Moto: torna a Le Mans sfida dei magnifici tre

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

Spanish Moto GP rider Jorge Lorenzo (R) of Movistar Yamaha celebrates his victory on the podium with second placed Italian team mate Valentino Rossi (L) and team boss Kouichi Tsuji  after the MotoGP race of the French motorcycling Grand Prix at Le Mans race track, Le Mans, France, 17 May 2015.  ANSA/EDDY LEMAISTRE

Spanish Moto GP rider Jorge Lorenzo (R) of Movistar Yamaha celebrates his victory on the podium with second placed Italian team mate Valentino Rossi (L) and team boss Kouichi Tsuji after the MotoGP race of the French motorcycling Grand Prix at Le Mans race track, Le Mans, France, 17 May 2015. ANSA/EDDY LEMAISTRE

ROMA. – A caccia di conferme, rivincite e riscatto sulla pista di Le Mans, dove spesso i capricci del meteo si divertono a scombinare i piani di battaglia. Domenica, al termine della quinta gara stagionale (su 18), Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi – padroni fin qui della MotoGp – potranno già cominciare a tirare qualche somma su punti di forza e debolezze reciproche.

L’apertura spetta a Lorenzo (29 anni ieri), che sul circuito francese ha vinto più degli altri top riders: già cinque volte – una in 250 e quattro in MotoGp – l’ultima l’anno scorso, quando partì terzo. A Jerez problemi di pattinamento con la gomma posteriore della sua Yamaha, sul lungo rettilineo dei box, gli hanno impedito di puntare alla vittoria, centrata solo in Qatar.

Anche Márquez, leader del Mondiale con 82 punti, ha evidenziato lo stesso problema. Il pilota targato Honda Repsol è l’unico ad essere sempre salito sul podio, dimostrando di aver raggiunto una grande maturità tattica. A Jerez, capito che rischiava di non finire la gara, si è “accontentato” del terzo posto. I 17 punti di vantaggio su Lorenzo sono un piccolo vantaggio, ma Márquez è sembrato il più completo e costante fino ad ora. L’anno scorso a Le Mans fu quarto. “Dovremo essere pronti alle molte variabili che possono caratterizzare il GP francese – ha sottolineato – la variabilità atmosferica su tutte”.

Valentino Rossi in Spagna ha vinto da dominatore, fin dalle prove. Ed a quel fine settimana si ispira: “Dovremo cominciare il weekend come a Jerez, dove abbiamo trovato un buon assetto già al venerdì e questo ci ha aiutato a essere competitivi in gara”. Con un occhio al meteo, “sempre incerto”. In classifica iridata è terzo, a 24 punti da Marquez. A Le Mans – circuito relativamente breve, ricco di forti staccate e cambi di direzione – ha vinto tre volte (l’ultima nel 2008) e l’anno scorso arrivò secondo.

Chi è in credito con la sorte è Andrea Dovizioso. Il pilota forlivese del Team Ducati, dopo essere finito due volte in terra non per sua colpa, in Spagna è stato fermato da un guasto alla pompa dell’acqua. Ma Le Mans è una pista che gli piace (terzo nel 2015) ed ha un disperato bisogno di punti.

Va un po’ meglio al suo compagno di box, Andrea Iannone, che dopo un inizio 2016 buio si è risollevato con il podio di Austin ed il settimo posto in Andalusia.

Ultima ora

22:41Calcio: Davids, il Napoli è bello ma vincerà la Juve

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Il Napoli gioca bene ma credo che alla fine vincerà la Juve perché ha esperienza e un organico più ampio". Così Edgar Davids oggi a Firenze per un evento a Pitti Bimbo, la rassegna di moda infantile che si è aperta alla Fortezza da Basso. L'ex centrocampista olandese, che in Italia ha vestito le maglie di Milan, Juve e Inter vincendo scudetti e coppa, ha elogiato il gioco di Sarri augurandosi che il campionato "resti aperto fino al termine". Il Milan fatica a tornare ai livelli passati: "Mi auguro che il futuro dei rossoneri torni bello, c'è chi pensa che basti l'acquisto di un paio di giocatori, invece bisogna avere una visione chiara, creare una struttura e concedere tempo a chi allena". Chiusura sulla crisi del calcio italiano escluso, come quello olandese, da Russia 2018: "Un Mondiale senza l'Italia non è un Mondiale vero. La crisi deve trasformarsi in occasione di rilancio perché il calcio italiano ha storia e qualità".

