Voto all’estero: Dodici collegi uninominali e scrutinio nei Consolati

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

voto

ROMA – “E’ arrivato il momento di mettere mano alla legge del 27 dicembre 2001, n. 459. Nel dibattito sul processo riformatore in atto che vede importanti modifiche costituzionali, le quali saranno oggetto della votazione popolare nel prossimo autunno, un’attenzione particolare va posto al voto degli italiani all’estero, che nell’ultima tornata elettorale ha segnato un significativo calo”.

Così Gianni Farina, deputato del Pd eletto nella circoscrizione Estero-ripartizione Europa, che il 5 aprile scorso ha depositato alla Camera una proposta che contiene modifiche alla normativa in materia di esercizio del diritto di voto da parte dei cittadini italiani residenti all’estero.

“Passare dalle Ripartizioni (4) ai collegi (12), l’invio dei plichi elettorali direttamente dal ministero dell’Interno e scrutinio nei Consolati di Prima categoria sono i punti chiave contenuti nella mia proposta” spiega l’on. Farina.

“Alle prime elezioni politiche del 2006 – ricorda il parlamentare – gli elettori e le elettrici censiti dal Ministero dell’Interno furono per la Camera dei Deputati 2.707.382. Di essi votarono 1.053.864, il 38, 93 per cento. Leggermente superiore la percentuale dei votanti per il Senato: il 39,55 per cento. Una risposta politica eccezionale che confermò la validità della decisione di istituire il voto all’estero in quelle modalità.

Il dato percentuale più elevato si registrò in America meridionale con il 47,01 per cento. In Europa, dove votarono 569.319 del 1.579.543 di aventi diritto, si registrò il 36,04 per cento. In America settentrionale il 34,70 per cento e in Africa-Asia-Oceania e Antartide il 39,85 per cento. Dati piuttosto uniformi che – osserva il deputato – rivelarono il senso di attaccamento degli emigrati al sistema politico e alla democrazia italiana.

Il dato più eclatante in Europa fu quello svizzero, con il 48,16 per cento. Quasi un emigrato su due votò. In Argentina votò il 50,59 percento. Meno marcata fu la risposta italiana negli Stati Uniti, con il 30,71 per cento, a differenza di quella in Canada, con il 40,46 per cento. Mentre nella ripartizione Africa-Asia-Oceania e Antartide si distinse l’Australia con il 36,82 per cento.

Nel 2008 – aumentò il numero degli aventi diritto: 2.924.178. Più di 200 mila. Crebbe anche la partecipazione al voto: il 39,51 per cento la media percentuale di tutta la Circoscrizione Estero”, rammenta ancora Farina . Percentuali non certo raggiunte nelle ultime elezioni politiche .

“Il dato sul quale sollecito una riflessione è quello ultimo, del 2013”, rimarca infatti Farina facendo notare che “a fronte di un grande aumento di aventi diritto, 3.494.687 (in Sud America quasi 500 mila elettori in più, dovuti alla riacquisizione della cittadinanza), ha votato appena il 31,59 per cento, 1.103.989.

Infatti il calo più consistente si registra proprio in quell’area, dove l’aumento di “nuovi italiani” non è stato accompagnato dall’aumento di votanti. Anche l’’Europa, pur registrando un aumento di votanti, segna un importante calo in percentuale: dal 36 al 30 per cento”.

Un “fenomeno di disaffezione” sul quale “ha influito sicuramente la crisi della politica e la disillusione” . Ma , soggiunge Farina, “a me non bastano queste argomentazioni politologiche”. “Io credo che sia il momento di intervenire legislativamente per adeguare la Circoscrizione Estero alle conformità territoriali dei nostri connazionali all’estero”, afferma Farina.

Che motiva e illustra la sua proposta: “Quattro ripartizioni che suddividono l’intero pianeta sono troppo grandi. Tanto grandi che non permettono ai parlamentari di svolgere adeguatamente il loro lavoro nel rapporto con i propri elettori. Dalla Grecia alla Norvegia, dal Portogallo alla Russia per la sola Europa. Oppure pensiamo ad Africa, Asia, Oceania oppure al Canada e agli Stati Uniti o a tutto il Sud America.

