40 anni fa il sisma in Friuli: quando l’Orcolat si risvegliò

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

UDINE. – Faceva caldo, molto caldo quella sera del 6 maggio 1976. Un caldo soffocante e quasi assurdo per la stagione. Poi, erano da poco passate le 21, la terra tremò e per il Friuli nulla fu più come prima. In pochi secondi un mondo, un modo di vivere, una cultura, un’intera comunità vennero spazzate via. Ma sul momento non si capì.

Qualcuno pensava a un bombardamento, altri a scoppi di depositi di qualche polveriera della zona. Insomma non era chiaro. D’improvviso le comunicazioni si interruppero, le linee erano sovraccariche, e a dialogare con i ‘presenti sui posti’ furono solo i radioamatori.

”Qui è tutto un polverone, si sentono grida in lontananza… non capiamo, forse c’è stato un terremoto”. Queste furono le primissime dichiarazioni degli autotrasportatori che passavano nelle zone di Venzone, Gemona, Osoppo. E la notte non aiutava. Si era risvegliato l’Orcolat (l’orco, come da queste parti viene soprannominato il terremoto) e in pochi secondi si era trascinato tutto con sé.

Solo alle prime luci del mattino dopo fu chiaro il quadro. Ovunque distruzione, ovunque case crollate, ovunque morte. Il terremoto aveva squassato il Friuli. E subito partì la solidarietà. In quei giorni protagonisti furono in primo luogo i giovani friulani che a centinaia partirono per i luoghi colpiti dal sisma nel tentativo di salvare qualche vita umana. Si formarono squadre coordinate dai sindaci, dai Vigili del fuoco e dagli alpini della Julia.

Nei paesi più colpiti dalle scosse furono salvate vite umane, grazie al lavoro – a mani nude – di tantissimi ‘angeli’. Subito cominciò l’opera di smassamento di quello che restava delle case, dei fienili, delle stalle. Il giorno dopo lo Stato arrivò con Giuseppe Zamberletti subito nominato commissario straordinario dal presidente del Consiglio Aldo Moro.

Sul campo rimasero quasi mille morti e un terzo della regione Friuli Venezia Giulia devastato. Ma non era finita. Se la scossa del 6 maggio fu quella che mise in ginocchio il Friuli, il colpo di grazia doveva arrivare con le scosse di settembre che completarono la distruzione e obbligarono Stato e Regione a pensare di trasportare bambini, giovani e anziani lontano dall’epicentro.

Subito si pensò alle località marine di Grado, Lignano, Bibione e Caorle dove ricostruire le comunità, mentre per gli ‘attivi’ si pensò di requisire migliaia di roulotte in giro per l’Italia, di concentrale nei paesi maggiormente colpiti per garantire almeno un minimo il lavoro nelle fabbriche che non erano state colpite dalla distruzione.

Il motto di allora, che diventò un vero e proprio proclama politico-istituzionale, fu ‘prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese’: fu una scelta comune fatta propria anche dalla curia udinese. Si comprese che bisognava garantire il lavoro ai residenti, mettere in salvo i nuclei familiari e poi pensare alla ricostruzione che si voleva ”dov’era e com’era”.

Fu un’azione unitaria straordinaria. Lo Stato delegò la Regione – con il coordinamento del Commissario straordinario – mentre questa, forte anche della sua autonomia, delegò ai comuni. I sindaci, per la prima volta nella storia d’Italia divennero protagonisti del futuro delle loro comunità. Era, in nuce, la moderna Protezione civile.

Tutto fu possibile grazie alla solidarietà nazionale e anche a quella internazionale essendo i friulani ‘lontani dalla Piccola Patria’ ben più numerosi dei residenti. Aiuti arrivarono subito dagli Stati Uniti, dall’Argentina, dall’Australia e da tantissimi Paesi europei.

A quarant’anni da quei tragici giorni, a ricostruzione completata, si stima che il tutto sia costato circa 13 miliardi di euro. Una cifra non particolarmente alta se si pensa ad altre esperienze. Oggi tutto è a posto: i paesi sono stati tutti ricostruiti più belli di prima.

