Il Gattopardo verdeoro

Pubblicato il 25 aprile 2016 da redazione

dilma-preocupada

Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi. Così si esprimeva Tancredi Falconieri ne Il Gattopardo, a sottolineare la resilienza di ogni sistema socio-politico ed il trasformismo come strumento di conservazione.

Se oggetto dell’effimero repulisti è l’architettura istituzionale del Brasile – segnata nell’ultimo venticinquennio da scandali ricorrenti – allora non sorprende il risultato della votazione della Camera bassa, che ha concesso l’autorizzazione a procedere all’impeachment della presidente Dilma Roussef con 347 voti su 513.

La storia, come spesso accade, si ripete. O per usare le parole del protagonista di Tropa de elite – film brasiliano di maggior successo ai botteghini, che denuncia degenerazione e collusione strutturali delle istituzioni verdeoro – il corpo si priva della mano per salvare il braccio.

Difficile dunque non tornare con la mente, solo per citare i casi più eclatanti, all’impeachment del presidente Collor che portò alle sue dimissioni nel 1992 (e poi alla sua assoluzione); allo scandalo Anões do orçamento l’anno successivo; alla Privataria tucana nel 1997; al Mensalão nel 2005; alla Operação navalha nel 2007; o al più recente e tutt’ora in corso Lava jato – Petrolão ed alla contestuale preoccupante situazione socio-economica che il paese traino del Sudamerica sta fronteggiando.

Dopo oltre una decade di crescita impetuosa, la contrazione dell’economia ha iniziato a far avvertire i propri effetti scaricandosi sul tasso di inflazione (oltre i dieci punti percentuali), sul tasso di disoccupazione (cresciuto fino all’ 10,2%) e sul Pil (contrazione di poco inferiore al 4% nel 2015), con evidenti ricadute per le crescenti classi medie e medio-alte, che addossano la colpa alla mala gestione ed alla politica economica populista dell’attuale presidenza, non esente da colpe ma non unica responsabile della parabola declinante.

Certamente non ascrivibili alle politiche del PT il crollo dei prezzi delle commodities internazionali, la diminuzione dell’interscambio commerciale con l’estero e la politica monetaria di tapering annunciata dalla Fed per uscire dalla crisi nel biennio 2013-2014. Fattori che, in aggiunta all’instabilità politica interna, alla volatilità del real ed alla crisi economica globale, hanno concorso decisivamente al deflusso dei capitali stranieri, fondamentali per alimentare gli investimenti e la produzione industriale.

Elemento essenziale per comprendere la crisi brasiliana è l’effettivo capo di imputazione a carico di Dilma. Nonostante la vulgata pubblica e la maggior parte dell’apparato mediatico brasiliano (e più in generale occidentale) abbiano veicolato il messaggio che lo stato d’accusa del presidente in carica sia legato alla corruzione ed in particolare all’operazione Lava jato, che vede coinvolti membri del Parlamento di ogni estrazione oltre all’ex presidente Lula e di cui è protagonista il colosso nazionale Petrobras, trattasi di un’interpretazione fuorviante.

Basti notare come, secondo i dati forniti da Transparência Brasil, 16 dei 21 deputati sotto indagine abbiano votato a favore dell’impeachment, o come dei 500 processi ai danni di parlamentari tenutisi a partire dalla promulgazione della costituzione democratica del 1988, soltanto 13 si siano risolti in condanne.

Partire da queste premesse è utile per districarsi tra le strumentalizzazioni delle operazioni giudiziarie e della congiuntura economica cavalcate dalle opposizioni – ma non solo, visto l’ormai imperante trasformismo di cui PRB e PP sono solo gli ultimi protagonisti – e dai sottostanti mediatico-finanziari per giustificare un processo di impeachment che dal punto di vista tecnico, come hanno sottolineato autorevoli giuristi, non rientrerebbe appieno nella fattispecie individuata dalla legge 1.070/50 e nell’articolo 85 della Costituzione del 1988.

Soprattutto tenendo conto di due fattori: la giurisprudenza del STF, che si è espresso in questi anni rimarcando l’impossibilità di dare un’interpretazione estensiva o per analogia del reato in questione e soprattutto l’assenza di prove concrete relative alla complicità di Dilma in azioni che esulino dalla legalità nei procedimenti giudiziari in corso.

Dal punto di vista formale, la contestazione sulla base del quale viene mosso l’impeachment ha natura contabile-finanziaria. Costituiscono oggetto d’accusa strumenti quali la cosiddetta Pedalada fiscal e la Suplementação orçamentária. Operazioni inaugurate durante la presidenza Cardoso che, rispettivamente, permettono di mantenere il pareggio di bilancio posponendo i rimborsi dovuti alla Caixa Econômica Federal per gli anticipi sugli esborsi sociali e di aumentare le spese a colpi di decreto oltre il limite imposto dal Parlamento.

In tal senso, la fazione pro-impeachment giudica l’esponente del PT rea di aver abusato di siffatti strumenti al fine di manipolare il saldo federale a partire dalla fase pre-elettorale del 2014 e perciò di violazione delle leggi di Responsabilidade orçamentária e fiscal. Le sinistre, dal canto loro, accusano il vice-presidente e i deputati passati all’opposizione di cospirazione, tradimento e golpismo, sottolineando la distorsione della ratio alla base dell’impianto normativo sulla messa in stato d’accusa delle massime cariche dello Stato.

Dando credito all’analisi dei promotori del processo di impeachment, appaiono emblematiche le dichiarazioni del presidente della Camera Eduardo Cunha, tra i principali obiettivi proprio dell’operazione Lava jato nonché tra i fautori dell’estromissione di Dilma. Il deputato del PMDB ha più volte puntato il dito contro l’esecutivo, affermando che le malversazioni imperversano in primis nell’organo di governo.

Se non altro singolare, considerando (oltre al suo storico personale) che la Commissione di impeachment che ha formalizzato l’accusa è composta da 65 deputati, di cui 36 attualmente indagati o già condannati, stando alle statistiche fornite da Agência Lupa. Allargando l’obiettivo fino a ricomprendere l’intera camera bassa del potere legislativo, sarebbero almeno 299 i parlamentati oggetto di accertamenti giudiziari, il 58% del totale. Passando al Senato, la situazione non migliorerebbe di molto, con oltre il 40% degli 81 senatori di Brasilia implicati in procedimenti analoghi.

Sull’altro angolo del ring, i complessi economico-finanziari brasiliani ed internazionali ammiccano compiacenti alla coppia Cunha – Michel Temer, con quest’ultimo che in qualità di vice-presidente assumerebbe la carica contestualmente all’allontanamento di Dilma e che già parla da neopresidente nonostante sia anch’esso a rischio impeachment e già oggetto di indagini.

È così che il fronte bolivariano dell’America Latina – o quel che ne resta dopo la fine dell’era Kirchner, la parziale virata di Cuba e l’incerto futuro del Venezuela – serra i ranghi, appellandosi alla tenuta del meccanismo democratico che esclude la fiducia politica tra parlamento e presidente nell’impalcatura costituzionale brasiliana.

Il monito riguarda principalmente la deriva destabilizzatrice e autoritaria che interesserebbe il Brasile nel caso in cui, per la prima volta dalla fine della dittatura militare nel 1985, la più alta carica statale fosse occupata da un personaggio privo di mandato popolare.

La palla passa ora al senato, dove la Roussef vede ampliarsi il fronte dell’opposizione e che presieduto dal presidente del STF dovrà a sua volta confermare l’ammissibilità dell’impeachment entro la prima metà di maggio. Nel caso in cui dovesse prevalere il sì, la presidente verrebbe sospesa dall’esercizio delle sue funzioni per 180 giorni in attesa del giudizio finale (pur mantenendo la carica).

In via alternativa, il senato bloccherà l’iter procedimentale senza possibilità di ricorso rilegittimando il governo del PT, su cui graverebbe a quel punto l’incombenza di ridefinire il patto sociale alla base dello stesso Stato democratico brasiliano.

In entrambi i casi la lotta di potere che si sta consumando in Brasile, rappresentazione e simulacro della frattura tra blocchi contrapposti tanto all’interno delle istituzioni che della società civile, appare ancora in divenire.

Dilaniato da conflitti sistemici che rievocano epoche grigie e ferite non ancora rimarginate della sua storia recente, il gattopardo d’oltreoceano dovrà riscoprire risorse e quel senso di appartenenza che fanno del Brasile – come recita l’iscrizione sul suo vessillo nazionale – una terra di ordine e progresso.

