Un italo americano alla corte di Re Trump

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

paul

NEW YORK – Paul Manafort, un italo-americano alla corte di “Re Trump”. Dopo il “Super Tuesday”, il cammino del frontrunner repubblicano è tutto in discesa. Il magnate newyorchese si è imposto, e lo ha fatto senza lasciare margini a dubbi, nei cinque stati chiamati a pronunciarsi in questa peculiare corsa alla “nomination”.

Ora Trump, certo di arrivare alla “Convention” con la maggioranza dei delegati, dovrà convincere la “Grand Old Party”, nel caso che l’ultima conta, come indicano i sondaggi, non dovesse dargli una certezza matematica.

Il discorso di Trump, ora, non è più quello del pre-candidato. Si è trasformato in quello dello sfidante repubblicano, aspirante alla poltrona della Casa Bianca. Il messaggio, nel discorso dell’altra sera, è stato chiaro.

– Vinceremo al primo voto – ha detto -. Batteremo Hillary facilmente.

Oggi Trump terrà un discorso importante su temi di politica estera. Dovrà dimostrare che, al di là degli slogan elettorali e dei discorsi pasticcioni – caratterizzati dalla violenza della demagogia e dalle promesse impregnate di un populismo rancio – ha i numeri per essere il presidente della nazione più potente del mondo. Insomma, l’uomo giusto per la Casa Bianca.

Archiviata con un laconico comunicato l’era di Carey Lewandowski, che fino a ieri ha disegnato le strategie della campagna elettorale del frontrunner repubblicano, Trump ora ripone tutte le sue speranze su un italo-americano, Paul Manafort, assai noto nel mondo della politica americana. Manafort è una vecchia volpe, un avvocato di 67 anni già consigliere di presidenti e candidati repubblicani – leggasi, Gerald Ford, George H Bush, George W Bush e Jhon McCain -, un lobbysta formatosi nelle aule della Georgetown University.

Le origini italiane di Paul Manafort si fanno risalire al nonno. Questi, il cui cognome forse era Manaforte poi trasformato in Manafort, pare sia stato un umile emigrante che si è fatto spazio nella terra promessa nella quale ha realizzato il suo “sogno americano”

Subirà una trasformazione di 180 gradi la campagna elettorale di Donald Trump? A dissipare ogni dubbio è stato lo stesso Manafort:
– Il messaggio di Trump non cambierà nei suoi concetti fondamentali, ma sarà presentato in modo diverso. Avevamo un messaggio che ha funzionato, ma che non era pensato per l’intera durata della campagna. Bisogna creare un nuovo modello, più tradizionale, e Trump lo sa. Stiamo lavorando insieme su questo. Dal mio punto di vista tutto questo balbettio dei nostri rivali durante le ultime due o tre settimane è stato un circo mediatico geniale, ma sarà completamente irrilevante se noi lavoriamo bene.

Le responsabilità del lobbista, per ora, riguardano solo la strategia e la struttura della campagna elettorale del candidato repubblicano. Si punta sulla maggioranza dei delegati e quindi sulla coronazione finale di “Re Trump” nella “Convention”. Ma questa, si sa, è solo una possibilità e, vista la matematica, anche una probabilità remota. Per questo Manafort ha anche assicurato che, qualora ci si avviasse verso una “Convention aperta”, il nuovo team avrebbe già pronto un “piano di contingenza”.

Nel presentare il nuovo stratega, nel suo portale, “Trump make America great again”, il magnate del mattone asserisce:

“Paul è una grande risorsa e un importante valore aggiunto. Lui e l’intera squadra che sto costruendo garantiranno che sia rispettata la volontà degli elettori repubblicani, e non dell’establishment politico di Washington, nella selezione del candidato del partito repubblicano. Non vedo l’ora di vincere la nomination e, infine, la presidenza, per rendere l’America di nuovo grande”.

Nonostante abbia lavorato in più di una campagna elettorale, Manafort non è molto conosciuto a Washington. Habitué della “Trump Tower”, nel cuore di Manhattan, dove era solito incontrare Trump, come capita ai buoni vicini, Manafort ha sempre amato vivere nel distretto di Columbia.

Il suo ingresso alla politica è avvenuto quando, ancora giovane, nel 1976, integrò lo staff di Gerald Ford come legale. Poi, attraverso la sua società di consulenza, è riuscito a crearsi una fitta rete di contatti e relazioni.

Non tutte le consulenze di Manafort si sono svolte negli States e, come affermano alcuni detrattori, non tutte sono state realizzate seguendo i cristallini principi della trasparenza.

Comunque sia, Paul Manafort, negli anni, ha dimostrato di saper essere assai discreto, quasi invisibile, di saper sussurrare consigli alle orecchie dei candidati alla presidenza e di essere capace di sopravvivere agli intrighi di Palazzo.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

13:48Calcio:Allegri “Dybala? rigori sbagliati lo fortificheranno”

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Dybala è un giocatore straordinario, è sereno: dopo le prime giornate l'avete paragonato a Messi, ma non deve esaltarsi per un gol o deprimersi per due rigori sbagliati". Allegri va in difesa della 'Joya', reduce da due errori decisivi dal dischetto contro Atalanta e Lazio: "Abbiamo parlato ieri - ha raccontato il tecnico -, normale che debba trovare equilibrio. Sta facendo un percorso di crescita, aver sbagliato due rigori lo fortificherà. Fa parte del calcio, sta bene fisicamente ed è tornato carico dall'Argentina anche se non ha giocato".

