Venezuela: Referendum revocativo, prova di forza tra Governo e Opposizione

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

VENEZUELA Oposicion firmas (gonzalo-morales)

VENEZUELA Oposicion firmas (gonzalo-morales)

Il clima politico è sempre più agitato. Il Tavolo dell’Unità ha assicurato di aver raccolto ben 2 milioni e mezzo di firme per avviare il Referendum revocativo. Sarebbero state sufficienti circa 200 mila. La notizia, che è rimbalzata sui mass-media di mezzo mondo e ha avuto l’effetto di un fulmine sui social-network, ha contribuito ad aggiungere un altro elemento di instabilità al già tanto precario equilibrio politico.

L’aggressione di cui è stato vittima nei giorni scorsi Jesús “Chuo” Torrealba, Segretario Esecutivo dell’eterogenea alleanza dell’Opposizione, è la palese manifestazione di come ormai si stia camminando sull’orlo dell’abisso.

Le passioni politiche, prima espresse nei dibattiti e poi nei virulenti attacchi sui mass-media, ora si manifestano attraverso azioni violente che sono solo paragonabili a quelle tristemente famose dell’epoca fascista in Italia e nazista in Germania.

Per il momento, i protagonisti sono solo piccoli gruppi di emarginati e disadattati che agiscono, impunemente, non si sa se, come assicurano alcuni esponenti dell’Opposizione, con la complicità delle forze dell’Ordine e l’avallo indiretto di organizzazioni politiche filo-governative.

Ma il fenomeno potrebbe estendersi, prender forza. Se a questi, poi, si aggiunge l’azione dei “colectivos”, sempre in agguato come “cellule dormenti” pronte a intervenire nei momenti di confusione e disordini, è facile immaginare che se non si corre oggi ai ripari, domani la violenza potrebbe trasformarsi in caos e il caos in deriva autoritaria.

Il dibattito, in questi giorni, si sviluppa attorno al Referendum Revocativo. L’Opposizione aveva 30 giorni di tempo per raccogliere le 195mila 721 firme necessarie per avviare la consulta diretta. Ne ha “rastrellate” 2 milioni e mezzo in poche ore. E, se non vi saranno contrattempi, le consegnerà oggi al Consiglio Nazionale Elettorale. Vuole bruciare i tempi che sono assai corti.

Bisognerà vedere se la burocrazia del Cne sarà altrettanto efficiente. Dopo la consegna delle firme, oggi, il Cne avrà 5 giorni per verificarne la validità e poi per procedere alla ratifica di almeno 200 mila elettori, dei 2 milioni e mezzo di venezuelani che hanno sottoscritto la richiesta di Referendum. Quindi, il Tavolo dell’Unità dovrà raccogliere i 4 milioni di firme per procedere effettivamente al Referendum.

Ancora le firme non sono state depositate al Cne che già è esplosa la polemica. Questione d’interpretazione. Tania D’Amelio, membro dell’organismo, ha infatti assicurato nei giorni scorsi che la verifica delle firme avverrà dopo i 30 giorni stabiliti per la loro raccolta. Insomma, non ha alcuna importanza se saranno consegnate domani o l’ultimo giorno abile. Un’interpretazione in netto contrasto con quella del Tavolo dell’Unità che vuole bruciare i tempi.

Non contribuiscono a placare gli animi le arringhe del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Assai distante dal linguaggio pacato, prudente, austero degli statisti d’altri tempi, il capo dello Stato getta legna sul fuoco. E nei suoi interventi pubblici non solo impiega espressioni insultanti nei confronti degli avversari politici – e ciò non sorprende più di tanto – ma mette anche in dubbio, sminuendola, l’autorità del Parlamento ora, dopo quasi un ventennio, indipendente dal governo. Così facendo, mette in discussione anche la volontà di oltre 7 milioni di elettori espressa democraticamente attraverso il voto del 6 dicembre scorso.

Lo scontro tra Potere Esecutivo e Potere Legislativo sta arrecando un serio danno al sistema democratico stesso. E l’intervento della Corte Costituzionale, che puntualmente tende ad esautorare il Parlamento, non contribuisce al clima di stabilità di cui il Paese ha bisogno per superare la crisi economica.

Nei giorni scorsi, durante una delle sessioni, il Parlamento è stato oggetto di un improvviso black-out; interruzione della luce elettrica che era stato minacciata giorni prima del capo dello Stato. La risposta acre e sarcastica del presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, è stata immediata ma non assicura che situazioni del genere non si ripetano. Così come non si ha la certezza che la Corte Costituzionale, su invito del governo, non intervenga su future decisioni del Parlamento. Lo scontro fra poteri si fa sempre più aspro.

Il presidente Maduro, durante il suo discorso in occasione di una nuova ricorrenza del Primo Maggio, ha invitato nuovamente i venezuelani a disconoscere l’autorità del Parlamento, ha denunciato una volta ancora l’esistenza di una presunta congiura e ha invitato i venezuelani alla ribellione in caso di un risultato a lui sfavorevole qualora si realizzasse il Referendum Revocatorio.

Il capo dello Stato ha assicurato che una commissione “ad hoc”, da lui nominata, esaminerà la validità delle firme, una funzione che in realtà è di esclusiva competenza del Consiglio Nazionale Elettorale. La minaccia è implicita e immediatamente torna alla mente la famosa “Lista Tascón”.

Ma i tempi sono cambiati. Anche l’autorità del capo dello Stato non è più quella di una volta. Ed è messa in discussione, sempre con più forza, dallo stesso Psuv, dilaniato da correnti interne. L’ala dissidente del partito di governo, che fino a ieri bofonchiava la propria disapprovazione, ora si esprime apertamente e critica anche con toni assai aspri la politica del presidente Maduro.

Assiste con preoccupazione alla disaffezione dei venezuelani nei confronti del Psuv e teme che il fenomeno crescente possa condurre alla scomparsa del “chavismo” o, in ogni caso, a una sua drastica perdita di autorità e di forza. Il fenomeno dovrebbe preoccupare anche il resto dei venezuelani.

E, infatti, democrazia è alternanza al potere; esistenza di partiti politici forti che non permettano l’egemonia indiscussa di una sola forza. L’essenza della democrazia è la dialettica, la discussione, il dibattito. In democrazia, non può esistere il “pensamiento ùnico”.

Nel corso della commemorazione del Primo Maggio, il presidente Maduro ha parlato anche di salario minimo. Ora questo sarà di 15 mila e 51 bolívares. E, ad esso, dovranno sommarsi i “Cesta-tickets” che si calcolano in 18 mila e 585 bolívares. In totale, quindi, il lavoratore venezuelano riceverà 33mila 636 bolívares.

L’aumento salariale decretato dal presidente Maduro è stato accompagnato dai soliti “motores de la economía”. Questi, che dovrebbero essere alla base della ripresa economica, s’infrangono con la realtà del Paese.

E cioè con una profonda recessione dalla quale non si riuscirà a uscire se prima non si recupera la fiducia nelle istituzioni e nel paese. E, soprattutto, se non si coinvolge l’industria privata, sia essa piccola o grande, nazionale o straniera.

Il Prodotto interno Lordo, stando al Fondo Monetario Internazionale, subirà una contrazione di circa l’8 per cento e si stima una iper-inflazione superiore al 720 per cento a fine anno. Nel 2017, questa potrebbe moltiplicarsi fino a superare il 2.200 per cento. Insomma, se fino a ieri si era sull’orlo del precipizio, ormai ci siamo dentro.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora