Guerra dei referendum, arriva anche quello del M5s

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

referendum

ROMA. – M5s si appresta a richiedere il referendum sulle riforme anche attraverso la raccolta di 500mila firme di cittadini, per lanciare una campagna dal basso, ‘tallonando’ la strategia annunciata lunedì dal premier a sostegno del Sì. Da parte sua Renzi ha confermato la data di “metà ottobre” per la consultazione, escludendo così l’ipotesi circolata in ambienti della maggioranza di un referendum prima del pronunciamento della Corte Costituzionale sull’Italicum atteso per il 4 ottobre.

Renzi ha replicato a chi lo accusa di voler trasformare il referendum confermativo di ottobre in un giudizio sul proprio operato; ha parlato dei contenuti della riforma ma aggiungendo: “Per attaccare il governo si dice di discutere nel merito e io sono per parlarne nel merito. Ma se perdo non resto come i vecchi politici aggrappato alla poltrona”.

Ma proprio questo secondo aspetto fa arrabbiare quanti si oppongono alla riforma, come il presidente emerito della Consulta, Ugo De Siervo, uno dei 56 giuristi che ha criticato il testo: “Renzi ha corretto il tiro ma è bene che lo faccia di più. L’impressione che rimane è quella di un plebiscito su se stesso”. E anche Loredana De Petris, capogruppo di SI al Senato non ha dubbi: “Renzi non si illuda: di qui al referendum faremo in modo che tutti sappiano su cosa il popolo italiano è davvero chiamato a votare e a decidere”.

Ma se qualcuno vuole condurre la discussione sui contenuti M5s paradossalmente ritorna sullo schema del plebiscito pro o contro Renzi: “Renzi inizia la campagna del Sì al Referendum? – ha domandato Nicola Morra – Non sa cosa stiamo organizzando noi! Raccoglieremo mezzo milione di firme per mandarlo a casa, con un Referendum popolare contro queste riforme. Un modo democratico per ridare voce ai cittadini”.

M5s ha già richiesto il referendum attraverso i propri parlamentari, ma la Costituzione prevede che lo possano richiedere anche 500mila cittadini. In questo modo il Movimento potrà sfruttare la raccolta delle firme per lanciare la campagna per il no. Inoltre, in base alla legge sui rimborsi elettorali, potrà usufruire di un finanziamento pubblico di 500.000 euro, se riuscirà a raccogliere le firme necessarie.

E altrettanto riceveranno i radicali italiani se riusciranno a raccogliere le firme necessarie ai loro quesiti, dopo che hanno proposto lo spacchettamento del referendum su varie parti della riforma. Una proposta fatta propria da Michele Emiliano, sempre più l’anti-Renzi nel Pd.

Quanto alla strategia per il sì, Renzi ha spiegato di puntare a “comitati da 5 a 50 persone che si autofinanziano e che vanno casa per casa”. Il premier è anche tornato sulla data della consultazione: “Si voterà ad occhio a metà ottobre”.

Domenica 16 ottobre rimane il giorno più probabile, assieme alla domenica antecedente (9) o successiva (23). Quindi niente 2 ottobre, data circolata nei giorni scorsi, in modo da anticipare il referendum a prima della sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum, attesa il 4 ottobre. Data per altro impedita dalla legge sui referendum che prevede un margine di oscillazione nei tempi, tra i 175 e i 255 giorni dalla approvazione della riforma in Parlamento. Il che avrebbe precluso un voto prima del 7 ottobre.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

20:19Usa: treno deragliato, almeno tre morti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 DIC - Sono almeno tre le persone rimaste uccise nel deragliamento di un treno nello Stato di Washington negli Usa finito su una strada interstatale, coinvolgendo anche automobilisti. Lo riferisce il Seattle Times. La Cnn inoltre, citando fonti ospedaliere, riferisce che 77 persone sono state trasportate in ospedale. Diversi passeggeri sono rimasti intrappolati fra le lamiere del treno.

Archivio Ultima ora