Draghi, io italiano ma non do una mano a Roma o Parigi

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

draghi

ROMA. – Sono italiano, ma la mia nazionalità è un tema che “non appassiona nessuno al mondo a parte i media tedeschi”. Parola di Mario Draghi, che torna sullo scontro con il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ribadendo che la Bce non sta a sentire i politici, e risponde con un altolà al sospetto che la ‘sua’ Bce stia rendendo la vita più facile ai governi di Renzi in Italia o di Hollande in Francia.

L’occasione è un’intervista alla Bild, il ‘tabloid’ tedesco che torna sul tema, estremamente popolare in Germania, dello svantaggio per i risparmiatori tedeschi dei tassi negativi introdotti dalla Bce e sulle accuse rivolte al ‘presidente italiano’ del guardiano della stabilità dei prezzi.

“Che differenza farebbe se un non italiano fosse al posto mio? nessuna. Terrebbe la stessa rotta che teniamo adesso. Tutte le altre grandi banche centrali del mondo stanno seguendo politiche simili”, replica Draghi incalzato sui timori dei tedeschi per una nazionalità percepita come più ‘spendacciona’ e sull’appello di alcuni settori politici perché il prossimo presidente della Bce sia tedesco.

Una difesa che riguarda anche i rapporti con i governi: il quantitative easing ha indubbiamente tolto molte castagne dal fuoco di Roma o Madrid o Parigi (si pensi agli spread e al risparmio sulla spesa per interessi), ma l’italiano alla guida della Bce ricorda che l’Eurotower agisce per l’Eurozona come un tutt’uno.

“No”, è la risposta secca alla domanda se la Bce non abbia reso più facile la vita all’Italia o alla Francia togliendo la pressione dei mercati. “La gran parte dei governi si sta muovendo, anche se troppo lentamente a mio personale avviso. Sarebbe bene se facessero di più. Ma questo non dipende direttamente dalle politiche della Bce”.

L’argomentazione di Draghi – che, va ricordato, nel 2011, prima degli aiuti per riportare sotto controllo lo spread, da governatore di Bankitalia fu co-firmatario della famosa lettera della Bce con un ultimatum al governo Berlusconi – entra nel merito: “le riforme del sistema giudiziario, elettorale o del mercato del lavoro, ad esempio, non hanno molto a che fare con i tassi d’interesse. E dunque non trovo convincente l’idea che dobbiamo tenere alta la pressione. Non è neanche il nostro compito”.

Una difesa a tutto campo, insomma, che arriva all’indomani dell’offensiva di Jens Weidmann, il presidente della Budnesbank e consigliere Bce, portata direttamente a Roma. Lo stesso Weidmann è tornato sul “circuito vizioso” debito pubblico-banche, e ha respinto l’idea di lavorare per il dopo-Draghi: il dibattito sulle successione all’italiano “sembra eccitare altri molto più che me”, dice in un’intervista a Repubblica Tv, anche se una candidatura non si esclude affatto leggendo in controluce le sue parole: “sarebbe piuttosto strano escludere un tedesco, un italiano o un francese, un olandese o un tedesco”.

Draghi, il cui mandato scade a fine 2019 e che sulle pagine della Bild esorcizza il referendum su Brexit (“non voglio né posso credere” che votino sì) e augura alla cancelliera Angela Merkel di “continuare a lottare per l’Europa”, con la Bild deve anche rassicurare i tedeschi sui i rendimenti ridotti all’osso dei loro fondi pensione e d’investimento: i tassi sotto zero, gli ricorda sulle pagine della Bild, sono oggi un dato di fatto in buona parte del mondo industrializzato.

I tassi reali, quelli che contano davvero, “sono più alti oggi che negli anni ’90” e d’altra parte gli interessi sui risparmi derivano dalla crescita, dunque l’interesse dei risparmiatori è che l’inflazione si stabilizzi e la crescita divenga più robusta”.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

19:41Terrorismo: tunisino e algerino radicalizzati espulsi Italia

(ANSA) - PADOVA, 19 GEN - Un tunisino 35enne ed un algerino, ritenuti radicalizzati al mondo jihadista, sono stati espulsi dal territorio italiano dalla Polizia. Il tunisino era detenuto nel carcere di Padova, in seguito a una condanna per droga. Le informazioni raccolte dalla Digos avevano evidenziato la sua tendenza al proselitismo. Già nel 2015 il 35enne era stato inserito nell'elenco dei detenuti da 'attenzionare'. Nella sua cella erano stati trovati, tra gli altri, alcuni disegni di una collezione di armi ed uno raffigurante la torre Eiffel con un angelo, tipico simbolo jahadista della morte, sulla sommità. L'algerino è stato rintracciato sempre a Padova, casualmente, durante un controllo interforze in un bed & breakfast. Il titolare aveva omesso la registrazione delle sue generalità; controllando sulle banche dati delle forze di polizia è stato scoperto che si trattava di una persona vicina ad ambienti dell'islam radicalizzato, ed è stato a sua volta espulso.

19:30Segre all’ANSA, è stato un fulmine, sono solo un araldo

(ANSA) - TEL AVIV, 19 GEN - "Non posso darmi altra importanza che quella di essere un araldo, una persona che racconta ciò di cui è stata testimone...". Lo ha detto all'ANSA Liliana Segre, 88 anni, nominata dal presidente Sergio Mattarella senatrice a vita. "E' stato - ha raccontato in un colloquio telefonico - un fulmine a ciel sereno. Mi sento una donna qualunque, una nonna, e non ho mai pensato a tutto questo. Sapere di essere tra i senatori a vita è un onore e una grande responsabilità".

