Camorra: concorso esterno, indagato il presidente del Pd campano

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI. – Il presidente del Pd campano Stefano Graziano, che è anche consigliere regionale, è indagato per concorso esterno in associazione camorristica in un’inchiesta della Dda di Napoli che ha portato in carcere per presunte tangenti l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, in carica fino al novembre scorso, e l’imprenditore della ristorazione Alessandro Zagaria, ritenuto dagli inquirenti l’anello di congiunzione tra la politica e il clan guidato dal boss, solo omonimo, Michele Zagaria. Per altre sette persone, tra cui l’attuale responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Santa Maria Capua Vetere Roberto Di Tommaso, il gip di Napoli ha disposto i domiciliari.

Per i pm – sostituti D’Alessio, Giordano, Landolfi e Sanseverino coordinati dall’aggiunto Borrelli – Graziano, che si è autosospeso dal partito ma è rimasto in carica come consigliere regionale, avrebbe ricevuto appoggio alle elezioni regionali dello scorso anno dalla cosca, attraverso il sostegno diretto di Alessandro Zagaria, ponendosi “come punto di riferimento politico e amministrativo” del clan.

A Graziano, che è stato deputato e consulente a Palazzo Chigi con Enrico Letta e fino al 31 dicembre 2014 (incarico non rinnovato dal Governo Renzi), i carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta, delegati con i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, hanno perquisito le abitazioni di Roma e Teverola e l’ufficio nella sede del Consiglio regionale, a Napoli.

L’inchiesta ruota attorno all’appalto per i lavori di consolidamento e “riqualificazione in polo della Cultura e della Legalità” di Palazzo Teti Maffuccini, storico immobile ubicato a Santa Maria Capua Vetere dove risedette anche Garibaldi, confiscato anni fa al padre dell’ex primo cittadino, Nicola Di Muro, ex vice-sindaco della città sammaritana.

Nel corso di alcuni colloqui intercettati dagli investigatori tra Biagio Di Muro e Alessandro Zagaria, quest’ultimo gestore di bar e mense nelle facoltà della Sun, la Seconda università di Napoli, si fa riferimento all’appoggio elettorale che occorreva garantire a Graziano.

Quest’ultimo si sarebbe attivato – ma tale circostanza non è ritenuta illecita dagli inquirenti della Dda – per favorire il finanziamento dei lavori di Palazzo Teti. In particolare avrebbe dovuto agire per scongiurare che si perdesse il finanziamento facendolo trasferire in un diverso capitolato di spesa.

Dagli elementi raccolti sarebbe emerso il versamento a Di Muro, al suo funzionario Di Tommaso e al componente della commissione di gara Vincenzo Manocchio, di una tangente di 100 mila euro da parte dei due imprenditori finiti ai domiciliari Guglielmo La Regina e Marco Cascella, rappresentanti legali delle società “Archicons Srl” e “Lande Srl”, la prima responsabile della progettazione dei lavori relativi a Palazzo Teti, la seconda aggiudicataria dell’opera da oltre due milioni di euro.

La mazzetta sarebbe stata “mascherata” grazie a una serie di fatture false necessaria a raccogliere la “provvista” emessa da società facenti capo ad altri due indagati arrestati.

Con Di Muro sono tre i sindaci del Casertano a essere finiti di recente in carcere per presunti legami con il clan Zagaria, ovvero l’ex sindaco del capoluogo Caserta, Pio Del Gaudio, arrestato nel giugno 2015 (scarcerato e in attesa di avviso di chiusura indagini) e l’ex primo cittadino di Trentola Ducenta, Michele Griffo; le infiltrazioni del clan Zagaria sono state poi accertate anche all’ospedale di Caserta, che per tale motivo è tuttora commissariato.

Altre inchieste anti-camorra della Dda hanno poi portato all’arresto nei mesi scorsi dell’ex sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio, e dell’ex sindaca di Roccamonfina, Letizia Tari mentre a Villa di Briano, l’ex sindaco, Dionigi Magliulo, indagato, si è dimesso dopo l’arresto per reati di camorra del fratello, funzionario comunale.

Gli arresti sembrano rappresentare il primo step di un’inchiesta destinata ad allargarsi a macchia d’olio. Lo si evince dalla lettura del capo di imputazione, laddove viene contestata l’associazione mafiosa ad Alessandro Zagaria. Il quale sarebbe stato incaricato dal clan “di instaurare e mantenere rapporti illeciti di tipo corruttivo con esponenti politici locali, in prevalenza sindaci del territorio casertano” per l’affidamento di lavori pubblici “ad imprenditori a lui graditi”.

La tegola giudiziaria abbattutasi su Graziano ha scatenato una vera e propria bufera politica sul Pd, con il M5s all’attacco (“E’ Gomorra del Pd in Campania”, scrive Valeria Ciarambino sul blog di Beppe Grillo) e il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che ricorda l’incarico di consulenza di Graziano a Palazzo Chigi e scrive: “Vi prego: liberiamo l’Italia”.

“Totale e incondizionata fiducia nel lavoro della magistratura”, viene espressa dal vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, ma dagli Stati Uniti il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, tuona: “Mentre ascolto e incontro tanti imprenditori italo-americani con voglia di fare e onesti giovani in fuga dall’Italia, da Roma arrivano notizie di altri arresti e indagati a carico del partito al governo per reati gravissimi e collusione con la criminalità organizzata. Che tristezza…”.