(Lorenzo Di Muro/Voce)

Ultima ora

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

22:08Calcio: Tavecchio, pronto ad andare all’Antimafia

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Per quanto riguarda le problematiche in collegamento con la Commissione, io andrò se convocato: noi siamo rispettosi delle istituzioni". Lo ha detto Carlo Tavecchio, presidente della Figc, ad una domanda dopo le dichiarazioni del dg Michele Uva e la risposta della presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi. "Siamo in sintonia con quello che l'Antimafia ha già deliberato - ha aggiunto Tavecchio al termine del Consiglio federale svoltosi oggi a Coverciano - La forza di un presidente federale è di non conoscere la porta di accesso della Procura federale: se mi chiedete come si fa ad andare dal procuratore, non vi so accompagnare. Quindi, quando la questione riguarda la Procura, il presidente federale è uno spettatore come voi". Poi, sulla scelta di Alessandro Costacurta come presidente del Comitato organizzatore locale degli Europei Under 21 del 2019: "Una bella notizia. È stato un calciatore di prestigio e di stile. Ha doti invidiabili di comunicazione e inoltre conosce l'attività gestionale".

21:50Pd: Emiliano, rischio è consegnare Paese a governo M5s-Lega

(ANSA) - BARI, 27 MAR - "Noi stiamo rischiando, ed è una delle ragioni fondamentali di questa mozione, di consegnare l'Italia a una maggioranza di populismi anomala, che potrebbe perfino obbligare il movimento cinquestelle e la destra salviniana a collaborare per il governo del Paese". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano, presentando la sua mozione a Bari. "Questa mozione - ha aggiunto - è l'unico strumento di governo dell'Italia. E' l'unica che può provare a far vincere al Pd le prossime elezioni. L'unica che dialoga con rispetto di tutti i mondi, esclusa la destra, di riferimento del fronte progressista". Emiliano ha aggiunto che "probabilmente a febbraio dell'anno prossimo andremo a elezioni, e in quella occasione non ci sono i pacchi delle tessere, non puoi chiamare i romeni a votare alle primarie, lì vanno a votare gli italiani". "E a febbraio dell'anno prossimo dobbiamo presentare un Pd capace di essere vicino agli italiani, capace di risolvere i problemi".

21:31De Luca: niente scuse alla ‘signora dei 5 Stelle’

(ANSA) - SANTA MARIA A VICO (CASERTA), 27 MAR - Niente scuse alla "signora dei Cinque Stelle" Valeria Ciarambino, anzi, i grillini "vadano al diavolo": al contrario, rilancia il governatore della Campania Vincenzo De Luca, che oggi, durante un incontro tenuto alla Scuola Giovanni XXIII di Santa Maria a Vico (Caserta), è tornato sulla polemica scoppiata venerdì durante la seduta del Consiglio Regionale quando aveva definito "chiattona" la capogruppo M5s in consiglio regionale Ciarambino.

21:28Calcio: caso Barzagli, Ventura “sorpreso a 360 gradi”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Sono rimasto molto stupito, a 360 gradi". Così il ct degli azzurri, Gian Piero Ventura, commenta il caso Barzagli e la polemica seguente alla vigilia di Olanda-Italia. "Il giocatore è venuto, ha disputato una partita importante e poi mi ha chiesto se poteva andare via in anticipo per problemi con la moglie - ha aggiunto Ventura -. Una cosa anomala ma abbiamo deciso di andargli incontro. Quello che è successo dopo non lo so. Ho visto la foto mi ha stupito, ma Andrea mi ha chiamato, ha chiarito. Altrimenti sarei rimasto deluso". Sorpresa, e un po' di rabbia, per le critiche ricevute da Sacchi sul gioco degli azzurri nella gara con l'Albania: "Ho provato delusione e curiosità dopo aver letto le critiche. Delusione perchè ho sempre apprezzato Arrigo, curiosità perchè mi sembra che abbia fatto un po' di confusione. Ho rivisto alcune partite dell'Italia a inizio di Usa '94: con l'Irlanda il primo tiro è arrivato al 70'. Altro era il gioco del Milan. A volte magari serve un un pizzico di riflessione in più".

Archivio Ultima ora