Migranti: le porte della Gb restano chiuse ai bimbi di Calais

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

calais_migranti

LONDRA. – Le porte della Gran Bretagna restano chiuse ai disperati di Calais: anche ai piccoli profughi – orfani o affidati al mare dalle famiglie – che da mesi sono accampati nelle tende di Campo Giungla, sulla costa francese, a poche miglia nautiche dall’isola meta dei loro sogni.

Il governo conservatore di David Cameron non molla e limita lo spiraglio offerto la settimana scorsa, con sfoggio di presunta generosità, a un contingente scelto di 3.000 bambini (non uno di più) destinati a essere prelevati, a scadenza imprecisata, solo ed esclusivamente ‘a domicilio’: fra le centinaia di migliaia di senzatetto in fuga dalla sanguinosa guerra civile siriana che popolano i centri di raccolta di Paesi come Giordania o Libano.

Il tentativo dell’opposizione laburista di allargare lo spettro dell’accoglienza almeno a qualche minorenne abbandonato già sbarcato in Europa non è andato in porto. La maggioranza Tory lo ha bocciato alla Camera dei Comuni. E con ogni probabilità tornerà a respingerlo – forte dei numeri – dopo l’annunciato ricorso del Labour alla Camera dei Lord, dove l’emendamento in questione, all’Imnmigration Bill, ha i numeri.

La linea dell’esecutivo, al riguardo, è draconiana. Il via libera promesso nei giorni scorsi all’arrivo dei 3.000 rifugiati in più nel Regno Unito, tra bambini e loro familiari (una mera operazione d’immagine, secondo i detrattori), è confermato. Ma i nuovi venuti saranno prelevati uno per uno dai funzionari di Sua Maestà nelle tendopoli del Medio Oriente.

Esattamente come accadrà – se accadrà – per i 20.000 ‘fortunati’ che Londra si era impegnata a ricevere nei mesi scorsi (entro il 2020) quale eccezione alla politica dei cancelli sbarrati attuata finora di fronte all’ondata più recente dell’emergenza migranti in arrivo dalle rotte del Mediterraneo o dei Balcani.

Una linea dura, accompagnata dal rifiuto coriaceo di qualunque suddivisione con gli altri Paesi Ue di quote di profughi già approdati nel vecchio continente, che Cameron giustifica con la volontà di non alimentare “i viaggi della disperazione” e il traffico di esseri umani.

Ma che è valsa al primo ministro – a dispetto dei suoi continui richiami ai soldi che la Gran Bretagna stanzia per assistere i rifugiati dove sono – accuse e contestazioni dal leader laburista Jeremy Corbyn, come da organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Senza peraltro placare i malumori di una parte dell’elettorato Tory né le continue denunce della stampa destrorsa contro “l’invasione degli stranieri”.

Ultima ora

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

Archivio Ultima ora