Marchionne: “Vedere la Ferrari che soffre mi rompe l’anima”

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

Un frame tratto da Sky Sport mostra Sebastian Vettel dopo l'incidente al primo giro del Gran Premio di Russia, 1 maggio 2016. ANSA/SKY SPORT

Un frame tratto da Sky Sport mostra Sebastian Vettel dopo l’incidente al primo giro del Gran Premio di Russia, 1 maggio 2016. ANSA/SKY SPORT

TORINO – “Mi rompe l’anima vedere la Ferrari che soffre così”. Lo ha detto il presidente del Cavallino, Sergio Marchionne, commentando l’ultimo Gran Premio di F1 a margine della presentazione a Torino dei nuovi modelli di Fiat Tipo.

“Tra la sfortuna delle prime tre gare e domenica – ha anche detto Marchionne – sono emerse delle lacune tecniche, malgrado l’impegno della scuderia. In passato è stata sbagliata l’impostazione ma stavolta no, non possiamo attribuire la colpa a nessuno Soffrire non è nel dna della squadra”.

“Domenica è stata una giornata bruttissima, c’è ancora molto lavoro da fare, ma ho massima fiducia nella squadra e ce la faremo”. Così il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, a Torino a margine della presentazione delle nuove versioni della Fiat Tipo. “Dobbiamo colmare il divario alla velocità della luce – aggiunge – io ero abituato a vedere la Ferrari di Schumacher”.

Vettel non si dà pace, “Errore Kvyat, io nessuna colpa” – “E’ un vero peccato, perché qui a Sochi avevamo azzeccato tutto”. Sebastian Vettel non si dà pace per il tamponamento che lo ha messo subito fuori gara nel gp di Russia, suggellando un inizio di campionato all’insegna degli imprevisti.

“Ho fatto una buona partenza, sono rimasto un po’ bloccato alla prima curva ma poi ho avuto via libera. Naturalmente partendo indietro si corrono sempre più rischi, ma in griglia ero settimo, mica quindicesimo…”, le parole del pilota tedesco affidate al sito della Ferrari.

Poi, l’attacco al russo Kvyat, autore del tamponamento, anche se più morbido dell’imprecazione piena di ira urlata in radio al momento dell’uscita. “Alla seconda curva stavo già attaccando per prendermi la quinta posizione, ma se poi dietro qualcuno non frena non è che ci possa fare molto. Sono stato tamponato violentemente una volta e poi di nuovo in curva 3, dove si è conclusa la mia corsa. A me risulta che la gara sia di 53 giri, ma non tutti sembrano ricordarlo. Non credo di dover dire molto altro, penso che basti guardare le immagini per trovare tutte le risposte”, l’analisi di Vettel.

“Non ho nessuna colpa, non avrei potuto fare niente di diverso e se tornassi indietro non cambierei nulla. Io non ce l’ho con lui – il riferimento a Kvyatt – penso solo che abbia fatto un errore due settimane fa e ne abbia fatto un altro oggi, ma questo adesso non mi serve a niente. Certamente sono deluso, ma ormai guardiamo già alla prossima gara”.

Ultima ora

17:34Calcio: Nicola “fiducia nei miei, il gol arriverà”

(ANSA) - CROTONE, 19 SET - "Ho fiducia nei miei attaccanti e loro devono averla in loro stessi. Il gol arriverà". Davide Nicola non fa drammi per lo zero nella casella delle marcature del Crotone dopo quattro giornate di campionato. "Costruiamo le azioni - dice - siamo pericolosi. La rete arriverà. Dobbiamo avere pazienza". Domani la sfida con l'Atalanta. "Il vantaggio - sostiene - è che possiamo impostare il lavoro a nostro piacimento. Ieri, ad esempio, abbiamo lavorato contemporaneamente su due campi per fare la parte tattica e quella fisica". Dell'avversario il tecnico del Crotone elogia la "capacità di giocare con coraggio ed aggressività" e sottolinea "non penso giocare la quarta gara in sette giorni possa creare problemi alla squadra di Gasperini visto che hanno un gioco consolidato e calciatori forti ed importanti".

17:30Calcio: Mihajlovic, con noi non usano mai la Var

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "La Var? Con noi non si usa mai. Se l'avessero usata a Bologna e con la Samp, il gol sarebbe stato regolare e domenica scorsa avremmo avuto un rigore". Sinisa Mihajlovic torna così sulla novità tecnologica della stagione. "Magari con la Sampdoria avremmo sbagliato il rigore - precisa l'allenatore del Torino - ma avremmo avuto una possibilità in più". Il riferimento è al contatto sospetto in area su Ljajic. "In ogni caso - prosegue - abbiamo quattro punti in più rispetto allo scorso anno e siamo migliorati nella fase difensiva. Anche se, vedendo l'ultima partita, non si direbbe. Per andare in Europa dovremmo fare dai 12 ai 15 punti in più rispetto allo scorso anno: siamo in media".

