Ecuador: serve aiuto per 250mila bambini

(ANSA) – QUITO, 23 APR – Un primo ponte aereo Unicef con 86 tonnellate di aiuti è atterrato a Quito, in Ecuador, devastato da un terremoto che ha colpito 250.000 bambini. Gli aiuti – spiega un comunicato di Unicef Italia – comprendono 10.000 coperte in pile, 300 teloni di plastica, oltre 100 tendoni, 4.000 zanzariere trattate con insetticidi, 250.000 capsule di vitamina A e kit per il trattamento della diarrea. “Abbiamo bisogno di distribuire questi aiuti ai bambini e abbiamo bisogno di farlo in fretta”, ha detto Grant Leaity, rappresentante Unicef in Ecuador. “Più tempo i bambini passano senza riparo, acqua potabile e protezione dalle malattie, più alti sono i rischi per la salute”. Secondo l’Unicef, a causa del terremoto, oltre 1.100 costruzioni sono state distrutte e 720.000 persone hanno bisogno di assistenza umanitaria. Più di 25.000 attualmente vivono nei rifugi. L’Unicef e i suoi partner umanitari hanno bisogno di 23 milioni di dollari per provvedere ai bisogni dei 250.000 bambini nei prossimi tre mesi.

Condividi: