Voto all’estero: Dodici collegi uninominali e scrutinio nei Consolati

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

voto

ROMA – “E’ arrivato il momento di mettere mano alla legge del 27 dicembre 2001, n. 459. Nel dibattito sul processo riformatore in atto che vede importanti modifiche costituzionali, le quali saranno oggetto della votazione popolare nel prossimo autunno, un’attenzione particolare va posto al voto degli italiani all’estero, che nell’ultima tornata elettorale ha segnato un significativo calo”.

Così Gianni Farina, deputato del Pd eletto nella circoscrizione Estero-ripartizione Europa, che il 5 aprile scorso ha depositato alla Camera una proposta che contiene modifiche alla normativa in materia di esercizio del diritto di voto da parte dei cittadini italiani residenti all’estero.

“Passare dalle Ripartizioni (4) ai collegi (12), l’invio dei plichi elettorali direttamente dal ministero dell’Interno e scrutinio nei Consolati di Prima categoria sono i punti chiave contenuti nella mia proposta” spiega l’on. Farina.

“Alle prime elezioni politiche del 2006 – ricorda il parlamentare – gli elettori e le elettrici censiti dal Ministero dell’Interno furono per la Camera dei Deputati 2.707.382. Di essi votarono 1.053.864, il 38, 93 per cento. Leggermente superiore la percentuale dei votanti per il Senato: il 39,55 per cento. Una risposta politica eccezionale che confermò la validità della decisione di istituire il voto all’estero in quelle modalità.

Il dato percentuale più elevato si registrò in America meridionale con il 47,01 per cento. In Europa, dove votarono 569.319 del 1.579.543 di aventi diritto, si registrò il 36,04 per cento. In America settentrionale il 34,70 per cento e in Africa-Asia-Oceania e Antartide il 39,85 per cento. Dati piuttosto uniformi che – osserva il deputato – rivelarono il senso di attaccamento degli emigrati al sistema politico e alla democrazia italiana.

Il dato più eclatante in Europa fu quello svizzero, con il 48,16 per cento. Quasi un emigrato su due votò. In Argentina votò il 50,59 percento. Meno marcata fu la risposta italiana negli Stati Uniti, con il 30,71 per cento, a differenza di quella in Canada, con il 40,46 per cento. Mentre nella ripartizione Africa-Asia-Oceania e Antartide si distinse l’Australia con il 36,82 per cento.

Nel 2008 – aumentò il numero degli aventi diritto: 2.924.178. Più di 200 mila. Crebbe anche la partecipazione al voto: il 39,51 per cento la media percentuale di tutta la Circoscrizione Estero”, rammenta ancora Farina . Percentuali non certo raggiunte nelle ultime elezioni politiche .

“Il dato sul quale sollecito una riflessione è quello ultimo, del 2013”, rimarca infatti Farina facendo notare che “a fronte di un grande aumento di aventi diritto, 3.494.687 (in Sud America quasi 500 mila elettori in più, dovuti alla riacquisizione della cittadinanza), ha votato appena il 31,59 per cento, 1.103.989.

Infatti il calo più consistente si registra proprio in quell’area, dove l’aumento di “nuovi italiani” non è stato accompagnato dall’aumento di votanti. Anche l’’Europa, pur registrando un aumento di votanti, segna un importante calo in percentuale: dal 36 al 30 per cento”.

Un “fenomeno di disaffezione” sul quale “ha influito sicuramente la crisi della politica e la disillusione” . Ma , soggiunge Farina, “a me non bastano queste argomentazioni politologiche”. “Io credo che sia il momento di intervenire legislativamente per adeguare la Circoscrizione Estero alle conformità territoriali dei nostri connazionali all’estero”, afferma Farina.

Che motiva e illustra la sua proposta: “Quattro ripartizioni che suddividono l’intero pianeta sono troppo grandi. Tanto grandi che non permettono ai parlamentari di svolgere adeguatamente il loro lavoro nel rapporto con i propri elettori. Dalla Grecia alla Norvegia, dal Portogallo alla Russia per la sola Europa. Oppure pensiamo ad Africa, Asia, Oceania oppure al Canada e agli Stati Uniti o a tutto il Sud America.

Occorre intervenire per ridimensionare le Ripartizioni e permettere agli eletti di esercitare il loro mandato adeguatamente. Il rapporto territorio e rappresentante è vitale anche per la partecipazione democratica degli italiani residenti all’estero.

Essi non sono una massa indistinta. Presentano caratteristiche diverse. Anche gli eletti non possono più, con il giusto contenimento dei costi della politica, girare come trottole per aree continentali e intercontinentali. E’ ora di istituire collegi più piccoli attraverso una legge che preveda nella Circoscrizione Estero l’istituzione di 12 collegi uninominali.