17:29Coni: Camera, ok pdl su limite tre mandati, torna al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Via libera dell'Aula della Camera alla proposta di legge che limita a tre i mandati degli organi del Comitato olimpico nazionale italiano, delle federazioni sportive nazionali, delle cariche nel Comitato italiano paralimpico (Cip), nelle federazioni sportive paralimpiche, nelle discipline sportive paralimpiche e negli enti di promozione sportiva paralimpica. Il provvedimento, approvato a Montecitorio con 281 sì, 62 no (M5S) e 63 astenuti (Si, Mdp e Fdi), torna al Senato.

17:23Moto: Valentino Rossi di nuovo in pista a Misano

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Valentino Rossi di nuovo in pista a Misano, per un test dopo la frattura di tibia e perone in un incidente di enduro 19 giorni fa. Il pilota Yamaha sta girando in questo momento sulla pista del circuito romagnolo, dove vuole verificare la possibilità di gareggiare nel Gp di Aragon. Ieri si era fermato dopo quattro giri per la pioggia, stamattina - apprende l'Ansa da fonti del suo team - niente attività, e nel pomeriggio di nuovo in pista.

17:20Sequestrati beni a presidente a Coord. antimafia

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 19 SET - Beni per 75 mila euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria ad Adriana Musella, presidente del Coordinamento nazionale Antimafia Riferimenti indagata per i reati di malversazione ai danni di enti pubblici e di appropriazione indebita ai danni della stessa associazione. Il provvedimento di sequestro preventivo è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Secondo quanto emerso dalla indagini, nel corso degli anni, a partire dal 2002, in qualità di presidente di Riferimenti, Musella ha ricevuto e gestito diversi finanziamenti, anche pubblici, per un importo complessivo di circa 450 mila euro, il cui impiego sarebbe dovuto essere vincolato alla divulgazione della cultura antimafia. Gli accertamenti condotti dai finanzieri hanno invece evidenziato che parte di quei fondi ottenuti nel corso del quinquennio 2010-2015, quantificabili in circa 55 mila euro, sono stati utilizzati per finalità ritenute estranee a quelle associative.(ANSA).

17:17Calcio: serie B, il 27 assemblea a Coverciano

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Si terrà mercoledì 27 settembre, a Coverciano, l'assemblea ordinaria della Lega B. La convocazione del Commissario straordinario, Mauro Balata, prevede temi ordinari, non elettivi, fra i quali la proposta di rinvio delle gare del campionato avanzata dalla società Palermo in occasione delle date Fifa. All'ordine del giorno anche gli orari della 18/a, 20/a e 21/a giornata, quindi la valutazione delle procedure competitive dei diritti audiovisivi del triennio 2018/2021, il progetto di nuovi format di sponsorizzazione e, inoltre, aggiornamenti sulla mutualità di sistema. L'Assemblea si svolgerà al termine dell'incontro fra l'Aia e le società della Serie B, incontro al quale parteciperà il presidente dell'Associazione arbitri, Marcello Nicchi, insieme al designatore Emidio Morganti e all'organico della Can B, il Commissario Balata, il direttore generale, Paolo Bedin, oltre a dirigenti, allenatori e capitani delle 22 squadre.

17:11Papa: rifonda Istituto famiglia, Amoris laetitia dia rotta

(ANSA) - VATICANO, 19 SET - Nuovo nome, ma non si tratta di un maquillage: cambia l'assetto giuridico dell'Istituto di studi sulla famiglia nato per impulso di Giovanni Paolo II. Papa Bergoglio lo ha deciso con un Motu proprio, cioè, spiega mons. Pierangelo Sequeri, "ha messo la firma su un atto di rifondazione, ha stornato l'idea che l'Istituto sia tollerato. Con un gesto forte ha detto invece che l'Istituto è rilanciato". Francesco non ha demolito quella che alcuni descrivono come la roccaforte di posizioni conservatrici sulla famiglia, più vicino alla sensibilità di un Caffarra che di un Bergoglio, ma l'ha rifondata, e le chiede di adeguarsi al proprio disegno pastorale e teologico, secondo quanto espresso dal sinodo sulla famiglia e dalla esortazione "Amoris laetitia". Con il Motu proprio il Papa istituisce il "Pontificio istituto teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia", con l'obiettivo di una maggiore attenzione alle sfide teologiche del momento e in linea con sinodo e "Amoris laetitia".

Archivio Ultima ora