Bin Laden, su Twitter la diretta Cia. Polemiche in Usa

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

uccisione

WASHINGTON. – A cinque anni dall’uccisione di Osama Bin Laden, la Cia commemora il blitz contro l’allora capo di al-Qaeda con una controversa diretta postuma su Twitter e con la promessa che ora l’obiettivo numero uno è il leader dell’Isis, Abu Bakr al-Baghdadi.

L’agenzia di Langley è approdata due anni fa su Twitter, usandolo prevalentemente per la sua storia, i profili di agenti uccisi in servizio o per commenti dei suoi dirigenti. E in occasione del quinto anniversario dell’eliminazione di Bin Laden ha voluto marcare un grande momento di successo della sua attività preannunciando ai suoi 1,3 milioni di follower che avrebbe fornito le fasi salienti dell’operazione ‘Neptune Spear’ come se avvenisse oggi, con una serie di messaggi in ‘diretta’, sotto l’hashtag #UBLRaid.

“La neutralizzazione di Bin Laden è una delle più grandi operazioni di intelligence di tutti i tempi”, ha spiegato il portavoce della Cia, Ryan Trapani, ricordando che la storia è uno degli elementi chiave degli sforzi ‘social’ dell’agenzia. “Nel quinto anniversario è opportuno ricordare quel giorno e onorare tutti coloro che contribuirono a questo risultato”, ha aggiunto.

Ecco quindi la ricostruzione del blitz in una dozzina di tweet, dall’approvazione dell’operazione all’13.25 ora di Washington al decollo e all’atterraggio degli elicotteri nel compound di Abbottabad in Pakistan, dall’individuazione di Bin Laden al terzo piano dell’edificio alla sua uccisione, sino alla conferma della probabile identificazione della vittima, alle 17.01, quando la missione si conclude. Postate anche alcune foto, una del compound visto dall’alto e un’altra di Barack Obama che segue il blitz in diretta dalla ‘situation room’.

A fare la prima diretta in tempo reale del blitz contro Bin Laden fu però un informatico pachistano, Sohaib Athar, allora inconsapevole dell’attacco dei Navy Seal al nascondiglio del capo di al-Qaeda: “Un elicottero sta volteggiando sopra Abbottabad (è un evento raro)”, fu il primo dei suoi tweet, seguito dalle informazioni sulle esplosioni che fecero saltare i vetri delle finestre.

L’iniziativa della Cia comunque ha suscitato reazioni contrastanti nel web. Molti non l’hanno apprezzata, definendola “kitsch”, “provocatoria”, “imbarazzante”, “non professionale” “non aderente alla missione” della Cia, e foriera di azioni anti americane.

Nonostante alcune precedenti scivolate, come l’invasione della Corea del Sud da parte della Corea del Nord postata su Twitter come se fosse una breaking news anziché un anniversario storico, i servizi segreti americani difendono la loro presenza su Twitter come un mezzo per allargare il proprio pubblico e spiegare la propria missione.

Una missione che ora continua con la caccia al leader dello Stato islamico, Abu Bakr al-Baghdadi. In un’intervista con la tv Nbc, il capo della Cia John Brennan ha detto di non aver dubbi sul fatto che l’Isis sarà distrutto e la sua leadership rimossa. Se Baghdadi fosse catturato, ha sottolineato, ci sarebbe un grande impatto sull’Isis, che accuserebbe il colpo.

Nello stesso tempo il direttore della Cia ha avvertito che la lotta contro il ‘Califfato’ deve affrontare sfide uniche perché non si tratta solo di una organizzazione, ma di un “fenomeno”.

Brennan ha poi ammonito a non dimenticare al-Qaeda: “Abbiamo distrutto gran parte di al-Qaeda, ma non è completamente eliminata. Quindi dobbiamo rimanere concentrati su quello che può fare”.

Ultima ora

21:11Renzi, onore armi a Costa, per governo non cambia niente

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Credo che il ministro Costa abbia dimostrato di avere delle idee, che io non condivido, ma alle quali tiene. Onore delle armi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi alla presentazione del suo libro a Roma. "Per il governo non cambia niente".

