Marò: India, Latorre in Italia fino al 30 settembre

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone  a New Delhi  6  febbraio 2014.  ANSA

I fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone a New Delhi 6 febbraio 2014.
ANSA

NEW DELHI. – La Corte Suprema indiana ha esteso di altri cinque mesi, fino al 30 settembre, il permesso del marò Massimiliano Latorre a rimanere in Italia, mentre cresce l’attesa per la decisione sul rientro del commilitone Salvatore Girone prevista nei prossimi giorni dal tribunale arbitrale dell’Aja.

La vicenda dei due Fucilieri di Marina, arrestati nel febbraio del 2012 con l’accusa di aver ucciso due pescatori al largo delle coste del Kerala, è tornata oggi nelle aule del massimo organo giudiziario indiano.

Un passaggio obbligato, perché il 30 aprile scadeva l’autorizzazione concessa dai giudici a Latorre dopo l’ictus che lo colpì nel settembre del 2014, ma che ha sollevato in aula qualche perplessità sulla competenza della stessa Corte ad esercitare la sua giurisdizione su un caso che è oggetto di esame del tribunale arbitrale costituito presso la Corte permanente di arbitrato (Cpa) dell’Aja.

In una nota la Farnesina ha infatti ricordato che per l’Italia rimane “sospesa e senza valenza giuridica la giurisdizione indiana” sul caso dei marò. “L’Italia – ha sostenuto il ministero – conferma di riconoscersi infatti nell’Ordine del Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare del 24 agosto 2015, che aveva stabilito la sospensione da parte di India e Italia di tutti i procedimenti giudiziari interni fino alla conclusione del percorso arbitrale avviato dal Governo nel giugno dello scorso anno”.

Su una posizione simile è apparso anche il rappresentante del governo indiano, il ‘solicitor general’ Ranjit Kumar che ha “informato” la Corte Suprema sui tempi dell’arbitrato, la cui conclusione è prevista per la fine del 2018, e che fino a quella data la giustizia indiana è sospesa.

Il legale di Latorre, Soli Sorabjee, ha insistito per ottenere un’estensione di un anno, ma il presidente della seconda sezione Anil Dave ha preferito seguire un approccio pragmatico, fissando un’udienza per il 20 settembre, quattro giorni dopo il primo ‘round’ dell’arbitrato quando l’Italia presenterà la sua posizione all’Aja. “Vediamo cosa succede”, ha ripetuto più volte mostrando di volersi muovere con cautela sul caso che presenta un’alta complessità giuridica.

E’ probabile che dalla decisione del tribunale arbitrale della Cpa su Girone, che secondo la Farnesina è attesa la prossima settimana, arriverà un po’ più di chiarezza sulla legittimità delle condizioni di detenzione dei due militari attualmente in libertà provvisoria dietro cauzione.

Intanto l’udienza è coincisa con un virulento attacco del partito indu nazionalista del Bjp, al governo da due anni, contro il rivale Congresso sulla recente sentenza della Corte di Appello di Milano sulle mazzette versate ad ex rappresentanti della Difesa indiana dagli ex vertici di Finmeccanica per la commessa degli elicotteri AgustaWestland.

Il partito della destra, che in queste settimane sta affrontando un test elettorale in quattro Stati, tra cui il Kerala, ha preso la palla al balzo per accusare il precedente governo guidato dal Congresso e attaccare personalmente la leader italo-indiana Sonia Gandhi.

(di Maria Grazia Coggiola/ANSA)

Ultima ora

11:07Calcio: Fassone, Kalinic? No nomi ma Milan farà qualcosa

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan prosegue la sua caccia a un nuovo attaccante ma Marco Fassone non rivela se sarà Nikola Kalinic, della Fiorentina. "Non faccio più nomi, perché non voglio che qualcuno si risenta. Guai a parlare dei giocatori che sono di altri club - ha frenato l'ad rossonero, tornato in Italia con la squadra dalla tournée in Cina -. Certamente faremo qualcosa, ma con la dovuta calma. Mancano ancora quaranta giorni. La squadra è già molto competitiva così e non abbiamo nessuna fretta di concludere".Intanto Fassone è concentrato sul preliminare di Europa League. "Sono stati dieci giorni importanti e due gare importanti per il mister. Siamo stati tutti assieme e adesso parte la stagione, quella vera, con la partita di giovedì prossimo. Giovedì vedremo se la squadra è pronta".

11:06Calcio: Milan rientrato da Cina, ora testa a Europa League

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan è rientrato in Italia dalla tournée cinese. Il volo proveniente da Hong Kong con a bordo la squadra di Vincenzo Montella è atterrato poco dopo le 8 all'aeroporto di Malpensa. Giusto il tempo di smaltire il fuso orario nella giornata di riposo prevista oggi, poi domani i rossoneri ricominceranno ad allenarsi per preparare un'altra trasferta. Mercoledì voleranno in Romania per il primo impegno ufficiale della stagione, l'andata del preliminare di Europa League di giovedì contro il Craiova.

11:04Calcio: amichevoli, Juventus ko 1-2 col Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La Juventus perde 1-2 col Barcellona, nella prima amichevole dei bianconeri in programma negli Stati Uniti. Doppietta di Neymar nel primo tempo (15' e 26'), poi nella ripresa la rete di Chiellini (63').

10:48Fukushima: ‘Little sunfish’ segnala combustibile radioattivo

(ANSA) - TOKYO, 23 LUG - Per la prima volta dal disastro nucleare di Fukushima, nel marzo del 2011, un robot è riuscito a individuare quello che con ogni probabilità è il combustibile radioattivo depositatosi nel fondo del reattore numero 3, il più danneggiato nell'incidente. Lo ha reso noto la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto di Fukushima Daiichi, spiegando che i tentativi vanno avanti da mercoledì scorso e l'obiettivo è di raggiungere le fondamenta, a una profondità di 6,4 metri. "Crediamo che il combustibile nel contenitore a pressione si sia fuso e abbia causato il cedimento delle strutture sistemate nella parte superiore della struttura", ha detto il portavoce della Tepco, Takahiro Kimoto. L'operazione 'Little Sunfish', il robot a forma di cilindro del diametro di 13 centimetri, è il terzo tentativo di questo tipo. I precedenti erano falliti.

10:45Venezuela: opposizione convoca sciopero 48 ore contro Maduro

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'opposizione in Venezuela ha annunciato due giorni di sciopero, a partire da mercoledì prossimo, contro il presidente Nicolas Maduro dopo i violenti scontri a Caracas durante la manifestazione di piazza che hanno provocato diversi feriti tra cui Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro. La coalizione democratica all'opposizione aveva già indetto un giorno di sciopero la settimana scorsa, paralizzando molte città e alla quale hanno preso parte milioni di persone. Altri cortei sono stati organizzati per domani e venerdì contro la riforma costituzionale voluta da Maduro, a sette giorni dalle elezioni dei delegati dell'Assemblea Costituente, considerata incostituzionale e antidemocratica dalle forze anti-chaviste.

10:38Crolla popolarità Macron, perde 10 punti in un mese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Crolla la popolarità del presidente francese Emmanuel Macron: meno 10 punti in un mese, dal 64 al 54%, secondo un sondaggio Ifop per il Journal du Dimanche (Jdd). In tre mesi, Macron perde l'8%. Quando è stato eletto a maggio il consenso era al 62%, per poi crescere al 64% il mese successivo. Solo Jacques Chirac aveva fatto peggio nel 1995, secondo il Jdd: perde 20 punti in tre mesi alla sua elezione nel 1995 (dal 59 al 39%), ma rieletto nel 2002 con una popolarità del 51%, la vede crescere al 53% due mesi dopo. Nicolas Sarkozy, eletto nel maggio 2007 con una inedita popolarità pari al 65%, aveva vissuto uno 'stato di grazia' durato tutto l'anno e nell'agosto i consensi erano cresciuti al 66%. Il predecessore di Macron, Franois Hollande, aveva iniziato al 61%, per poi scendere al 59% al mese successivo e al 56% il mese seguente.

10:35Tav: proteste al cantiere, bombe carta contro recinzioni

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - Nuova notte di protesta al cantiere della Torino-Lione, in Valle di Susa. Circa duecento attivisti del movimento No Tav hanno tentato di raggiungere le recinzioni del cantiere di Chiomonte lanciando bombe carta e fuochi d'artificio contro le forze dell'ordine. Alcuni antagonisti si sono radunati davanti al sentiero Gallo Romano, e hanno tentato di tagliare la rete di protezione del cancello, altri si sono addentrati nei boschi e altri ancora hanno guadato il Clarea per arrivare alle spalle del cantiere. I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell'ordine con l'uso di lacrimogeni. Gli attivisti No Tav, protagonisti la scorsa notte di una sassaiola contro le forze dell'ordine schierate a protezione del cantiere, hanno poi fatto ritorno a Venaus, dove da una settimana è in corso il loro 'campeggio'.

Archivio Ultima ora