Usa 2016: Cruz e Kasich si alleano per fermare Donald Trump

Pubblicato il 25 aprile 2016 da redazione

Republican presidential candidate, Sen. Ted Cruz, R-Texas, left, shakes hands with Republican presidential candidate, Ohio Gov. John Kasich, at the start of the Republican presidential debate sponsored by CNN, Salem Media Group and the Washington Times at the University of Miami,  Thursday, March 10, 2016, in Coral Gables, Fla. (ANSA/AP Photo/Wilfredo Lee)

Republican presidential candidate, Sen. Ted Cruz, R-Texas, left, shakes hands with Republican presidential candidate, Ohio Gov. John Kasich, at the start of the Republican presidential debate sponsored by CNN, Salem Media Group and the Washington Times at the University of Miami, Thursday, March 10, 2016, in Coral Gables, Fla. (ANSA/AP Photo/Wilfredo Lee)

NEW YORK. – I repubblicani tentano la mossa della disperazione per fermare Donald Trump: l’alleanza tra il senatore ultraconservatore Ted Cruz e il moderato governatore dell’Ohio John Kasich. Obiettivo: unire le forze per impedire al tycoon di raggiungere i 1.237 delegati necessari per conquistare la nomination presidenziale.

Si tratta di un vero e proprio colpo di scena alla vigilia del nuovo ‘Super Tuesday’, che mette in palio 172 delegati repubblicani e dove la sfida più importante è quella della Pennsylvania, che i sondaggi già danno in tasca al magnate newyorchese, dopo il trionfo di New York.

Cruz e Kasich mettono dunque da parte la loro rivalità, caratterizzata da mesi di scontri e attacchi reciproci, e con una doppio comunicato delle rispettive campagne sanciscono l’asse anti-Trump, spartendosi di fatto i prossimi stati in cui si andrà a votare per le primarie.

Cruz si concentrerà in particolare sull’Indiana, dove si andrà al voto il 3 maggio, aprendo la strada a Kasich soprattutto in Oregon (17 maggio) e New Mexico (7 giugno). Una decisione clamorosa che la dice lunga sulle difficoltà del partito repubblicano, il cui establishment si è dimostrato totalmente incapace nelle scorse settimane di imporre una linea o una figura abbastanza autorevole per riuscire a fermare la corsa del tycoon dopo il fallimento delle campagne di Jeb Bush e Marco Rubio.

“Sono assolutamente disperati e matematicamente morti”, è il commento di Trump, che sceglie Twitter per replicare alla decisione di Cruz e Kasich. Una decisione che rischia di approfondire il solco che divide il tycoon dal partito repubblicano, fino ad una ipotetica quanto clamorosa rottura.

E a poche ore dal ‘super martedì’ in Pennsylvania, Maryland, Rhode Island, Connecticut e Delaware, la situazione in termini di delegati vede Trump in testa con 845 seguito da Cruz con 599 e Kasich con 148.

Sul fronte democratico intanto anche Hillary Clinton vola nei sondaggi sul voto in Pennsylvania. L’ex first lady, che ha 1.428 delegati contro i 1.153 del senatore Bernie Sanders, punta a incassare anche i 462 in palio nel ‘super martedì’ (di cui 210 nel Penn State) consapevole di poter di fatto conquistare il match point.

Intanto non cede alla lusinghe di Charles Koch, il più anziano dei fratelli Koch a capo di un impero industriale e storici finanziatori della destra americana. “Hillary è meglio di Trump e Cruz”, ha sentenziato Charles, definendo i due “terrificanti” e dando voce al malessere e ai malumori che caratterizzano molti repubblicani. Increduli di fronte al fatto di non poter contare su di un candidato che sia realmente espressione dell’establishment del partito.

La Clinton però chiarisce subito di non gradire l’endrorsement di Koch e di non essere interessata al sostegno di persone che negano i cambiamenti climatici o tentano di rendere più difficile il voto per la gente. Intanto l’ex segretario di Stato continua a vagliare i nomi dei possibili candidati alla vicepresidenza. E secondo il Nyt in pole position ci sarebbe Deval Patrick, 59 anni, avvocato per i diritti civili che è stato il primo governatore afroamericano del Massachussetts.

(di Ugo Caltagirone/

ANSA)

Ultima ora

12:54F1: Vettel, la Ferrari fa grandi progressi

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "A marzo è presto per sapere se saremo in lizza per il titolo, lo vedremo ad ottobre-novembre". Prudenza con la "p" maiuscola da parte del ferrarista Sebastian Vettel, nella prima conferenza stampa della nuova stagione di Formula 1, alla vigilia della tre giorni del Gran Premio d'Australia, tappa d'avvio del Mondiale. "Guardando alle prestazioni effettuate finora dalla macchina - aggiunge il pilota tedesco - c'è stato senz'altro un grosso passo avanti rispetto all'anno scorso. Ma questo è avvenuto anche grazie alle nuove regole, è una Formula 1 diversa e quindi ogni paragone non è del tutto appropriato. Di sicuro, è la macchina più veloce che abbiamo mai guidato. Se poi saremo competitivi, siamo qui per scoprirlo". Alla Ferrari, così come fra i suoi tifosi, si spera di poter finalmente insidiare lo strapotere della Mercedes. "Loro sono stati in grande forma negli ultimi anni e chiaramente sono sempre i favoriti - ammette Vettel - Vedremo nel corso della stagione quanto terreno riusciremo a recuperare".