21:11L.elettorale: riunione c.destra, avviata riflessione comune

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Si è svolta alla Camera dei deputati una riunione delle formazioni politiche del centrodestra di Montecitorio in merito alla riforma della legge elettorale. Hanno partecipato all'incontro Renato Brunetta e Roberto Occhiuto per Forza Italia, Massimiliano Fedriga e Giancarlo Giorgetti per la Lega Nord, Fabio Rampelli e Ignazio La Russa per Fratelli d'Italia, Cosimo Latronico e Antonio Distaso per Direzione Italia. Durante la riunione - si legge in una nota - è stato fatto il punto sulla situazione relativa all'esame della riforma del sistema di voto, che riprenderà in Parlamento nel mese di settembre. Sono state analizzate le proposte in campo, le varie sensibilità presenti all'interno del centrodestra, il timing dei lavori parlamentari, i punti dai quali ripartire alla ripresa dell'esame in Commissione Affari costituzionali. È stata avviata una riflessione comune. I gruppi e le componenti di centrodestra si sono dati appuntamento per mercoledi 26 luglio, per ulteriori aggiornamenti e approfondimenti.

21:07Governo: Renzi, sosteniamo Gentiloni fino alle elezioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Tutti noi sosteniamo il presidente Gentiloni fino alle elezioni del 2018". Lo ha detto Matteo Renzi presentando il suo libro ai 'Granai'. Tornando poi alle questioni del Pd il segretario Dem ha spiegato che "noi possiamo stare due ore a discutere di coalizione, ma io la coalizione la voglio fare con i cittadini che hanno a cuore l'Italia".

21:06Vaccini: Camera, venerdì 28/7 il voto finale sul dl

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Venerdì 28 luglio, alle 12, si terrà nell'Aula della Camera il voto finale della Camera sul decreto legge sui vaccini. Il testo è stato oggi approvato dall'Aula del Senato. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L'esame del testo, su cui è scontata l'apposizione della questione di fiducia, avrà inizio da mercoledì.

21:06C.sinistra: Cuperlo, costruirlo ognuno a casa sua ma uniti

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Per vincere serve un nuovo centrosinistra. Per costruirlo lavoriamo assieme a un vero movimento che quel traguardo sia in grado di rilanciare. Ciascuno dalla sua casa e con le sue convinzioni ma uniti nella volontà di fermare i valori e le ricette della destra". Lo scrive in una nota l'esponente della minoranza Dem Gianni Cuperlo spiegando di leggere così "l'appello di Pisapia a far dialogare ciò che oggi appare diviso". "Non è di altre fratture o scissioni che abbiamo bisogno ma della spinta di tanti - partiti, associazioni, mondo del lavoro e della cultura - per un fronte largo, civico, inclusivo che ci faccia vincere, dalla Lombardia al Lazio e domani nelle elezioni politiche che decideranno il futuro del Paese", conclude.

20:57Migranti: sindaco Lampedusa, parole Kurz da naziskin

(ANSA) - LAMPEDUSA (AGRIGENTO), 20 LUG - "Una dichiarazione del genere me la sarei aspettata da un naziskin, non certo da un rappresentante delle istituzioni di un Paese della Comunità Europea. Evidentemente Kurz non sa neppure quanto è grande Lampedusa, e dimentica che nella nostra isola vivono seimila persone che si sentono europee". Così il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, commenta le parole del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz sui migranti. "Dalle parole che ho letto - aggiunge il sindaco di Lampedusa - capisco che il ministro Kurz non sa come avvengono gli sbarchi, in quali condizioni vengono soccorsi i migranti che arrivano a Lampedusa, e non sa quanti sforzi compiono quest'isola e i suoi abitanti per l'accoglienza umanitaria".

20:54Calcio: Inter-Schalke, botta e risposta ironico su Twitter

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Botta e risposta su Twitter tra Inter e Schalke 04 che domani in Cina si sfideranno in amichevole. Il club nerazzurro dà appuntamento ai tedeschi: "Siete pronti come lo siamo noi per la Dragon city cup? Ci vediamo domani sera!". Pronta la risposta dello Schalke che, con ironia, ricorda le vittorie sulla squadra nerazzurra: "Certo! Non vediamo l'ora. Ci ricordiamo ancora bene di voi". E infatti i tedeschi sono stati un avversario ostico per l'Inter. Nel 1997 lo Schalke battè ai rigori in finale di Coppa Uefa la squadra allora allenata da Roy Hodgson. Poi, nel 2011, nell'andata dei quarti di Champions, fu un vero tracollo nerazzurro: ko per 5-2 a San Siro.

Archivio Ultima ora