40 anni fa il sisma in Friuli: quando l’Orcolat si risvegliò

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

People outside their destroyed houses after a massive earthquake in Friuli region, Italy, 7 May 1976. ANSA/OLDPIX

UDINE. – Faceva caldo, molto caldo quella sera del 6 maggio 1976. Un caldo soffocante e quasi assurdo per la stagione. Poi, erano da poco passate le 21, la terra tremò e per il Friuli nulla fu più come prima. In pochi secondi un mondo, un modo di vivere, una cultura, un’intera comunità vennero spazzate via. Ma sul momento non si capì.

Qualcuno pensava a un bombardamento, altri a scoppi di depositi di qualche polveriera della zona. Insomma non era chiaro. D’improvviso le comunicazioni si interruppero, le linee erano sovraccariche, e a dialogare con i ‘presenti sui posti’ furono solo i radioamatori.

”Qui è tutto un polverone, si sentono grida in lontananza… non capiamo, forse c’è stato un terremoto”. Queste furono le primissime dichiarazioni degli autotrasportatori che passavano nelle zone di Venzone, Gemona, Osoppo. E la notte non aiutava. Si era risvegliato l’Orcolat (l’orco, come da queste parti viene soprannominato il terremoto) e in pochi secondi si era trascinato tutto con sé.

Solo alle prime luci del mattino dopo fu chiaro il quadro. Ovunque distruzione, ovunque case crollate, ovunque morte. Il terremoto aveva squassato il Friuli. E subito partì la solidarietà. In quei giorni protagonisti furono in primo luogo i giovani friulani che a centinaia partirono per i luoghi colpiti dal sisma nel tentativo di salvare qualche vita umana. Si formarono squadre coordinate dai sindaci, dai Vigili del fuoco e dagli alpini della Julia.

Nei paesi più colpiti dalle scosse furono salvate vite umane, grazie al lavoro – a mani nude – di tantissimi ‘angeli’. Subito cominciò l’opera di smassamento di quello che restava delle case, dei fienili, delle stalle. Il giorno dopo lo Stato arrivò con Giuseppe Zamberletti subito nominato commissario straordinario dal presidente del Consiglio Aldo Moro.

Sul campo rimasero quasi mille morti e un terzo della regione Friuli Venezia Giulia devastato. Ma non era finita. Se la scossa del 6 maggio fu quella che mise in ginocchio il Friuli, il colpo di grazia doveva arrivare con le scosse di settembre che completarono la distruzione e obbligarono Stato e Regione a pensare di trasportare bambini, giovani e anziani lontano dall’epicentro.

Subito si pensò alle località marine di Grado, Lignano, Bibione e Caorle dove ricostruire le comunità, mentre per gli ‘attivi’ si pensò di requisire migliaia di roulotte in giro per l’Italia, di concentrale nei paesi maggiormente colpiti per garantire almeno un minimo il lavoro nelle fabbriche che non erano state colpite dalla distruzione.

Il motto di allora, che diventò un vero e proprio proclama politico-istituzionale, fu ‘prima le fabbriche, poi le case, poi le chiese’: fu una scelta comune fatta propria anche dalla curia udinese. Si comprese che bisognava garantire il lavoro ai residenti, mettere in salvo i nuclei familiari e poi pensare alla ricostruzione che si voleva ”dov’era e com’era”.

Fu un’azione unitaria straordinaria. Lo Stato delegò la Regione – con il coordinamento del Commissario straordinario – mentre questa, forte anche della sua autonomia, delegò ai comuni. I sindaci, per la prima volta nella storia d’Italia divennero protagonisti del futuro delle loro comunità. Era, in nuce, la moderna Protezione civile.

Tutto fu possibile grazie alla solidarietà nazionale e anche a quella internazionale essendo i friulani ‘lontani dalla Piccola Patria’ ben più numerosi dei residenti. Aiuti arrivarono subito dagli Stati Uniti, dall’Argentina, dall’Australia e da tantissimi Paesi europei.

A quarant’anni da quei tragici giorni, a ricostruzione completata, si stima che il tutto sia costato circa 13 miliardi di euro. Una cifra non particolarmente alta se si pensa ad altre esperienze. Oggi tutto è a posto: i paesi sono stati tutti ricostruiti più belli di prima.

L’Orcolat sicuramente non farebbe quella strage visti i sistemi antisismici di ricostruzione e se, pur nelle difficoltà della crisi, oggi si può parlare di popolo friulano, lo si deve anche a quella straordinaria opera che è stata la ricostruzione del Friuli.

(di Pier Paolo Gratton/ANSA)

Ultima ora

12:41Madrid, da Puigdemont ‘disobbedienza sistematica’

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Per il governo spagnolo il president catalano Carles Puigdemont si è reso responsabile di una "disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole" degli obblighi previsti dalla legge e dalla costituzione e ha "gravemente attentato" all'interesse generale dello stato. Lo affermano le motivazioni della richiesta di attivazione dell'articolo 155 all' esame della riunione straordinaria del consiglio dei ministri a Madrid.

12:30Droga: spaccio via WhatsApp, 9 indagati

(ANSA) - BERGAMO, 21 OTT - Nove persone - 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni - sono state indagate nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all'alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l'operazione è stata infatti ribattezzata 'WhatsApp 2017'. Per l'accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d'Isola, Calusco d'Adda, Bonate Sopra, Chignolo d'Isola e Casirate d'Adda erano piazze 'occupate' degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio. (ANSA).

12:29Anche Catalunya Radio seguirà referendum

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Anche Catalunya Radio è fra i 130 media accreditati per poter seguire l'andamento del voto e dello spoglio delle schede del referendum sull'autonomia che si terrà domani in Lombardia. Lo spiega Gianni Fava, assessore e coordinatore della consultazione per la Regione. A Palazzo Lombardia, nella Sala Biagi, è stata allestita una sala stampa che sarà operativa dalle 7 di domani mattina fino al termine dello scrutinio. Fra le testate accreditate, numerose sono straniere come l' agenzia di stampa Russia Oggi, le emittenti televisive Aptn, BBc arabic, France 24, Euronews, Rtv Sloveija, Rtl Television. Sono previste dirette televisive dalla sala stampa da parte di Rai, Mediaset, Sky e La7 e sui principali siti online dei quotidiani nazionali.

12:24Calcio: Verratti, lasciando il Psg avrei guadagnato di più

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Non mi aspettavo di trascorrere un'estate così. Io non ho mai detto che volevo lasciare il Psg". Marco Verratti, in un'intervista a L'Equipe, racconta la decisione di arrivare a rompere con il suo ormai ex procuratore, Donato Di Campli, per passare alla corte di Mino Raiola. "La gente pensa che sia rimasto al Paris Saint Germain per i soldi, ma avrei potuto guadagnarli anche in altri posti - afferma il centrocampista azzurro - Se la scorsa estate avessi lasciato Parigi ne avrei presi anche di più, c'erano club che offrivano quasi 100 milioni per me. Neymar potrebbe vincere di più nel Manchester City o nel Chelsea, ma ha scelto il Psg per il progetto. Lo stesso ho fatto io". "Raiola lo conoscevo perché era l'agente di Ibrahimovic - spiega tra l'altro Verratti - La sola cosa che gli ho detto era che non volevo più finire sui giornali. Ha esperienza e buoni rapporti con i club. E mi è stato consigliato da Zlatan. Ogni volta che gli ho dato ascolto, in campo e fuori, mi sono trovato bene".

12:03Attacco con coltello a Monaco, è caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - È caccia aperta all'uomo, che ha colpito con un coltello a Monaco, ferendo alcune persone (finora quattro). La polizia sta intervenendo "con tutte le forze in campo", ha affermato un portavoce delle forze dell'ordine. Al momento viene ricercato un uomo sulla quarantina, che porterebbe dei pantaloni grigi, una giacca verde e uno zaino. Un identikit reso possibile dalla descrizione fatta sul web da un testimone.

11:46Catalogna: sondaggio, 68% per elezioni

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il 68,6% dei catalani è favorevole alla convocazione di elezioni per uscire dall'attuale crisi istituzionale mentre il 66,5% è contro un commissariamento della regione da parte di Madrid con l'attivazione dell'art.155, secondo un sondaggio Gesop pubblicato da El Periodico. Alla domanda su che cosa dovrebbe fare ora il presidente Carles Puigdemont, il 29,3% risponde chiedendo la proclamazione immediata dell'indipendenza, il 24,8% la rinuncia all'indipendenza e il 36,5% un ritorno alle urne per evitare il commissariamento.

11:30Chiesa: Delpini apre procedura beatificazione Fratel Ettore

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - L'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha incaricato la Curia Arcivescovile di pubblicare l' editto per l'apertura del processo di beatificazione e canonizzazione del "Servo di Dio" Fratel Ettore Boschini. Da questo momento quindi, come ricorda la Diocesi, in conformità all'art. 43 dell'Istruzione Sanctorum Mater della Congregazione delle Cause dei Santi, i fedeli ambrosiani potranno far pervenire al Servizio per le Cause dei Santi della Curia di Milano testimonianze o scritti sulla figura del sacerdote in vista dell'inizio dell'istruttoria diocesana che avverrà martedì 19 dicembre. Avanzata dall'ordine religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (i Camilliani) e dall'associazione I Missionari del Cuore Immacolato di Maria, la richiesta di apertura del processo di beatificazione era già stata accolta il 12 marzo 2012, dall' allora arcivescovo di Milano, Angelo Scola. Con la pubblicazione dell'Editto, l'arcivescovo Delpini ha confermato la scelta del suo predecessore. (ANSA).

Archivio Ultima ora