L’Orcolat sicuramente non farebbe quella strage visti i sistemi antisismici di ricostruzione e se, pur nelle difficoltà della crisi, oggi si può parlare di popolo friulano, lo si deve anche a quella straordinaria opera che è stata la ricostruzione del Friuli.

(di Pier Paolo Gratton/ANSA)

Ultima ora

14:37Terremoto: Montella, Milan vicino a popolazioni colpite

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 20 GEN - Il Milan farà sentire la sua vicinanza alle popolazioni terremotate. Questo il pensiero con cui Vincenzo Montella ha voluto iniziare la sua conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Napoli. "Vorrei iniziare con un saluto, anche da parte della squadra, alle popolazioni dell'Abruzzo e del Centro Italia, siamo vicini a chi soffre per le molteplici calamità di questi giorni. Con la squadra faremo sentire la nostra vicinanza e il nostro affetto", ha detto l'allenatore rossonero, colpito dal fatto che alcuni club di tifosi milanisti dell'Italia centrale si sono comunque organizzati per essere in tribuna domani a San Siro. "Siamo toccati per quello che sta succedendo in Italia, ci sono alcuni calciatori coinvolti direttamente, come Bonaventura che è delle Marche e Lapadula che ha giocato nelle zone colpite dal terremoto - ha spiegato Montella -. Siamo contenti che alcuni tifosi abbiano trovato il modo per venire a seguirci domani, anche per distrarsi da quello che sta succedendo".

14:36Trump: centinaia già in fila

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Sono già qualche centinaia le persone che, quando a Washington non è ancora alba, si sono riversate lungo il National Mall nella speranza di aggiudicarsi un posto in prima fila per assistere al giuramento di Donald Trump 45/mo presidente degli Stati Uniti. Un massiccio dispositivo di sicurezza è stato dispiegato in città, in particolare attorno all'area interessata dalla cerimonia, che partirà ufficialmente attorno alle 9.30 (le 15.30 in Italia) ma entrerà nel vivo con l'arrivo di Donald e Melania Trump dopo le 10.30 (le 16.30 in Italia). Sono previste anche manifestazioni di protesta nella capitale, con diversi gruppi e organizzazioni che hanno annunciato mobilitazioni di contestazione verso il tycoon eletto presidente.

14:35Calcio: Montella punge Sarri, Napoli ha budget da Champions

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 20 GEN - "Bisogna alzare l'asticella anche per arrivare in Europa League". Vincenzo Montella sogna la Champions ma avverte il suo Milan che anche per il traguardo minimo serve di più, a partire dalla sfida di domani con il Napoli. "E' una partita di alta classifica, e questo è motivo di orgoglio e responsabilità ma non dobbiamo accontentarci: vale molto in termini di risultato -ha detto il rossonero. Affrontiamo una squadra fortissima che gioca a alti livelli da anni, che ha iniziato un percorso internazionale con Benitez ed è costruita con un budget da Champions, per giocare tre competizioni. E lo dico al mio amico Sarri che ci tiene ai fatturati...". "E' uno stimolo in più affrontare il Napoli nel suo miglior momento" ha notato Montella, augurandosi che la visita di Maradona a Napoli "abbia distratto allenatore e giocatori: lui è uno che muove cuori e coscienze dei napoletani, mi auguro che la sua presenza abbia disturbato".

14:34Rigopiano: Cc, 8 i vivi, 2 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sono arrivati a otto i sopravvissuti della tragedia dell'hotel Rigopiano. Tra loro - si apprende dai carabinieri - due bambini. Due al momento le persone estratte dalle macerie.

