Svolta sui Marò, Girone torna a casa per l’arbitrato

Pubblicato il 02 maggio 2016 da redazione

Salvatore Girone al commissariato di polizia di Chanakyapuri, nel sud di New Delhi. New Delhi, 13 maggio 2015. ANSA/MARIA GRAZIA COGGIOLA

Salvatore Girone al commissariato di polizia di Chanakyapuri, nel sud di New Delhi. New Delhi, 13 maggio 2015. ANSA/MARIA GRAZIA COGGIOLA

ROMA. – La prima vera svolta dopo anni, “una notizia straordinaria”. Il marò Salvatore Girone potrà aspettare in Italia l’esito dell’arbitrato internazionale – che durerà almeno altri 2-3 anni – sulla vicenda che lo vede accusato dall’India, assieme a Massimiliano Latorre, di aver ucciso due pescatori indiani nel 2012.

Lo ha stabilito il Tribunale arbitrale, istituito presso la Corte permanente di arbitrato dell’Aja, al quale il governo italiano si era rivolto lo scorso dicembre per far rientrare in patria Girone – tuttora in libertà vigilata a New Delhi – fino alla fine del procedimento che dovrà decidere a chi spetti la giurisdizione sul caso.

“Una notizia straordinaria, un passo avanti davvero significativo”, ha commentato il premier Matteo Renzi dopo aver chiamato al telefono Girone da Firenze, dove si trovava per l’incontro con il collega giapponese Shinzo Abe.

Un’esultanza condivisa da tutto il Paese, in primis dal presidente Sergio Mattarella, e dalle forze politiche, ma soprattutto dai familiari di Girone: “Sono strafelice”, sono state le prime parole a caldo di papà Michele.

“Ringrazio le persone che si sono impegnate per questa vicenda. Ora voglio soltanto attendere Salvatore qui”, ha detto la moglie Vania Ardito. I tempi del rientro, ha spiegato in serata il titolare della Farnesina Paolo Gentiloni, non saranno brevissimi, “non tornerà domattina, ci vorrà forse qualche settimana”. “Ma la cosa importante – ha sottolineato – è che la decisione è stata presa e ha dato ragione all’Italia”.

Così come, si è detto convinto il ministro degli Esteri, l’Italia vedrà riconosciute le sue ragioni anche quando il tribunale internazionale entrerà nel merito della vicenda. La sentenza dei 5 giudici arbitrali sarà resa pubblica solo oggi ma nel confermare la notizia – anticipata dall’Ansa – la Farnesina ha precisato che “le condizioni del rientro” di Girone “saranno concordate tra Italia e India”.

“Il governo – ha sottolineato ancora la Farnesina – avvierà immediatamente le consultazioni con l’India affinché siano in breve tempo definite e concordate le condizioni per dare seguito alla decisione del Tribunale arbitrale”.

Consultazioni che richiederanno ovviamente del tempo. Dal canto suo l’India ha voluto puntualizzare che il Tribunale dell’Aja ha “riconosciuto le posizioni coerenti e gli argomenti chiave espressi dal governo indiano” e che, in sintesi, l’ultima parola spetta ancora a New Delhi.

In una nota ufficiale in otto punti, il ministero degli Esteri indiano ha infatti riferito che “il Tribunale arbitrale ha stabilito all’unanimità che Italia e India chiedano alla Corte Suprema una modifica delle condizioni cautelari di Girone, affinché possa tornare in Italia”, pur “rimanendo sotto l’autorità” dell’Alta Corte indiana.

Il Tribunale ha inoltre lasciato alla stessa Corte “il potere di stabilire le condizioni precise” per il rientro. Queste potrebbero includere – prosegue il comunicato indiano – l’obbligo di firma presso un’autorità in Italia designata sempre dalla Corte Suprema indiana, la consegna del passaporto alle autorità italiane e il divieto di lasciare il Paese senza permesso dello stesso organismo giudiziario indiano.

L’Italia dovrebbe inoltre riferire ogni tre mesi alla Corte Suprema sulla situazione del marò. Simili condizioni per il rientro di Girone – ma senza i ripetuti riferimenti alla Corte Suprema indiana – erano state ipotizzate nell’udienza all’Aja di fine marzo anche dall’avvocato del collegio di difesa italiano, Daniel Bethlehem.

Secondo la nota di New Delhi, il Tribunale dell’Aja ha infine stabilito quella che per l’India rappresenta la ‘garanzia’ più importante. E cioè, l’obbligo per l’Italia di riportare Girone a Delhi qualora l’arbitrato le riconoscesse la giurisdizione sull’incidente dell’Enrica Lexie e la giustizia indiana avviasse un processo nei suoi confronti e di quelli di Latorre, lui già in patria per curarsi dopo l’ictus subito quasi due anni fa.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

19:57Russiagate: da Mueller mandato comparizione per Steve Bannon

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon ha ricevuto dal procuratore del Russiagate, Robert Mueller, un mandato di comparizione per testimoniare davanti ad un grand jury nell'ambito delle indagini su una possibile collusione tra l'entourage di Donald Trump e i russi. Lo scrive il New York Times, sottolineando che è la prima volta che Mueller usa un mandato per ottenere informazioni da un membro dell'inner circle del presidente.

19:53Colombia: crolla un ponte in sospensione, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte a sospensione in costruzione sopra una gola in Colombia. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi. Il ponte crollato era una struttura in sospensione di 450 metri, sull'autostrada tra Bogotà e Villavicencio. I lavoratori si stavano occupando del drenaggio sul lato della struttura, appesa a dei cavi a centinaia di metri dal fondovalle, quando questa è crollata. L'incidente si è verificato nel settore noto come Chirajara, una zona molto montuosa dove è stata costruita l'autostrada Bogotá-Villavicencio, che lungo i suoi 120 chilometri comprende decine di viadotti e gallerie.

19:49Calcio: dall’Arsenal offerta 35 mln e Giroud per Aubameyang

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Olivier Giroud e 35 milioni di sterline per Pierre-Emerick Aubameyang: sarebbe questa, stando all'Evening standard, l'offerta che l'Arsenal starebbe per presentare al Borussia Dortmund per l'attaccante gabonese. Secondo il tabloid britannico, che rilancia anche l'operazione Alexis Sanchez-Manchester United. Il centravanti giallonero, valutato 53,3 milioni di sterline (all'incirca 60 milioni di euro), nello scacchiere di Wenger andrebbe a sostituire l'attaccante cileno in predicato di lasciare l'Emirates stadium.

19:45Circolare Ps, gira pistola grande come carta di credito

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con l'allarme terrorismo sempre alto, da poco è in commercio una pistola che è poco più grande di una carta di credito: un'arma che si può nascondere con facilità e, soprattutto, può essere portata in giro senza che nessuno se ne accorga. L'allerta arriva dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha inviato una circolare a tutte le Questure d'Italia per invitare le forze di polizia sul territorio a segnalare immediatamente eventuali sequestri o ritrovamenti di questo tipo di pistola.

19:44Yemen: Ong, 8 mln persone a rischio di morte per fame

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Nello Yemen in preda alla guerra ben 8 milioni di persone sono a rischio di morire di fame: è quanto denunciano in una nota Save the Children e altre 16 organizzazioni umanitarie operanti in territorio yemenita, che chiedono urgentemente la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah per consentire l'ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese. Inoltre, oltre 3 milioni di bambini sono nati in Yemen dopo l'escalation delle violenze, nel marzo 2015, si legge nel rapporto di Unicef 'Born into War'. Secondo l'agenzia dell'Onu, oltre 5.000 bambini sono stati uccisi o feriti nelle violenze, in media cinque al giorno da marzo 2015. Oltre 11 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria, praticamente tutti quelli nello Yemen, e circa 1,8 milioni di bambini sono gravemente malnutriti, tra cui circa 400.000 che stanno lottando per la vita. Inoltre, quasi 2 milioni di bambini non vanno a scuola.

19:43Figc: Lega Serie B, obiettivo rafforzare asse con Serie A

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - La Lega di Serie B vuole contare e far sentire la propria voce nella scelta sofferta del presidente della Figc, una corsa a tre fra Gravina, Sibilia e Tommasi. Oggi Consiglio della Lega B, una riunione in parte interlocutoria anche se si punta a rafforzare l'asse con la Lega A per non andare in ordine sparso e cercare un'alleanza concreta in nome dell'unità di intenti. Giornate di grandi manovre con il rischio di commissariamento che incombe sulla Federazione. E, proprio la Lega di B, è riuscita a dare un segnale forte eleggendo presidente il 23 novembre scorso Mauro Balata, ricompattandosi intorno al nome dell'ex commissario. Prossima assemblea il 25 gennaio, in attesa di sviluppi.

19:36Repubblica ceca: Parlamento nega fiducia a governo Babis

(ANSA) - PRAGA, 16 GEN - Il governo monocolore di minoranza formato dall'imprenditore populista euroscettico Andrej Babis, il premier e leader del movimento Ano (Azione del cittadino scontento) non ha ottenuto la fiducia in Parlamento. Contrari alla fiducia erano 117 deputati dei 195 presenti in Parlamento. Il governo sarà costretto a dimettersi ma governerà fino alla nomina di un esecutivo nuovo. Il presidente ceco, Milos Zeman, presente alla prima seduta del Parlamento dedicata al voto di fiducia, ma interrotta e spostata a oggi, ha promesso a Babis, il vincitore delle elezioni di ottobre scorso, di reincaricarlo del secondo tentativo di formare un governo, a condizione di ottenere prima da lui i nomi di 101 deputati disposti a sostenerlo. Il Comitato delle immunità parlamentari ha raccomandato al Parlamento di consegnare Babis e il suo vice Jaroslav Faltynek alla giustizia penale per l'affare dell'abuso dei contributi Ue nella costruzione di un agriturismo.

Archivio Ultima ora