Striscioni protesta risparmiatori banche

Pubblicato il 27 aprile 2016 da ansa

(ANSA) – EMPOLI (FIRENZE), 27 APR – Blitz notturno delle vittime del Salvabanche nel territorio dell’Empolese Valdelsa, in provincia di Firenze, e in Valdinievole (Pistoia). Un gruppo di risparmiatori di Banca Etruria ha infatti sistemato una dozzina di striscioni tra Empoli, Montelupo Fiorentino e Montecatini Terme. Tre manifesti sono stati messi anche sui cavalcavia della superstrada Firenze-Pisa-Livorno. ‘Bankitalia e Consob non vigilano, le banche truffano, il Governo azzera. Chi ci tutela?’, è scritto in uno degli striscioni in cui si dice anche no all’ipotesi dell’arbitrato. “Non siamo speculatori ma risparmiatori”, si legge in un altro striscione. Due quelli messi vicino allo stadio di Empoli: ‘Banca Etruria vs risparmiatori azzerati – arbitra: Cantone’ e ‘Si arbitrano le partite di pallone non i di ritti delle persone capito Cantone?’. Il 19 aprile altri striscioni di protesta di risparmiatori erano apparsi ad Arezzo.(ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

10:39Siria: italiano rapito riappare in un nuovo video

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 MAG - Riappare in video Sergio Zanotti, il 56enne imprenditore bresciano scomparso ad aprile del 2016 e da più parti indicato come rapito in Siria da gruppi legati ad al Qaida. Nel filmato caricato nelle ultime ore su Youtube da un utente identificato come Abu Jihad, Zanotti appare in ginocchio, con una t-shirt azzurra in una stanza spoglia con due uomini vestiti di nero e armati di fucile alle sue spalle: "Oggi è il primo maggio. Mi chiamo Zanotti Sergio. Questo è il secondo richiamo che mi lasciano fare", afferma.

10:37‘Ndrangheta: confiscata società ristorazione a imprenditore

(ANSA) - MONZA, 24 MAG - Un pregiudicato calabrese 51enne, residente in provincia di Monza, è stato sottoposto a confisca di una società di ristorazione di sua proprietà. La misura è stata eseguita dal Centro operativo della Dia di Milano, ed emessa dal Tribunale di Monza Brianza. L'imprenditore, condannato in via definitiva per ricettazione, sostituzione di denaro proveniente da rapina, detenzione illegale di armi e truffa, è ritenuto vicino alle cosche 'ndranghetiste Piromalli-Bellocco, alle quali, secondo le accuse, avrebbe dato apporto nell'agevolare lo spaccio. Proprietario del ristorante "Mr Cicció" di Lissone (Monza), già sequestrato nell'aprile 2016, l'uomo è stato sottoposto alla confisca anche di sei proprietà immobiliari, conti correnti e sette opere d'arte, per un valore complessivo di oltre un milione di euro. Le indagini economico-finanziarie nei confronti del cinquantunenne e dei suoi familiari, avrebbero accertato una netta sproporzione tra i redditi dichiarati e gli investimenti effettuati.

10:37Downing Street sotto protezione militare

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Siti strategici di Londra - inclusi Buckingham Palace, Westminster e Downing Street - saranno da oggi sotto protezione militare: lo ha reso noto Scotland Yard, secondo quanto riporta l'Independent . La notizia segue l'annuncio di ieri della premier Theresa May secondo cui il livello di allerta terrorismo nel Paese è stato elevato da 'grave' a 'critico', che equivale all'aspettativa di un nuovo attacco 'imminente'.

10:23Aggredito sacerdote Reggio Calabria, è grave

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 24 MAG - Un sacerdote, don Giorgio Costantino, è stato aggredito e malmenato da alcune giovani non identificati, nella notte a Reggio Calabria. Don Giorgio, parroco della Madonna del Divino Soccorso, sarebbe stato malmenato dal gruppo di giovani che aveva richiamato dopo che questi si erano introdotti in un locale della parrocchia forzando il cancello d'ingresso. Attualmente il sacerdote che è stato soccorso e trasportato in ospedale si trova ricoverato in prognosi riservata. Ha riportato un ematoma alla testa e dovrebbe essere, in queste ore, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori dell'aggressione.(ANSA).

09:40Migranti sfruttati, arrestati coniugi del Bangladesh

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAG - Una coppia di coniugi del Bangladesh, titolari di una impresa agricola nel veneziano, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di un ordine di custodia cautelare per riduzione in schiavitù di connazionali costretti a lavorare per oltre 12 ore al giorno nei campi senza mai un giorno si riposo e senza alcuna retribuzione. I due sono accusati anche di minaccia aggravata nei confronti dei lavoratori e favoreggiamento della permanenza in Italia di persone senza permesso.

09:31Card. Bagnasco, grande onore per me aver servito la Cei

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "E' stato per me un grande onore e una grande grazia poter servire, come meglio ho saputo, la nostra Conferenza che ha il dono di un legame unico con il Vescovo di Roma, il Papa. Insieme abbiamo servito le nostre Chiese e il nostro amato Paese. Come sempre, ci affidiamo alla Vergine Maria, la grande Madre di Dio e della Chiesa". Lo ha detto il Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente uscente della Cei, al termine dell'omelia della messa di conclusione dell'assemblea generale dei vescovi italiani, ultimo atto prima della nomina da parte di Papa Francesco del nuovo presidente. "E grazie per l'esempio, la parola saggia, l'amore alla Chiesa, che in questi dieci anni ho sempre visto in tutti e in ciascuno", ha aggiunto Bagnasco. E' attesa nelle prossime ore la nomina del nuovo presidente Cei da parte del Papa dopo la terna dei candidati: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, mons. Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento.

09:28Clan e affari, arrestati Cesaro, fratelli deputato FI

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - Gli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro, fratelli del deputato di Fi Luigi Cesaro, sono stati arrestati stamane dai carabinieri del Ros con altre tre persone, in esecuzione di un'ordinanza di custodia della Dda di Napoli. L'inchiesta è relativa alle infiltrazioni del clan Polverino negli investimenti da 40 milioni di euro per il piano di insediamento produttivo del Comune di Marano (Napoli).

Archivio Ultima ora