Norvegia, 1.000 euro ai migranti che accettano il rimpatrio

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Children keep warm around a bonfire at a makeshift camp for migrants and refugees near the village of Idomeni not far from the Greek-Macedonian border on April 25, 2016. Some 54,000 people, many of them fleeing the war in Syria, have been stranded on Greek territory since the closure of the migrant route through the Balkans in February.   / AFP PHOTO / JOE KLAMAR

Children keep warm around a bonfire at a makeshift camp for migrants and refugees near the village of Idomeni not far from the Greek-Macedonian border on April 25, 2016.
Some 54,000 people, many of them fleeing the war in Syria, have been stranded on Greek territory since the closure of the migrant route through the Balkans in February.
/ AFP PHOTO / JOE KLAMAR

BRUXELLES. – Per accelerare l’uscita dei migranti irregolari e risparmiare, la Norvegia ha lanciato una sorta di ‘lotteria’: la Direzione per l’Immigrazione (Udi) pagherà 10.000 corone (oltre mille euro) di bonus che andrà ad aggiungersi alle 20.000 corone che già vengono assegnate di diritto. Il bonus partenza sarà assegnato ai primi 500 migranti che si presenteranno volontari per il rimpatrio.

“Incoraggeremo più gente a tornare a partire pagando un po’ più di soldi, che non a tenerli qui. Se partono, noi risparmiamo molti soldi: ci costa molto avere gente nei centri di accoglienza” ha detto la ministra per l’immigrazione e l’integrazione, Sylvi Listhaug, citata dal sito della tv pubblica Nrk, aggiungendo di “sperare” che il progetto dell’Udi “abbia successo” e che se così sarà “se ne potrà aumentare l’ampiezza”.

La prima misura del governo di destra guidato da Erna Solberg per accelerare ed incoraggiare i rimpatri è stata decisa a dicembre scorso, con l’offerta di 20mila corone come incentivo per aderire al ‘Programma di ritorno volontario assistito’.

Ora la ‘lotteria’ del bonus. A lanciarlo, la stessa ministra (fervente cristiana evangelica, che ha lasciato la Chiesa luterana nazionale accusandola di essere “pienamente socialista”) che la settimana scorsa ha suscitato una polemica planetaria per essersi gettata a mare in Egeo per provare che effetto fa essere migrante, ma indossando una muta termica di salvataggio hi-tech.

“Ci sono molte persone che hanno chiesto asilo, ma sanno che le loro domande stanno per essere respinte. E’ meglio per noi incoraggiarle a tornare indietro” ha aggiunta la ministra. La portavoce della Iom (l’ufficio mondiale per l’immigrazione, che processa le domande offrendo assistenza e consulenza ai migranti), Joost van der Aalst, ha definito il ‘Programma’ norvegese “sicuro e dignitoso” rilevando che è esploso il numero di richiedenti asilo che ha deciso di fare domanda, in particolare tra coloro che stavano cercando di portare le loro famiglie in Norvegia.

L’Udi ha indicato che siriani, iracheni, le persone che arrivano dal Medio Oriente e dall’Africa si aspettano di ricevere protezione rapidamente e non possono attendere i mesi se non gli anni richiesti per processare completamente ogni domanda.

“Hanno famiglie a casa che si aspettano di ricevere aiuto” ha rilevato la direttrice dell’Udi, Katinka Hartmann, specificando che “per molto tempo non abbiamo potuto rinviare gente in Somalia, ma ora che possiamo, penso che molti somali che hanno necessità di rientrare faranno domanda”.

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora