Migranti: le porte della Gb restano chiuse ai bimbi di Calais

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

calais_migranti

LONDRA. – Le porte della Gran Bretagna restano chiuse ai disperati di Calais: anche ai piccoli profughi – orfani o affidati al mare dalle famiglie – che da mesi sono accampati nelle tende di Campo Giungla, sulla costa francese, a poche miglia nautiche dall’isola meta dei loro sogni.

Il governo conservatore di David Cameron non molla e limita lo spiraglio offerto la settimana scorsa, con sfoggio di presunta generosità, a un contingente scelto di 3.000 bambini (non uno di più) destinati a essere prelevati, a scadenza imprecisata, solo ed esclusivamente ‘a domicilio’: fra le centinaia di migliaia di senzatetto in fuga dalla sanguinosa guerra civile siriana che popolano i centri di raccolta di Paesi come Giordania o Libano.

Il tentativo dell’opposizione laburista di allargare lo spettro dell’accoglienza almeno a qualche minorenne abbandonato già sbarcato in Europa non è andato in porto. La maggioranza Tory lo ha bocciato alla Camera dei Comuni. E con ogni probabilità tornerà a respingerlo – forte dei numeri – dopo l’annunciato ricorso del Labour alla Camera dei Lord, dove l’emendamento in questione, all’Imnmigration Bill, ha i numeri.

La linea dell’esecutivo, al riguardo, è draconiana. Il via libera promesso nei giorni scorsi all’arrivo dei 3.000 rifugiati in più nel Regno Unito, tra bambini e loro familiari (una mera operazione d’immagine, secondo i detrattori), è confermato. Ma i nuovi venuti saranno prelevati uno per uno dai funzionari di Sua Maestà nelle tendopoli del Medio Oriente.

Esattamente come accadrà – se accadrà – per i 20.000 ‘fortunati’ che Londra si era impegnata a ricevere nei mesi scorsi (entro il 2020) quale eccezione alla politica dei cancelli sbarrati attuata finora di fronte all’ondata più recente dell’emergenza migranti in arrivo dalle rotte del Mediterraneo o dei Balcani.

Una linea dura, accompagnata dal rifiuto coriaceo di qualunque suddivisione con gli altri Paesi Ue di quote di profughi già approdati nel vecchio continente, che Cameron giustifica con la volontà di non alimentare “i viaggi della disperazione” e il traffico di esseri umani.

Ma che è valsa al primo ministro – a dispetto dei suoi continui richiami ai soldi che la Gran Bretagna stanzia per assistere i rifugiati dove sono – accuse e contestazioni dal leader laburista Jeremy Corbyn, come da organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Senza peraltro placare i malumori di una parte dell’elettorato Tory né le continue denunce della stampa destrorsa contro “l’invasione degli stranieri”.

Ultima ora

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

Archivio Ultima ora