Camorra: concorso esterno, indagato il presidente del Pd campano

Pubblicato il 26 aprile 2016 da redazione

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

Il presidente del Pd della Campania Stefano Graziano in una foto di archivio del 27 febbraio 2015 durante la presentazione ufficiale nella sede regionale del Pd dei candidati alle primarie per la presidenza della regione. ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI. – Il presidente del Pd campano Stefano Graziano, che è anche consigliere regionale, è indagato per concorso esterno in associazione camorristica in un’inchiesta della Dda di Napoli che ha portato in carcere per presunte tangenti l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, in carica fino al novembre scorso, e l’imprenditore della ristorazione Alessandro Zagaria, ritenuto dagli inquirenti l’anello di congiunzione tra la politica e il clan guidato dal boss, solo omonimo, Michele Zagaria. Per altre sette persone, tra cui l’attuale responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Santa Maria Capua Vetere Roberto Di Tommaso, il gip di Napoli ha disposto i domiciliari.

Per i pm – sostituti D’Alessio, Giordano, Landolfi e Sanseverino coordinati dall’aggiunto Borrelli – Graziano, che si è autosospeso dal partito ma è rimasto in carica come consigliere regionale, avrebbe ricevuto appoggio alle elezioni regionali dello scorso anno dalla cosca, attraverso il sostegno diretto di Alessandro Zagaria, ponendosi “come punto di riferimento politico e amministrativo” del clan.

A Graziano, che è stato deputato e consulente a Palazzo Chigi con Enrico Letta e fino al 31 dicembre 2014 (incarico non rinnovato dal Governo Renzi), i carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta, delegati con i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, hanno perquisito le abitazioni di Roma e Teverola e l’ufficio nella sede del Consiglio regionale, a Napoli.

L’inchiesta ruota attorno all’appalto per i lavori di consolidamento e “riqualificazione in polo della Cultura e della Legalità” di Palazzo Teti Maffuccini, storico immobile ubicato a Santa Maria Capua Vetere dove risedette anche Garibaldi, confiscato anni fa al padre dell’ex primo cittadino, Nicola Di Muro, ex vice-sindaco della città sammaritana.

Nel corso di alcuni colloqui intercettati dagli investigatori tra Biagio Di Muro e Alessandro Zagaria, quest’ultimo gestore di bar e mense nelle facoltà della Sun, la Seconda università di Napoli, si fa riferimento all’appoggio elettorale che occorreva garantire a Graziano.

Quest’ultimo si sarebbe attivato – ma tale circostanza non è ritenuta illecita dagli inquirenti della Dda – per favorire il finanziamento dei lavori di Palazzo Teti. In particolare avrebbe dovuto agire per scongiurare che si perdesse il finanziamento facendolo trasferire in un diverso capitolato di spesa.

Dagli elementi raccolti sarebbe emerso il versamento a Di Muro, al suo funzionario Di Tommaso e al componente della commissione di gara Vincenzo Manocchio, di una tangente di 100 mila euro da parte dei due imprenditori finiti ai domiciliari Guglielmo La Regina e Marco Cascella, rappresentanti legali delle società “Archicons Srl” e “Lande Srl”, la prima responsabile della progettazione dei lavori relativi a Palazzo Teti, la seconda aggiudicataria dell’opera da oltre due milioni di euro.

La mazzetta sarebbe stata “mascherata” grazie a una serie di fatture false necessaria a raccogliere la “provvista” emessa da società facenti capo ad altri due indagati arrestati.

Con Di Muro sono tre i sindaci del Casertano a essere finiti di recente in carcere per presunti legami con il clan Zagaria, ovvero l’ex sindaco del capoluogo Caserta, Pio Del Gaudio, arrestato nel giugno 2015 (scarcerato e in attesa di avviso di chiusura indagini) e l’ex primo cittadino di Trentola Ducenta, Michele Griffo; le infiltrazioni del clan Zagaria sono state poi accertate anche all’ospedale di Caserta, che per tale motivo è tuttora commissariato.

Altre inchieste anti-camorra della Dda hanno poi portato all’arresto nei mesi scorsi dell’ex sindaco di Orta di Atella, Angelo Brancaccio, e dell’ex sindaca di Roccamonfina, Letizia Tari mentre a Villa di Briano, l’ex sindaco, Dionigi Magliulo, indagato, si è dimesso dopo l’arresto per reati di camorra del fratello, funzionario comunale.

Gli arresti sembrano rappresentare il primo step di un’inchiesta destinata ad allargarsi a macchia d’olio. Lo si evince dalla lettura del capo di imputazione, laddove viene contestata l’associazione mafiosa ad Alessandro Zagaria. Il quale sarebbe stato incaricato dal clan “di instaurare e mantenere rapporti illeciti di tipo corruttivo con esponenti politici locali, in prevalenza sindaci del territorio casertano” per l’affidamento di lavori pubblici “ad imprenditori a lui graditi”.

La tegola giudiziaria abbattutasi su Graziano ha scatenato una vera e propria bufera politica sul Pd, con il M5s all’attacco (“E’ Gomorra del Pd in Campania”, scrive Valeria Ciarambino sul blog di Beppe Grillo) e il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che ricorda l’incarico di consulenza di Graziano a Palazzo Chigi e scrive: “Vi prego: liberiamo l’Italia”.

