Svolta sui Marò, Girone torna a casa per l’arbitrato

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

Salvatore Girone al commissariato di polizia di Chanakyapuri, nel sud di New Delhi. New Delhi, 13 maggio 2015. ANSA/MARIA GRAZIA COGGIOLA

Salvatore Girone al commissariato di polizia di Chanakyapuri, nel sud di New Delhi. New Delhi, 13 maggio 2015. ANSA/MARIA GRAZIA COGGIOLA

ROMA. – La prima vera svolta dopo anni, “una notizia straordinaria”. Il marò Salvatore Girone potrà aspettare in Italia l’esito dell’arbitrato internazionale – che durerà almeno altri 2-3 anni – sulla vicenda che lo vede accusato dall’India, assieme a Massimiliano Latorre, di aver ucciso due pescatori indiani nel 2012.

Lo ha stabilito il Tribunale arbitrale, istituito presso la Corte permanente di arbitrato dell’Aja, al quale il governo italiano si era rivolto lo scorso dicembre per far rientrare in patria Girone – tuttora in libertà vigilata a New Delhi – fino alla fine del procedimento che dovrà decidere a chi spetti la giurisdizione sul caso.

“Una notizia straordinaria, un passo avanti davvero significativo”, ha commentato il premier Matteo Renzi dopo aver chiamato al telefono Girone da Firenze, dove si trovava per l’incontro con il collega giapponese Shinzo Abe.

Un’esultanza condivisa da tutto il Paese, in primis dal presidente Sergio Mattarella, e dalle forze politiche, ma soprattutto dai familiari di Girone: “Sono strafelice”, sono state le prime parole a caldo di papà Michele.

“Ringrazio le persone che si sono impegnate per questa vicenda. Ora voglio soltanto attendere Salvatore qui”, ha detto la moglie Vania Ardito. I tempi del rientro, ha spiegato in serata il titolare della Farnesina Paolo Gentiloni, non saranno brevissimi, “non tornerà domattina, ci vorrà forse qualche settimana”. “Ma la cosa importante – ha sottolineato – è che la decisione è stata presa e ha dato ragione all’Italia”.

Così come, si è detto convinto il ministro degli Esteri, l’Italia vedrà riconosciute le sue ragioni anche quando il tribunale internazionale entrerà nel merito della vicenda. La sentenza dei 5 giudici arbitrali sarà resa pubblica solo oggi ma nel confermare la notizia – anticipata dall’Ansa – la Farnesina ha precisato che “le condizioni del rientro” di Girone “saranno concordate tra Italia e India”.

“Il governo – ha sottolineato ancora la Farnesina – avvierà immediatamente le consultazioni con l’India affinché siano in breve tempo definite e concordate le condizioni per dare seguito alla decisione del Tribunale arbitrale”.

Consultazioni che richiederanno ovviamente del tempo. Dal canto suo l’India ha voluto puntualizzare che il Tribunale dell’Aja ha “riconosciuto le posizioni coerenti e gli argomenti chiave espressi dal governo indiano” e che, in sintesi, l’ultima parola spetta ancora a New Delhi.

In una nota ufficiale in otto punti, il ministero degli Esteri indiano ha infatti riferito che “il Tribunale arbitrale ha stabilito all’unanimità che Italia e India chiedano alla Corte Suprema una modifica delle condizioni cautelari di Girone, affinché possa tornare in Italia”, pur “rimanendo sotto l’autorità” dell’Alta Corte indiana.

Il Tribunale ha inoltre lasciato alla stessa Corte “il potere di stabilire le condizioni precise” per il rientro. Queste potrebbero includere – prosegue il comunicato indiano – l’obbligo di firma presso un’autorità in Italia designata sempre dalla Corte Suprema indiana, la consegna del passaporto alle autorità italiane e il divieto di lasciare il Paese senza permesso dello stesso organismo giudiziario indiano.

L’Italia dovrebbe inoltre riferire ogni tre mesi alla Corte Suprema sulla situazione del marò. Simili condizioni per il rientro di Girone – ma senza i ripetuti riferimenti alla Corte Suprema indiana – erano state ipotizzate nell’udienza all’Aja di fine marzo anche dall’avvocato del collegio di difesa italiano, Daniel Bethlehem.

