Usa 2016: Cruz sconfitto lascia e spiana strada a Trump

Pubblicato il 03 maggio 2016 da redazione

Businessman and Republican presidential candidate Donald Trump (C) speaks at a campaign rally at the Century Center in South Bend, Indiana, USA, 02 May 2016. EPA/TANNEN MAURY

Businessman and Republican presidential candidate Donald Trump (C) speaks at a campaign rally at the Century Center in South Bend, Indiana, USA, 02 May 2016. EPA/TANNEN MAURY

WASHINGTON. – Colpo di scena nelle presidenziali americane: il senatore ultra conservatore del Texas Ted Cruz, il beniamino del Tea Party che si proponeva come l’unica alternativa a Donald Trump, ha annunciato il ritiro dalla corsa dopo essere stato sconfitto pesantemente nelle primarie dell’Indiana da tycoon newyorchese: 52,8% a 36,9% con il 75% delle schede scrutinate.

Il magnate si vede ora la strada spianata per la nomination in una gara a due con il governatore moderato dell’Ohio John Kasich, che ha deciso di continuare a correre nonostante un risultato imbarazzante (7,7%).

Piccola sorpresa anche in campo democratico, dove Bernie Sanders smentisce i sondaggi imponendosi alla fine di un lungo testa a testa dopo un iniziale vantaggio di Hillary Clinton: 53,2% a 46,8%.

Ma i riflettori ora sono tutti sul ritiro di Cruz. “Sembra che la strada (per la vittoria, ndr) si sia chiusa. Abbiamo dato tutto quello che avevamo, ma gli elettori hanno scelto un’altra strada e quindi con il cuore pesante ma con sconfinato ottimismo per il futuro a lungo termine della nostra nazione, sospendiamo la nostra campagna”, ha annunciato Cruz ai suoi elettori da un palco di Indianapolis, insieme a tutta la sua famiglia e a Carly Fiorina che solo pochi giorni fa aveva indicato prematuramente come suo eventuale futuro vicepresidente giocandosi l’ultima carta a disposizione, quella femminile.

Nessun accenno al frontrunner, dopo il duro scambio di accuse nel giorno del voto, solo l’impegno a continuare la sua battaglia per la libertà e la costituzione. La sua è una sconfitta che brucia, perché aveva scommesso tutto sull’Indiana indicandolo apocalitticamente come un bivio cruciale per evitare che il Paese “precipiti nell’abisso”.

E qui, in questo Stato del Midwest, poteva contare sull’endorsement del governatore locale Mike Pence, sullo zoccolo duro degli evangelici e sul campo libero lasciatogli da Kasich in una inedita alleanza contro il tycoon.

Invece Trump è stato il solito ciclone, mettendo a segno una vittoria schiacciante, la settima consecutiva: ha conquistato oltre il 50% dei voti, a conferma che ormai è la scelta della maggioranza dell’elettorato repubblicano, come suggeriscono recenti sondaggi, e ha incassato quasi tutti i 57 delegati in palio, attribuiti con la formula del ‘winner-take-all’ (chi vince piglia tutto).

Difficile ora che Kasich nelle prossime primarie gli impedisca di arrivare al numero magico di 1.237 delegati. Soprattutto dopo che anche il presidente della commissione nazionale del partito repubblicano Reince Priebus, pur avendo litigato con Trump sul sistema di assegnazione dei delegati, lo ha riconosciuto come il “presunto” candidato Gop lanciando via Twitter l’appello ad “unire il partito e concentrarci a sconfiggere Hillary Clinton”.

Appello subito raccolto dal re del mattone, dopo aver concesso l’onore delle armi al “forte rivale” Cruz per la sua decisione “coraggiosa”. “Molto presto saremo nuovamente molto orgogliosi di questo Paese”, ha promesso.

Sul fronte democratico, Sanders coglie un successo importante sul piano dell’immagine, che premia la sua tenacia nel battersi sino all'”ultimo voto” e che rivela un elettorato ancora spaccato a metà. Ma la vittoria non scalfisce il vantaggio incolmabile dell’ex first lady in termini di delegati, dato che anche gli 83 messi in palio dall’Indiana andranno divisi più o meno a metà in modo proporzionale.

(di Claudio Salvalaggio e Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:21Calcio: Crotone, Cordaz, vogliamo giocarcela fino al termine

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - "Ci crediamo, siamo vivi e vogliamo giocarcela fino al termine". Così Alex Cordaz, portiere e capitano del Crotone, cerca di risollevare il morale della squadra dopo il ko casalingo con il Bologna ed in vista della gara di domenica prossima a Marassi contro il Genoa. "Quella contro l'undici di Juric - dice il numero uno del Crotone - è una gara fondamentale, come sarà peraltro da qui alla fine per ogni partita. Il morale deve essere alto. Non dobbiamo guardare a quello che è successo o non è successo perché non ne abbiamo il tempo. Dobbiamo solo concentrarci su Genoa e cercare di ottenere il massimo". Contro i rossoblu liguri il Crotone ritroverà Ivan Juric, l'allenatore che ha permesso ai calabresi la conquista della Serie A. "Conosciamo bene Juric - dice Cordaz - ma lui ha le sue armi e la sua squadra. Noi adesso non possiamo guardare l'avversario. Che sia Genoa, Empoli o Juventus, dobbiamo giocarcela con chiunque e fare punti''.

21:06Killer Florida, ‘ho agito in nome dell’Isis’

(ANSA) - NEW YORK, 17 GEN - Esteban Santiago, l'uomo accusato di aver ucciso cinque persone all'aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, ha detto agli agenti dell'Fbi di aver effettuato l'attacco a nome dell'Isis: lo ha detto l'agente speciale del Bureau Michael Ferlazzo durante la sua testimonianza in udienza, secondo quanto riporta la Cnn. L'agente non ha spiegato se Santiago sostiene di avere legami con lo Stato Islamico o se e' stato solo ispirato dall'organizzazione terroristica.

20:54Maltempo: partoriente da Desulo a Nuoro in sei ore

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Quasi un'odissea quella vissuta oggi da una partoriente di Desulo che ha impiegato sei ore per percorrere la strada provinciale 7, che collega il paese del Mandrolisai, dove la neve ha superato il mezzo metro, con Nuoro. Tutto comunque è andato bene, la donna è stata ricoverata all'ospedale San Francesco e potrebbe partorire nelle prossime ore. Una vicenda che il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha stigmatizzato su Facebook: "Secondo voi può una partoriente fare un viaggio di sei ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro? In Sardegna, a Desulo accade anche questo. Mi tengo per me le maledizioni di rito. Siamo governati da incapaci, che puntualmente non capiscono o non vogliono capire". La donna, con la gravidanza a termine, è partita verso Nuoro alle prime ore del mattino, dopo le prime avvisaglie del parto, ma raggiungere il capoluogo barbaricino si è rivelato più complicato del previsto. "Con la riforma sanitaria ci hanno chiuso l'ospedale di Sorgono, che era a pochi chilometri, ora però ci permettano di avere i mezzi per liberare la strada - ha dichiarato il sindaco all'ANSA - Chi ci governa ancora non sa che siamo paesi di montagna distanti ore dal primo ospedale. Qui non stiamo chiedendo la luna ma solo mezzi per permetterci di vivere in questo territorio. Quando siamo venuti a conoscenza del viaggio della donna abbiamo allertato la Protezione civile e tutto è andato bene. Ma non si può vivere in queste condizioni. La Regione deve sapere che anche nei piccoli paesi dimenticati dal mondo c'è bisogno della presenza dello Stato". (ANSA).

20:41Maradona: de Magistris’evento per tutti magari il 10 maggio’

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - "Un evento organizzato e voluto da Alessandro Siani". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando, nel corso della diretta Facebook dalla pagina di Repubblica Napoli, dello spettacolo di ieri sera al Teatro di San Carlo con Maradona, sottolineando che "è stata una bella serata, il teatro era stracolmo". "Noi lavoriamo a un evento allo stadio San Paolo in occasione dei 30 anni dallo scudetto - ha affermato - se possibile il 10 maggio, ma comunque in quel mese". "Pensiamo a un evento accessibile a tutti - ha aggiunto - durante il quale conferire la cittadinanza onoraria a Maradona". "Noi consideriamo Maradona un bene comune - ha concluso - e per lui deve esserci un evento popolare, accessibile a tutti".

20:39Attivista Femen contro statua Trump a Museo Cere

(ANSA) - MADRID, 17 GEN - Un'attivista dell'organizzazione femminista Femen ha fatto irruzione nel Museo delle Cere di Madrid per contestare a seni nudi l'inaugurazione di una statua dedicata al presidente eletto americano Donald Trump. La donna ha gridato varie volte in inglese "stringete il patriarcato per i testicoli" e "fascista!", prima di essere allontanata dai dipendenti del museo. Femen Spagna ha rivendicato l'iniziativa pubblicando sul proprio sito una foto di spalle della donna, affermando che "Femen ha preso per i testicoli la statua di Trump nel Museo delle Cere".

20:30Calcio: Bologna, problemi difesa,out Gastaldello e Torosidis

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Doppio stop nella difesa del Bologna. Il capitano Daniele Gastaldello, con uno stiramento all'otturatore interno sinistro, ne avrà per due-tre settimane. Il terzino greco Vasilis Torosidis, per un problema al pettineo sinistro, tornerà invece a disposizione tra dieci giorni. Gli esiti degli esami sono resi noti dal club, impegnato in serata in Coppa Italia con l'Inter a Milano.

20:28Calcio: Coppa d’Africa, Ghana-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Ghana ha battuto l'Uganda 1-0 (1-0) in un match valido per la Coppa d'Africa allo stadio di Port Gentil (girone D). Andre Ayew decide il match su rigore al 32' del primo tempo.

Archivio Ultima ora