In questo modo si permetterà anche alle aree di minore presenza italiana, di concorrere all’elezione del loro parlamentare. Nella prima elezione del 2006 e in quella successiva del 2008, in Europa dei parlamentari eletti (6 deputati e 2 senatori) 4 erano residenti in Svizzera. Nel 2013 sono prevalsi i candidati residenti in Svizzera (3) e in Germania (2).

La massa critica di votanti in queste aree prevarrà sempre sulle altre. Così è successo in Sud America con l’Argentina (4) e il Brasile (2) che eleggono tutti e 6 i rappresentanti. Soprattutto in queste due ripartizioni l’attuale legge penalizza le comunità, pur numerose, che vivono in altri Paesi.

Occorre rimediare per estendere l’opportunità di accesso alla rappresentanza parlamentare anche alle comunità di minore entità che potrebbero concorrere in un collegio uninominale!

5 o 6 collegi in Europa (dipenderà dagli iscritti Aire) significa ripartire equamente le rappresentanze politiche e permettere a tutte le comunità di concorrere alla conquista di un seggio. Si rafforzerà il rapporto tra eletti e territorio. Si eviterà di accrescere la sfiducia e il calo di votanti. Si ridurrà il costo delle campagne elettorali.

Il sistema più adatto per andare incontro a queste esigenze politiche è quello maggioritario. Penso al “Collegio uninominale”. Cioè la presenza di un solo candidato per partito (o per coalizione) in ogni collegio e l’elezione di un solo rappresentante.

Una nuova legge elettorale che disciplina il voto all’estero incoraggia l’aggregazione dei partiti minori e semplifica il sistema politico evitando una proliferazione di liste tese a concorrere in vastissime aree come le attuali ripartizioni continentali e intercontinentali.

Con la nuova legge che propongo l’elettore sceglie direttamente il suo candidato in un’area più ristretta e favorisce il contatto ravvicinato tra eletto/a ed elettore/trice.

Penso all’articolo 6, nel quale vengono definite le Ripartizioni. Nella proposta di legge si istituisce i collegi uninominali. L’articolo 8, nel quale si stabilisce la modalità della presentazione delle liste e dei candidati/e, che dovranno essere residenti nel collegio da almeno 3 anni.

L’articolo 11, in particolar modo al comma 1, l’assegnazione dei seggi non sarà effettuata più in ragione proporzionale, ma secondo il sistema uninominale maggioritario. All’articolo 12, comma 7, si stabilisce che le buste elettorali con le schede votate, una volta tornate in Consolato non dovranno più essere spedite in Italia, all’Ufficio centrale per la circoscrizione Estero, ma scrutinate in loco nelle modalità stabilite dal successivo articolo 14.

Si chiede inoltre l’istituzione di un 1 seggio ogni 2,5 mila elettori, rispetto all’attuale legge che stabilisce 1 seggio ogni 5 mila, causando lungaggini e stanchezze nello scrutinio delle schede.

Cambia anche l’articolo 13 che definisce la costituzione dei seggi elettorali presso i Consolati.

Modifiche anche all’articolo 15, che stabilisce le modalità di assegnazione dei seggi”.

Sottolinea l’on. Farina che “con questa proposta di riforma della legge del 2001, n. 459 ‘Norme per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all’estero’ si aggiorna un meccanismo elettorale e di rappresentanza politica sulla base di 10 anni di esperienza che ci permettono di intervenire in qualità di legislatori per stabilizzare la partecipazione democratica degli italiani all’estero al riparo dai rischi di manipolazioni e inquinamenti e dai “paperoni” che nelle grandi ripartizioni possono mettere in campo ingenti risorse.

Procedure trasparenti, contenimento di costi della politica ed equilibrio tra aree geografiche e tra candidati e candidate sono i principi – conclude il deputato Pd – ai quali si ispira la mia proposta di legge”.

Ultima ora

19:24Cc Firenze: gip rigetta, non sentirà ragazze Usa

(ANSA) - FIRENZE, 19 SET - Il gip di Firenze Mario Profeta ha rigettato la richiesta della procura di tenere un incidente probatorio per ascoltare le due studentesse Usa che hanno denunciato la violenza sessuale subita da due carabinieri la notte tra il 6 e il 7 settembre scorso. Il gip ritiene che non vi siano i presupposti, neanche di urgenza, per acquisire di nuovo le testimonianze delle due giovani oltre ai verbali di denuncia. Le studentesse potranno tornare in Italia in un altro momento per i futuri processi.(ANSA).

