Referendum a ottobre. Un voto che vale doppio

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

Il Presidente del consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento in occasione dell'apertura della campagna per il sì al referendum costituzionale di autunno, al teatro Niccolini di Firenze, 2 maggio 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Il Presidente del consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento in occasione dell’apertura della campagna per il sì al referendum costituzionale di autunno, al teatro Niccolini di Firenze, 2 maggio 2016. ANSA/ MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

ROMA. – La deadline l’ha già fissata Matteo Renzi: sul ddl Boschi i cittadini italiani si pronunceranno il prossimo ottobre. Ha una forte valenza politica il referendum costituzionale (confermativo) che dovrà suggellare o respingere le riforme. E questo perché lo stesso Matteo Renzi lo vuole “fortissimamente” per trasformare quel referendum in un “trofeo” del suo governo, sicuro della vittoria. Il verdetto degli elettori peserà dunque sul destino politico del governo e della legislatura (“se la riforma non passa vado a casa”, è ormai lo slogan del premier).

Un voto che vale doppio destinato a trasformarsi nell’ennesima sfida politica di Renzi. E che sarà preceduto da un passaggio non meno condizionante per il governo, ovvero le amministrative dove ci sono in ballo città importanti come Milano, Roma, Napoli, Torino. E’ evidente che se le comunali di giugno saranno deludenti per il Pd, Renzi potrà ancora affidarsi al “salvagente” del referendum costituzionale.

L’iter è previsto dall’art. 138 della Costituzione. Per la consultazione non è fissato un quorum e quindi la riforma Boschi verrà promulgata se otterrà la maggioranza dei voti validi. Il referendum può essere richiesto da “un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali” entro tre mesi dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

E dato che il ddl Boschi è andato in Gazzetta il 15 aprile scorso, i termini scadono entro il 14 luglio. Ma i gruppi parlamentari si sono mobilitati tempestivamente: il 19 aprile tutte le opposizioni (M5s, SI, FI,Lega), e il 20 aprile la maggioranza (Pd, Ap, Des-Cd) hanno presentano alla corte di Cassazione le firme richieste per il referendum. Altre firme (500 mila indica la Costituzione) le sta raccogliendo anche il Comitato per il no.

I cittadini saranno chiamati a esprimere un sì o un no all’intera riforma, ma intanto i Radicali Italiani hanno proposto un voto per parti separate, cosa al momento non prevista dalla legge. A partire da metà luglio, dunque, la Cassazione è impegnata nei controlli di legittimità delle richieste di referendum e se tutto fila liscio, la pratica si esaurisce nei regolamentari 30 giorni e si chiude con una ordinanza della Cassazione.

Quindi, entro 60 giorni, il Cdm emette una delibera e il presidente della Repubblica indice con decreto presidenziale il referendum. Devono infine passare non meno di 50 giorni e non più di 70 entro cui si deve tenere il referendum. Si arriva così tra la metà e la fine di ottobre.

(di Giuliana Palieri/ANSA)

Ultima ora

20:31Leu: Boldrini, D’Alema? Così si disincentiva voto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Intanto mi permetto di dire che dobbiamo motivare le persone ad andare a votare, non possiamo dare per scontata l'ingovernabilità. Dobbiamo unirci a Mattarella all'appello al voto; le persone non possono pensare che non servirà andare a votare. Votare significa decidere in che paese si vuole vivere". Così Laura Boldrini, intervistata a Carta Bianca, ha commentato le affermazioni di Massimo D'Alema su un governo del Presidente dopo le urne. "Il governo certo che serve, e questa legge non è il massimo e rende tutto più difficile. Potrebbe esserci questi problemi, ma si risolvono sui programmi e sui valori, non in astratto. Noi siamo di sinistra - ha proseguito - diciamo 'lavoro, ambiente', valori che mancavano, e noi andiamo a riempire un vuoto, poi vediamo. Qualsiasi previsione rischia di essere un esercizio vuoto".

20:26Brasile: proteste per aumento prezzi dei trasporti pubblici

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Centinaia di brasiliani hanno protestato oggi contro l'aumento delle tariffe del trasporto pubblico a San Paolo, in una manifestazione terminata con alcuni incidenti che hanno coinvolto cittadini e polizia. La protesta è stata indetta dal movimento Passe Livre per denunciare l'aumento del 5,26% della tariffa della rete di trasporto pubblico (autobus, metropolitana e treno), che è salita da 3,80 real a 4 real (1,24 dollari). Per gli organizzatori, l'aumento danneggia soprattutto le classi sociali più povere. "I brasiliani con un salario minimo investiranno il 20% del loro denaro per pagare la tariffa giornaliera dell'autobus", ha detto Francisco Bueno, 21 anni, membro del movimento Passe Livre. La protesta, che ha visto un importante dispiegamento di forze di polizia, è stata pacifica fino a quando un gruppo di manifestanti ha invaso la stazione Brás della metro, con conseguente intervento degli agenti che hanno lanciato gas lacrimogeni contro i cittadini.

