Champions: Atletico Madrid va in finale, Bayern inutile successo

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

Madrids Antoine Griezmann (c) celebrates scoring the 1-1 with teammates during the UEFA Champions League semi final second leg soccer match between Bayern Munich vs Atletico Madrid in Munich, Germany, 03 May 2016.  EPA/PETER KNEFFEL

Madrids Antoine Griezmann (c) celebrates scoring the 1-1 with teammates during the UEFA Champions League semi final second leg soccer match between Bayern Munich vs Atletico Madrid in Munich, Germany, 03 May 2016. EPA/PETER KNEFFEL

ROMA. – Ancora la maledizione spagnola per Pep Guardiola, mentre ‘el Cholo’ Simeone compie un’altra impresa. L’Atletico Madrid perde 2-1 all’Allianz Arena e, forte dell’1-0 a favore dell’andata, è in finale di Champions League per la seconda volta negli ultimi tre anni. Avrà quindi la possibilità, sabato 28 a Milano, di prendersi la rivincita sulla sorte che nel 2014 l’ha privato del trionfo continentale nella sfida per il titolo che era anche una stracittadina contro il Real.

Ancora Spagna quindi, ed è un dato dal sapore molto amaro per Guardiola e il suo Bayern: per il terzo anno consecutivo i biancorossi bavaresi e il loro condottiero venuto dalla Catalogna vengono eliminati in semifinale, e sempre da una squadra spagnola. Nel 2014 a passare fu il Real, l’anno scorso toccò invece al Barcellona che poi travolse la Juventus.

Un precedente, quella del successo in semifinale sul Bayern, che potrebbe rivelarsi benaugurante per l’Atletico, visto che chi ha sbattuto fuori Lahm e soci poi ha vinto il titolo. Attendendo di sapere chi passerà tra Real Madrid e Manchester City, Simeone ha costruito il proprio successo con il solito calcio non spettacolare ma terribilmente efficace, fatto di attenzione estrema in difesa, ripartenze micidiali come quella che ha fruttato la rete dell’1-1 di Griezmann, e quando serve anche qualche colpo duro.

L’Atletico è una squadra di gente che in campo non si arrende mai, proprio come faceva il suo tecnico quando era un calciatore, e i risultati si vedono, visto che è in testa anche in campionato (assieme al Barcellona).

Il Bayern nel primo tempo ha dominato, ma questa superiorità si è tradotta in una sola rete, quella segnata poco dopo la mezz’ora da Xabi Alonso su punizione. Due minuti dopo Thomas Muller avrebbe potuto sferrare il colpo del Ko, ma ha calciato male il rigore concesso per una trattenuta in area di Gimenez su Javi Martinez e Oblak lo ha parato.

Il Bayern a fine partita ha concluso verso la porta avversaria per 33 volte contro le 7 degli avversari, che però sono stati più concreti, come quando Griezmann ha concluso, all’8′ st, in modo micidiale per Neuer, un’azione in contropiede avviata da Torres.

Il Bayern ha accusato visibilmente il colpo, non ha avuto la solita qualità nel gioco e l’Atletico ha tenuto bene. Ci ha pensato Lewandowski, di testa su assist aereo di Vidal, a riaprire il match, poi il Bayern ha spinto ancora ma ha concluso poco.

All’84’ l’arbitro Cakir ha ammutolito l’Allianz Arena concedendo un rigore agli ospiti per un fallo che Javi Martinez aveva commesso su Fernando Torres chiaramente fuori area. Lo stesso centravanti lo ha calciato ma un altro campione del mondo, Neuer, lo ha neutralizzato e a quel punto c’è stato spazio solo per il forsennato pressing finale del Bayern, con alcuni spunti dell’ex juventino Coman entrato al posto dell’evanescente Douglas Costa.

La muraglia umana dei colchoneros ha resistito e alla fine è stata festa spagnola: l’Atletico va a Milano, Simeone torna in quello stadio in cui fu grande protagonista con la maglia dell’Inter. Ora il sogno è di ritrovare i cugini del Real, ma con un finale diverso da quello del 2014. Intanto l’Atletico si è preso una parziale rivincita su quel Bayern che, nel lontano 1974, lo battè in un’altra finale di Coppa dei Campioni.

Ultima ora

11:38Sicilia: Impastato, Lista 100 passi? Operazione strumentale

(ANSA) - PALERMO, 26 SET - "Questa iniziativa, oltre ad essere un'operazione elettorale alla ricerca di consensi, è strumentale e utilizza come un marchio pubblicitario la figura e l'immagine di Peppino e l'impegno di chi ha continuato ad operare 'con le sue idee e il suo coraggio"'. Lo afferma Giovanni Impastato, fratello di Giuseppe, l'attivista ucciso a Cinisi (Pa) da cosa nostra il 9 maggio del 1978, in una nota firmata insieme al centro di documentazione Impastato, Rete 100 passi e associazione Peppino Impastato. Il riferimento è alla lista che sostiene Claudio Fava candidato alla presidenza della Regione siciliana. Nel simbolo spicca la scritta "Cento passi per la Sicilia".

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

Archivio Ultima ora