Secondo la nota di New Delhi, il Tribunale dell’Aja ha infine stabilito quella che per l’India rappresenta la ‘garanzia’ più importante. E cioè, l’obbligo per l’Italia di riportare Girone a Delhi qualora l’arbitrato le riconoscesse la giurisdizione sull’incidente dell’Enrica Lexie e la giustizia indiana avviasse un processo nei suoi confronti e di quelli di Latorre, lui già in patria per curarsi dopo l’ictus subito quasi due anni fa.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

13:24500 chili di hashish nel tir, arrestato autotrasportatore

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 19 GEN - Trasportava sul proprio autoarticolato 500 chili di hashish: arrestato autotrasportatore. A eseguire l'arresto i carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata (Napoli): la droga era nascosta dietro una finta parte ricavata con lastre di alluminio. L'ingente quantitativo, destinato a rifornire i gruppi criminali della provincia di Napoli, era contenuto in sacchi di juta e i panetti erano ricoperti di gomma per ingannare il fiuto dei cani antidroga. L'immissione sulle piazze di spaccio avrebbe fruttato fino a 5 milioni di euro. L'autista dell'autoarticolato è stato arrestato con l'accusa di detenzione di stupefacente a fini di spaccio.

13:11Violentarono minore, arrestato anziano nel Salernitano

(ANSA) - SALERNO, 19 GEN - Svolta nelle indagini che riguardano un caso di violenza di gruppo nei confronti di un minorenne nel Salernitano. I carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore hanno arrestato - su richiesta della procura della Repubblica di Salerno - un 72enne di Nocera Inferiore, ritenuto responsabile di violenza sessuale di gruppo. A far scattare le indagini fu la madre della vittima, la quale presentò una denuncia per le violenze sessuali subite dal figlio (che all'epoca aveva 17 anni) all'interno di un centro massaggi a Cava de' Tirreni tra l'ottobre 2015 e l'aprile 2016. Nel luglio scorso le attività investigative avevano già consentito di arrestare, per le medesime violenze, due uomini residenti a Cava de' Tirreni e Vicenza, i quali - in concorso con l'anziano finora rimasto ignoto - avevano attirato l'adolescente all'interno del centro massaggi e, dopo averlo legato, lo costrinsero a turno a subire atti sessuali, filmando le violenze.

13:07Maltempo:famiglie evacuate a Torpè, si teme esondazione diga

(ANSA) - NUORO, 19 GEN - Nel Nuorese non nevica e l'allerta meteo è rientrata, ma l'emergenza continua per i cumuli di neve caduti nei giorni scorsi. La Colonia penale di Mamone è ancora isolata. Un'altra criticità è rappresentata dalla diga Maccheronis a Torpé, dove 35 persone nella parte basta del paese sono state evacuate precauzionalmente: la gran quantità di neve caduta in questi giorni con lo scioglimento potrebbe causare una esondazione. Ancora chiusa la statale 389 Nuoro-Lanusei al Passo Correboi dove l'Anas e i vigili del fuoco stanno lavorando per rimuovere la neve. A Fonni, a mille metri, e Desulo, nel nuorese, la situazione è sempre difficile per la viabilità: un mezzo speciale dell'Agenzia Forestas cercherà di liberare la provinciale Fonni-Desulo da tre giorni impraticabile. Mentre la provinciale Tonara-Desulo è percorribile con le catene. Gli allevatori isolati in campagna sono stati raggiunti dal "gatto delle nevi" dei vigili del fuoco arrivati ieri con un intero convoglio di mezzi speciali da Cagliari. La sindaca di Fonni, Daniela Falconi, ha scritto su Fb ai cittadini: "Oggi non nevica ma siamo ancora sommersi. La neve accumulata sui tetti soprattutto nel centro storico può causare situazioni di pericolo. Prestate la massima attenzione, soprattutto avvisate i bambini che oggi usciranno a giocare". Intanto la polemica dei sindaci della Barbagia Mandrolisai, che dicono di essere stati lasciati soli a gestire l'emergenza, non si placa: "I mezzi comunali e quelli privati stanno facendo il possibile per liberare le strade del paese - ha detto all'ANSA il sindaco di Desulo, Gigi Littarru -. Le forze in campo ci sono ma non abbiamo mezzi idonei: siamo abituati a spalare la neve, ma per spingere due metri di neve c'è bisogno di mezzi potenti. Prima di accusarci di non aver rispettato i Piani della Protezione civile, dalla Regione vengano a vedere quanta neve è caduta e quanti mezzi abbiamo a disposizione". "Oggi la situazione è una fotografia di quella di ieri - ha aggiunto la sindaca di Tonara, Flavia Loche - non abbiamo mezzi per liberare le strade. Abbiamo chiesto mezzi alla Protezione civile, a Forestas, ai Vigili, alla Prefettura, ma qui non è arrivato niente". (ANSA).

13:06Maltempo:Bora chiude portellone camion, uomo colpito a morte

(ANSA) - TRIESTE, 19 GEN - Un uomo è deceduto la scorsa notte nella zona industriale di Trieste dopo essere stato colpito violentemente al capo dal portellone di un camion, apertosi improvvisamente a causa del forte vento di Bora. L'incidente è avvenuto intorno alle ore 21.00, nei pressi dello stabilimento "Pasta Zara", tra Trieste e Muggia. L'uomo stava caricando il camion ma una raffica improvvisa del vento ha causato la chiusura improvvisa del portellone, che lo ha preso nella zona cervicale, causandone il decesso immediato. Sul posto sono intervenuti gli operatori sanitari del 118 e la Polizia del Commissariato di Muggia, per i rilievi. (ANSA).

12:45Prostituzione a Torino, sigilli a 47 centri massaggi cinesi

(ANSA) - TORINO, 19 GEN - Blitz delle forze dell'ordine che questa mattina hanno posto sotto sequestro, a Torino, 47 centri massaggi cinesi in cui veniva abitualmente esercitata la prostituzione. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal gip di Torino su ordine della Procura al termine di una indagine di quasi due anni coordinata dal procuratore Paolo Borgna. Ai titolari dei locali, situati nel capoluogo piemontese e in alcuni centri della prima cintura, sono stati notificati gli avvisi di garanzia. Tra i reati contestati lo sfruttamento della prostituzione e il favoreggiamento. I sequestri sono stati eseguiti da polizia municipale, carabinieri e polizia.(ANSA).

12:31Consiglio Europa, limiti a giudici in politica

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - L'Italia deve introdurre leggi che pongano limiti più stringenti per la partecipazione dei magistrati alla politica, e mettere fine alla possibilità per i giudici di mantenere il loro incarico se vengono eletti o nominati per posizioni negli enti locali. È una delle dodici raccomandazioni contenute nel rapporto di Greco, organo anti corruzione del Consiglio d'Europa, approvato il 21 ottobre scorso e reso pubblico oggi. Il Consiglio chiede poi all'Italia di introdurre norme "chiare e applicabili" per regolare "la spinosa questione" del conflitto d'interessi dei parlamentari. Ancora, occorrono più misure e strumenti per assicurare l'integrità dei membri delle commissioni tributarie. Nonostante negli ultimi anni l'Italia abbia fatto "passi decisivi" per combattere la corruzione, secondo l'organismo ci sono ancora diversi problemi da risolvere tra cui "l'allarmante" numero dei processi penali non conclusi a causa della prescrizione.

12:21Traffico di prodotti in falsa pelle scoperto da Gdf Gorizia

(ANSA) - GORIZIA, 19 GEN - La Guardia di Finanza di Gorizia ha scoperto e bloccato un traffico internazionale di prodotti riportanti la falsa indicazione "vera pelle", importati dalla Cina e destinati alla vendita in alcuni negozi, gestiti da cittadini cinesi a Milano e Sesto Fiorentino. Le indagini sono scaturite da un controllo nei pressi del valico di Sant'Andrea a Gorizia, di un autoarticolato proveniente dalla Repubblica Ceca con a bordo accessori di abbigliamento, venduti da una società con sede a Ningbo, nella provincia cinese dello Zhejiang, a un'impresa con sede a Praga al prezzo di 6.474,80 euro e da questa a sua volta ceduti a una ditta cinese con sede legale a Roma e luogo d'esercizio a Prato al prezzo di 10.074,80 euro. La merce trasportata era costituita da 3.600 portafogli da uomo e 3.000 portachiavi con impressa la dicitura "vera pelle", anche se evidentemente sintetici. Gli accessori sono stati sottoposti a sequestro probatorio con l'ipotesi di reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

Archivio Ultima ora