Terrorismo: smantellata rete Isis in Nord Italia, 6 arresti

Pubblicato il 29 aprile 2016 da redazione

Agenti dell'unità tiratori scelti della Polizia di Frontiera presidiano l'all'aeroporto di Fiumicino, Roma, 23 Gennaio 2015. ANSA/ TELENEWS

Agenti dell’unità tiratori scelti della Polizia di Frontiera presidiano l’all’aeroporto di Fiumicino, Roma, 23 Gennaio 2015. ANSA/ TELENEWS

MILANO. – L’ordine lo aveva ricevuto dal Califfato venti giorni fa, con un messaggio in “arabo classico” inviato sul suo cellulare tramite WhatsApp: “ascolta lo Sceicco, colpisci!(…) fai esplodere la tua cintura nelle folle dicendo ‘Allah Akbar'”. E alla richiesta di quella voce cantilenante che, con un “poema bomba”, lo invitava a compiere un attentato in Italia, lui non avrebbe avuto intenzione di sottrarsi.

Ci sarebbero stati Roma e il Vaticano, sede dei pellegrinaggi dei cristiani, nel mirino di Abderrahim Moutaharrik, 27 anni, campione internazionale di kickboxing di origini marocchine, ma cittadino italiano, arrestato a Lecco assieme a sua moglie Salma Bencharki, di due anni più giovane. I due stavano organizzando il viaggio per la Siria dove, assieme ai figlioletti di 4 e 2 anni, sarebbero andati a ‘combattere’ nelle file dell’Isis.

Lui avrebbe dato la propria “disponibilità a compiere le azioni terroristiche richieste, chiedendo soltanto che i figli potessero raggiungere lo stato islamico prima di passare all’azione”.

Nell’operazione, coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli e dai pm Enrico Pavone e Francesco Cajani, gli uomini della Digos e del Ros hanno portato in carcere anche Abderrahmane Khachia, marocchino di 23 anni, residente in provincia di Varese e fratello di Oussama, foreign fighter morto ‘martire’ alla fine dell’anno scorso, e Wafa Koraichi, 24 anni appena compiuti.

Fermata a Baveno, sulla sponda piemontese del lago Maggiore, la ragazza è sorella di Mohamed Koraichi, il marocchino di 31 anni che con la moglie italiana e di 8 anni più grande, Alice Brignoli, e ai loro tre piccoli, di 6, 4 e 2 anni, da più di un anno ha lasciato Bulciago, centro nel lecchese, per unirsi alle truppe dell’Isis. Anche la coppia è tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip milanese Manuela Cannavale, in cui emerge anche che prima della partenza i due “erano disoccupati e ricevevano sussidi statali ed aiuti dai loro genitori”.

Per tutti l’accusa è terrorismo internazionale in quanto, seppur con ruoli diversi, avrebbero fatto parte dell’organizzazione guidata da Al Baghdadi.

L’indagine della Procura in realtà ha riguardato tre diversi filoni, confluiti in un unico provvedimento di arresto, in cui storie diverse si intrecciano. Si parte da quella di Oussama Khachia, espulso da Varese nel gennaio dell’anno scorso, poi rientrato dal Marocco in Svizzera e da lì di nuovo espulso.

Arrivato nel Califfato ha combattuto per poi morire “da martire”. Ed è per celebrare il suo martirio, ricostruiscono inquirenti e investigatori, che il fratello minore Abderrahmane con l’amico Moutharrik si convertono al jihadismo. Per i due comincia un percorso di “radicalizzazione” che, come emerge dalle intercettazioni di “elevatissimo allarme”, annota il gip, assume contorni “altamente preoccupanti” in quanto, come ha detto anche il ministro Angelino Alfano c’era “un serio intento di colpirci”.

Il secondo poi, avendo “frequentato insieme la moschea di Costa Masnaga, nonché l’associazione culturale ‘La Tolleranza’ di Lecco”, è legato da “grande amicizia” anche a Koraichi, che, lasciato Bulciago, è in Siria con la prima moglie e i tre figli, e combatte “in nome di Allah”.

Da Daesh, Koraichi, dove nel rispetto dei doveri “di un musulmano ortodosso” si fa “carico dei problemi lasciati” dai martiri e sposa due vedove e adotta il figlio di una di loro (come testimonia per altro una foto agli atti dell’indagine con quattro bimbi che indossano tute mimetiche e puntano l’indice al cielo a simboleggiare l’esaltazione del martirio) manda via WhatsApp (uno dei modi principali per comunicare nella speranza di non essere intercettati) a Moutharrik almeno due messaggi dello Sceicco o Principe (non identificato).

Messaggi in cui il ‘pugile’ viene invitato a “colpire” a “combattere i cristiani, nemici di Dio e della religione” e, si legge sempre nel provvedimento del giudice, “ad agire, come ‘lupo solitario’ nel territorio in cui si trova (in Italia, ndr), perché ‘un’unica operazione – dicono – ci soddisfa di più di decine di bombe’, come tristemente verificatosi recentemente con plurimi attacchi terroristici a Parigi e Bruxelles”. Infine le donne: dal quadro emerso dalle indagini non hanno un ruolo secondario.

Le mogli avrebbero incitato i mariti a partire e condiviso con loro il progetto di arruolarsi. Infine c’è l’attività di Wafa Koraichi: era lei che, oltre a fare proselitismo, sarebbe stata interpellata e avrebbe procurato la “la tazkia” ai coindagati, una sorta di accreditamento necessario per diventare ‘soldato’ dell’Isis. Perché ora, per evitare infiltrati, bisogna fornire al Califfato le credenziali per ottenere, dopo un’attenta valutazione, una sorta di autorizzazione per fare parte delle milizie del terrore.

(di Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora