Mattarella, lotta alla corruzione un impegno di tutti

Pubblicato il 29 aprile 2016 da redazione

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dei Trasporti Andrea Orlando a Roma Termini, accompagnati dall'ad di Trenitalia Barbara Morgante, per partire verso Firenze dove presenzieranno all'inaugurazione dei corsi della Scuola di magistratura, 28 aprile 2016. ANSA / US FS ITALIANE

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dei Trasporti Andrea Orlando a Roma Termini, accompagnati dall’ad di Trenitalia Barbara Morgante, per partire verso Firenze dove presenzieranno all’inaugurazione dei corsi della Scuola di magistratura, 28 aprile 2016. ANSA / US FS ITALIANE

SCANDICCI (FIRENZE). – “Occorre una grande alleanza tra tutte le forze sane per sviluppare ulteriormente gli anticorpi necessari. Si tratta di un impegno politico, sociale, culturale, che deve coinvolgere l’intera comunità. Combattere la corruzione è un impegno di sistema, non di un solo corpo dello Stato, che non sarebbe sufficiente. Gli attori della politica, per la loro parte, devono aggiungervi la consapevolezza che la corruzione in quell’ambito è più grave perché, nell’impegno politico, si assume un duplice dovere di onestà, per sé e per i cittadini che si rappresentano”.

Monito sul tema della corruzione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento alla Scuola superiore della magistratura, a villa di Castel Pulci, a Scandicci, per l’inaugurazione dei corsi di formazione per il 2016.

Monito al quale sembra rispondere a distanza il premier Matteo Renzi che in primo luogo afferma di essere “orgoglioso” da quanto fatto dal governo in questo campo. Poi lanciando il suo avvertimento:”I fenomeni di corruzione o addirittura di connivenza con la malavita vanno stroncati alle gambe. Purche’ arrivino con le sentenze”.

“Sulla lotta contro la corruzione – ha detto – non solo siamo in prima fila, ma siamo certi che le nuove regole siano tali da essere prese come punto di riferimento per il mondo intero. Non abbiamo preoccupazione sulle nostre regole. Poi cio’ non significa negare che ci siano fenomeni di corruzione o addirittura di connivenza con la malavita, che vanno stroncati alle gambe. Purché arrivino con le sentenze”.

Il Capo dello Stato, in un discorso incentrato sull’importanza della formazione dei magistrati, si è mantenuto su un piano di stretta attualità in merito ai dissidi tra toghe e politica e ai tempi della giustizia che, ha detto Mattarella, non sono una “variabile indifferente per l’esercizio della giurisdizione e per il riconoscimento dei diritti”.

In quanto alle contrapposizioni, secondo il presidente della Repubblica il “conflitto indebolisce tutte le parti”. “La dialettica proficua tra poteri si esprime, nella libertà di manifestare opinioni, in confronto leale e costruttivo. Gli ambiti di spettanza dei diversi poteri non sono fortilizi da contrapporre gli uni agli altri. Vanno rispettati i confini delle proprie attribuzioni, senza cedere alla tentazione di sottrarre spazi di competenza a chi ne ha titolo in base alla Costituzione”.

A ciascuno, politica e magistratura, il proprio compito, dunque, ha sottolineato Mattarella. “Il rispetto delle competenze altrui costituisce del resto la migliore garanzia per la tutela delle proprie attribuzioni. A quanto osservato allora credo che si possa aggiungere che l’equilibrio fra i poteri dipende anche dalla capacità di ciascuno di essi di assumersi la responsabilità del proprio agire.

I provvedimenti adottati dalla magistratura incidono, oltre che sulle persone, sulla realtà sociale e spesso intervengono in situazioni complesse e a volte drammatiche, in cui la decisione giudiziaria è l’ultima opportunità, a volte dopo inadempienze o negligenze di altre autorità.

Per questo l’intervento della magistratura non è mai privo di conseguenze. La valutazione delle conseguenze del proprio agire non può essere certo intesa in alcun modo come un freno o un limite all’azione giudiziaria rispetto alla complessità delle circostanze”.

“La nostra magistratura – ha aggiunto il presidente -, in tante circostanze, ha dimostrato di avere tutti gli strumenti per garantire il riconoscimento dei diritti, senza condizionamenti. E’ un bene che sia sempre più consapevole della sua funzione insostituibile, ma anche della grande responsabilità che grava sulle sue scelte”.

L’impegno del Governo è stato riaffermato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando che, nel suo intervento, ha sottolineato come si proseguirà “completando il percorso di riforma sia del settore civile che del settore penale, con poco riguardo alle polemiche e molto di più agli interessi dei cittadini, delle imprese, del Paese”.

In apertura della cerimonia, Gaetano Silvestri, presidente del comitato direttivo della Scuola superiore di Magistratura, aveva sottolineato “la necessità che l’arsenale culturale e tecnico del giudice sia ricco e aggiornato”. Infine, dal vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, un appello: la riforma della prescrizione deve essere approvata “al più presto”, ha detto.

(di Daniela Grondona/ANSA)

Ultima ora

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

22:38Sindaco Amatrice candidato alle regionali nel Lazio

(ANSA) - RIETI, 19 OTT - Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sarebbe in procinto di candidarsi alle regionali del Lazio del 2018 secondo quanto riferisce l'edizione reatina online de Il Messaggero. A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano romano, sarà una lista civica con il suo nome, all'interno del centrodestra. L'ufficialità è attesa alla presentazione del suo libro a Roma il 24 ottobre.

Archivio Ultima ora