Dettori, Hornby, Ranieri: storie di Italia in Gran Bretagna

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

ranieri

LEICESTER. – In principio fu Giuseppe Mazzini, sbarcato da esule nel 1837 nella ‘little Italy’ della Londra imperiale (allora davvero little). Ma se la si vuole prendere meno alla lontana le storie degli italiani famosi d’Inghilterra, che conduce fino al trionfo targato Leicester di Claudio Ranieri da Testaccio, offre una miriade di esempi contemporanei.

Non c’è che l’imbarazzo della scelta in tempi nei quali – nella sola capitale britannica – i connazionali di successo, o a caccia di fortuna, si contano a decine, centinaia di migliaia. Il calcio rappresenta, di suo, un microcosmo tricolore. I nomi di Vialli e di Zola, di Carlo Ancelotti e di Roberto Mancini, da giocatori o da tecnici, si sono già circonfusi da tempo di gloria al di qua della Manica.

Nè, in attesa delle imprese che Roman Abramovich e i tifosi del Chelsea si aspettano da Antonio Conte, può essere dimenticato don Fabio Capello: nemmeno lui è riuscito a far vincere la nazionale inglese, è vero; ma anche da queste parti, da ct dei ‘bianchi’, ha saputo lasciare traccia e far vedere come si comanda.

Fuori dal tappeto verde, ma nel cuore di tanti frequentatori delle curve (come pure di spettatori di reality show e lettori di tabloid) giganteggia poi il profilo generoso di Nancy Dell’Olio, all’anagrafe Annunziata: forse l’italiana più popolare, oggi come oggi e prima del Ranieri day, dell’intero regno.

Ma non di solo calcio, né di solo gossip, si nutre il contributo della penisola all’isola. Fra gli italo-inglesi si è conquistato celebrità imperitura, in una terra che talora ama i cavalli più degli esseri umani, il fantino sir Frankie Dettori.

Come lui, ha accesso a corte e ha potuto chinare il capo di fronte alla regina Antonio ‘Anthony’ Pappano, bacchetta di fama mondiale e nume tutelare della Royal Opera House londinese; o Gabriele Finaldi, direttore dell’imponente National Gallery.

Nomi da prima pagina in un Paese nel quale il profumo d’Italia si respira peraltro un po’ dappertutto, mentre il flusso di ‘immigrati’ – temporanei o permanenti – continua a essere alimentato ogni mese da nuovi arrivi, dopo il boom clamoroso degli ultimi anni.

Un popolo fatto di parrucchieri e baristi, di camerieri e studenti, di avvocati e medici, di ristoratori, chef, free lance, giovani ricercatori o accademici affermati. Nel mondo della cultura spicca, per citare un esempio, il nome di Simonetta Agnello Hornby, che Londra l’ha vista cambiare a fondo in mezzo secolo di vita in riva al Tamigi: da avvocato, giudice minorile e infine scrittrice di talento.

In quello della City, fra manager, finanzieri, broker e legali nostrani, può essere citato Vittorio Colao, da qualche anno al vertice mondiale di Vodafone, colosso multinazionale della telefonia. Ma la lista è virtualmente sconfinata. Quel che è certo è che da ieri – lontano da Londra, fra le industrie tessili e l’immigrazione multicolore della periferica Leicester – Claudio Ranieri vi occupa un posto tutto particolare.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

21:11Ariana Grande tornerà a Manchester per concerto beneficienza

(ANSA) - LONDRA, 26 MAG - La cantante americana Ariana Grande tornerà a Manchester per un concerto di beneficienza per le vittime dell'attacco avvenuto lunedì scorso all'Arena al termine di uno dei suoi concerti nella città britannica. Lo ha reso noto la stessa cantante su Twitter. "Ritornerò in questa incredibile e coraggiosa città di Manchester per passare del tempo con i miei fan e per un concerto di beneficienza in onore e per raccogliere soldi per le vittime e le loro famiglie", ha cinguettato la cantante. Grande ha poi precisato che sta lavorando sui dettagli del nuovo appuntamento e "appena saranno confermati li condividerà", aggiungendo che il suo "cuore, le preghiere e le sue più sincere condoglianze vanno alle vittime dell'attacco".

21:09Processo Juve: Pecoraro “Io non ho chiesto patteggiamento”

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "La Procura, costituendo l'accusa, non poteva fare alcuna proposta di patteggiamento": il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, precisa all'Ansa i termini di quanto avvenuto oggi nella prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e rapporti con gli ultras. "La Procura - spiega Pecoraro - si è esclusivamente confrontata con la Juventus per cercare una soluzione accoglibile da entrambe la parti. Il confronto è stato sospeso nel momento in cui la Juventus ha richiesto un rinvio per poter riflettere sulle varie soluzioni di carattere generale che la parti hanno prospettato", ha concluso.

Archivio Ultima ora