Occorre intervenire per ridimensionare le Ripartizioni e permettere agli eletti di esercitare il loro mandato adeguatamente. Il rapporto territorio e rappresentante è vitale anche per la partecipazione democratica degli italiani residenti all’estero.

Essi non sono una massa indistinta. Presentano caratteristiche diverse. Anche gli eletti non possono più, con il giusto contenimento dei costi della politica, girare come trottole per aree continentali e intercontinentali. E’ ora di istituire collegi più piccoli attraverso una legge che preveda nella Circoscrizione Estero l’istituzione di 12 collegi uninominali.

In questo modo si permetterà anche alle aree di minore presenza italiana, di concorrere all’elezione del loro parlamentare. Nella prima elezione del 2006 e in quella successiva del 2008, in Europa dei parlamentari eletti (6 deputati e 2 senatori) 4 erano residenti in Svizzera. Nel 2013 sono prevalsi i candidati residenti in Svizzera (3) e in Germania (2).

La massa critica di votanti in queste aree prevarrà sempre sulle altre. Così è successo in Sud America con l’Argentina (4) e il Brasile (2) che eleggono tutti e 6 i rappresentanti. Soprattutto in queste due ripartizioni l’attuale legge penalizza le comunità, pur numerose, che vivono in altri Paesi.

Occorre rimediare per estendere l’opportunità di accesso alla rappresentanza parlamentare anche alle comunità di minore entità che potrebbero concorrere in un collegio uninominale!

5 o 6 collegi in Europa (dipenderà dagli iscritti Aire) significa ripartire equamente le rappresentanze politiche e permettere a tutte le comunità di concorrere alla conquista di un seggio. Si rafforzerà il rapporto tra eletti e territorio. Si eviterà di accrescere la sfiducia e il calo di votanti. Si ridurrà il costo delle campagne elettorali.

Il sistema più adatto per andare incontro a queste esigenze politiche è quello maggioritario. Penso al “Collegio uninominale”. Cioè la presenza di un solo candidato per partito (o per coalizione) in ogni collegio e l’elezione di un solo rappresentante.

Una nuova legge elettorale che disciplina il voto all’estero incoraggia l’aggregazione dei partiti minori e semplifica il sistema politico evitando una proliferazione di liste tese a concorrere in vastissime aree come le attuali ripartizioni continentali e intercontinentali.

Con la nuova legge che propongo l’elettore sceglie direttamente il suo candidato in un’area più ristretta e favorisce il contatto ravvicinato tra eletto/a ed elettore/trice.

Penso all’articolo 6, nel quale vengono definite le Ripartizioni. Nella proposta di legge si istituisce i collegi uninominali. L’articolo 8, nel quale si stabilisce la modalità della presentazione delle liste e dei candidati/e, che dovranno essere residenti nel collegio da almeno 3 anni.

L’articolo 11, in particolar modo al comma 1, l’assegnazione dei seggi non sarà effettuata più in ragione proporzionale, ma secondo il sistema uninominale maggioritario. All’articolo 12, comma 7, si stabilisce che le buste elettorali con le schede votate, una volta tornate in Consolato non dovranno più essere spedite in Italia, all’Ufficio centrale per la circoscrizione Estero, ma scrutinate in loco nelle modalità stabilite dal successivo articolo 14.

Si chiede inoltre l’istituzione di un 1 seggio ogni 2,5 mila elettori, rispetto all’attuale legge che stabilisce 1 seggio ogni 5 mila, causando lungaggini e stanchezze nello scrutinio delle schede.

Cambia anche l’articolo 13 che definisce la costituzione dei seggi elettorali presso i Consolati.

Modifiche anche all’articolo 15, che stabilisce le modalità di assegnazione dei seggi”.

Sottolinea l’on. Farina che “con questa proposta di riforma della legge del 2001, n. 459 ‘Norme per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all’estero’ si aggiorna un meccanismo elettorale e di rappresentanza politica sulla base di 10 anni di esperienza che ci permettono di intervenire in qualità di legislatori per stabilizzare la partecipazione democratica degli italiani all’estero al riparo dai rischi di manipolazioni e inquinamenti e dai “paperoni” che nelle grandi ripartizioni possono mettere in campo ingenti risorse.

Procedure trasparenti, contenimento di costi della politica ed equilibrio tra aree geografiche e tra candidati e candidate sono i principi – conclude il deputato Pd – ai quali si ispira la mia proposta di legge”.

Ultima ora

09:45Calcio: Mihajlovic il futuro è Torino, se Cairo vuole resto

(ANSA) - TORINO, 28 MAG - "Ho rivisto il mio Toro, oggi abbiamo giocato bene". Soddisfatto della prova del suo Torino il tecnico granata Mihajlovic dopo il 5-3 con cui ha superato il Sassuolo: "Il nono posto finale è giusto - aggiunge il tecnico serbo - con meno alti e bassi e più punti in trasferta avremmo lottato per l'Europa League". Per il futuro Mihajlovic ha le idee chiare: "Della nostra rosa credo che le conferme saranno 12 o 13, a parte prestiti e giovani che andranno in prestito. Belotti? Ci auguriamo che rimanga con noi, ma con la testa giusta. Se dovesse andare via arriveranno tanti soldi, ma non si può comprare tutto: è difficile trovare giocatori come lui". Ancora con il tecnico serbo in panchina: "Se Cairo mi ha confermato non ci dovrebbero essere problemi anche perché si sa che i contratti lasciano il tempo che trovano". Chi invece dovrebbe cambiare aria, è il tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco. "Domani incontrerò Carnevali per capire quale sarà il futuro: ho due anni di contratto, ho una clausola".

09:37Australia: disavventura per pescatore, squalo salta in barca

(ANSA) - SYDNEY, 29 MAG - Brutta avventura per un pescatore in Australia, che si è visto saltare dall'acqua nella sua barchetta un grande squalo bianco di oltre due metri e mezzo. E' accaduto a Terry Selwood di 73 anni, che stava pescando al largo di Evans Head a nord di Sydney, e se l'è cavata con una ferita al braccio. "Ho intravisto un turbinio di qualcosa che saltava dall'acqua dentro la barca", ha detto Selwood alla radio nazionale Abc. "Si è lanciato sopra il motore ed è atterrato in coperta. Era lungo due metri e 700 e circa 200 chili, e la mia barca misura 4 metri e mezzo di lunghezza". "La pinna pettorale dello squalo mi ha colpito all'avambraccio e mi ha gettato a terra", ha detto ancora. "Ero lì carponi e ci guardavamo negli occhi e poi ha cominciato a ballare e a scuotersi e sono riuscito appena a calarmi nella stiva. Perdevo sangue, ero scioccato, non potevo registrare cosa era successo", ha aggiunto. Selwood ha raggiunto la radio e ha chiamato il soccorso marino a Evans Head. Un equipaggio è accorso a salvarlo

09:26Bimbo morto: oggi l’autopsia

(ANSA) - ANCONA, 29 MAG - E' in programma oggi nell'ospedale di Ancona l'autopsia sul piccolo Francesco, il bambino di 7 anni morto sabato scorso nel presidio pediatrico 'Salesi' per le complicazioni di un'otite bilaterale curata per circa 15 giorni a casa solo con preparati omeopatici. All'esame autoptico, affidato al medico legale Mauro Pesaresi, possono partecipare periti di parte dei tre indagati: il dottor Massimiliano Mecozzi, l'omeopata da cui il bimbo era in cura, e i genitori di Francesco, due commercianti di Cagli. Tutti e tre hanno ricevuto un avviso di garanzia dalla procura di Urbino per concorso in omicidio colposo. Solo la sera del 23 maggio i genitori si erano decisi a chiamare il 118 viste le condizioni critiche del piccolo. Ma la corsa nell'Ospedale di Urbino e poi il trasferimento al 'Salesi' si sono rivelati inutili, così come un intervento neurochirurgico condotto nella notte del 24 maggio per aspirare l'ascesso cerebrale. L'infezione era ormai troppo estesa, e Francesco non si è mai risvegliato dal coma.

09:13Sri Lanka: 164 morti in emergenza inondazioni che persiste

(ANSA) - COLOMBO, 29 MAG - Il monsone sud-occidentale continua a flagellare lo Sri Lanka con intense piogge ed allagamenti delle campagne e di centri urbani con un bilancio di vittime salito ad oggi a 164 morti e 104 dispersi. Lo riferisce oggi il quotidiano Daily Mirror. Nella sua pagina online il giornale pubblica i dati del Centro per la gestione dei disastri (Dmc) secondo i quali le persone colpite dall'inclemenza meteorologica sono oltre 471.000 di cui 100.000 hanno preso posto in centinaia di rifugi di emergenza costituiti in scuole, edifici pubblici e tendopoli nell'ovest e nel sud dello Sri Lanka. Il Dmc ha inoltre diramato ieri sera un messaggio urgente di evacuazione per le persone residenti lungo le rive dei fiumi Kelani, Nilwala Ganga, Gin Ganga e Kalu Ganga, le cui acque continuano a crescere per il persistere delle piogge, che da domani aumenteranno di intensità.

08:40Trump, ‘Kushner ha mia totale fiducia’

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAG - Jared Kushner "sta facendo un ottimo lavoro per il Paese. Ha la mia totale fiducia". Lo afferma il presidente americano, Donald Trump, con il New York Times, intervenendo per la prima volta direttamente sul caso Kushner, uno dei suoi più stretti consiglieri e marito di Ivanka. "E' rispettato da tutti e sta lavorando a programmi che ci faranno risparmiare miliardi di dollari. Inoltre, e questa è forse la cosa più importante, è una brava persona".

08:39Corea Nord: Seul convoca Consiglio sicurezza nazionale

(ANSA) - PECHINO, 29 MAG - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha convocato una riunione d'urgenza del Consiglio sulla sicurezza nazionale, iniziata alle 7:30 (00:30 in Italia), come risposta immediata al lancio del missile a corto raggio deciso e fatto oggi da Pyongyang. La nuova intemperanza del Nord giunge nel mezzo degli sforzi di Seul per riaprire un canale almeno sull'assistenza umanitaria. La scorsa settimana, infatti, il ministero dell'Unificazione di Seul ha approvato la richiesta di un gruppo locale per la fornitura e la consegna di reti e sostanze repellenti contro gli insetti. Seul "replicherà con decisione alle provocazioni della Corea del Nord, ma allo stesso tempo, saremo flessibili sulla revisione dei mezzi per consentire aiuti umanitari e scambi tra civili senza compromettere le sanzioni internazionali", ha detto un funzionario ministeriale citato dall'agenzia Yonhap.

08:37Paura a Marbella, auto contro folla,ma è scontro tra bande

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - A Marbella un'auto all'improvviso si è lanciata contro la folla in una zona pedonale, falciando tre persone e facendo subito pensare ai drammatici precedenti di Nizza e Berlino. I testimoni, tutti in strada per la festa dello Champagne, scioccati parlano subito di terrorismo, dicono che l'auto sterzava per colpire più persone possibili. Dopo i primi attimi di terrore si scopre che la macchina impazzita in realtà non era lanciata a caso sulla folla, ma puntava su tre persone ben precise. Per vendetta. La polizia spagnola, dopo un inseguimento, ha arrestato l'autista e un altro passeggero dell'auto, entrambi ubriachi. Nel beach club più noto della capitale della Costa del Sol si sta celebrando lo 'Champagne Party', ma forse ne scorre troppo e tra due gruppi di inglesi scatta una rissa. Lo scontro è così violento che vengono tutti buttati fuori. Quando si ritrovano per strada continuano i tafferugli. Poco dopo tornano in macchina per investire i componenti dell'altro gruppo. Il terrorismo è escluso.

Archivio Ultima ora