19:23Padre con due bimbi tra rifiuti e topi a Parma

(ANSA) - PARMA, 19 SET - Un padre con due bambini piccoli in un locale di 20 metri quadri, umido e sporco, con un ammasso di rifiuti davanti all'ingresso e ratti che scorazzavano. Li ha trovati la Polizia municipale di Parma durante un controllo in un casolare nella zona San Leonardo. Nello stabile sono stati trovati diversi giacigli con tracce di recenti bivacchi e una donna straniera che dormiva ed è stata indirizzata alla Caritas. In una seconda unità è stato trovato l'uomo, un romeno, che ha detto di essere il padre dei piccoli e ha aggiunto che la mamma era invece 'impegnata' a chiedere l'elemosina in centro. Non avevano documenti e sono stati accompagnati al comando, dove i bambini sono stati ristorati; poi sono stati contattati i servizi sociali. Da un controllo pediatrico i bambini sono risultati in buona salute, nonostante le scarse condizioni igieniche. La famiglia è stata temporaneamente collocata in strutture emergenziali. (ANSA).

19:23Macron a Trump, accordo clima non sarà mai rinegoziato

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - "L'accordo non sarà mai rinegoziato. Rispetto profondamente la decisione degli Stati Uniti e la porta resterà aperta per un loro ritorno. Ma noi andremo avanti": così il presidente francese Emmanuel Macron dalla tribuna dell'Assemblea generale dell'Onu ha replicato a Donald Trump sull'accordo di Parigi sul clima.

19:22Birmania:Macron accusa,pulizia etnica contro Rohingya

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Il presidente francese Emmanuel Macron denuncia la "pulizia etnica" in corso in Birmania contro i Rohingya nel corso del suo primo intervento all'Assemblea generale dell'Onu.

19:20Calcio: Lazio-Napoli, attesi oltre 20mila spettatori

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Sono oltre 20mila gli spettatori attesi per la partita di domani sera tra Lazio e Napoli all'Olimpico. Di questi, quasi duemila provenienti da tutta Italia. Circa 200, invece, gli ultras partenopei in arrivo da Napoli, tutti in possesso di fidelity card. Il piano sicurezza è stato messo a punto ad un tavolo tecnico presieduto dal questore Guido Marino. Previsto un "presidio capillare del territorio" ma "senza blindatura", sottolinea la Questura. Controlli accurati ai caselli autostradali e telecamere della polizia scientifica, oltre il sistema di videosorveglianza dello stadio, soprattutto nelle aree esterne. L'afflusso prevede due direttrici opposte: per i laziali dall'area di Ponte Milvio, raggiungibile dalle arterie Flaminia, Salaria e tangenziale; mentre per i napoletani, che siederanno nel settore Sud, l'arrivo consigliato è dalla direttrice Aurelia e Olimpica per chi deve andare in tribuna Monte Mario. Venti le pattuglie di polizia e dei carabinieri che vigileranno per evitare incontri fra tifoserie.

19:05Maria: 500 centri di accoglienza a Porto Rico

(ANSA) - WASHINGTON, 19 SET - Sono 500 i centri di accoglienza installati a Porto Rico in vista del passaggio del'uragano Maria atteso per le prossime ore. La perturbazione - che è al momento classificata come di categoria 5 - ha parzialmente leggermente modificato la sua traiettoria e al momento si attende che il suo occhio sorvoli l'estremità sud-ovest dell'isola di St. Croix, stando al governatore delle Virgin Islands, Kenneth Mapp. E si prevede che le condizioni comincino a peggiorare da questa sera.

19:05Bus Catalogna: ancora archiviata la causa contro l’autista

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Dopo quella di novembre scorso, un giudice del tribunale di Amposta, in Catalogna, ha deciso una nuova archiviazione della causa contro l'autista del bus sul quale morirono il 20 marzo 2016 13 studentesse dell'Erasmus, di cui 7 italiane. Secondo la stampa locale il gip riterrebbe che non ci siano indizi per accusare l'autista e vorrebbe rinviare le parti a un'eventuale causa civile. La decisione ha creato sconcerto tra i genitori: "consiglio a tutti di non mandare i propri figli in Spagna", ha esortato Alessandro Saracino, padre di Serena. Un altro genitore, Anna Bedin, madre di Elisa Valent, ha chiesto che "il Papa, il Presidente della Repubblica e del Consiglio ci stiano vicini". In ogni caso i legali spagnoli delle famiglie italiane hanno annunciato un reclamo contro la decisione del giudice istruttore catalano.

Archivio Ultima ora