14:33Maltempo: Sardegna, si spala ancora, ora rischio esondazioni

(ANSA) - NUORO, 20 GEN - Piove a Nuoro città, ma nei paesi di montagna ha ripreso a nevicare. All'indomani delle polemiche tra i sindaci e la Protezione civile, con i primi che accusano di essere stati lasciati soli nel pieno dell'emergenza e la Regione che parla di evento eccezionale e di una palese impreparazione da parte dei Comuni, si continua a lavorare per ripristinare la viabilità e togliere così dall'isolamento interi paesi, da Fonni a Desulo a Talana ma anche vaste zone dell'Ogliastra. Si teme ora per le esondazioni: a Torpè sono ancora evacuate le famiglie della parte bassa del paese per paura che la diga straripi. Le scuole rimangono chiuse nei centri più alti, a Nuoro invece sono state riaperte. Sul fronte delle strade, si lavora incessantemente sulla statale 389 da Jenna Erru e Lanusei per liberare la carreggiata dalla neve: per farlo è arrivato un potente spazzaneve a turbina dell'Anas. Già sgombra invece la bretella che dalla 389 collega l'abitato di Fonni, mentre i mezzi dell'Anas sono all'opera sulla provinciale 7 Fonni-Desulo e sulla 71 Tonara-Tascusì. "Sulle cime nevica - conferma all'ANSA l'assessore ai Lavori Pubblici di Fonni Mario Piras - speriamo non arrivi anche in paese. Stiamo lavorando per raggiungere alcuni ovili isolati con ruspe di privati e per liberare le strade dalla montagna di neve e ghiaccio. Ci preoccupano gli allevamenti, la nostra principale attività - sottolinea - sono molti i capannoni crollati sotto il peso della neve e tantissimi gli animali morti per assideramento. Il danno ancora non si può quantificare, lo faremo nelle prossime ore. Piuttosto non siamo pronti per il turismo del fine settimana: l'invito è di non venire a Fonni - avverte Piras - non siamo in grado di assicurare la transitabilità delle strade e non abbiamo gli spazi per i parcheggi". L'unità di crisi della Prefettura di Nuoro è sempre attiva. Il vice prefetto Vincenzo D'Angelo fa sapere che un elicottero sta sorvolando la zona di Montes, a Orgosolo, dove ci sono tanti ovili isolati e animali senza sostentamento. Elicottero che più tardi si sposterà nell'agro di Urzulei. (ANSA).

14:31Ferisce alla gola uomo, arrestato giornalista a Forlì

(ANSA) - FORLÌ, 20 GEN - E' stato arrestato dai carabinieri con l'ipotesi di tentato omicidio Antonio De Carolis, 45 anni, giornalista noto in Romagna per la sua attività in una emittente televisiva e per essere il figlio di Stelio De Carolis, per oltre un ventennio politico di spicco del Pri, senatore per alcune legislature e con incarichi governativi in qualità di sottosegretario al ministero della difesa. De Carolis al culmine di una lite scoppiata, ieri pomeriggio, all'interno della sua abitazione a Meldola, sulle prime colline forlivesi, avrebbe colpito alla gola con un fendente scagliato con un paio di forbici un 31enne, già noto alle forze dell'ordine, ospite nella casa assieme ad una donna. Sarebbe stato lo stesso De Carolis a chiamare i soccorsi. Il 31enne è stato trasportato d'urgenza al trauma center dell'ospedale Bufalini di Cesena, e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Non è in pericolo di vita, ma, sarebbe bastata una diversa traiettoria del fendente di pochi millimetri per danni potenzialmente mortali.(ANSA).

14:31Sci: Italia sul podio, Innerhofer 2/o SuperG Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Italia ancora sul podio nella coppa del mondo di sci. L'azzurro Christof Innerhofer e' arrivato 2/o nel superG di Kitzbuehel in 1.11.34. E' il 14/o podio in carriera per il campione altoatesino di 32 anni ed il 19/o per l'Italia in questa stagione. Vince l'austriaco Matthias Mayer in 1.11.25. Terzo lo svizzero Beate Feuz in 1.11.69. Per l'Italia ci sono poi Dominik Paris 6/o in 1.12.04 e Peter Fill 7/o in 1.12.09.

Archivio Ultima ora