La cultura in Venezuela tra oscurantismo e illuminismo

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Plaza Altamira, Chacao (Caracas)

Plaza Altamira, Chacao (Caracas)

Nei programmi d’opinione in televisione e radio, nelle aule universitarie e nei “salotti” intellettuali. Sono diventati il “leitmotiv”; il “pane quotidiano” di dibattiti a volte molto eruditi e altri assai triviali. La crisi economica e quella politica, la crescita della povertà e la mancanza dei beni di consumo e di medicine, l’insicurezza e i fine settimana in cui il Paese si trasforma in un enorme cimitero spoglio di cipressi ma traboccante del dolore di chi piange le vittime della delinquenza.

Sono questi i temi principali su cui versano le discussioni nei piccoli locali che pullulano nei quartieri umili delle città e nei sempre frequentati “salotti bene”; nelle birrerie della periferia operaia e nei “circoli esclusivi” dell’intellettualità. E la cultura, fino a 10, 15 anni fa vivace e spumeggiante, è relegata a un angolino e condannata al silenzio dell’anonimato.

Oggi la cultura in Venezuela sopravvive grazie a istituzioni che non si arrendono di fronte alle difficoltà e, in particolare, grazie alle attività degli Istituti di Cultura stranieri che, come quello italiano, rimuovono barriere per rompere il grigiore della quotidianità e mantenere acceso quel lumicino che intimidisce la barbarie e non permette all’ignoranza di avanzare.

La cultura, che dopo oltre mezzo secolo di democrazia era riuscita a sbriciolare le differenze sociali, ora pare tornata ai nastri di partenza.

Nell’“Octavo Festival de Lectura de Chacao”, che ha trasformato la Piazza Altamira in un’immensa libreria, si riflette la realtà del paese. Strana atmosfera. Passeggiare tra le bancarelle permette di riconoscere le due anime che oggi convivono nel Paese: un folto pubblico, per lo più composto da giovani universitari e intellettuali d’ogni età, avidi di novità e un’offerta francamente insufficiente inadeguata e con odore a stantio.

Conoscenza e oscurantismo si toccano. L’effervescenza del sapere spaventa chi, avendo una profonda vocazione autoritaria, avverte nella cultura e nell’informazione un’arma letale, un pericolo per la propria sopravvivenza. E, impiegando ogni strumento in suo possesso, condanna le nuove generazioni all’ignoranza, permettendo solo la divulgazione di quei testi che rafforzano l’addottrinamento e perpetuano il potere.

Anni addietro, i festival della “Lettura” erano l’occasione che le tantissime case editrici attendevano per proporre ai lettori nuovi titoli e per presentare le loro scommesse editoriali. Erano la vetrina per i giovani scrittori emergenti che sognavano la fama e avevano il loro momento di gloria.

Oggi, purtroppo, le case editrici che ancora pubblicano in Venezuela sono poche, pochissime. E’ questa la ragione principale per la quale l’“Octavo Festival de la Lectura de Chacao” si è trasformato in un immenso mercato dell’usato. Tante, troppe le bancarelle con libri usati gettati alla rinfusa qua e là e venduti a prezzi eccessivamente alti.

In contrasto, si fa per dire, le proposte editoriali relativamente nuove, i cui prezzi purtroppo superano spesso il salario dell’operaio. Tante, tantissime, invece, le manifestazioni proposte: lettura di racconti brevi, dibattiti su tendenze letterarie, analisi di opere d’autori locali e stranieri, spettacoli per bambini, iniziative per i più piccini. Insomma, gli organizzatori dell’evento se la sono ingegnata per offrire al pubblico momenti di distrazione culturale.

La cultura oggi è diventata lo spazio privilegiato di una élite che ancora ha un potere d’acquisto invidiabile ma che, a differenza di quanto occorreva in un passato non lontano, è più attenta e razionale negli acquisti. Non rinuncia al buon libro, ma la sua scelta è ponderata. Lo spettro del “black-out” culturale, che favorisce solo chi privilegia l’ignoranza per perpetuarsi nel potere, è all’orizzonte e si avvicina minaccioso.

Mentre nella Piazza Altamira, l’oasi culturale permetterà alla fantasia spazi al proprio esilio fino al Primo Maggio, la politica continua a occupare il primo posto nell’interesse del venezuelano. Lo scontro tra Potere Legislativo e Potere Esecutivo si è trasferito al terreno giuridico.

Il conflitto permanente è oggi tra Parlamento e Corte Suprema. Si è sul punto di varcare la soglia della crisi istituzionale che, qualora non dovessero prevalere il buon senso e la razionalità politica, potrebbe far precipitare gli avvenimenti. Con quale esito? Impossibile saperlo.

Domani l’Opposizione sarà protagonista della giornata politica. Il Tavolo dell’Unità ha deciso di scendere in piazza per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale quello che considera non soltanto una sua prerogativa ma anche un suo dovere: chiede che le sia consegnata la documentazione necessaria per la richiesta del referendum abrogativo di cui è in attesa ormai da varie settimane. Ritardo giustificato o dilazione strategica?

Il Cne ha risposto alle pressioni dell’Opposizione denunciando una presunta manovra volta a colpire il prestigio dell’Istituzione. Intanto, i giorni passano e il cammino per il Referendum abrogativo è sempre più in salita. I tempi stringono. Già sono trascorsi quattro mesi.

Domani si vedrà se, di fronte ad un obiettivo comune, l’Opposizione riuscirà a trovare ancora una volta la compattezza che rese possibile il trionfo del 6D. Il Tavolo dell’Unità è travagliato da lotte interne che lo debilitano. Forse sarebbe opportuno che i leader che lottano per imporsi sotterrassero l’ascia di guerra e fumassero la pipa della pace.

Il ministro della Difesa, Vladimir Padrino Lòpez, si è fatto eco in questi giorni delle denunce del presidente della Repubblica. Ed è tornato a parlare di “colpo di stato in svolgimento”. Durante un’intervista concessa all’ex vice-presidente Josè Vicente Rangel, il ministro della Difesa ha assicurato che i fili della cospirazione sono mossi dal “club di Madrid”, dal Parlamento Europeo, dai portavoce degli Stati Uniti.

E mentre politica ed economia s’intrecciano, la “vaguada”, il fenomeno atmosferico passeggero che ha interessato il Paese nei giorni scorsi, ha provocato piogge torrenziali e disagi ai cittadini. Ma non ha risolto la mancanza di acqua nel Guri, che è all’origine della crisi elettrica e dei continui “black out”.

Il fenomeno atmosferico, comunque, ha mostrato l’impreparazione delle nostre città ad affrontare le piogge. E’ stato un piccolo assaggio di quello che ci attende se, come annunciato dal servizio meteorologico, la stagione delle piogge dovesse iniziare finalmente a maggio. E’ stato sufficiente un acquazzone per provocare il caos, l’interruzione dell’energia elettrica, il collasso del traffico cittadino e l’allagamento di numerose stazioni della metropolitana.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora