Il Gattopardo verdeoro

Pubblicato il 25 aprile 2016 da redazione

dilma-preocupada

Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi. Così si esprimeva Tancredi Falconieri ne Il Gattopardo, a sottolineare la resilienza di ogni sistema socio-politico ed il trasformismo come strumento di conservazione.

Se oggetto dell’effimero repulisti è l’architettura istituzionale del Brasile – segnata nell’ultimo venticinquennio da scandali ricorrenti – allora non sorprende il risultato della votazione della Camera bassa, che ha concesso l’autorizzazione a procedere all’impeachment della presidente Dilma Roussef con 347 voti su 513.

La storia, come spesso accade, si ripete. O per usare le parole del protagonista di Tropa de elite – film brasiliano di maggior successo ai botteghini, che denuncia degenerazione e collusione strutturali delle istituzioni verdeoro – il corpo si priva della mano per salvare il braccio.

Difficile dunque non tornare con la mente, solo per citare i casi più eclatanti, all’impeachment del presidente Collor che portò alle sue dimissioni nel 1992 (e poi alla sua assoluzione); allo scandalo Anões do orçamento l’anno successivo; alla Privataria tucana nel 1997; al Mensalão nel 2005; alla Operação navalha nel 2007; o al più recente e tutt’ora in corso Lava jato – Petrolão ed alla contestuale preoccupante situazione socio-economica che il paese traino del Sudamerica sta fronteggiando.

Dopo oltre una decade di crescita impetuosa, la contrazione dell’economia ha iniziato a far avvertire i propri effetti scaricandosi sul tasso di inflazione (oltre i dieci punti percentuali), sul tasso di disoccupazione (cresciuto fino all’ 10,2%) e sul Pil (contrazione di poco inferiore al 4% nel 2015), con evidenti ricadute per le crescenti classi medie e medio-alte, che addossano la colpa alla mala gestione ed alla politica economica populista dell’attuale presidenza, non esente da colpe ma non unica responsabile della parabola declinante.

Certamente non ascrivibili alle politiche del PT il crollo dei prezzi delle commodities internazionali, la diminuzione dell’interscambio commerciale con l’estero e la politica monetaria di tapering annunciata dalla Fed per uscire dalla crisi nel biennio 2013-2014. Fattori che, in aggiunta all’instabilità politica interna, alla volatilità del real ed alla crisi economica globale, hanno concorso decisivamente al deflusso dei capitali stranieri, fondamentali per alimentare gli investimenti e la produzione industriale.

Elemento essenziale per comprendere la crisi brasiliana è l’effettivo capo di imputazione a carico di Dilma. Nonostante la vulgata pubblica e la maggior parte dell’apparato mediatico brasiliano (e più in generale occidentale) abbiano veicolato il messaggio che lo stato d’accusa del presidente in carica sia legato alla corruzione ed in particolare all’operazione Lava jato, che vede coinvolti membri del Parlamento di ogni estrazione oltre all’ex presidente Lula e di cui è protagonista il colosso nazionale Petrobras, trattasi di un’interpretazione fuorviante.

Basti notare come, secondo i dati forniti da Transparência Brasil, 16 dei 21 deputati sotto indagine abbiano votato a favore dell’impeachment, o come dei 500 processi ai danni di parlamentari tenutisi a partire dalla promulgazione della costituzione democratica del 1988, soltanto 13 si siano risolti in condanne.

Partire da queste premesse è utile per districarsi tra le strumentalizzazioni delle operazioni giudiziarie e della congiuntura economica cavalcate dalle opposizioni – ma non solo, visto l’ormai imperante trasformismo di cui PRB e PP sono solo gli ultimi protagonisti – e dai sottostanti mediatico-finanziari per giustificare un processo di impeachment che dal punto di vista tecnico, come hanno sottolineato autorevoli giuristi, non rientrerebbe appieno nella fattispecie individuata dalla legge 1.070/50 e nell’articolo 85 della Costituzione del 1988.

Soprattutto tenendo conto di due fattori: la giurisprudenza del STF, che si è espresso in questi anni rimarcando l’impossibilità di dare un’interpretazione estensiva o per analogia del reato in questione e soprattutto l’assenza di prove concrete relative alla complicità di Dilma in azioni che esulino dalla legalità nei procedimenti giudiziari in corso.

Dal punto di vista formale, la contestazione sulla base del quale viene mosso l’impeachment ha natura contabile-finanziaria. Costituiscono oggetto d’accusa strumenti quali la cosiddetta Pedalada fiscal e la Suplementação orçamentária. Operazioni inaugurate durante la presidenza Cardoso che, rispettivamente, permettono di mantenere il pareggio di bilancio posponendo i rimborsi dovuti alla Caixa Econômica Federal per gli anticipi sugli esborsi sociali e di aumentare le spese a colpi di decreto oltre il limite imposto dal Parlamento.

In tal senso, la fazione pro-impeachment giudica l’esponente del PT rea di aver abusato di siffatti strumenti al fine di manipolare il saldo federale a partire dalla fase pre-elettorale del 2014 e perciò di violazione delle leggi di Responsabilidade orçamentária e fiscal. Le sinistre, dal canto loro, accusano il vice-presidente e i deputati passati all’opposizione di cospirazione, tradimento e golpismo, sottolineando la distorsione della ratio alla base dell’impianto normativo sulla messa in stato d’accusa delle massime cariche dello Stato.

