Un italo americano alla corte di Re Trump

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

paul

NEW YORK – Paul Manafort, un italo-americano alla corte di “Re Trump”. Dopo il “Super Tuesday”, il cammino del frontrunner repubblicano è tutto in discesa. Il magnate newyorchese si è imposto, e lo ha fatto senza lasciare margini a dubbi, nei cinque stati chiamati a pronunciarsi in questa peculiare corsa alla “nomination”.

Ora Trump, certo di arrivare alla “Convention” con la maggioranza dei delegati, dovrà convincere la “Grand Old Party”, nel caso che l’ultima conta, come indicano i sondaggi, non dovesse dargli una certezza matematica.

Il discorso di Trump, ora, non è più quello del pre-candidato. Si è trasformato in quello dello sfidante repubblicano, aspirante alla poltrona della Casa Bianca. Il messaggio, nel discorso dell’altra sera, è stato chiaro.

– Vinceremo al primo voto – ha detto -. Batteremo Hillary facilmente.

Oggi Trump terrà un discorso importante su temi di politica estera. Dovrà dimostrare che, al di là degli slogan elettorali e dei discorsi pasticcioni – caratterizzati dalla violenza della demagogia e dalle promesse impregnate di un populismo rancio – ha i numeri per essere il presidente della nazione più potente del mondo. Insomma, l’uomo giusto per la Casa Bianca.

Archiviata con un laconico comunicato l’era di Carey Lewandowski, che fino a ieri ha disegnato le strategie della campagna elettorale del frontrunner repubblicano, Trump ora ripone tutte le sue speranze su un italo-americano, Paul Manafort, assai noto nel mondo della politica americana. Manafort è una vecchia volpe, un avvocato di 67 anni già consigliere di presidenti e candidati repubblicani – leggasi, Gerald Ford, George H Bush, George W Bush e Jhon McCain -, un lobbysta formatosi nelle aule della Georgetown University.

Le origini italiane di Paul Manafort si fanno risalire al nonno. Questi, il cui cognome forse era Manaforte poi trasformato in Manafort, pare sia stato un umile emigrante che si è fatto spazio nella terra promessa nella quale ha realizzato il suo “sogno americano”

Subirà una trasformazione di 180 gradi la campagna elettorale di Donald Trump? A dissipare ogni dubbio è stato lo stesso Manafort:
– Il messaggio di Trump non cambierà nei suoi concetti fondamentali, ma sarà presentato in modo diverso. Avevamo un messaggio che ha funzionato, ma che non era pensato per l’intera durata della campagna. Bisogna creare un nuovo modello, più tradizionale, e Trump lo sa. Stiamo lavorando insieme su questo. Dal mio punto di vista tutto questo balbettio dei nostri rivali durante le ultime due o tre settimane è stato un circo mediatico geniale, ma sarà completamente irrilevante se noi lavoriamo bene.

Le responsabilità del lobbista, per ora, riguardano solo la strategia e la struttura della campagna elettorale del candidato repubblicano. Si punta sulla maggioranza dei delegati e quindi sulla coronazione finale di “Re Trump” nella “Convention”. Ma questa, si sa, è solo una possibilità e, vista la matematica, anche una probabilità remota. Per questo Manafort ha anche assicurato che, qualora ci si avviasse verso una “Convention aperta”, il nuovo team avrebbe già pronto un “piano di contingenza”.

Nel presentare il nuovo stratega, nel suo portale, “Trump make America great again”, il magnate del mattone asserisce:

“Paul è una grande risorsa e un importante valore aggiunto. Lui e l’intera squadra che sto costruendo garantiranno che sia rispettata la volontà degli elettori repubblicani, e non dell’establishment politico di Washington, nella selezione del candidato del partito repubblicano. Non vedo l’ora di vincere la nomination e, infine, la presidenza, per rendere l’America di nuovo grande”.

Nonostante abbia lavorato in più di una campagna elettorale, Manafort non è molto conosciuto a Washington. Habitué della “Trump Tower”, nel cuore di Manhattan, dove era solito incontrare Trump, come capita ai buoni vicini, Manafort ha sempre amato vivere nel distretto di Columbia.

Il suo ingresso alla politica è avvenuto quando, ancora giovane, nel 1976, integrò lo staff di Gerald Ford come legale. Poi, attraverso la sua società di consulenza, è riuscito a crearsi una fitta rete di contatti e relazioni.

Non tutte le consulenze di Manafort si sono svolte negli States e, come affermano alcuni detrattori, non tutte sono state realizzate seguendo i cristallini principi della trasparenza.

Comunque sia, Paul Manafort, negli anni, ha dimostrato di saper essere assai discreto, quasi invisibile, di saper sussurrare consigli alle orecchie dei candidati alla presidenza e di essere capace di sopravvivere agli intrighi di Palazzo.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

10:10Nuova Zelanda: premier annuncia di essere incinta

(ANSA-AP) - WELLINGTON, 19 GEN - La primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Arden, ha annunciato oggi di essere incinta, precisando che il lieto evento è atteso per giugno e aggiungendo che rimarrà per sei settimane in maternità. "Intendo pienamente rimanere contattabile e disponibile per tutto il periodo di sei settimane, quando sarà necessario", ha poi affermato, aggiungendo di aver chiesto al vice premier Winston Peters di sostituirla come primo ministro finché lei non tornerà al suo ufficio. Arden, 37 anni, ha inoltre detto che suo marito Clarke Gayford resterà a casa ad occuparti del bimbo. "Clarke e io abbiamo il privilegio di essere nella posizione in cui Clarke può rimanere a casa per essere il nostro principale assistente. Sapendo che così tanti genitori si destreggiano per la cura dei loro nuovi bambini, ci consideriamo molto fortunati", ha detto la premier, che è salita al potere nell'ottobre scorso, dopo esser diventata leader del partito laburista".

08:45Mafia: confiscati beni per 25 mln nel Trapanese

(ANSA) - PALERMO, 19 GEN - Beni per oltre 25 milioni di euro sono stati confiscati nel Trapanese. La Direzione investigativa Antimafia di Trapani ha notificato il decreto del Tribunale all'imprenditore di Campobello di Mazara, Andrea Moceri, 57 anni ed ai suoi familiari. Il patrimonio, era già stato sequestrato nel novembre del 2015. Nei confronti di Moceri è stata imposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per due anni. Secondo i magistrati tra le imprese illecitamente finanziate vi è l'oleificio "Fontane d'oro s.a.s." (oggi in amministrazione giudiziaria), con sede a Campobello di Mazara (TP), intestato a prestanome di Francesco Luppino (detenuto), accusato di essere, tra gli uomini più fedeli del boss latitante Matteo Messina denaro. Il patrimonio comprende 35 unità immobiliari, locali commerciali, appartamenti per civile abitazione, rimesse, 35 appezzamenti di terreno, 5 compendi aziendali, quote di partecipazioni in varie società di capitali, numerosi conti bancari e polizze assicurative.

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

Archivio Ultima ora