19:23Scuola: slogan in piazza a Bologna contro il ministro Fedeli

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - Alcune decine di manifestanti si sono dati appuntamento fuori da Palazzo Re Enzo, in Piazza Maggiore, per contestare il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli ospite della tre giorni 'Futura' sulla scuola digitale in corso a Bologna. Guardati a vista dalle forze dell'ordine, i manifestanti - sotto le bandiere dei sindacati Sgb, Usb e di 'Potere al Popolo' hanno scandito alcuni slogan gridando, tra l'altro, 'Fedeli Vattene via' e 'Ma quale buona scuola, solo una bugia'. I manifestanti hanno inoltre esposto due striscioni con scritto: 'Precariato crimine di Stato' e ' Pd, ministro Fedeli, il nostro futuro lo decidiamo noi'.

19:06Aggressioni con acido, ‘bimbo Martina va tolto da atrocità’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Nemmeno i nonni materni "hanno dimostrato una reale presa di coscienza delle atrocità delle condotte della figlia" e valutando il "superiore interesse del minore" va detto che il piccolo non può restare "legato alla famiglia di origine", perché "inevitabilmente sarebbe costretto a confrontarsi con la drammatica storia familiare dei suoi genitori". Lo scrive la Cassazione che ha confermato l'adottabilità del bimbo partorito nel 2015 da Martina Levato, condannata con Alex Boettcher per i blitz con l'acido. Nelle scorse settimane Martina aveva scritto al suo legale, l'avvocato Laura Cossar: "Sappi che ti stimo come avvocato e come donna, perché con il tuo lavoro puoi salvare tante famiglie da ingiusti rapimenti". L'ex compagna di Boettcher gridava anche al "miracolo" perché il pg aveva chiesto che il piccolo, che "mi ha cambiato completamente", venisse affidato ai nonni materni.

19:02Paese in lite per campane,sondaggio stabilirà se silenziarle

(ANSA) - ALESSANDRIA, 19 GEN - Per alcuni quei rintocchi a tutte le ore sono un dolce cullar, per altri un motivo di insonnia. Mombello Monferrato, millecento abitanti in provincia di Monferrato, litiga per le campane della chiesa di Santi Pietro e Anna. Così il municipio ha spedito a tutti i maggiorenni del paese una lettera-sondaggio per chiede se vogliono quelle campane anche dalla mezzanotte alle sei del mattino. Lo spoglio delle schede è previsto per mercoledì 24 gennaio. A sollevare il caso era stato Roberto Imarisio, titolare di un resort. "I nostri clienti apprezzano l'accoglienza e le bellezze del territorio. Ma chi ha il sonno leggero ci ha fatto notare con rammarico quei rintocchi...". Lamentele anche da parte di un ristorante vicino alla parrocchia e da alcuni residenti. "Rimetto ogni decisione al Comune. L'Italia ha le sue regole e per me non ci sarebbe nessun problema a interrompere il suono di notte", è la versione del parroco. Di qui la decisione del sondaggio, strumento moderno che sembra quasi rievocare l'epoca di don Camillo e Peppone, quando si litigava anche per le campane.(ANSA).

18:55Aggredito in treno con frasi razziste, denunciati 2 minori

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 19 GEN - Due ragazzi di 14 e 17 anni sono stati denunciati dalla polizia ferroviaria per lesioni personali in concorso di stampo razzista e violenza privata aggravata verso un giovane cinese, anche lui minorenne, avvenuta il 23 dicembre scorso su un treno regionale da Pisa a Firenze. I due lo avrebbero afferrato e steso a terra con un pugno, per poi inveire entrambi a calci pronunciando frasi razziste. E'accaduto di fronte ad amici del ragazzo cinese e altri testimoni. Gli aggressori poi erano scesi alla stazione di Empoli (Firenze) fuggendo dopo che alcuni avevano chiamato la polizia. Il ferito era stato soccorso da 118 e Polfer a Firenze e accompagnato all'ospedale. Gli amici avevano incrociato gli aggressori anche nel treno di ritorno da Firenze verso Pisa ed erano stati minacciati per aver chiamato il 113. La Polfer ha visionato le immagini della telecamere riuscendo a individuare i due.

18:53Pugilato: via libera dalle autorità, torna Tyson Fury

(ANSA) - CARDIFF, 19 GEN - L'ex campione del mondo dei pesi massimi Tyson Fury ha riavuto la licenza dalle autorità pugilistiche britanniche, e può quindi tornare a combattere. La decisione è stata ufficializzata dal segretario generale del British Boxing Board, Robert Smith. L'ex campione è fermo dal novembre 2015 quando conquistò i titoli mondiali Wba, Ibf e Wbo battendo a sorpresa l'ucraino Wladimir Klitschko. Poi vennero i guai con la giustizia ordinaria e sportiva per la dipendenza da alcol e droga (in particolare cocaina), fino alla positività a un test antidoping. Ora British Boxing gli ha ridato il via libera a patto che si sottoponga a periodici test e visite mediche. Nel frattempo Fury, che è arrivato a pesare 160 chili, dovrà rimettersi in forma perché intende disputare il match del suo rientro ad aprile. Poi l'obiettivo sarà sfidare l'attuale campione del mondo, il connazionale Anthony Joshua, incontro che in Gran Bretagna farebbe sicuramente registrare il tutto esaurito.

Archivio Ultima ora