13:47Delitto Macchi: avvocato non svela presunto autore poesia

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Si è avvalso del segreto professionale l'avvocato Piergiorgio Vittorini, evitando di rivelare in aula il nome della persona che nei mesi scorsi lo ha contattato riferendo di essere "il vero autore" del componimento anonimo 'In morte di un'amica' inviato 30 anni fa alla famiglia di Lidia Macchi il giorno dei funerali della studentessa di Varese, massacrata con 29 coltellate nel gennaio 1987. Versi che invece secondo la Procura generale di Milano, sarebbero stati scritti da Stefano Binda, accusato di aver ucciso la ragazza, sua ex compagna di liceo. Vittorini, ascoltato nel corso del processo a carico di Binda davanti alla Corte d'Assise di Varese, ha detto di non poter rendere noto il nome della persona che lo ha contattato perché vincolato dal segreto professionale. Il componimento anonimo è uno degli elementi che portarono all' arresto dell'uomo nel gennaio 2016 in quanto, secondo le accuse, conterrebbe riferimenti che potevano essere noti solo all'assassino.

13:46Mondo di mezzo: giudici, gruppo inquinò scelte politiche

(ANSA) - ROMA, 17 OTT -"Nel settore degli appalti pubblici l'associazione ha avuto la capacità di inquinare durevolmente e pesantemente, con metodi corruttivi diffusi, le scelte politiche e l'azione della pubblica amministrazione". E' quanto scrivono i giudici nella sentenza del processo a "Mondo di mezzo". Per i magistrati, in questo ambito, la figura-chiave è Salvatore Buzzi, ras delle cooperative, che grazie alla "lunga esperienza maturata nel settore della cooperazione sociale e gli stessi contatti, con politici e amministrativi, costruiti nel tempo in relazione all'attività delle cooperative, sono stati da lui sapientemente utilizzati e sfruttati per la commissione di reati finalizzati - consentendo una innaturale espansione sul mercato - a potenziare i profitti delle cooperative e dei soggetti che di esse avevano la direzione e la gestione".

13:43Coppia gay pestata e rapinata a Bari, due arresti

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Alla presenza di numerose persone avrebbero picchiato violentemente e rapinato sul lungomare di Bari una coppia di omosessuali 30enni, un barese e il suo compagno spagnolo in vacanza in Puglia. Dei sette componenti il gruppo criminale, la polizia ne ha identificati tre, due maggiorenni e un minorenne. I primi due, un 20enne e un 19enne, sono stati arrestati per rapina e lesioni aggravate, mentre il minorenne è indagato a piede libero. L'aggressione risale alla sera dell'8 giugno. Stando alle indagini della Squadra Mobile, le due vittime sarebbero state aggredite all'esterno di un locale dopo aver reagito verbalmente a insulti omofobi da parte di un gruppo di otto ragazzi. Questi avrebbero quindi picchiato i due con calci, pugni e sbattendo la testa di uno di loro su una colonna in pietra, strappando poi dal collo le collane in oro e argento e un anello che i due 30enni indossavano. I video acquisiti dalla Squadra Mobile hanno consentito di identificare alcuni dei componenti il gruppo.

13:34Mondo di mezzo: giudici, nessun legame banda Magliana

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non è possibile stabilire una derivazione tra il gruppo operante presso il distributore di benzina, l'associazione operante nel settore degli appalti pubblici e la banda della Magliana, gruppo criminale organizzato e dedito ad attività criminali particolarmente violente e redditizie che ha operato nella città di Roma, ramificandosi pesantemente sul territorio, oltre 20 anni orsono, tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 90". Lo scrivono i giudici della X sezione penale nelle motivazioni al processo al "Mondo di mezzo". "Non è sufficiente l'intervento di Carminati, 'erede della banda della Magliana', a stabilire un rapporto di derivazione tra detta banda e successive organizzazioni in cui Carminati si trovi coinvolto. Peraltro, neppure per la banda della Magliana si è potuti giungere ad affermare che si trattasse di un'associazione di tipo mafioso".

13:31Champions: Chiellini, con Sporting è sedicesimo di finale

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Juventus-Sporting nel girone di Champions finora dominato dal Barcellona "sarà un vero e proprio sedicesimo di finale". Lo dice Giorgio Chiellini. "Il Barcellona - spiega il difensore bianconero - salvo stravolgimenti arriverà primo e l'Olympiacos non riuscirà a passare turno. Lo Sporting è un'ottima squadra, ha un allenatore che porta brutti ricordi (guidava il Benfica che eliminò la Juve nella semifinale di Europa League nel 2014, ndr)". Lo Sporting Lisbona - conclude Chiellini - "era la squadra più forte della quarta fascia dei sorteggi Champions, abbiamo tanto rispetto per loro. In questa andata e ritorno ci giochiamo la qualificazione".

13:25Golf: torna l’Andalucia Masters, incasso in beneficenza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Torna, a sei anni dall'ultima edizione, l'Andalucia Valderrama Masters, tappa dell'European Tour, che si disputerà a Sotogrande (Spagna) dal 19 al 22 ottobre. Il torneo potrà contare su un field ricco di big internazionali: il campione Masters Sergio Garcia, che con la sua fondazione sarà il principale partner della competizione. E ancora, il britannico Danny Willett (tra i migliori golfisti in circolazione), il tedesco Martin Kaymer (oro nel 2010 al PGA Championship), lo svedese Robert Karlsson e l'irlandese Padraig Harrington (3 Major). Senza dimenticare Josè Maria Olazàbal, che nel suo invidiabile palmares vanta ben 29 tornei, tra cui quattro Ryder Cup, e l'altro iberico Jon Rahm. A rappresentare l'Italia Nino Bertasio (dopo lo show all'Open che si è chiuso domenica a Monza), Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Renato Paratore e Andrea Maestroni. Una gara con l'accento sulla solidarietà. Perché la Fondazione Sergio Garcia ha già annunciato che donerà l'intero incasso del torneo in beneficenza.

Archivio Ultima ora