15, andrà in scena una nuova edizione del ‘clásico del fútbol venezolano’: il Deportivo Táchira ospita il Caracas nello stadio Pueblo Nuevo di San Cristóbal. Le due formazioni durante la loro storia si sono sfidate in 91 occasioni nel Torneo de Primera División, con un bilancio di 31 vittorie per i padroni di casa, 32 pareggi e 27 sucessi capitolini.

I bomber aurinegros hanno segnato 111 gol, mentre quelli dei rojos del Ávila sono andati in gol in 102 occasioni. A queste gare bisogna aggiungere i quattro precedenti in Coppa Venezuela (1 vittoria aurinegro, 1 pareggio e 2 vittorie Caracas) e i due trionfi capitolini nella Coppa Conmebol.

Il primo incontro ufficiale tra Caracas e Táchira risale al 14 luglio del 1985, allora i gialloneri s’imposero per 0-1 nella gara disputata nel Brigido Iriarte del Paraiso.

Il giocatore con più gare disputate è l’italo-venezuelano Rafael Castellìn con 54 presenze sempre indossando la casacca dei rojos. Il capocannoniere è Juan Garcia con 10 gol: 6 con la maglia del Caracas e 4 con quella del Táchira.

Il Táchira si presenta sul rettangolo di Pueblo Nuevo con il biglietto per l’ottagonale già in tasca, mentre i Rojos del Ávila cercheranno di ottenere uno dei sei biglietti restanti per l’ottagonale. E che miglior modo che farlo se non contro l’acerrimo rivale!

Quando mancano tre giornate alla fine del torneo, la 17a ci regala alcuni match interessanti sia per i play off che per la lotta per non retrocedere.

Duello interesante quello che andrà in scena a Barquisimeto tra Deportivo Lara e Deportivo La Guaira. Nello stadio Metropolitano si sfideranno la nona e la terza forza del campionato: i padroni di casa non vincono da più di un mese, e una vittoria li farebbe rientrare tra gli otto migliori, mentre i litoralenses vogliono strappare il biglietto per i play off al più presto.

Il Mineros, quinto classificato, ospita il Llaneros. I neroazzurri dopo un inizio di stagione da dimenticare, hanno inanellato una serie di risultati utili consecutivi che gli hanno permesso di accomodarsi nella Top8, mentre il Llaneros ha disputato una stagione altalenante e si trova nella lotta per non retrocedere.

Lo Zamora dell’italo-venezuelano Francesco Stifano andrà a far visita al Deportivo Jbl Zulia. I bianconeri di Barinas hanno già in mano il biglietto per la fase successiva, contro i marabini cercheranno una vittoria che gli permetta di chiudere la prima fase con il miglior ranking possibile. La compagine lagunare meno di un mese fa era nelle sabbie mobili della zona retrocessione, adesso grazie alle quattro vittorie consecutive si ritrova con la possibilità di accedere all’ottagonale.

Il quadro della 17a giornata si completerà con Carabobo-Atlètico Venezuela, Deportivo Anzoátegui-Trujillanos, Estudiantes de Caracas-Aragua, Estudiantes de Mèrida-Zulia, Petare-Ureña e Portuguesa-Monagas.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

21:11Francia: oltre 100 detenuti rifiutano di rientrare in cella

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Ancora tensioni nelle carceri francesi. 123 detenuti di Fleury-Mérogis, il mega-carcere a sud di Parigi, rifiutano di rientrare nelle loro celle: è quanto riferisce Bfm-Tv, precisando che un intervento della polizia in corso. Il penitenziario di Fleury Mérogiis è tra i più grandi d'Europa. Qui è incarcerato in condizioni di massima sicurezza anche l'unico superstite del commando che perpetrò gli attentati parigini del 13 novembre, Salah Abdeslam.

Archivio Ultima ora