22:35PyeongChang: -21, lotta doping Cio, fatti oltre 14mila test

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Oltre 14mila test effettuati a tutela dei Giochi di PyeongChang. A 21 giorni dal via delle Olimpiadi invernali che si apriranno nella località della Corea del Sud il 9 febbraio, il Cio ha reso noto i numeri della campagna contro il doping portata avanti da una task force in avvicinamento all'evento olimpico: oltre 6000 atleti provenienti da 61 paesi sono stati testati tra aprile e dicembre dello scorso anno. Un lavoro svolto dalle organizzazioni antidoping nazionali (Nado) e dalle federazioni internazionali degli sport invernali e del ghiaccio. "Tutelare gli atleti puliti combattendo il doping è una priorità del Cio - ha spiegato Richard Budgett, direttore medico scientifico del comitato olimpico internazionale - La pulizia dei Giochi è fondamentale e ci impegniamo affinché PyeongChang 2018 tuteli tutti gli atleti puliti". Riflettori puntati sui russi, esclusi da queste Olimpiadi per decisione del Cio: tra novembre e dicembre gli atleti di Mosca sono testati in numero doppio rispetto a quelli degli altri paesi.

22:29Figc: Malagò, futuro presidente abbracci tutte componenti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "La persona che ricoprirà il ruolo di presidente della Federcalcio, non deve rispondere solo alla logica di una componente ma abbracciare tutte le parti in causa. È indispensabile. Se poi sarà un tecnico o un calciatore, deve comunque abbracciare tutte le Leghe. È l'obiettivo che io volevo perseguire, ma oggi non ci sono condizioni numeriche per arrivarci". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, intervenendo in un dibattito al Circolo Canottieri Aniene. Sollecitato sulla possibilità che un ex calciatore (Damiano Tommasi, candidato alla presidenza della Figc) possa essere l'ideale per rilanciare il calcio italiano, Malagò ha concluso: "Ho una funzione pubblica e non posso fare endorsement a nessuno - le parole di Malagò -. Se uno ha fatto il calciatore, se ha studiato, è capace e credibile, a parità di condizione lui è avvantaggiato. Ma la storia dello sport è piena di federazioni dove ex atleti hanno fallito e fatto disastri. Non è detto che chi ha giocato sia bravo anche a fare il dirigente".

22:26Pugilato: arriva il Bar, potrà ribaltare verdetti Olimpiadi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Dopo la Var nel calcio ecco il Bar nel pugilato. E' un ausilio video e tecnologico, la cui denominazione è "Bout Analisys Review" che servirà a riesaminare e analizzare, dopo ricorso di chi ritiene di essere stato danneggiato da arbitro o giudici, le fasi di un match il cui verdetto potrà perfino essere ribaltato. Finora dopo la protesta ufficiale, come fece l'Italia a Rio dopo il verdetto dell'incontro dei massimi fra Russo e Tischenko, si poteva arrivare (come successe in terra carioca) solo all'esclusione dal torneo di quei giudici le cui decisioni avevano suscitato a dir poco perplessità. Il risultato dell'incontro però non poteva essere modificato: ora si cambia. Il Bar verrà introdotto alle Olimpiadi, già a Tokyo 2020, e dovrebbe servire a risolvere il problema dei verdetti scandalosi che troppo spesso hanno danneggiato ai Giochi l'immagine della 'nobile arte', fino a spingere il Cio a minacciarne la cancellazione dal programma. Questa novità è stata ufficializzata oggi, dopo le riunioni dell'Aiba a Roma.

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

Archivio Ultima ora