40 anni fa il sisma in Friuli: quando l’Orcolat si risvegliò

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

UDINE. – Faceva caldo, molto caldo quella sera del 6 maggio 1976. Un caldo soffocante e quasi assurdo per la stagione. Poi, erano da poco passate le 21, la terra tremò e per il Friuli nulla fu più come prima. In pochi secondi un mondo, un modo di vivere, una cultura, un’intera comunità vennero spazzate via. Ma sul momento non si capì.

Qualcuno pensava a un bombardamento, altri a scoppi di depositi di qualche polveriera della zona. Insomma non era chiaro. D’improvviso le comunicazioni si interruppero, le linee erano sovraccariche, e a dialogare con i ‘presenti sui posti’ furono solo i radioamatori.

”Qui è tutto un polverone, si sentono grida in lontananza… non capiamo, forse c’è stato un terremoto”. Queste furono le primissime dichiarazioni degli autotrasportatori che passavano nelle zone di Venzone, Gemona, Osoppo. E la notte non aiutava. Si era risvegliato l’Orcolat (l’orco, come da queste parti viene soprannominato il terremoto) e in pochi secondi si era trascinato tutto con sé.

Solo alle prime luci del mattino dopo fu chiaro il quadro. Ovunque distruzione, ovunque case crollate, ovunque morte. Il terremoto aveva squassato il Friuli. E subito partì la solidarietà. In quei giorni protagonisti furono in primo luogo i giovani friulani che a centinaia partirono per i luoghi colpiti dal sisma nel tentativo di salvare qualche vita umana. Si formarono squadre coordinate dai sindaci, dai Vigili del fuoco e dagli alpini della Julia.

Nei paesi più colpiti dalle scosse furono salvate vite umane, grazie al lavoro – a mani nude – di tantissimi ‘angeli’. Subito cominciò l’opera di smassamento di quello che restava delle case, dei fienili, delle stalle. Il giorno dopo lo Stato arrivò con Giuseppe Zamberletti subito nominato commissario straordinario dal presidente del Consiglio Aldo Moro.

Sul campo rimasero quasi mille morti e un terzo della regione Friuli Venezia Giulia devastato. Ma non era finita. Se la scossa del 6 maggio fu quella che mise in ginocchio il Friuli, il colpo di grazia doveva arrivare con le scosse di settembre che completarono la distruzione e obbligarono Stato e Regione a pensare di trasportare bambini, giovani e anziani lontano dall’epicentro.

Subito si pensò alle località marine di Grado, Lignano, Bibione e Caorle dove ricostruire le comunità, mentre per gli ‘attivi’ si pensò di requisire migliaia di roulotte in giro per l’Italia, di concentrale nei paesi maggiormente colpiti per garantire almeno un minimo il lavoro nelle fabbriche che non erano state colpite dalla distruzione.

Il motto di allora, che diventò un vero e proprio proclama politico-istituzionale, fu ‘prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese’: fu una scelta comune fatta propria anche dalla curia udinese. Si comprese che bisognava garantire il lavoro ai residenti, mettere in salvo i nuclei familiari e poi pensare alla ricostruzione che si voleva ”dov’era e com’era”.

Fu un’azione unitaria straordinaria. Lo Stato delegò la Regione – con il coordinamento del Commissario straordinario – mentre questa, forte anche della sua autonomia, delegò ai comuni. I sindaci, per la prima volta nella storia d’Italia divennero protagonisti del futuro delle loro comunità. Era, in nuce, la moderna Protezione civile.

Tutto fu possibile grazie alla solidarietà nazionale e anche a quella internazionale essendo i friulani ‘lontani dalla Piccola Patria’ ben più numerosi dei residenti. Aiuti arrivarono subito dagli Stati Uniti, dall’Argentina, dall’Australia e da tantissimi Paesi europei.

A quarant’anni da quei tragici giorni, a ricostruzione completata, si stima che il tutto sia costato circa 13 miliardi di euro. Una cifra non particolarmente alta se si pensa ad altre esperienze. Oggi tutto è a posto: i paesi sono stati tutti ricostruiti più belli di prima.

L’Orcolat sicuramente non farebbe quella strage visti i sistemi antisismici di ricostruzione e se, pur nelle difficoltà della crisi, oggi si può parlare di popolo friulano, lo si deve anche a quella straordinaria opera che è stata la ricostruzione del Friuli.

(di Pier Paolo Gratton/ANSA)

Ultima ora

12:30Terremoto 8.2 nel golfo di Alaska, allerta tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 8.2 si è verificata in mare nel golfo dell'Alaska, a circa 278 km a sudest di Kodiak, a 10 km di profondità. Lo riferisce l'istituto geologico americano Usgs. Diramata un'allerta tsunami.

12:23Incidente Milano: dissequestrata fabbrica, operativa da oggi

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - E' stata dissequestrata, tranne che nella parte del forno e della vasca dove si è verificata una fuoriuscita di gas, ed è tornata operativa stamani la fabbrica 'Lamina' dove lo scorso 16 gennaio è avvenuto l'incidente che ha portato alla morte di quattro operai. La Procura di Milano, che aveva messo i 'sigilli' all'azienda, dopo gli accertamenti tecnici irripetibili iniziati ieri ha deciso, infatti, di dissequestrarla (le analisi proseguiranno nella parte del forno la prossima settimana) e, come ha precisato il legale Roberto Nicolosi Petringa che assiste il rappresentate legale dell'azienda, "da stamattina è tornata operativa e, non lo so per certo, ma è possibile che gli operai abbiano già potuto tornare a lavorare". Dalle analisi e dalle autopsie è emerso anche che sarebbe stato l'argon, e non l'azoto come ipotizzato in un primo momento, ad intossicare gli operai. Inoltre, è venuto a galla che l'allarme per la fuoriuscita di gas non aveva guasti e c'è da capire perché sarebbe rimasto 'muto'. (ANSA).

