Mattarella, lotta alla corruzione un impegno di tutti

Pubblicato il 29 aprile 2016 da redazione

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dei Trasporti Andrea Orlando a Roma Termini, accompagnati dall'ad di Trenitalia Barbara Morgante, per partire verso Firenze dove presenzieranno all'inaugurazione dei corsi della Scuola di magistratura, 28 aprile 2016. ANSA / US FS ITALIANE

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro dei Trasporti Andrea Orlando a Roma Termini, accompagnati dall’ad di Trenitalia Barbara Morgante, per partire verso Firenze dove presenzieranno all’inaugurazione dei corsi della Scuola di magistratura, 28 aprile 2016. ANSA / US FS ITALIANE

SCANDICCI (FIRENZE). – “Occorre una grande alleanza tra tutte le forze sane per sviluppare ulteriormente gli anticorpi necessari. Si tratta di un impegno politico, sociale, culturale, che deve coinvolgere l’intera comunità. Combattere la corruzione è un impegno di sistema, non di un solo corpo dello Stato, che non sarebbe sufficiente. Gli attori della politica, per la loro parte, devono aggiungervi la consapevolezza che la corruzione in quell’ambito è più grave perché, nell’impegno politico, si assume un duplice dovere di onestà, per sé e per i cittadini che si rappresentano”.

Monito sul tema della corruzione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento alla Scuola superiore della magistratura, a villa di Castel Pulci, a Scandicci, per l’inaugurazione dei corsi di formazione per il 2016.

Monito al quale sembra rispondere a distanza il premier Matteo Renzi che in primo luogo afferma di essere “orgoglioso” da quanto fatto dal governo in questo campo. Poi lanciando il suo avvertimento:”I fenomeni di corruzione o addirittura di connivenza con la malavita vanno stroncati alle gambe. Purche’ arrivino con le sentenze”.

“Sulla lotta contro la corruzione – ha detto – non solo siamo in prima fila, ma siamo certi che le nuove regole siano tali da essere prese come punto di riferimento per il mondo intero. Non abbiamo preoccupazione sulle nostre regole. Poi cio’ non significa negare che ci siano fenomeni di corruzione o addirittura di connivenza con la malavita, che vanno stroncati alle gambe. Purché arrivino con le sentenze”.

Il Capo dello Stato, in un discorso incentrato sull’importanza della formazione dei magistrati, si è mantenuto su un piano di stretta attualità in merito ai dissidi tra toghe e politica e ai tempi della giustizia che, ha detto Mattarella, non sono una “variabile indifferente per l’esercizio della giurisdizione e per il riconoscimento dei diritti”.

In quanto alle contrapposizioni, secondo il presidente della Repubblica il “conflitto indebolisce tutte le parti”. “La dialettica proficua tra poteri si esprime, nella libertà di manifestare opinioni, in confronto leale e costruttivo. Gli ambiti di spettanza dei diversi poteri non sono fortilizi da contrapporre gli uni agli altri. Vanno rispettati i confini delle proprie attribuzioni, senza cedere alla tentazione di sottrarre spazi di competenza a chi ne ha titolo in base alla Costituzione”.

A ciascuno, politica e magistratura, il proprio compito, dunque, ha sottolineato Mattarella. “Il rispetto delle competenze altrui costituisce del resto la migliore garanzia per la tutela delle proprie attribuzioni. A quanto osservato allora credo che si possa aggiungere che l’equilibrio fra i poteri dipende anche dalla capacità di ciascuno di essi di assumersi la responsabilità del proprio agire.

I provvedimenti adottati dalla magistratura incidono, oltre che sulle persone, sulla realtà sociale e spesso intervengono in situazioni complesse e a volte drammatiche, in cui la decisione giudiziaria è l’ultima opportunità, a volte dopo inadempienze o negligenze di altre autorità.

Per questo l’intervento della magistratura non è mai privo di conseguenze. La valutazione delle conseguenze del proprio agire non può essere certo intesa in alcun modo come un freno o un limite all’azione giudiziaria rispetto alla complessità delle circostanze”.

“La nostra magistratura – ha aggiunto il presidente -, in tante circostanze, ha dimostrato di avere tutti gli strumenti per garantire il riconoscimento dei diritti, senza condizionamenti. E’ un bene che sia sempre più consapevole della sua funzione insostituibile, ma anche della grande responsabilità che grava sulle sue scelte”.

L’impegno del Governo è stato riaffermato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando che, nel suo intervento, ha sottolineato come si proseguirà “completando il percorso di riforma sia del settore civile che del settore penale, con poco riguardo alle polemiche e molto di più agli interessi dei cittadini, delle imprese, del Paese”.

In apertura della cerimonia, Gaetano Silvestri, presidente del comitato direttivo della Scuola superiore di Magistratura, aveva sottolineato “la necessità che l’arsenale culturale e tecnico del giudice sia ricco e aggiornato”. Infine, dal vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, un appello: la riforma della prescrizione deve essere approvata “al più presto”, ha detto.

(di Daniela Grondona/ANSA)

Ultima ora

08:53Afghanistan: autobomba Kabul, vittime sono impiegati governo

(ANSA) - KABUL, 24 LUG - Il kamikaze che si è fatto esplodere stamane a Kabul ha colpito un minibus che trasportava impiegati del ministero del petrolio afghano. Lo ha reso noto la polizia, specificando che tutte le vittime - almeno 24 morti e 42 feriti - sono civili. Il ministero dell'Interno ha parlato di "attacco criminale contro l'umanità". Finora non c'è stata alcuna rivendicazione, ma in passato sia i Talebani che l'Isis hanno condotto simili assalti nella capitale afghana.

06:59Afghanistan: autobomba a Kabul ovest, almeno 12 morti

(ANSA) - KABUL, 24 LUG - E' di almeno 12 morti e 10 feriti il bilancio delle vittime di una autobomba esplosa stamattina presto in un quartiere occidentale di Kabul. Lo rende noto il ministero dell'Interno afgano, specificando che tutte le vittime sono civili. Secondo alcuni testimoni, l'attacco avrebbe preso di mira un minibus. Non c'è stata ancora alcuna rivendicazione.

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

Archivio Ultima ora