Rio: Pellegrini, orgogliosa di essere alfiere

Pubblicato il 30 aprile 2016 da ansa

(ANSA) – VENEZIA, 30 APR – Si è aperta oggi a Veronafiere la decima edizione di “Sport Expo”, la rassegna dedicata a tutte le discipline sportive e del tempo libero, che ha avuto una madrina d’eccezione: Federica Pellegrini. Alla sua prima uscita a Verona (sua città d’adozione, dove vive e si allena) dopo la nomina ufficiale a portabandiera dell’Italia alle Olimpiadi di Rio 2016, Federica ha ribadito che “questa nomina mi rende ancora più orgogliosa di rappresentare il mio Paese”. “Quando l’ho saputo – ha aggiunto la nuotatrice – ho ripensato a tutta la mia carriera, ai sacrifici, agli allenamenti continui, alla determinazione: questa nomina è la ciliegina sulla torta dopo un percorso lungo 12 anni. Sport Expo – ha poi spiegato Federica – è una manifestazione importantissima per i giovani. Il mio consiglio è di fare sport sin da piccoli, sempre comunque divertendosi” ha concluso.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

12:21Incidenti stradali: motociclista investito da cervo, grave

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Un motociclista è rimasto gravemente ferito dopo essere stato investito da un cervo, mentre percorreva una strada regionale a La Magdeleine. L'uomo, 47 anni, residente a Verrayes (Aosta), ha subìto un politrauma ed è ricoverato nel reparto di rianimazione all'Ospedale Parini di Aosta. Il personale del corpo forestale ha perlustrato senza esito la zona per verificare se il cervo sia rimasto ferito nell'incidente.(ANSA).

12:08Francia: seconda giornata di proteste contro riforma lavoro

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Seconda giornata di mobilitazione in Francia contro la riforma del lavoro. Diversi sindacati opposti alla Loi Travail - in particolare CGT, Solidaires, Fsu e Unef - tornano in piazza a Parigi, Marsiglia e altre città per protestare contro i provvedimenti del governo sul mercato del lavoro. Per loro, i decreti attuativi che verranno analizzati domani in consiglio dei ministri prima dell'entrata in vigore a fine settembre presentano "rischi di dumping sociale" e mettono a rischio il sindacalismo d'impresa. Intervistato dalla CNN a margine dell'Assemblea Generale dell'Onu il presidente Emmanuel Macron ha detto che "la democrazia non è la piazza". "Rispetto chi manifesta ma rispetto anche gli elettori francesi che hanno votato per il cambiamento", ha aggiunto. La prima giornata di mobilitazione, il 12 settembre scorso, aveva visto, secondo i sindacati, 400mila partecipanti nel paese (60 mila solo a Parigi). Per il Ministero dell'Interno sono stati in tutto 223mila.

12:06Politici spiati: Presidente Anm indagato a Perugia

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Il presidente dell'Anm e pm della Procura di Roma Eugenio Albamonte è indagato dalla Procura di Perugia per falso ed abuso d'ufficio dopo un esposto presentato da Giulio Occhionero, l'ingegnere nucleare accusato, assieme alla sorella Francesca Maria, di una attività di cyberspionaggio. La notizia è emersa nel corso della prima udienza del processo a carico dei due fratelli. Oltre ad Albamonte risultano indagati a Perugia due agenti della Polizia Postale a cui è contestato anche l'accesso abusivo a sistema informatico.

11:58Calcio:stampa, Srna positivo al doping dopo match con Napoli

(ANSA) - MOSCA, 21 SET - Secondo alcune testate ucraine Dariyo Srna, capitano dello Shakhtar Donetsk, sarebbe stato pizzicato all'anti-doping dopo la partita con il Napoli. L'allenatore della squadra, Paulo Fonseca, a chi gli chiedeva come mai il giocatore non fosse stato convocato nella partita di campionato contro il Chornomorets Odesa ha detto di averlo fatto "riposare dopo il match difficilissimo con il Napoli". Futbol 24, sito sportivo ucraino, ha interpellato la Uefa chiedendo conferma del test negativo ma l'organizzazione non ha né confermato né smentito sostenendo di non "commentare mai casi simili prima che sia presa una decisione disciplinare definitiva".

11:57Scambiano pianta velenosa per zafferano, salvati a Modena

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - Hanno scambiano colchico autunnale per zafferano e sono finiti al Policlinico di Modena per un avvelenamento da colchicina. Protagonisti della vicenda un padre 59enne, una madre 58enne e il figlio 26enne, residenti in provincia di Modena che, raccolta la pianta nei boschi di San Clemente, frazione di Monterenzio nel Bolognese, l'hanno utilizzata per insaporire un risotto. I tre - che, mercoledì, si sono rivolti al Pronto Soccorso del Policlinico di Modena lamentando sintomi da gastroenterite - sono stati ricoverati in Osservazione Breve Intensiva: ora stanno bene e sono stati dimessi. Per aver scambiato il colchico d'autunno per zafferano, vista la notevole somiglianza tra le due piante, sono invece morti, nei giorni scorsi, due coniugi di Cona che, in vacanza in Trentino, avevano raccolto la pianta velenosa, poi usata - anche in questo caso - per cucinare un risotto. Il marito, 70enne, è spirato il primo di settembre, la moglie, 69enne, il 18 settembre, al termine di una lunga agonia.(ANSA).

11:33Onu: May minaccia taglio fondi, ‘crisi fiducia, va cambiata’

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La premier britannica Theresa May ha minacciato la notte scorsa di negare milioni di sterline in contributi britannici alle Nazioni Unite mettendo in guardia contro una "crisi di fiducia" nei confronti delle organizzazioni globali. May, riporta il Times, ha chiesto riforme urgenti all'Onu, definendola rigonfia, disorganizzata e in preda a scandali di abusi durante il suo discorso all'assemblea generale dell'organizzazione a New York.

11:21Duterte, se mio figlio traffica droga merita la morte

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ha detto che se le accuse rivolte a suo figlio Paolo di traffico di droga si rivelassero fondate lo farà giustiziare e la polizia che si occuperà dell'esecuzione sarà immune da qualsiasi azione penale. Lo scrive oggi il Telegraph. Paolo Duterte, 42 anni, ricorda il quotidiano britannico, e' stato ascoltato questo mese da una commissione d'inchiesta del Senato che indaga sulle accuse rivoltegli da un politico dell'opposizione. Secondo quest'ultimo, il figlio del presidente é un membro di una triade cinese che ha preso parte al contrabbando nel Paese di una grossa quantità di metamfetamina cristallina proveniente dalla Cina. Duterte non ha fatto riferimento diretto alle accuse, ribadendo però che nessuno dei suoi figli e' coinvolto nel mondo della droga e se qualcuno lo fosse sarebbe soggetto alla massima punizione.

Archivio Ultima ora