12:20Crollo pannelli soffitto scuola Catanzaro, nessun ferito

(ANSA) - CATANZARO, 23 GEN - Alcuni pannelli in polistirolo e cartongesso sono crollati nei pressi di un ingresso secondario del plesso dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Petrucci - Ferraris - Maresca" di Catanzaro. La caduta dei pannelli posti sul controsoffitto dell'ingresso, provocata probabilmente dalla presenza di infiltrazioni di acqua, sarebbe avvenuto nella notte e non ha comportato alcun problema per la sicurezza degli studenti, dei docenti e del personale dell'istituto essendo l'edificio deserto. L'area della scuola dove è avvenuta la caduta dei pannelli, hanno spiegato i responsabili dell'istituto, è comunque poco utilizzata anche durante l'orario normale delle lezioni. Appena si è diffusa la notizia della caduta dei pannelli, in coincidenza con l'avvio delle lezioni, la gran parte degli studenti dell'istituto ha deciso di non entrare in classe.(ANSA).

12:19Mattarella a Castellana, visita alle Grotte

(ANSA) - CASTELLANA (GROTTE), 23 GEN - Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, è arrivato a Castellana Grotte (Bari) dove sta per iniziare la sua visita alle caratteristiche Grotte, cavità di origine carsica antiche cento milioni di anni, in occasione dell'ottantesimo anniversario della loro scoperta, il 23 gennaio del 1938, quando lo spettacolare paesaggio di stalattiti, cristalli e alabastri fu ammirato per la prima volta. Ad accompagnare il presidente della Repubblica, che scenderà fino a 60 metri di profondità, sarà Franco Anelli, figlio dell'omonimo speleologo lodigiano che si calò per primo nelle Grotte. Un momento emozionante che sarà rievocato oggi, per il presidente Mattarella, da una speleologa che si calerà nella Grave, ricordando il coraggio di Anelli quando decise di avventurarsi nell'abisso delle cave su una scala di corda, dall'unico punto di contatto con la superficie. Il presidente della Repubblica entrerà dalla Grave, poi farà lo stesso percorso, lungo circa 300 metri, che fece la prima volta Anelli.

12:18Anziano muore inseguendo truffatore, proseguono le indagini

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Continuano le ricerche dei falsi tecnici del gas che, ieri sera a Chieri, nel Torinese, hanno tentato di raggirare un anziano, morto nel tentativo di fermarli. I carabinieri stanno cercando un'auto chiara, forse di colore bianco, con la quale secondo testimoni i malviventi - due uomini - sono fuggiti. Posti di blocco sono stati allestiti in tutta la zona e nelle province di Asti e Cuneo. La vittima è Giacomo Lazzarotto, 81 anni. L'anziano è riuscito ad impedire al truffatore di rubare gioielli e soldi, ma non a bloccarlo. Inseguito, è caduto per le scale di casa, al civico 21 di via Parini, ed è morto per le conseguenze di un trauma cranico. Il falso tecnico è scappato sull'auto guidata da un complice che lo attendeva in strada. (ANSA).

12:07Camorra:donna uccisa a Napoli, era ‘manovale’ clan Formicola

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - Era considerata una 'manovale' del clan Formicola, Annamaria Palmieri, la donna uccisa ieri sera nel quartiere San Giovanni a Teduccio, alla periferia di Napoli, con tre colpi di arma da fuoco al volto. Le indagini, condotte dagli agenti Squadra Mobile di Napoli, diretti da Luigi Rinella, sono in corso. L'agguato, di chiaro stampo camorristico, potrebbe essere stato messo in atto per uno sgarro che la donna avrebbe potuto fare al clan o anche per un avvertimento 'esterno', di un altro clan quindi, diretto ai Formicola. Palmieri, 54 anni, si occupava degli affari del clan non in un ruolo di primo piano. Qualcuno l'ha attesa nei pressi della casa del figlio, in via dell'Alveo Artificiale, e l'ha uccisa proprio come se fosse un boss.

12:02Ciclismo: Giro Islanda in solitaria, nuova impresa Di Felice

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Archiviato con successo il "giro d'Italia in solitaria" (3.600 km in appena 9 giorni), Omar Di Felice, 37enne fondista romano, si appresta a compiere una nuova straordinaria impresa. Sabato 27 gennaio, infatti, partirà per l'Islanda dove, questa volta completamente da solo e senza auto di supporto al seguito, percorrerà in 9 giorni il periplo dell'isola lungo i 1.400 km della Ring Road, la suggestiva e pittoresca Route 1. Si tratta di una sorta di allenamento invernale, solo con il bagaglio minimo necessario per 'l'esplorazione in solitaria' dell'Islanda, affrontando lo SkeiÐarársandur, una vasta distesa di sabbia e detriti fluviali, soggetta a frequenti inondazioni di origine glaciale e vulcanica. Per evitare poi la temuta galleria di HvalfjörÐur, un tunnel di 6 km ad una profondità di 165 metri sotto il livello del mare, che di recente si è allagato per un'eruzione vulcanica, Omar Di Felice sarà costretto ad allungare il tracciato di 100 km.

Archivio Ultima ora