Guerra dei referendum, arriva anche quello del M5s

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

referendum

ROMA. – M5s si appresta a richiedere il referendum sulle riforme anche attraverso la raccolta di 500mila firme di cittadini, per lanciare una campagna dal basso, ‘tallonando’ la strategia annunciata lunedì dal premier a sostegno del Sì. Da parte sua Renzi ha confermato la data di “metà ottobre” per la consultazione, escludendo così l’ipotesi circolata in ambienti della maggioranza di un referendum prima del pronunciamento della Corte Costituzionale sull’Italicum atteso per il 4 ottobre.

Renzi ha replicato a chi lo accusa di voler trasformare il referendum confermativo di ottobre in un giudizio sul proprio operato; ha parlato dei contenuti della riforma ma aggiungendo: “Per attaccare il governo si dice di discutere nel merito e io sono per parlarne nel merito. Ma se perdo non resto come i vecchi politici aggrappato alla poltrona”.

Ma proprio questo secondo aspetto fa arrabbiare quanti si oppongono alla riforma, come il presidente emerito della Consulta, Ugo De Siervo, uno dei 56 giuristi che ha criticato il testo: “Renzi ha corretto il tiro ma è bene che lo faccia di più. L’impressione che rimane è quella di un plebiscito su se stesso”. E anche Loredana De Petris, capogruppo di SI al Senato non ha dubbi: “Renzi non si illuda: di qui al referendum faremo in modo che tutti sappiano su cosa il popolo italiano è davvero chiamato a votare e a decidere”.

Ma se qualcuno vuole condurre la discussione sui contenuti M5s paradossalmente ritorna sullo schema del plebiscito pro o contro Renzi: “Renzi inizia la campagna del Sì al Referendum? – ha domandato Nicola Morra – Non sa cosa stiamo organizzando noi! Raccoglieremo mezzo milione di firme per mandarlo a casa, con un Referendum popolare contro queste riforme. Un modo democratico per ridare voce ai cittadini”.

M5s ha già richiesto il referendum attraverso i propri parlamentari, ma la Costituzione prevede che lo possano richiedere anche 500mila cittadini. In questo modo il Movimento potrà sfruttare la raccolta delle firme per lanciare la campagna per il no. Inoltre, in base alla legge sui rimborsi elettorali, potrà usufruire di un finanziamento pubblico di 500.000 euro, se riuscirà a raccogliere le firme necessarie.

E altrettanto riceveranno i radicali italiani se riusciranno a raccogliere le firme necessarie ai loro quesiti, dopo che hanno proposto lo spacchettamento del referendum su varie parti della riforma. Una proposta fatta propria da Michele Emiliano, sempre più l’anti-Renzi nel Pd.

Quanto alla strategia per il sì, Renzi ha spiegato di puntare a “comitati da 5 a 50 persone che si autofinanziano e che vanno casa per casa”. Il premier è anche tornato sulla data della consultazione: “Si voterà ad occhio a metà ottobre”.

Domenica 16 ottobre rimane il giorno più probabile, assieme alla domenica antecedente (9) o successiva (23). Quindi niente 2 ottobre, data circolata nei giorni scorsi, in modo da anticipare il referendum a prima della sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum, attesa il 4 ottobre. Data per altro impedita dalla legge sui referendum che prevede un margine di oscillazione nei tempi, tra i 175 e i 255 giorni dalla approvazione della riforma in Parlamento. Il che avrebbe precluso un voto prima del 7 ottobre.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora