Champions: magia di Saul, e l’Atletico stende il Bayern

Pubblicato il 27 aprile 2016 da redazione

Atletico Madrid's player Saul Niguez (R) celebrates with Koke (L) after scoring the opening goal during the UEFA Champions League semifinal first leg soccer match between Atletico Madrid and Bayern Munich played at the Vicente Calderon stadium, in Madrid, Spain, 27 April 2016.  EPA/Juan Carlos Hidalgo

Atletico Madrid’s player Saul Niguez (R) celebrates with Koke (L) after scoring the opening goal during the UEFA Champions League semifinal first leg soccer match between Atletico Madrid and Bayern Munich played at the Vicente Calderon stadium, in Madrid, Spain, 27 April 2016. EPA/Juan Carlos Hidalgo

ROMA. – Primo round all’Atletico, ma il discorso qualificazione resta aperto per il Bayern Monaco. Al Vicente Calderon di fronte ad un tifoso d’eccezione come il Re di Spagna Filippo VI, gli uomini di Diego Pablo Simeone sfoderano la solita prestazione tutto cuore e grinta condita dalla classe del giovanissimo Saul capace di dribblare l’intera difesa tedesca e di realizzare il gol del definitivo 1-0 con un bel tiro a rientrare.

Non basta alla formazione di Guardiola la veemente reazione nella ripresa che non va oltre la traversa di Alaba. Spagnoli ad un passo dal 2-0 con Torres che dopo una veloce ripartenza coglie un palo clamoroso.

I tedeschi ci provano e riprovano fino al fischio finale, ma per rifarsi e per conquistare la finalissima di Milano dovranno attendere il match di ritorno a Monaco.

”Il mio futuro? Sono contento e orgoglioso di dove sto, ma sono un allenatore giovane e un giorno andrò a Milano”. Parola di Diego Pablo Simeone ai microfoni di Mediaset Premium dopo la prima semifinale di Champions League vinta con il suo Atletico a Madrid contro il Bayern.

”Il calcio italiano, nel mio gioco ideale, mi ha insegnato molto: i tanti allenatori che ho avuto mi hanno fatto pensare al tipo di gioco che faccio. Ma non è un gioco italiano il mio: ho preso il meglio da ogni posto in cui sono stato, a cominciare dal mio paese che è l’Argentina”.

“Mi aspettavo una partita del genere – aggiunge Simeone – tra due squadre che giocano un calcio diverso. Abbiamo fatto la partita che volevamo, specialmente nel primo tempo, con molta pressione. Loro hanno fatto meglio nel secondo tempo, con la veloce circolazione di palla: hanno avuto la possibilità di pareggiare, ma per fortuna non ci sono riusciti. Come dovremo comportarci all’Allianz? Prima pensiamo al Rayo Vallecano”.

Ultima ora

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

Archivio Ultima ora