Usa 2016: Cruz e Kasich si alleano per fermare Donald Trump

Pubblicato il 25 aprile 2016 da redazione

Republican presidential candidate, Sen. Ted Cruz, R-Texas, left, shakes hands with Republican presidential candidate, Ohio Gov. John Kasich, at the start of the Republican presidential debate sponsored by CNN, Salem Media Group and the Washington Times at the University of Miami,  Thursday, March 10, 2016, in Coral Gables, Fla. (ANSA/AP Photo/Wilfredo Lee)

Republican presidential candidate, Sen. Ted Cruz, R-Texas, left, shakes hands with Republican presidential candidate, Ohio Gov. John Kasich, at the start of the Republican presidential debate sponsored by CNN, Salem Media Group and the Washington Times at the University of Miami, Thursday, March 10, 2016, in Coral Gables, Fla. (ANSA/AP Photo/Wilfredo Lee)

NEW YORK. – I repubblicani tentano la mossa della disperazione per fermare Donald Trump: l’alleanza tra il senatore ultraconservatore Ted Cruz e il moderato governatore dell’Ohio John Kasich. Obiettivo: unire le forze per impedire al tycoon di raggiungere i 1.237 delegati necessari per conquistare la nomination presidenziale.

Si tratta di un vero e proprio colpo di scena alla vigilia del nuovo ‘Super Tuesday’, che mette in palio 172 delegati repubblicani e dove la sfida più importante è quella della Pennsylvania, che i sondaggi già danno in tasca al magnate newyorchese, dopo il trionfo di New York.

Cruz e Kasich mettono dunque da parte la loro rivalità, caratterizzata da mesi di scontri e attacchi reciproci, e con una doppio comunicato delle rispettive campagne sanciscono l’asse anti-Trump, spartendosi di fatto i prossimi stati in cui si andrà a votare per le primarie.

Cruz si concentrerà in particolare sull’Indiana, dove si andrà al voto il 3 maggio, aprendo la strada a Kasich soprattutto in Oregon (17 maggio) e New Mexico (7 giugno). Una decisione clamorosa che la dice lunga sulle difficoltà del partito repubblicano, il cui establishment si è dimostrato totalmente incapace nelle scorse settimane di imporre una linea o una figura abbastanza autorevole per riuscire a fermare la corsa del tycoon dopo il fallimento delle campagne di Jeb Bush e Marco Rubio.

“Sono assolutamente disperati e matematicamente morti”, è il commento di Trump, che sceglie Twitter per replicare alla decisione di Cruz e Kasich. Una decisione che rischia di approfondire il solco che divide il tycoon dal partito repubblicano, fino ad una ipotetica quanto clamorosa rottura.

E a poche ore dal ‘super martedì’ in Pennsylvania, Maryland, Rhode Island, Connecticut e Delaware, la situazione in termini di delegati vede Trump in testa con 845 seguito da Cruz con 599 e Kasich con 148.

Sul fronte democratico intanto anche Hillary Clinton vola nei sondaggi sul voto in Pennsylvania. L’ex first lady, che ha 1.428 delegati contro i 1.153 del senatore Bernie Sanders, punta a incassare anche i 462 in palio nel ‘super martedì’ (di cui 210 nel Penn State) consapevole di poter di fatto conquistare il match point.

Intanto non cede alla lusinghe di Charles Koch, il più anziano dei fratelli Koch a capo di un impero industriale e storici finanziatori della destra americana. “Hillary è meglio di Trump e Cruz”, ha sentenziato Charles, definendo i due “terrificanti” e dando voce al malessere e ai malumori che caratterizzano molti repubblicani. Increduli di fronte al fatto di non poter contare su di un candidato che sia realmente espressione dell’establishment del partito.

La Clinton però chiarisce subito di non gradire l’endrorsement di Koch e di non essere interessata al sostegno di persone che negano i cambiamenti climatici o tentano di rendere più difficile il voto per la gente. Intanto l’ex segretario di Stato continua a vagliare i nomi dei possibili candidati alla vicepresidenza. E secondo il Nyt in pole position ci sarebbe Deval Patrick, 59 anni, avvocato per i diritti civili che è stato il primo governatore afroamericano del Massachussetts.

(di Ugo Caltagirone/

ANSA)

Ultima ora

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

Archivio Ultima ora