La cultura in Venezuela tra oscurantismo e illuminismo

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Plaza Altamira, Chacao (Caracas)

Plaza Altamira, Chacao (Caracas)

Nei programmi d’opinione in televisione e radio, nelle aule universitarie e nei “salotti” intellettuali. Sono diventati il “leitmotiv”; il “pane quotidiano” di dibattiti a volte molto eruditi e altri assai triviali. La crisi economica e quella politica, la crescita della povertà e la mancanza dei beni di consumo e di medicine, l’insicurezza e i fine settimana in cui il Paese si trasforma in un enorme cimitero spoglio di cipressi ma traboccante del dolore di chi piange le vittime della delinquenza.

Sono questi i temi principali su cui versano le discussioni nei piccoli locali che pullulano nei quartieri umili delle città e nei sempre frequentati “salotti bene”; nelle birrerie della periferia operaia e nei “circoli esclusivi” dell’intellettualità. E la cultura, fino a 10, 15 anni fa vivace e spumeggiante, è relegata a un angolino e condannata al silenzio dell’anonimato.

Oggi la cultura in Venezuela sopravvive grazie a istituzioni che non si arrendono di fronte alle difficoltà e, in particolare, grazie alle attività degli Istituti di Cultura stranieri che, come quello italiano, rimuovono barriere per rompere il grigiore della quotidianità e mantenere acceso quel lumicino che intimidisce la barbarie e non permette all’ignoranza di avanzare.

La cultura, che dopo oltre mezzo secolo di democrazia era riuscita a sbriciolare le differenze sociali, ora pare tornata ai nastri di partenza.

Nell’“Octavo Festival de Lectura de Chacao”, che ha trasformato la Piazza Altamira in un’immensa libreria, si riflette la realtà del paese. Strana atmosfera. Passeggiare tra le bancarelle permette di riconoscere le due anime che oggi convivono nel Paese: un folto pubblico, per lo più composto da giovani universitari e intellettuali d’ogni età, avidi di novità e un’offerta francamente insufficiente inadeguata e con odore a stantio.

Conoscenza e oscurantismo si toccano. L’effervescenza del sapere spaventa chi, avendo una profonda vocazione autoritaria, avverte nella cultura e nell’informazione un’arma letale, un pericolo per la propria sopravvivenza. E, impiegando ogni strumento in suo possesso, condanna le nuove generazioni all’ignoranza, permettendo solo la divulgazione di quei testi che rafforzano l’addottrinamento e perpetuano il potere.

Anni addietro, i festival della “Lettura” erano l’occasione che le tantissime case editrici attendevano per proporre ai lettori nuovi titoli e per presentare le loro scommesse editoriali. Erano la vetrina per i giovani scrittori emergenti che sognavano la fama e avevano il loro momento di gloria.

Oggi, purtroppo, le case editrici che ancora pubblicano in Venezuela sono poche, pochissime. E’ questa la ragione principale per la quale l’“Octavo Festival de la Lectura de Chacao” si è trasformato in un immenso mercato dell’usato. Tante, troppe le bancarelle con libri usati gettati alla rinfusa qua e là e venduti a prezzi eccessivamente alti.

In contrasto, si fa per dire, le proposte editoriali relativamente nuove, i cui prezzi purtroppo superano spesso il salario dell’operaio. Tante, tantissime, invece, le manifestazioni proposte: lettura di racconti brevi, dibattiti su tendenze letterarie, analisi di opere d’autori locali e stranieri, spettacoli per bambini, iniziative per i più piccini. Insomma, gli organizzatori dell’evento se la sono ingegnata per offrire al pubblico momenti di distrazione culturale.

La cultura oggi è diventata lo spazio privilegiato di una élite che ancora ha un potere d’acquisto invidiabile ma che, a differenza di quanto occorreva in un passato non lontano, è più attenta e razionale negli acquisti. Non rinuncia al buon libro, ma la sua scelta è ponderata. Lo spettro del “black-out” culturale, che favorisce solo chi privilegia l’ignoranza per perpetuarsi nel potere, è all’orizzonte e si avvicina minaccioso.

Mentre nella Piazza Altamira, l’oasi culturale permetterà alla fantasia spazi al proprio esilio fino al Primo Maggio, la politica continua a occupare il primo posto nell’interesse del venezuelano. Lo scontro tra Potere Legislativo e Potere Esecutivo si è trasferito al terreno giuridico.

Il conflitto permanente è oggi tra Parlamento e Corte Suprema. Si è sul punto di varcare la soglia della crisi istituzionale che, qualora non dovessero prevalere il buon senso e la razionalità politica, potrebbe far precipitare gli avvenimenti. Con quale esito? Impossibile saperlo.

Domani l’Opposizione sarà protagonista della giornata politica. Il Tavolo dell’Unità ha deciso di scendere in piazza per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale quello che considera non soltanto una sua prerogativa ma anche un suo dovere: chiede che le sia consegnata la documentazione necessaria per la richiesta del referendum abrogativo di cui è in attesa ormai da varie settimane. Ritardo giustificato o dilazione strategica?

Il Cne ha risposto alle pressioni dell’Opposizione denunciando una presunta manovra volta a colpire il prestigio dell’Istituzione. Intanto, i giorni passano e il cammino per il Referendum abrogativo è sempre più in salita. I tempi stringono. Già sono trascorsi quattro mesi.

Domani si vedrà se, di fronte ad un obiettivo comune, l’Opposizione riuscirà a trovare ancora una volta la compattezza che rese possibile il trionfo del 6D. Il Tavolo dell’Unità è travagliato da lotte interne che lo debilitano. Forse sarebbe opportuno che i leader che lottano per imporsi sotterrassero l’ascia di guerra e fumassero la pipa della pace.

Il ministro della Difesa, Vladimir Padrino Lòpez, si è fatto eco in questi giorni delle denunce del presidente della Repubblica. Ed è tornato a parlare di “colpo di stato in svolgimento”. Durante un’intervista concessa all’ex vice-presidente Josè Vicente Rangel, il ministro della Difesa ha assicurato che i fili della cospirazione sono mossi dal “club di Madrid”, dal Parlamento Europeo, dai portavoce degli Stati Uniti.

E mentre politica ed economia s’intrecciano, la “vaguada”, il fenomeno atmosferico passeggero che ha interessato il Paese nei giorni scorsi, ha provocato piogge torrenziali e disagi ai cittadini. Ma non ha risolto la mancanza di acqua nel Guri, che è all’origine della crisi elettrica e dei continui “black out”.

Il fenomeno atmosferico, comunque, ha mostrato l’impreparazione delle nostre città ad affrontare le piogge. E’ stato un piccolo assaggio di quello che ci attende se, come annunciato dal servizio meteorologico, la stagione delle piogge dovesse iniziare finalmente a maggio. E’ stato sufficiente un acquazzone per provocare il caos, l’interruzione dell’energia elettrica, il collasso del traffico cittadino e l’allagamento di numerose stazioni della metropolitana.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora