Camorra: concorso esterno, indagato il presidente del Pd campano

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI. – Il presidente del Pd campano Stefano Graziano, che è anche consigliere regionale, è indagato per concorso esterno in associazione camorristica in un’inchiesta della Dda di Napoli che ha portato in carcere per presunte tangenti l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, in carica fino al novembre scorso, e l’imprenditore della ristorazione Alessandro Zagaria, ritenuto dagli inquirenti l’anello di congiunzione tra la politica e il clan guidato dal boss, solo omonimo, Michele Zagaria. Per altre sette persone, tra cui l’attuale responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Santa Maria Capua Vetere Roberto Di Tommaso, il gip di Napoli ha disposto i domiciliari.

Per i pm – sostituti D’Alessio, Giordano, Landolfi e Sanseverino coordinati dall’aggiunto Borrelli – Graziano, che si è autosospeso dal partito ma è rimasto in carica come consigliere regionale, avrebbe ricevuto appoggio alle elezioni regionali dello scorso anno dalla cosca, attraverso il sostegno diretto di Alessandro Zagaria, ponendosi “come punto di riferimento politico e amministrativo” del clan.

A Graziano, che è stato deputato e consulente a Palazzo Chigi con Enrico Letta e fino al 31 dicembre 2014 (incarico non rinnovato dal Governo Renzi), i carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta, delegati con i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, hanno perquisito le abitazioni di Roma e Teverola e l’ufficio nella sede del Consiglio regionale, a Napoli.

L’inchiesta ruota attorno all’appalto per i lavori di consolidamento e “riqualificazione in polo della Cultura e della Legalità” di Palazzo Teti Maffuccini, storico immobile ubicato a Santa Maria Capua Vetere dove risedette anche Garibaldi, confiscato anni fa al padre dell’ex primo cittadino, Nicola Di Muro, ex vice-sindaco della città sammaritana.

Nel corso di alcuni colloqui intercettati dagli investigatori tra Biagio Di Muro e Alessandro Zagaria, quest’ultimo gestore di bar e mense nelle facoltà della Sun, la Seconda università di Napoli, si fa riferimento all’appoggio elettorale che occorreva garantire a Graziano.

Quest’ultimo si sarebbe attivato – ma tale circostanza non è ritenuta illecita dagli inquirenti della Dda – per favorire il finanziamento dei lavori di Palazzo Teti. In particolare avrebbe dovuto agire per scongiurare che si perdesse il finanziamento facendolo trasferire in un diverso capitolato di spesa.

Dagli elementi raccolti sarebbe emerso il versamento a Di Muro, al suo funzionario Di Tommaso e al componente della commissione di gara Vincenzo Manocchio, di una tangente di 100 mila euro da parte dei due imprenditori finiti ai domiciliari Guglielmo La Regina e Marco Cascella, rappresentanti legali delle società “Archicons Srl” e “Lande Srl”, la prima responsabile della progettazione dei lavori relativi a Palazzo Teti, la seconda aggiudicataria dell’opera da oltre due milioni di euro.

La mazzetta sarebbe stata “mascherata” grazie a una serie di fatture false necessaria a raccogliere la “provvista” emessa da società facenti capo ad altri due indagati arrestati.

Con Di Muro sono tre i sindaci del Casertano a essere finiti di recente in carcere per presunti legami con il clan Zagaria, ovvero l’ex sindaco del capoluogo Caserta, Pio Del Gaudio, arrestato nel giugno 2015 (scarcerato e in attesa di avviso di chiusura indagini) e l’ex primo cittadino di Trentola Ducenta, Michele Griffo; le infiltrazioni del clan Zagaria sono state poi accertate anche all’ospedale di Caserta, che per tale motivo è tuttora commissariato.

Altre inchieste anti-camorra della Dda hanno poi portato all’arresto nei mesi scorsi dell’ex sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio, e dell’ex sindaca di Roccamonfina, Letizia Tari mentre a Villa di Briano, l’ex sindaco, Dionigi Magliulo, indagato, si è dimesso dopo l’arresto per reati di camorra del fratello, funzionario comunale.

Gli arresti sembrano rappresentare il primo step di un’inchiesta destinata ad allargarsi a macchia d’olio. Lo si evince dalla lettura del capo di imputazione, laddove viene contestata l’associazione mafiosa ad Alessandro Zagaria. Il quale sarebbe stato incaricato dal clan “di instaurare e mantenere rapporti illeciti di tipo corruttivo con esponenti politici locali, in prevalenza sindaci del territorio casertano” per l’affidamento di lavori pubblici “ad imprenditori a lui graditi”.

La tegola giudiziaria abbattutasi su Graziano ha scatenato una vera e propria bufera politica sul Pd, con il M5s all’attacco (“E’ Gomorra del Pd in Campania”, scrive Valeria Ciarambino sul blog di Beppe Grillo) e il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che ricorda l’incarico di consulenza di Graziano a Palazzo Chigi e scrive: “Vi prego: liberiamo l’Italia”.

“Totale e incondizionata fiducia nel lavoro della magistratura”, viene espressa dal vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, ma dagli Stati Uniti il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, tuona: “Mentre ascolto e incontro tanti imprenditori italo-americani con voglia di fare e onesti giovani in fuga dall’Italia, da Roma arrivano notizie di altri arresti e indagati a carico del partito al governo per reati gravissimi e collusione con la criminalità organizzata. Che tristezza…”.

(di Antonio Pisani ed Enzo La Penna/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

21:54Calcio: Inter-Bologna, Gabigol esordio da titolare

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Gabigol per la prima volta titolare contro il Bologna in Coppa Italia. Il giovane attaccante brasiliano partirà dal primo minuto, al fianco di Joao Mario e Eder, con Palacio unica punta. Una chance importante per Barbosa che finora e' stato utilizzato solo nei minuti finali di tre partite di campionato. Una gestione che ha sollevato molte polemiche, soprattutto da parte dell'agente che aveva anche ipotizzato il trasferimento in prestito del giocatore. Gabigol, costato quasi 30 milioni di euro, questa sera negli ottavi di Coppa Italia avrà quindi la possibilità di dimostrare il suo valore. Torna anche Medel, che formera' la coppia di centrali con Murillo. Terzini D'Ambrosio e Ansaldi, mentre a centrocampo confermati Gagliardini e Kondogbia. In porta c'e' Carrizo al posto di Handanovic.

Archivio Ultima ora