20:19Siccità in Sudafrica, manca l’acqua

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Città del Capo, la metropoli sudafricana colpita dalla peggiore siccità del secolo, ha annunciato nuove riduzioni della disponibilità d'acqua per i cittadini: dal mese prossimo il quantitativo massimo che ogni cittadino potrà usare scenderà dagli attuali 87 a 50 litri al giorno. La sindaca della città, Patricia de Lille, teme che Città del Capo possa diventare la prima metropoli al mondo a restare senza acqua già fra tre mesi. La città sudafricana ha raggiunto un "punto di non ritorno" e il "Giorno Zero" in cui la maggior parte dei rubinetti rimarrà a secco è fissato per il 21 aprile. De Lille ha lamentato che, nonostante appelli al risparmio idrico lanciati per mesi, il 60% dei cittadini continua a usare più di 87 litri al giorno. "Non possiamo più solo chiedere alla gente di smettere di sprecare l'acqua. Dobbiamo obbligarla", ha detto de Lille, che ha già messo al bando il lavaggio delle auto e il riempimento delle piscine.

20:13Berlusconi, ho sperato in Renzi ma è stata promessa mancata

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Renzi è stata una promessa in cui molti hanno sperato tra cui il sottoscritto ma è stata promessa mancata". Lo afferma Silvio Berlusconi ospite del programma Quinta Colonna su rete 4.

20:12Uccisa da uno sparo accidentale, indagato il ragazzo

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - Sarà eseguita mercoledì prossimo l'autopsia sul corpo di Alessandra Cornago, la studentessa ventunenne di Ponteranica morta ieri sera per un proiettile esploso dalla pistola del fidanzato, l'ex guardia giurata Denis Zeni, suo coetaneo, da oggi indagato a piede libero per omicidio colposo. Gli inquirenti hanno sequestrato gli smartphone dei due fidanzati e il computer su cui stava studiando Alessandra Cornago. Denis aveva in camera da letto una pistola perché, per circa sei mesi e fino a un anno fa, aveva lavorato come guardia particolare giurata all'istituto di vigilanza privato Fidelitas. Dopo aver lasciato l'istituto, aveva continuato a detenere legalmente l'arma. Pochi istanti dopo la tragedia la reazione del giovane è stata di quelle che, a detta degli inquirenti, non lasciano dubbi sull'involontarietà dell'episodio: ha cercato di rianimarla, ha chiamato la madre che era in un'altra stanza (il papà era invece fuori casa) e hanno subito avvertito il 118. Era sotto choc.

20:10Maltempo: in Belgio si fermano treni ad alta velocità

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La circolazione dei treni ad alta velocità Thalys dal Belgio verso Olanda e Germania è stata interrotta, per l'intera giornata, a causa del maltempo. Una cinquantina di treni regionali sono stati cancellati, e sono stati accumulati ritardi per oltre 20 ore sulla rete ferroviaria del Paese. Inoltre si sono registrati una ventina di incidenti ferroviari a causa dei detriti finiti sui binari. Lo scrivono i media online del Paese. Ad Anversa si contano almeno 4 feriti tra cui una donna grave.

20:06Calcio: serie A, Orsato arbitrerà Atalanta-Napoli

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Sarà Daniele Orsato di Schio l'arbitro di Atalanta-Napoli, anticipo delle 12.30 della 2/a giornata di ritorno in programma domenica 21 gennaio. Inter-Roma, big match delle 20.45 è stata affidata a Davide Massa di Imperia mentre il posticipo di lunedì tra Juventus e Genoa sarà diretto da Marco Di Bello di Brindisi. Queste le altre designazioni: Bologna-Benevento ad Abbattista di Molfetta; Cagliari-Milan a Guida di Torre Annunziata; Verona-Crotone a Rocchi di Firenze; Lazio-Chievo ad Abisso di Palermo; Samp-Fiorentina a Pasqua di Tivoli; Sassuolo-Torino a Fabbri di Ravenna; Udinese-Spal a Doveri di Roma 1.

Archivio Ultima ora