“Totale e incondizionata fiducia nel lavoro della magistratura”, viene espressa dal vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, ma dagli Stati Uniti il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, tuona: “Mentre ascolto e incontro tanti imprenditori italo-americani con voglia di fare e onesti giovani in fuga dall’Italia, da Roma arrivano notizie di altri arresti e indagati a carico del partito al governo per reati gravissimi e collusione con la criminalità organizzata. Che tristezza…”.

(di Antonio Pisani ed Enzo La Penna/ANSA)

Ultima ora

18:09Migranti: uffici presi d’assalto, corsa a solidarietà a Bari

(ANSA) - BARI, 22 MAG - Corsa alla solidarietà a Bari dove ieri sono sbarcati nel porto 250 migranti. In meno di 24 ore le sale dell'assessorato comunale al Welfare, in piazza Chiurlia, sono state letteralmente prese d'assalto da centinaia di cittadini che hanno voluto donare beni di ogni tipo da mettere a disposizione di tutte le realtà cittadine che, in queste ore, con il coordinamento del Comune, provvederanno alla distribuzione. Al momento sono stati raccolti indumenti, alimenti e beni di prima necessità per bambini, uomini e donne. Continuano ad essere necessari latte a lunga conservazione, indumenti intimi, ciabatte e scarpe estive, pantaloni e magliette estive da uomo, spazzolini da denti e prodotti per igiene intima (salviette, assorbenti e pannolini), succhi di frutta, possibilmente piccoli con cannuccia, cappellini. "Ancora una volta la città di Bari - dice l'assessora al Welfare, Francesca Bottalico - ha saputo dimostrare un grande cuore".

18:07Calcio: Bruno Peres, bello lo striscione per Totti

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Lo striscione dei tifosi della Lazio per Totti? Anche se sono i nostri rivali, sanno che è un grande calciatore e un esempio per tutti, ha meritato tutto quello che ha avuto in carriera. Siamo contenti dello striscione, nessuno se lo aspettava però è stato bello". Così l'esterno della Roma, Bruno Peres, ha commentato lo striscione esposto dalla tifoseria organizzata laziale degli "Irriducibili" dedicato al n.10 giallorosso Francesco Totti per il suo addio al club. "Il futuro del capitano? Abbiamo ancora un'ultima partita (col Genoa, ndr) che è importante vincere per noi, poi Francesco parlerà di tutto", ha aggiunto il brasiliano a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" contro il razzismo nel calcio e nello sport organizzato presso l'Aula Magna dell'Università Tor Vergata di Roma.

17:44Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Sviluppo sostenibile: flash mob, “nessuno resti indietro”

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Studenti e sostenitori del Festival dello Sviluppo Sostenibile, in corso nel Palazzo Reale di Napoli, hanno inscenato davanti allo storico edificio di piazza del Plebiscito, un flash mob a tema "Nessuno resti indietro", lo stesso slogan usato dagli organizzatori dell'evento. Un centinaio di ragazzi ha teso una corda che simboleggiava l'unione tra tutti i partecipando e gridato le tre date che stabiliscono le scadenze degli obiettivi fissati dall'agenda dell'Onu per lo sviluppo sostenibile: 2017, cioè oggi; 2025, termine intermedio per il raggiungimento di alcuni degli obiettivi e 2030 che dovrebbe vedere completati gli obiettivi delle Nazioni Unite. (ANSA).

17:17Calcio: Real in festa ricevuto da sindaca Madrid

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Dopo una notte di festa in piazza Cibeles, il Real Madrid è impegnato oggi nelle celebrazioni per il 33/o titolo in Liga. La squadra è stata ricevuta in municipio dalla sindaca della capitale, Manuela Carmena, davanti alla quale il presidente Florentino Pere, ha elogiato i giocatori ma soprattutto l'allenatore Zinedine Zidane: "Zizou sei uno dei simboli della nostra storia - ha affermato - e ti ringrazio per quanto hai dato e stai dando. Sei stato il miglior giocatore del mondo e ora semplicemente dei il miglior allenatore del mondo". "Questa squadra - ha detto ancora Perez - ha dimostrato ancora una volta i valori che fanno parte della nostra leggenda. Il sogno è tornare qui a festeggiare il 4 giugno. So che questo gruppo darà l'anima per conquistare la dodicesima Champions League. Abbiamo vinto il campionato più difficile e competitivo di tutto il mondo, con fatica e umiltà. Abbiano segnato in tutte le partite giocate, e questo dimostra la filosofia di questa squadra".

17:15Giro: Quintana, posso prendere la maglia rosa

(ANSA) - BERGAMO, 22 MAG - "In altre occasioni mi sono trovato in una situazione di classifica analoga e, qualche volta, sono riuscito a ribaltare la situazione a mio favore. Anche quando non ci sono riuscito ho cercato sempre di dare il massimo. Lo farò anche questa volta. Dumoulin sta bene, ma non sappiamo come potrà reagire a una terza settimana così difficile". Lo ha detto Nairo Quintana, nel terzo e ultimo giorno di riposo del 100/o Giro d'Italia di ciclismo. "Io e la squadra stiamo bene, siamo convinti di poter recuperare terreno. Spero solo che i postumi della caduta non si facciano sentire e non intacchino la mia condizione, che è ottimale", conclude il colombiano, alla vigilia del tappone alpino.

Archivio Ultima ora