Migranti: possibilità di estendere i controlli per 5 Paesi

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

FILE - This is a Wednesday, March 16, 2016 file photo of Syrian refugee Abdullah Koca, 43, who fled Syria four-years ago and had been living at a refugee camp for Syrian refugees in Islahiye, Gaziantep province, southeastern Turkey, holds his six-month-old son Ibrahim and his daughter Hadiyeh, 6, as they check the family pet bird suspended in a cage at the barbed-wired fence of the camp. (ANSA/AP Photo/Lefteris Pitarakis, File)

FILE – This is a Wednesday, March 16, 2016 file photo of Syrian refugee Abdullah Koca, 43, who fled Syria four-years ago and had been living at a refugee camp for Syrian refugees in Islahiye, Gaziantep province, southeastern Turkey, holds his six-month-old son Ibrahim and his daughter Hadiyeh, 6, as they check the family pet bird suspended in a cage at the barbed-wired fence of the camp. (ANSA/AP Photo/Lefteris Pitarakis, File)

BRUXELLES. – Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia potranno estendere i controlli alle loro frontiere interne fino ad un massimo di sei mesi, ma solo per confini specifici. Ad esempio, per la Germania quelli con l’Austria, mentre per l’Austria quelli con Ungheria e Slovenia, poiché l’iniziativa è strettamente legata ai buchi persistenti nella gestione greca delle frontiere esterne e alla rotta dei Balcani occidentali.

Lo apprende l’Ansa da fonti qualificate. Dopodomani Bruxelles, sulla base di un articolo del Codice Schengen mai usato prima, pubblicherà una raccomandazione al Consiglio europeo con cui motiva il suo ok.

Il documento, che dovrà essere adottato dal Consiglio Ue a maggioranza qualificata entro il 13 maggio, lascia però aperte due possibilità. Nell’eventualità si dovesse osservare una modifica dei flussi dalla Grecia, ad esempio, attraverso l’Italia, i Paesi potranno chiedere di modificare i confini interni oggetto dei loro controlli. Se invece si constatasse che si tratta di nuovi flussi, ad esempio dall’Africa sub-sahariana, i Paesi potranno ripartire con i ‘check’ sulla base legale ordinaria, e avere così otto mesi a disposizione.

“Farò tutto quello che un ministro deve fare e può fare nei limiti delle forze di un singolo Stato per gestire al meglio quella che è una situazione mondiale, non solo italiana e men che meno europea”, ha avvertito il ministro dell’Interno Angelino Alfano, parlando della situazione ai valichi e annunciando sopralluoghi al Brennero, a Ventimiglia e in Albania.

Gli ha fatto eco il ministro della Difesa tedesco Ursula von der Leyen: la soluzione al problema della difesa delle frontiere esterne dell’Ue deve essere trovata insieme in Europa, ha detto, e, per quanto riguarda la frontiera meridionale, “insieme all’Italia”.

“Nella roadmap ‘back to Schengen'” Bruxelles “aveva già previsto una raccomandazione per permettere l’estensione dei controlli alle frontiere interne, da presentare al più tardi entro il 12 maggio. Su questo c’è una decisione già per mercoledì prossimo”, ha spiegato la portavoce dell’esecutivo comunitario Mina Andreeva, evidenziando che la lettera di Germania, Austria, Francia, Belgio, Svezia e Danimarca “è in linea” ed è “a sostegno” della tabella di marcia che la Commissione Ue ha fissato, per tornare al normale funzionamento dello spazio Schengen, entro il 2016.

Proprio ieri la Danimarca ha deciso di prolungare di un mese, fino al 2 giugno, i controlli alla frontiera con la Germania. Il ministro danese per l’Immigrazione, Inger Stoejberg ha giustificato la misura con la necessità “di contenere il numero di profughi nel Paese”.

Germania e Austria invece esauriranno il tempo reso disponibile dalla base legale ordinaria, il 13 ed il 16 maggio. Intanto dal presidente federale tedesco Joachim Gauck, arriva l’appello a mantenere aperti i confini interni Ue.

(di Patrizia Antonini/ANSAmed)

Ultima ora

18:24Catalogna: Ue, rispettiamo Costituzione spagnola

(ANSA) - BRUXELLES, 21 SET - "Rispettiamo l'ordine costituzionale della Spagna come facciamo con tutti gli stati membri" ed è "in seno a questo che tutte queste questioni dovranno o potranno essere affrontate". Lo ha ribadito il portavoce della Commissione Ue Margaritis Schinas sulla Catalogna. "Abbiamo già espresso più volte la posizione della Commissione" sulle questioni degli indipendentismi nazionali e, anche alla luce di un possibile ruolo di mediazione tra Madrid e Barcellona, questa "non ha che le competenze attribuitele". "La posizione risale al 2004 e passa per il rispetto del quadro costituzionale e dell'ordine giuridico di ogni stato membro".

