Un italo americano alla corte di Re Trump

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

paul

NEW YORK – Paul Manafort, un italo-americano alla corte di “Re Trump”. Dopo il “Super Tuesday”, il cammino del frontrunner repubblicano è tutto in discesa. Il magnate newyorchese si è imposto, e lo ha fatto senza lasciare margini a dubbi, nei cinque stati chiamati a pronunciarsi in questa peculiare corsa alla “nomination”.

Ora Trump, certo di arrivare alla “Convention” con la maggioranza dei delegati, dovrà convincere la “Grand Old Party”, nel caso che l’ultima conta, come indicano i sondaggi, non dovesse dargli una certezza matematica.

Il discorso di Trump, ora, non è più quello del pre-candidato. Si è trasformato in quello dello sfidante repubblicano, aspirante alla poltrona della Casa Bianca. Il messaggio, nel discorso dell’altra sera, è stato chiaro.

– Vinceremo al primo voto – ha detto -. Batteremo Hillary facilmente.

Oggi Trump terrà un discorso importante su temi di politica estera. Dovrà dimostrare che, al di là degli slogan elettorali e dei discorsi pasticcioni – caratterizzati dalla violenza della demagogia e dalle promesse impregnate di un populismo rancio – ha i numeri per essere il presidente della nazione più potente del mondo. Insomma, l’uomo giusto per la Casa Bianca.

Archiviata con un laconico comunicato l’era di Carey Lewandowski, che fino a ieri ha disegnato le strategie della campagna elettorale del frontrunner repubblicano, Trump ora ripone tutte le sue speranze su un italo-americano, Paul Manafort, assai noto nel mondo della politica americana. Manafort è una vecchia volpe, un avvocato di 67 anni già consigliere di presidenti e candidati repubblicani – leggasi, Gerald Ford, George H Bush, George W Bush e Jhon McCain -, un lobbysta formatosi nelle aule della Georgetown University.

Le origini italiane di Paul Manafort si fanno risalire al nonno. Questi, il cui cognome forse era Manaforte poi trasformato in Manafort, pare sia stato un umile emigrante che si è fatto spazio nella terra promessa nella quale ha realizzato il suo “sogno americano”

Subirà una trasformazione di 180 gradi la campagna elettorale di Donald Trump? A dissipare ogni dubbio è stato lo stesso Manafort:
– Il messaggio di Trump non cambierà nei suoi concetti fondamentali, ma sarà presentato in modo diverso. Avevamo un messaggio che ha funzionato, ma che non era pensato per l’intera durata della campagna. Bisogna creare un nuovo modello, più tradizionale, e Trump lo sa. Stiamo lavorando insieme su questo. Dal mio punto di vista tutto questo balbettio dei nostri rivali durante le ultime due o tre settimane è stato un circo mediatico geniale, ma sarà completamente irrilevante se noi lavoriamo bene.

Le responsabilità del lobbista, per ora, riguardano solo la strategia e la struttura della campagna elettorale del candidato repubblicano. Si punta sulla maggioranza dei delegati e quindi sulla coronazione finale di “Re Trump” nella “Convention”. Ma questa, si sa, è solo una possibilità e, vista la matematica, anche una probabilità remota. Per questo Manafort ha anche assicurato che, qualora ci si avviasse verso una “Convention aperta”, il nuovo team avrebbe già pronto un “piano di contingenza”.

Nel presentare il nuovo stratega, nel suo portale, “Trump make America great again”, il magnate del mattone asserisce:

“Paul è una grande risorsa e un importante valore aggiunto. Lui e l’intera squadra che sto costruendo garantiranno che sia rispettata la volontà degli elettori repubblicani, e non dell’establishment politico di Washington, nella selezione del candidato del partito repubblicano. Non vedo l’ora di vincere la nomination e, infine, la presidenza, per rendere l’America di nuovo grande”.

Nonostante abbia lavorato in più di una campagna elettorale, Manafort non è molto conosciuto a Washington. Habitué della “Trump Tower”, nel cuore di Manhattan, dove era solito incontrare Trump, come capita ai buoni vicini, Manafort ha sempre amato vivere nel distretto di Columbia.

Il suo ingresso alla politica è avvenuto quando, ancora giovane, nel 1976, integrò lo staff di Gerald Ford come legale. Poi, attraverso la sua società di consulenza, è riuscito a crearsi una fitta rete di contatti e relazioni.

Non tutte le consulenze di Manafort si sono svolte negli States e, come affermano alcuni detrattori, non tutte sono state realizzate seguendo i cristallini principi della trasparenza.

Comunque sia, Paul Manafort, negli anni, ha dimostrato di saper essere assai discreto, quasi invisibile, di saper sussurrare consigli alle orecchie dei candidati alla presidenza e di essere capace di sopravvivere agli intrighi di Palazzo.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora