Mose: Galan, danno d’immagine, Corte Conti si riserva

(ANSA) – VENEZIA, 27 APR – La Procura della Corte dei Conti di Venezia oggi ha chiesto la condanna di Giancarlo Galan, ex governatore del Veneto ed ex ministro, ad un risarcimento danni per 5,2 mln di euro per la vicenda Mose. La Corte, come di consueto, si è riservata di decidere. Nel corso dell’udienza la difesa di Galan ha puntato sul fatto che, nonostante l’ex politico sia stato governatore per 10 anni, gli eventuali reati sono prescritti dal 2008 mentre dal 2010 non era più alla guida della Regione del Veneto non essendo stato candidato. Successivamente sotto il Governo Berlusconi era diventato prima ministro dell’Agricoltura e poi ai Beni culturali. La richiesta di danno di immagine è stata effettuata dopo che il patteggiamento di Galan è diventato definitivo.

Condividi: