Le redini del Cavallino nelle mani di Marchionne

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

formula-1-sergio-marchionne

TORINO. – Le redini del Cavallino sono ora tutte nelle mani di Sergio Marchionne, non più solo presidente ma anche amministratore delegato della Ferrari. Un duplice ruolo che non sembra avere nulla di temporaneo, ma appare destinato a durare fino al 2018.

La nomina – più volte data per fatta nell’ultimo anno – è stata deliberata, con effetto immediato, dal consiglio di amministrazione che ha approvato i conti da record del primo trimestre dell’anno e ha rivisto al rialzo le stime per il 2016. Amedeo Felisa si ritira “dopo 26 anni di impegno al servizio della società”, ma continuerà a far parte del consiglio di amministrazione con l’incarico di consigliere tecnico della società.

“Conosco Amedeo da più di un decennio e ho avuto l’opportunità di lavorare a stretto contatto con lui negli ultimi due anni. E’ senza alcun dubbio uno dei migliori ingegneri automobilistici nel mondo”, commenta Marchionne. Il numero uno della Ferrari è deluso dai risultati in Formula 1: “Vedere la Ferrari che soffre mi rompe l’anima. Non è nel Dna della squadra. Ero abituato a vedere la Ferrari di Schumacher”, ammette parlando alla presentazione delle nuove versioni della Fiat Tipo, a Torino, prima di volare a Maranello.

“La Rossa deve posizionarsi sul podio in modo stabile, ho massima fiducia nella squadra e ce la faremo. Dobbiamo colmare il gap alla velocità della luce”, spiega.

Il primo trimestre 2016 “è stato il migliore di sempre” per la Ferrari, “incredibilmente forte” lo definisce Marchionne: un utile netto di 78 milioni di euro, in crescita del 19% sull’analogo periodo 2015, 1.882 consegne (+15%), ricavi netti cresciuti dell’8,8% a 675 milioni di euro.

L’indebitamento netto industriale, in flessione rispetto alla fine del 2015, scende a 782 milioni di euro. Migliorano gli obiettivi 2016: più di 7.900 consegne, incluse le supercar, ricavi netti pari a 3 miliardi, ebitda rettificato oltre 800 milioni, indebitamento netto industriale inferiore a 730 milioni.

“Siamo cauti, non vogliamo deludere”, spiega Marchionne e nella conference call lascia intendere che i numeri potrebbero essere anche migliori. “Potreste vedere un cambiamento man mano che i conti escono. Abbiate pazienza fino alla fine dell’anno. Resto molto ottimista sul futuro”.

Quanto al debito netto della Ferrari darà una mano per ridurlo l’asse con Fca per il finanziamento delle auto di Maranello a livello europeo: è passata a Fca Bank una quota di maggioranza di Ferrari Financial Services Ag, finora controllata al 100% Ferrari Financial Services.

(di Amalia Angotti/ANSA)

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora