Terrorismo: smantellata rete Isis in Nord Italia, 6 arresti

Pubblicato il 29 aprile 2016 da redazione

Agenti dell'unità tiratori scelti della Polizia di Frontiera presidiano l'all'aeroporto di Fiumicino, Roma, 23 Gennaio 2015. ANSA/ TELENEWS

Agenti dell’unità tiratori scelti della Polizia di Frontiera presidiano l’all’aeroporto di Fiumicino, Roma, 23 Gennaio 2015. ANSA/ TELENEWS

MILANO. – L’ordine lo aveva ricevuto dal Califfato venti giorni fa, con un messaggio in “arabo classico” inviato sul suo cellulare tramite WhatsApp: “ascolta lo Sceicco, colpisci!(…) fai esplodere la tua cintura nelle folle dicendo ‘Allah Akbar'”. E alla richiesta di quella voce cantilenante che, con un “poema bomba”, lo invitava a compiere un attentato in Italia, lui non avrebbe avuto intenzione di sottrarsi.

Ci sarebbero stati Roma e il Vaticano, sede dei pellegrinaggi dei cristiani, nel mirino di Abderrahim Moutaharrik, 27 anni, campione internazionale di kickboxing di origini marocchine, ma cittadino italiano, arrestato a Lecco assieme a sua moglie Salma Bencharki, di due anni più giovane. I due stavano organizzando il viaggio per la Siria dove, assieme ai figlioletti di 4 e 2 anni, sarebbero andati a ‘combattere’ nelle file dell’Isis.

Lui avrebbe dato la propria “disponibilità a compiere le azioni terroristiche richieste, chiedendo soltanto che i figli potessero raggiungere lo stato islamico prima di passare all’azione”.

Nell’operazione, coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli e dai pm Enrico Pavone e Francesco Cajani, gli uomini della Digos e del Ros hanno portato in carcere anche Abderrahmane Khachia, marocchino di 23 anni, residente in provincia di Varese e fratello di Oussama, foreign fighter morto ‘martire’ alla fine dell’anno scorso, e Wafa Koraichi, 24 anni appena compiuti.

Fermata a Baveno, sulla sponda piemontese del lago Maggiore, la ragazza è sorella di Mohamed Koraichi, il marocchino di 31 anni che con la moglie italiana e di 8 anni più grande, Alice Brignoli, e ai loro tre piccoli, di 6, 4 e 2 anni, da più di un anno ha lasciato Bulciago, centro nel lecchese, per unirsi alle truppe dell’Isis. Anche la coppia è tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip milanese Manuela Cannavale, in cui emerge anche che prima della partenza i due “erano disoccupati e ricevevano sussidi statali ed aiuti dai loro genitori”.

Per tutti l’accusa è terrorismo internazionale in quanto, seppur con ruoli diversi, avrebbero fatto parte dell’organizzazione guidata da Al Baghdadi.

L’indagine della Procura in realtà ha riguardato tre diversi filoni, confluiti in un unico provvedimento di arresto, in cui storie diverse si intrecciano. Si parte da quella di Oussama Khachia, espulso da Varese nel gennaio dell’anno scorso, poi rientrato dal Marocco in Svizzera e da lì di nuovo espulso.

Arrivato nel Califfato ha combattuto per poi morire “da martire”. Ed è per celebrare il suo martirio, ricostruiscono inquirenti e investigatori, che il fratello minore Abderrahmane con l’amico Moutharrik si convertono al jihadismo. Per i due comincia un percorso di “radicalizzazione” che, come emerge dalle intercettazioni di “elevatissimo allarme”, annota il gip, assume contorni “altamente preoccupanti” in quanto, come ha detto anche il ministro Angelino Alfano c’era “un serio intento di colpirci”.

Il secondo poi, avendo “frequentato insieme la moschea di Costa Masnaga, nonché l’associazione culturale ‘La Tolleranza’ di Lecco”, è legato da “grande amicizia” anche a Koraichi, che, lasciato Bulciago, è in Siria con la prima moglie e i tre figli, e combatte “in nome di Allah”.

Da Daesh, Koraichi, dove nel rispetto dei doveri “di un musulmano ortodosso” si fa “carico dei problemi lasciati” dai martiri e sposa due vedove e adotta il figlio di una di loro (come testimonia per altro una foto agli atti dell’indagine con quattro bimbi che indossano tute mimetiche e puntano l’indice al cielo a simboleggiare l’esaltazione del martirio) manda via WhatsApp (uno dei modi principali per comunicare nella speranza di non essere intercettati) a Moutharrik almeno due messaggi dello Sceicco o Principe (non identificato).

Messaggi in cui il ‘pugile’ viene invitato a “colpire” a “combattere i cristiani, nemici di Dio e della religione” e, si legge sempre nel provvedimento del giudice, “ad agire, come ‘lupo solitario’ nel territorio in cui si trova (in Italia, ndr), perché ‘un’unica operazione – dicono – ci soddisfa di più di decine di bombe’, come tristemente verificatosi recentemente con plurimi attacchi terroristici a Parigi e Bruxelles”. Infine le donne: dal quadro emerso dalle indagini non hanno un ruolo secondario.

Le mogli avrebbero incitato i mariti a partire e condiviso con loro il progetto di arruolarsi. Infine c’è l’attività di Wafa Koraichi: era lei che, oltre a fare proselitismo, sarebbe stata interpellata e avrebbe procurato la “la tazkia” ai coindagati, una sorta di accreditamento necessario per diventare ‘soldato’ dell’Isis. Perché ora, per evitare infiltrati, bisogna fornire al Califfato le credenziali per ottenere, dopo un’attenta valutazione, una sorta di autorizzazione per fare parte delle milizie del terrore.

(di Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

15:17Incidenti stradali: scontro mezzi pesanti su A1, un morto

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Una persona è morta in un incidente stradale accaduto sull'autostrada A1 Milano-Napoli nel tratto tra Modena Nord e Modena Sud in direzione di Bologna. Intorno alle 12:10 all'altezza del km 169 sono stati coinvolti nell'incidente due mezzi pesanti, con perdita di carico da parte di entrambi - spiega una nota delle Autostrade -, costituito da latte e da fusti con liquido catramoso. Sono intervenuti sul luogo dell'evento, oltre al personale della Direzione 3/o Tronco di Bologna, le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e i soccorsi meccanici e sanitari. Si circola su una sola corsia e si registrano 4 km di coda in direzione di Bologna. Per gli automobilisti che da Milano sono diretti verso Bologna, consigliato di uscire a Modena Nord e rientrare in A1 a Modena Sud, dopo aver percorso la SS9 Via Emilia. (ANSA).

15:16Calcio: Malagò “Ko Juventus riapre campionato”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con la sconfitta della Juventus "il campionato sicuramente è diventato aperto". Ne è sicuro il presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla luce del ko della Juve ieri a Firenze. Una sconfitta che porta la Roma a -1 e il Napoli a -4 dai bianconeri sebbene la squadra di Allegri debba ancora recuperare un match: "Ora al vertice c'è un campionato nel campionato - ha aggiunto il presidente del Coni - Mi dispiace non succeda lo stesso in basso. Tra l'altro molte squadre di vertice stanno facendo un record di punti perché le formazioni che lottano per la retrocessione fanno fatica". Malagò ha poi commentato le 'nozze d'argento' di Totti con la Serie A e la maglia della Roma, festeggiate ieri a Udine: "Totti in Serie A per 25 anni consecutivi è una cosa spaventosa. Lui è uno spot per il calcio in assoluto, un eroe positivo come sono tutti questi ragazzi che stanno emergendo. Ho visto che quando è entrato ieri il pubblico di Udine lo ha applaudito, penso che il nostro calcio ha bisogno di eroi positivi".

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

Archivio Ultima ora