Dando credito all’analisi dei promotori del processo di impeachment, appaiono emblematiche le dichiarazioni del presidente della Camera Eduardo Cunha, tra i principali obiettivi proprio dell’operazione Lava jato nonché tra i fautori dell’estromissione di Dilma. Il deputato del PMDB ha più volte puntato il dito contro l’esecutivo, affermando che le malversazioni imperversano in primis nell’organo di governo.

Se non altro singolare, considerando (oltre al suo storico personale) che la Commissione di impeachment che ha formalizzato l’accusa è composta da 65 deputati, di cui 36 attualmente indagati o già condannati, stando alle statistiche fornite da Agência Lupa. Allargando l’obiettivo fino a ricomprendere l’intera camera bassa del potere legislativo, sarebbero almeno 299 i parlamentati oggetto di accertamenti giudiziari, il 58% del totale. Passando al Senato, la situazione non migliorerebbe di molto, con oltre il 40% degli 81 senatori di Brasilia implicati in procedimenti analoghi.

Sull’altro angolo del ring, i complessi economico-finanziari brasiliani ed internazionali ammiccano compiacenti alla coppia Cunha – Michel Temer, con quest’ultimo che in qualità di vice-presidente assumerebbe la carica contestualmente all’allontanamento di Dilma e che già parla da neopresidente nonostante sia anch’esso a rischio impeachment e già oggetto di indagini.

È così che il fronte bolivariano dell’America Latina – o quel che ne resta dopo la fine dell’era Kirchner, la parziale virata di Cuba e l’incerto futuro del Venezuela – serra i ranghi, appellandosi alla tenuta del meccanismo democratico che esclude la fiducia politica tra parlamento e presidente nell’impalcatura costituzionale brasiliana.

Il monito riguarda principalmente la deriva destabilizzatrice e autoritaria che interesserebbe il Brasile nel caso in cui, per la prima volta dalla fine della dittatura militare nel 1985, la più alta carica statale fosse occupata da un personaggio privo di mandato popolare.

La palla passa ora al senato, dove la Roussef vede ampliarsi il fronte dell’opposizione e che presieduto dal presidente del STF dovrà a sua volta confermare l’ammissibilità dell’impeachment entro la prima metà di maggio. Nel caso in cui dovesse prevalere il sì, la presidente verrebbe sospesa dall’esercizio delle sue funzioni per 180 giorni in attesa del giudizio finale (pur mantenendo la carica).

In via alternativa, il senato bloccherà l’iter procedimentale senza possibilità di ricorso rilegittimando il governo del PT, su cui graverebbe a quel punto l’incombenza di ridefinire il patto sociale alla base dello stesso Stato democratico brasiliano.

In entrambi i casi la lotta di potere che si sta consumando in Brasile, rappresentazione e simulacro della frattura tra blocchi contrapposti tanto all’interno delle istituzioni che della società civile, appare ancora in divenire.

Dilaniato da conflitti sistemici che rievocano epoche grigie e ferite non ancora rimarginate della sua storia recente, il gattopardo d’oltreoceano dovrà riscoprire risorse e quel senso di appartenenza che fanno del Brasile – come recita l’iscrizione sul suo vessillo nazionale – una terra di ordine e progresso.

(Lorenzo Di Muro/Voce)

Ultima ora

13:15Kirghizistan: aereo caduto, ‘probabile errore pilota’

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Stando alle informazioni preliminari, la teoria dell'attacco terroristico è esclusa, probabilmente lo schianto è stato causato da un errore del pilota": lo ha dichiarato il vice premier kirghiso Muhammetkaly Abulgaziev a proposito del disastro aereo avvenuto stamane nei pressi dell'aeroporto Manas di Biskek. Secondo una fonte dello scalo sentita dall'agenzia Interfax, c'era una nebbia molto fitta al momento dell'incidente e la visibilità era scarsa. Sempre stando a Interfax, il Boeing si è schiantato a 1,5-2 chilometri dalla pista finendo tra le case del villaggio Dacha-Suu.

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

12:58Cremlino smentisce incontro Trump-Putin in Islanda

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Tutte le informazioni su un qualsiasi accordo preliminare per un incontro" tra Putin e Trump "non corrispondono alla realtà": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, smentendo la notizia pubblicata dal Sunday Time secondo cui il primo summit di Donald Trump da presidente degli Usa sarà in Islanda con Vladimir Putin. "Per il momento - ha aggiunto Peskov - non c'è nessun accordo, nessun progetto, nessun preparativo di incontro. Il presidente Vladimir Putin e il signor Trump per ora non ne hanno discusso in alcun modo e non c'è nessun accordo a proposito".

12:56Thailandia: i due italiani arrestati tornano a casa

(ANSA) - BOLZANO, 16 GEN - Tornano a casa i due giovani italiani, arrestati in Thailandia per aver avere strappato alcune bandiere nazionali. "Il sottosegretario Della Vedova mi ha comunicato che oggi i due altoatesini saranno trasferiti a Bangkok e domani prenderanno il volo di ritorno verso l'Italia, dove arriveranno mercoledì", conferma il senatore Karl Zeller una notizia di Tagszeitung.it. "L'ambasciata si è data molto da fare per accorciare i tempi dell'estradizione, che potevano essere molto più lunghi", aggiunge Zeller.

Archivio Ultima ora