Asse Renzi e Merkel sul Brennero. Non sugli eurobond

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016.  ANSA/ANGELO CARCONI

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – I nazionalismi, la chiusura dei confini, i muri e la spinta populista della destra europea preoccupano Angela Merkel e Matteo Renzi. Che si schierano uniti e pronti a saldare un asse ‘anti-Austria’ e a sostegno di Schengen, provando anche a superare scogli come gli eurobond, il meccanismo di finanziamento del Migration Compact proposto da Roma ma che a Berlino non piace.

I due leader cercano così di minimizzare le distanze. “Abbiamo opinioni diverse su questo punto, ma a me interessa il risultato: trovare fondi per l’Africa”, sottolinea il premier lasciando aperta qualsiasi opzione alternativa. Purché le risorse si mettano sul tavolo: “Non sono innamorato di una forma di finanziamento o un’altra”, ripete anche più tardi ai Musei Capitolini.

La cancelliera lo ascolta. Non si muove dalla sua posizione, quella di una Germania che non vuol sentire parlare di condivisione del debito, ma rilancia proponendo la sua idea: quella di usare la flessibilità all’interno del bilancio Ue. Un po’ come accaduto per finanziare l’accordo con la Turchia, spiega.

Insomma i distinguo ci sono e restano ma la parola d’ordine è rimanere compatti perché “è un dovere di tutti che la scommessa europea sull’immigrazione funzioni. Siamo impegnati affinché l’accordo con la Turchia possa essere ulteriormente incoraggiato”, dice Renzi parlando di “forte convergenza” con Berlino sui migranti.

Frau Angela rilancia: “Dobbiamo difendere il trattato di Schengen, altrimenti si rischia di ricadere nei nazionalismi. E’ in gioco il futuro dell’Europa”, dice mentre rimbalza dalla sala l’attesa domanda sul Brennero e su quella definizione – “scafisti di Stato” – con cui il leader dell’ultradestra austriaca, Heinz-Christian Strache, ha bollato il duo Renzi-Merkel.

Il premier italiano la liquida come “una frase vergognosa”, ribadendo che l’ipotesi della chiusura del valico “simbolo” e la posizione di Vienna sono “fuori dalla storia, anacronistiche e non giustificate da nessuna emergenza”. Anche perché i numeri degli arrivi dalla Libia non parlano di emergenza, aggiunge.

“Serve una risposta politica, non tecnica”, rimarca Angela, spiegando che “i problemi non si risolvono con la chiusura dei confini. Sono stata molto critica anche nel caso del muro della Macedonia. Dobbiamo essere leali gli uni con gli altri”, aggiunge senza sbilanciarsi di più ma chiarendo, almeno in parte, la sua posizione sul Brennero apparsa finora un po’ ambigua. E lancia un assist a Roma, che “non va lasciata sola nell’emergenza migranti”, usando la stessa frase ribadita a Roma anche dal presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker.

Angela e Matteo scherzano, si scambiano battute sul calcio e sul quel ‘destino comune’ che ora unisce i due Paesi anche con Carlo Ancelotti allenatore del Bayern, parlano di rapporti eccellenti e si ‘corteggiano’ scambiandosi complimenti. A cominciare dal plauso, l’ennesimo, arrivato dalla cancelliera alle riforme del governo Renzi, prima tra tutte il Jobs act.

La Merkel si sfila però – è un organo “indipendente”, taglia corto – alla richiesta di commento sulle recenti dichiarazioni del presidente della Bundesbank sulle violazioni italiane al Patto. Domanda che, invece, accende Renzi: quelle frasi “non hanno creato certo concitazione in Italia, quella stagione è finita”.

“Quello che c’è da fare lo sappiamo da soli, lo decidiamo con i partner Ue e non ce lo facciamo dire da governatori di banche straniere”, aggiunge parlando dei ‘suoi’ progressi e di quella curva del debito che ha invertito tendenza e si è “stabilizzata”.

Certo “deve scendere”, ma “noi vogliamo farlo gradualmente per inserire incentivi nell’economia, anche se altri ci richiamano ad una curva più veloce”. E rilancia la sua ricetta: “Se non c’è una forte scommessa sugli investimenti l’Europa perderà la sua leadership” nel mondo.

“Se l’Europa investe solo sul patto di stabilità dimentica che si chiama patto di stabilità e crescita”, ribadisce ancora una volta mentre la Merkel accanto ascolta. E chiude commentando che le riforme italiane “sono un contributo alla competitività: è la direzione in cui dobbiamo andare. Non solo l’Italia, anche in Germania abbiamo compiti da fare….”.

(di Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

13:54Migranti:Ue a Austria,conseguenze da ritiro relocation

(ANSA) - BRUXELLES, 28 MAR - "Nessun Paese può ritirarsi unilateralmente" dal piano europeo di ricollocamenti, che è "legalmente vincolante. Se lo facessero sarebbero fuori dalla legge e questo sarebbe profondamente deplorevole e non senza conseguenze". Così il portavoce della Commissione europea per la Migrazione Natasha Bertaud a chi chiede se l'Austria possa ritirarsi dal piano di ricollocamenti.

13:52Gentiloni, sarà Def di crescita e non depressione

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Il fondo per il terremoto non incide sull'indebitamento netto e farà parte di un decreto che ho volutamente definito correttivo ma anche di sostegno alla crescita, il Def, perché sin dal primo momento il governo ha parlato di un'operazione non di depressione dei segnali di crescita ma di incoraggiamento". Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Archivio Ultima ora