12:51Calcio: stadio della Roma, “delibera della Giunta in arrivo”

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Questa Amministrazione intende promuovere una delibera di Giunta che riconsideri il pubblico interesse individuando i principi per la realizzazione di un nuovo progetto. Un progetto che permetta una revisione della precedente delibera a partire da una riparametrazione e riformulazione delle opere che determinano l'interesse pubblico dell'intervento". Lo ha detto l'assessore all'Urbanistica di Roma Luca Montuori, durante la seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina sullo stadio della Roma, chiesta dalle opposizioni in aula Giulio Cesare. "Vogliamo considerare - ha aggiunto Montuori - un insieme di fattori che possano permetterci oggi di esaminare un nuovo equilibrio di sistema, con un interesse pubblico ampliato e riferito non solo alle aree specifiche intorno allo stadio, ma esteso a tutti i cittadini che abitano fra Tor di Valle e Ostia e a coloro che fanno il loro ingresso a Roma da Fiumicino e da Civitavecchia".

12:40Tennis: Atp-Wta Miami, oggi in campo Seppi ed Errani

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Esordio per Andreas Seppi oggi al Miami Open, Masters 1000 sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida: l'altoatesino, numero 80 Atp, affronterà il qualificato moldavo Radu Albot, n. 86. Ieri, intanto, buon debutto per Fabio Fognini: il 29enne ligure, n. 40 Atp, ha battuto 6-4, 7-5, in un'ora e 37', lo statunitense Ryan Harrison, n. 47. Al secondo turno Fognini troverà il portoghese Joao Sousa, n. 35 e 30/a testa di serie. Al secondo turno, dopo il "bye" all'esordio, c'è anche Paolo Lorenzi, n. 37 e 32/a testa di serie, che se la vedrà con il vincente della sfida in programma oggi tra il francese Adrian Mannarino (n. 67) e il qualificato tedesco Benjamin Becker (n. 186). Nel tabellone femminile, secondo turno oggi per Sara Errani, n. 102 Wta, che sfiderà la 28enne cinese Shuai Zhang, n. 33 e 30/a testa di serie. E infine secondo turno, ma domani, anche per Roberta Vinci, n. 30 e 25/a testa di serie, all'esordio dopo un "bye", contro la qualificata statunitense Taylor Townsend, 20 anni, n. 111.

12:33Attacco Londra: media, attentatore di Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - Sarebbe originario di Birmingham, una delle 'capitali' islamiche del Regno Unito, l'autore dell'attacco di ieri a Westminster. Lo riporta l'agenzia Pa, citando le testimonianze di persone residenti nel quartiere della città inglese delle Midlands nel quale oggi la polizia ha arrestato tre dei sette presunti fiancheggiatori totali finiti sinora in manette in tutto il Paese.

12:31Egitto: portavoce, 10 soldati uccisi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 23 MAR - La morte di dieci militari per "esplosioni" avvenute nel "centro del Sinai" viene annunciata dall'agenzia egiziana Mena citando il portavoce dell'esercito. La penisola del Sinai, soprattutto nella sua parte nord-orientale, è interessata da una guerriglia condotta da jihadisti legati allo Stato islamico che compiono frequenti attacchi contro l'esercito egiziano che risponde con sanguinose incursioni.

12:29Esplosione deposito armi Ucraina, per Kiev ‘sabotaggio’

(ANSA) - MOSCA, 23 MAR - Kiev ha aperto un'indagine penale sull'esplosione del deposito di armi nella base di Balakliya con l'ipotesi di "sabotaggio". Lo fa sapere la portavoce dell'SBU, i servizi di sicurezza ucraini, citato da '112'. Il procuratore generale militare Anatoli Matios ha detto: "Prima dell'esplosione si è sentito il rombo di un velivolo, simile al volo di un drone e poi in due punti della base sono avvenute le esplosioni".

12:23Migranti: giunta a Cagliari nave con 900 profughi

(ANSA) - CAGLIARI, 23 MAR - È approdata questa mattina al molo Ichnusa del porto di Cagliari la nave norvegese Siem Pilot con a bordo 900 migranti: 740 sono uomini, 102 donne (di cui otto in gravidanza) e 58 minori. A bordo vi è anche la salma di un uomo. Le operazioni portuali sono coordinate dalla Capitaneria di porto di Cagliari. La Prefettura ha predisposto tutto per l'accoglienza e in questi minuti sta iniziando lo sbarco. I migranti saranno visitati e identificati, poi saranno trasferiti nei vari centri di accoglienza dell'isola: 428 profughi saranno ospitati in strutture del Cagliaritano, 273 andranno a Sassari, 117 a Nuoro e 84 a Oristano. Gran parte dei profughi sono originari del Bangladesh. (ANSA).

Archivio Ultima ora