(di Antonio Pisani ed Enzo La Penna/ANSA)

Ultima ora

13:04Alfano a Mosca, noi con Ue per libertà di manifestare

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - "Nel pieno rispetto della sovranità russa e delle sue leggi, non posso che riconoscermi nella posizione espressa dall'Ue e ribadire la nostra fede nei principi di libera manifestazione del pensiero regolato dalle convenzioni internazionali". Così il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano in conferenza stampa con l'omologo russo a proposito degli arresti effettuati ieri in Russia durante le manifestazioni.

13:02Russia: Cremlino, le manifestazioni una provocazione

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Il Cremlino accusa gli organizzatori delle manifestazioni di ieri in Russia di "provocazioni". "Quello che abbiamo visto ieri in diversi posti, ma soprattutto a Mosca - ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato da Ria Novosti - è una provocazione e una menzogna perché coloro che in modo molto raffinato e con un linguaggio aulico hanno spiegato che l'azione era autorizzata e che non violava in alcun modo la legge dicevano un'assoluta bugia".

12:48Fondi Cnr per vasca idromassaggio, fermato funzionario

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAR - C'era davvero di tutto negli acquisti che Vittorio Gargiulo, già segretario amministrativo dell'Istituto Ambiente Marino Costiero del Cnr, avrebbe addebitato alle casse dell'istituto: dagli undicimila euro per lavori di ristrutturazione nella propria abitazione, con tanto di vasca idromassaggio, al mezzo milione di euro usato per acquistare materiale informatico che in gran parte sarebbe stato rivenduto a terzi. L'uomo è stato fermato stamane, in esecuzione di un decreto emesso dalla procura di Napoli: in una nota, il procuratore aggiunto Alfonso D'Avino spiega che secondo gli elementi raccolti dagli investigatori Gargiulo, già al corrente delle indagini a suo carico, si stava preparando a lasciare il territorio italiano. E' accusato di peculato e concussione.

12:43Bulgaria: vincono i conservatori, ma governo non facile

(di Atanas Tsenov) (ANSA) - SOFIA, 27 MAR - In Bulgaria il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov ha vinto le elezioni politiche anticipate con il 33,55% dei voti, secondo i dati dello spoglio giunto al 94,33% delle schede elettorali. Si e' trattato del primo appuntamento elettorale a livello nazionale in un Paese Ue dopo la firma, sabato, della Dichiarazione di Roma in occasione delle celebrazioni nella capitale italiana per il 60mo anniversario della sigla dei Trattati. Al secondo posto nelle politiche di Bulgaria il Partito socialista di Kornelia Ninova, con poco più del 27,02% dei voti, con un recupero di consensi dopo il minimo storico del 16% alle elezioni anticipate del 2014. Sia i conservatori sia i socialisti sono su posizioni fondamentalmente europeiste, con la differenza che i socialisti si mostrano più morbidi con Mosca e auspicano l'abolizione delle sanzioni contro la Russia. Sono inoltre schierati contro l'accordo Ceta tra l'Ue il Canada.

12:42Famiglia posta video su Youtube, latitante arrestato

(ANSA) - ASTI, 27 MAR - Video a feste di compleanno o in giro per il quartiere londinese di Wembley, caricati dai familiari su YouTube, Snapchat, Facebook, hanno incastrato Valentin Jiuan, romeno di 35 anni, latitante. Condannato in contumacia a 14 anni per l'omicidio volontario di un connazionale, commesso assieme a due complici nel 2010 ad Asti, era ricercato dal 2013. Le indagini on line dalla Squadra mobile lo hanno scoperto a Londra dove si era rifugiato tre anni fa. Per il delitto di Miros Floris Georghe, romeno di 34 anni, ammazzato con un pestaggio a colpi di spranghe e mazze di ferro, è stato già condannato anche Vasile Bostan, connazionale di 35 anni, che si trova in carcere ad Alessandria mentre un terzo complice è ancora ricercato all'estero. Jiuan, "che si era integrato nella comunità romena londinese - ha spiegato il comandante della Mobile, Loris Petrillo in conferenza stampa - è stato estradato in Italia e ora si trova al carcere di Rebibbia dove deve scontare la condanna, confermata anche in Cassazione".(ANSA).

12:21Genero Trump contro burocrazia governo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Nuovo ufficio alla Casa Bianca e nuovo incarico per il genero del presidente Trump. Secondo i media americani il presidente annuncerà oggi la nascita di American Innovation, un settore che si occuperà di snellire e rendere più efficiente la burocrazia federale grazie a soluzioni prese dal mondo delle aziende. "Il governo dovrebbe essere gestito come una grande azienda americana", ha detto al Washington Post Kushner che nel suo nuovo ruolo riferirà direttamente al presidente. Il genero di Trump vede il nuovo settore come un 'team di teste di cuoio', una fabbrica di idee aggressiva e non ideologica, scrive il Wp, capace di attirare talenti dall'interno e dall'esterno del governo per comunicare con il mondo degli affari, delle associazioni filantropiche e con le comunità accademiche.

12:19Turchia: legami Gulen, Galatasaray caccia stella Hakan Sukur

(ANSAmed) - ISTANBUL, 27 MAR - Il comitato esecutivo della società calcistica del Galatasaray ha decretato l'espulsione dalla lista dei suoi iscritti degli ex giocatori del club e della nazionale turca Hakan Sukur e Arif Erdem, ricercati dalla giustizia di Ankara con l'accusa di far parte della presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La decisione è giunta in una riunione d'emergenza convocata ieri sera, dopo i decisi attacchi giunti dal governo per il 'salvataggio' dei due ex calciatori nella riunione di sabato dei membri dell'assemblea del club, che avevano invece cacciato diversi altri sospetti 'gulenisti'.

Archivio Ultima ora