18:21Kenya: fissate nuove elezioni al 26 ottobre

(ANSA-AP) - NAIROBI, 21 SET - La Commissione elettorale del Kenya ha annunciato di aver fissato la data per nuove elezioni presidenziali al prossimo 26 ottobre. Il primo settembre scorso la Corte Suprema del Kenya aveva fatto sapere di aver riscontrato irregolarità nelle recenti elezioni presidenziali che hanno visto la riconferma di Uhuru Kenyatta e aveva ordinato un nuovo voto entro 60 giorni. Quattro dei sei giudici della Corte suprema avevano votato in favore della petizione presentata dal principale sfidante di Kenyatta e suo storico oppositore Raila Odinga, che contestava l'esito del voto dell'8 agosto scorso, denunciando brogli. Lo stesso giorno, il presidente Uhuru Kenyatta, esprimendo il proprio "personale disappunto" ha affermato di accettare la decisione della Corte Suprema, anche se, ha affermato, "ha deciso di andare contro la volontà del popolo".

18:19Coni: Malagò, 19/12 cerimonia Collari d’Oro con Gentiloni

(ANSA) - ANCONA, 21 SET - Si terrà il 19 dicembre alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro Luca Lotti, e in diretta tv sulla Rai, la cerimonia per l'assegnazione dei Collari d'oro, la massima onorificenza del Coni, ai campioni del mondo delle stagioni passate in cui il riconoscimento non era ancora stato istituito. L'ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò, nella conferenza stampa dopo la riunione della giunta, tenutasi ad Ancona. "In quell'occasione - ha detto - inviteremo tutti i campioni del mondo di sport a squadre che non hanno avuto l'onorificenza: la nazionale di calcio del 1982 (Bearzot e Scirea saranno rappresentati da loro familiari), gli atleti della pallavolo e un atleta della pallanuoto". Nello stesso giorno è in programma la messa per gli sportivi, che ''per la prima volta, per motivi logistici, non sarà a San Pietro ma in una chiesa vicina alla nostra sede".

18:12Passa una notte bloccato nel fango, anziano salvato

(ANSA) - PIACENZA, 21 SET - Ha trascorso un giorno e una notte immobile in un canale pieno di acqua e di fango, in attesa che qualcuno lo trovasse. Si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi la disavventura accaduta a un anziano di Piacenza che questa mattina è stato trovato riverso in un canale di campagna vicino al San Rocco al Porto, in provincia di Lodi, a pochi chilometri da Piacenza. L'uomo, ieri mattina, a bordo della sua auto era rimasto impantanato in aperta campagna. Sceso per controllare, appena ha aperto la portiera non si è accorto del canale di fianco e vi è precipitato finendo nella melma e non più in grado di muoversi a causa della caduta. Scattate le ricerche, una pattuglia dei carabinieri, notata la sua vettura abbandonata, si è avvicinata e lo ha trovato ancora vivo. Sul posto i vigili del fuoco di Piacenza e il 118 per riportarlo in salvo. Poi il trasporto con l'ambulanza in ospedale, ma non si troverebbe in pericolo.(ANSA).

18:10Calcio: Moratti, a Inter manca giocatore fantasia

(ANSA) - MILANO - "Oggi nell'Inter non c'è un giocatore che accende la fantasia come succedeva con Recoba. E' una squadra ordinata in cui ognuno fa il suo, forse Perisic ha più classe degli altri ma non c'è un giocatore che sia sorprendente come Recoba. Io lo apprezzavo perché svegliava i miei sogni": lo dice l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in un'intervista a Sportitalia. "Mi diverte vedere i giocatori delle altre squadre e capire quali sono interessanti. Certamente - continua l'ex patron - ci sono giocatori giovani italiani come Chiesa e come Verdi che giocano molto bene. Moratti ha parole positive per Mauro Icardi: "Ha lo stile da vero centravanti. Ha tantissime qualità anche umane, non si spaventa ed ha grandi doti umane. Infine l'ex presidente commenta l'introduzione della Var a"La considero una novità positiva. Nel 90% dei casi - spiega - la decisione che viene presa risulta corretto. Purtroppo toglie un po' di emotività ma di certo priva l'arbitro di un elemento di discussione".

18:09Trump su copertina Newsweek, ‘pazzo fuori di testa’

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Insane in the membrane": un pazzo fuori di testa, un cervello bacato. Newsweek dedica, con questo titolo, la copertina del suo prossimo numero a Donald Trump. Il presidente americano e' immortalato di profilo, in bianco e nero. Nel sottotitolo il magazine scrive: "Come la destra ha perso la testa, venduto la sua anima e appoggiato Donald Trump".

18:04Moto: Pernat, Rossi in pista? Non avevo dubbi

(ANSA) - GENOVA, 21 SET - "Rossi in pista? Non avevo dubbi". Carlo Pernat, il manager che ha lanciato Rossi nel Motomondiale, risponde così all'ANSA sul via libera per Valentino Rossi nel Gp di Aragon. "Tre settimane fa avevo detto che si sarebbe presentato ad Aragon: Valentino è troppo forte con la testa, senza contare che la frattura era composta e questo ha aiutato - ha spiegato Pernat -, conoscendolo ero sicuro che ci avrebbe provato. Mi ricordo un episodio simile capitato nel '92 con Alex Gramigni: venne investito a 20 giorni dalla prova del Mugello e si ruppe tibia e perone. Con il dottor Costa decidemmo di operarlo subito e alla fine corse al Mugello conquistando 6 punti. Quell'anno poi vinse il Mondiale".

Archivio Ultima ora