Ricerca: in 3 anni richiamati dall’estero 343 “cervelli”

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

ricercatori

ROMA. – C’è chi come Paola Buzi ha deciso di svolgere in Italia la ricerca per la quale ha ricevuto un finanziamento europeo e chi, invece, fuggito all’estero è poi tornato sui suoi passi. Da oltre confine il ministero dell’Istruzione in 3 anni, dal 2013 al 2015, ha richiamato, sfruttando un pacchetto di incentivi a disposizione, 343 persone.

85 di queste (40 nel 2013, 23 nel 2014 e 22 nel 2015) avevano lasciato il Belpaese proprio grazie a un finanziamento Erc (European Research Council), la stessa categoria di sovvenzione di cui ha beneficiato la ricercatrice di egittologia e civiltà copta che ha resistito alle lusinghe dell’università di Amburgo per restare a La Sapienza di Roma.

E la Buzi non è l’unica italiana nell’elenco degli Erc Advanced Grants 2015. Nella lista dei “vincitori” ci sono, infatti, anche ricercatori dell’ateneo romano di Tor Vergata, dell’università milanese Bocconi e dell’università di Udine, restando nel campo delle scienze sociali e delle competenze umanistiche.

Nel piano nazionale per la ricerca presentato nei giorni scorsi è stato inserito un progetto – “Fare ricerca in Italia” – che ha l’obiettivo di attrarre nel nostro Paese un numero crescente di ricercatori italiani e stranieri di eccellenza per rafforzare il sistema della ricerca nazionale.

Alla luce dei dati che evidenziano i risultati dei ricercatori italiani nelle competizioni bandite dal Consiglio Europeo della Ricerca (European Research Council – Erc) è necessario intervenire – si spiega – sia per potenziare i ricercatori italiani che sottopongono i loro progetti all’Erc, sia per assicurare che un numero crescente dei vincitori nei bandi dell’Erc vengano (o rimangano) a svolgere la loro ricerca nelle università o negli enti di ricerca italiani.

Accanto alla semplificazione delle procedure per la realizzazione dei progetti in Italia, si prevede un finanziamento aggiuntivo fino a un massimo di 600 mila euro a favore dei ricercatori vincitori di bandi Erc di qualunque tipologia che scelgono come sede l’Italia.

Ai vincitori di grant Erc che vengono chiamati nei ruoli nelle università e negli enti di ricerca italiani si garantisce inoltre la copertura totale della loro retribuzione. Saranno inoltre avviate ulteriori facilitazioni riguardanti sia le retribuzioni e gli aspetti fiscali del loro inquadramento sia le modalità di didattica. Il finanziamento previsto per il triennio è di 246 milioni di euro.

Ultima ora

15:18Paolo Nespoli porterà nello spazio la bandiera della Cri

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Insieme al tricolore, l'astronauta Paolo Nespoli porterà con sé nello spazio anche la bandiera della Croce Rossa Italiana. Lo rende noto la Cri. L'emblema è stato consegnato direttamente nelle mani di Nespoli, che il 28 luglio partirà a bordo della Soyuz per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale. "Ovunque per chiunque": questo uno dei motti della Croce Rossa, che per la prima volta si spinge oltre i confini terrestri. "Oggi - ha detto il segretario generale Cri Flavio Ronzi, incontrando Nespoli - la Cri rappresenta un modello di organizzazione e umanità. Le nostre risposte, durante l'ultimo terremoto e nell'assistenza alle persone migranti, rappresentano l'eccellenza dell'Italia nel campo umanitario come tu sei l'orgoglio del nostro Paese nello spazio. Siamo onorati di accompagnare con la nostra bandiera la tua missione come simbolo di Universalità dell'opera umanitaria della Croce Rossa e per farti sentire la vicinanza e la forza dei 160.000 volontari della Cri". "Sono pronto per partire - ha detto Nespoli - ho già compiuto 60 anni ma non mi sembra una cosa fuori dal mondo. Del resto, vengo trattato come se ne avessi venti. Ieri pomeriggio - ha concluso - ho ordinato le cose che porterò con me, tra cui una maglietta del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, una bandiera della Croce Rossa e un patch del Papa". (ANSA).

15:17Agguato contro imprenditore, nel 2009 gli uccisero figlio

(ANSA) - CORIGLIANO CALABRO (COSENZA), 26 LUG - Due uomini, che erano a bordo di una moto ed indossavano caschi, hanno tentato di uccidere l'imprenditore Pasquale Inzitari, di 57 anni, originario di Rizziconi (Reggio Calabria). Il fatto è accaduto ieri sera nel parcheggio del centro commerciale "I Portali", lungo statale 106 jonica, a Corigliano Calabro, dove Inzitari gestisce un negozio. Nessuno dei numerosi colpi di pistola sparati ha raggiunto Inzitari, che è rimasto illeso. Sull'agguato indagano i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, che hanno ascoltato alcuni testimoni e lo stesso Inzitari e sequestrato le immagini registrate dalla video sorveglianza. Pasquale Inzitari è il padre di Francesco Maria Inzitari, il diciottenne che fu ucciso a Taurianova il 5 dicembre del 2009. L'imprenditore é stato consigliere provinciale di Reggio Calabria e vicesindaco di Rizziconi. (ANSA).

15:12Tennis: Atp Gstaad, Lorenzi al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Paolo Lorenzi si è qualificato per il secondo turno del torneo Atp di Gstaad (montepremi di 482.060 euro, terra rossa), in Svizzera. Il 35enne senese, testa di serie n.5, ha superato per 7-6 (7-2) 6-3 lo svizzero Marco Chiudinelli in tabellone grazie ad una wild card. Il match, in programma ieri, era stato rinviato a oggi per pioggia. Prossimo avversario di Lorenzi sarà il lettone Ernests Gulbis. Ingresso in gara direttamente al secondo turno per Fabio Fognini, che ha chiesto ed ottenuto una wild card: il 30enne ligure debutterà domani contro lo slovacco Norbert Gombos.

15:06Stacca un pezzo di mignolo alla fidanzata dopo una lite

(ANSA) - OLBIA, 26 LUG - Ha staccato un pezzo di mignolo della fidanzata con un morso dopo una lite furibonda. Un uomo di 41 anni, olbiese, con precedenti penali, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Olbia con l'accusa di lesioni gravi . E' stato bloccato nella sua abitazione dove è cominciata l'aggressione ed è stato subito trasferito nel carcere di Nuchis . La donna è stata soccorsa in primo momento da alcuni passanti che hanno assistito alla scena e successivamente trasportata da un'ambulanza del 118 all'ospedale di Olbia dove è stata ricoverata nel reparto di ortopedia. La parte del dito mancante è stata consegnata dagli agenti ai medici del pronto soccorso .

15:06Moto: incidente sul quad a Ibiza, è grave Angel Nieto

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'ex campione motociclistico spagnolo Angel Nieto è rimasto coinvolto, per cause ancora imprecisate, in un incidente stradale mentre era alla guida di un quad a Ibiza. Secondo le prime ricostruzioni del Diario de Ibiza lo spagnolo ha battuto la testa ed è stato ricoverato nel reparto di Neurochirurgia del Policlinico Nuestra Señora del Rosario. I medici lo hanno sottoposto a un intervento chirurgico. Il fatto è avvenuto stamattina nella località di Santa Gertrudis. Il pluri iridato avrebbe tamponato una vettura. Settant'anni Nieto è stato il re delle piccole cilindrate, ha vinto 90 Gran Premi e 13 Mondiali.

14:48Usa: Trump, dopo Obamacare ora avanti tutta su tasse

(ANSA) - NEW YORK, 26 LUG - Incassato il voto in Senato sull'Obamacare, il presidente americano Donald Trump guarda avanti: la prossima priorita' e' la riforma della tasse, con sgravi per le aziende e la classe media. Trump - in un'intervista al Wall Street Journal - ribadisce la sua intenzione di ridurre l'aliquota sulle societa' al 15%. L'altro dossier che ricevera' alta priorita' e' quello commerciale, con allo studio un accordo fra Stati Uniti e Gran Bretagna e le trattative per rinegoziare il Nafta, l'accordo di libero scambio fra Stati Uniti, Canada e Messico. Un accordo che - afferma Trump - e' ''molto negativo''.

14:40Roma: Raggi,case per 6000 famiglie disagiate

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Stime ci dicono che il disagio abitativo a Roma coinvolge 15 mila famiglie: ci sono 10 mila richieste per l'edilizia residenziale pubblica, 1400 famiglie nei residence, 100 immobili occupati abusivamente. In 3 anni vogliamo ampliare l'offerta alloggiativa e dare la possibilità a 6000 famiglie di accedere a soluzioni abitative. Inoltre vogliamo chiudere i residence entro 2018. Quando siamo arrivati ce ne siamo trovati 34, 15 sono stati chiusi garantendo alternative alle persone, ne rimangono 19. Dai 42 milioni di spesa nel 2016 oggi siamo passati a 28 milioni". Lo ha annunciato la sindaca di Roma Virginia Raggi annunciando la strategia del Campidoglio per superare il disagio abitativo. "No interventi spot ma di sistema", ha detto Raggi.

Archivio Ultima ora