Asse Renzi e Merkel sul Brennero. Non sugli eurobond

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016.  ANSA/ANGELO CARCONI

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – I nazionalismi, la chiusura dei confini, i muri e la spinta populista della destra europea preoccupano Angela Merkel e Matteo Renzi. Che si schierano uniti e pronti a saldare un asse ‘anti-Austria’ e a sostegno di Schengen, provando anche a superare scogli come gli eurobond, il meccanismo di finanziamento del Migration Compact proposto da Roma ma che a Berlino non piace.

I due leader cercano così di minimizzare le distanze. “Abbiamo opinioni diverse su questo punto, ma a me interessa il risultato: trovare fondi per l’Africa”, sottolinea il premier lasciando aperta qualsiasi opzione alternativa. Purché le risorse si mettano sul tavolo: “Non sono innamorato di una forma di finanziamento o un’altra”, ripete anche più tardi ai Musei Capitolini.

La cancelliera lo ascolta. Non si muove dalla sua posizione, quella di una Germania che non vuol sentire parlare di condivisione del debito, ma rilancia proponendo la sua idea: quella di usare la flessibilità all’interno del bilancio Ue. Un po’ come accaduto per finanziare l’accordo con la Turchia, spiega.

Insomma i distinguo ci sono e restano ma la parola d’ordine è rimanere compatti perché “è un dovere di tutti che la scommessa europea sull’immigrazione funzioni. Siamo impegnati affinché l’accordo con la Turchia possa essere ulteriormente incoraggiato”, dice Renzi parlando di “forte convergenza” con Berlino sui migranti.

Frau Angela rilancia: “Dobbiamo difendere il trattato di Schengen, altrimenti si rischia di ricadere nei nazionalismi. E’ in gioco il futuro dell’Europa”, dice mentre rimbalza dalla sala l’attesa domanda sul Brennero e su quella definizione – “scafisti di Stato” – con cui il leader dell’ultradestra austriaca, Heinz-Christian Strache, ha bollato il duo Renzi-Merkel.

Il premier italiano la liquida come “una frase vergognosa”, ribadendo che l’ipotesi della chiusura del valico “simbolo” e la posizione di Vienna sono “fuori dalla storia, anacronistiche e non giustificate da nessuna emergenza”. Anche perché i numeri degli arrivi dalla Libia non parlano di emergenza, aggiunge.

“Serve una risposta politica, non tecnica”, rimarca Angela, spiegando che “i problemi non si risolvono con la chiusura dei confini. Sono stata molto critica anche nel caso del muro della Macedonia. Dobbiamo essere leali gli uni con gli altri”, aggiunge senza sbilanciarsi di più ma chiarendo, almeno in parte, la sua posizione sul Brennero apparsa finora un po’ ambigua. E lancia un assist a Roma, che “non va lasciata sola nell’emergenza migranti”, usando la stessa frase ribadita a Roma anche dal presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker.

Angela e Matteo scherzano, si scambiano battute sul calcio e sul quel ‘destino comune’ che ora unisce i due Paesi anche con Carlo Ancelotti allenatore del Bayern, parlano di rapporti eccellenti e si ‘corteggiano’ scambiandosi complimenti. A cominciare dal plauso, l’ennesimo, arrivato dalla cancelliera alle riforme del governo Renzi, prima tra tutte il Jobs act.

La Merkel si sfila però – è un organo “indipendente”, taglia corto – alla richiesta di commento sulle recenti dichiarazioni del presidente della Bundesbank sulle violazioni italiane al Patto. Domanda che, invece, accende Renzi: quelle frasi “non hanno creato certo concitazione in Italia, quella stagione è finita”.

“Quello che c’è da fare lo sappiamo da soli, lo decidiamo con i partner Ue e non ce lo facciamo dire da governatori di banche straniere”, aggiunge parlando dei ‘suoi’ progressi e di quella curva del debito che ha invertito tendenza e si è “stabilizzata”.

Certo “deve scendere”, ma “noi vogliamo farlo gradualmente per inserire incentivi nell’economia, anche se altri ci richiamano ad una curva più veloce”. E rilancia la sua ricetta: “Se non c’è una forte scommessa sugli investimenti l’Europa perderà la sua leadership” nel mondo.

“Se l’Europa investe solo sul patto di stabilità dimentica che si chiama patto di stabilità e crescita”, ribadisce ancora una volta mentre la Merkel accanto ascolta. E chiude commentando che le riforme italiane “sono un contributo alla competitività: è la direzione in cui dobbiamo andare. Non solo l’Italia, anche in Germania abbiamo compiti da fare….”.

(di Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

11:29Macron a May, al fianco del Regno Unito contro terrorismo

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "Siamo al fianco del Regno Unito. Conosciamo questo genere di attacchi. Faremo tutto ciò che possiamo per rafforzare la cooperazione contro il terrorismo". Lo scrive su Twitter il presidente francese Emmanuel Macron, dopo l'incontro bilaterale con la premier britannica Theresa May, a Taormina prima dell'inizio del vertice G7.

11:17G7: Tusk, è il Summit più difficile

(ANSA) - Taormina, 26 MAG - "Non c'è dubbio che è il più difficile dei G7": COsì Donald Tusk, presidente del COnsiglio Ue, in una conferenza stampa all'inizio dei lavori. Tusk ha evidenziato divergenze nelle posizioni su clima, commercio, sicurezza promettendo che "la Ue farà di tutto per un'accordo" e lavorerà per l'unità.

11:14G7: Gentiloni, su terrorismo dichiarazione importante

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "La straordinaria storia e bellezza che ci circonda credo possa dare un contributo molto importante ai leader del G7 e aiutare la comunità internazionale a dare risposte ai cittadini: sul terrorismo e sicurezza faremo una dichiarazione importante" e si affronteranno i temi del "cambiamento climatico, dei grandi flussi migratori e del commercio mondiale dal quale dipendono tanti posti di commercio nel mondo". Così il premier Paolo Gentiloni nel videomessaggio dal teatro antico di Taormina.

11:10G7: Juncker a Trump, attuare l’accordo di Parigi

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - "Per noi l'accordo di Parigi è da applicare interamente". Lo ha detto il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker in risposta alle domande dei giornalisti sulle differenze fra Usa ed Europa sul cambiamento climatico al G7.

11:05G7: consorti partono alle 12 per sorvolo dell’Etna

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Partenza alle 12 dall'eliporto di Catania, sorvolo dell'Etna e arrivo nella città attorno alle 13. Confermato, considerate anche le favorevoli condizioni meteo, il programma mattutino dei consorti dei leader del G7. Melania Trump, Brigitte Macron, Joachim Sauer, Sophie Trudeau e Aki Abe, saranno ricevuti dalla moglie del premier Manuela Gentiloni e dal sindaco di Catania Enzo Bianco al palazzo degli Elefanti.

11:00G7: primo faccia a faccia Macron-May a margine del summit

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Il presidente francese Emmanuel Macron e la premier britannica Theresa May si incontrano stamani nel loro primo faccia a faccia, a margine del vertice del G7 a Taormina. Per il capo dell'Eliseo, al debutto sulla scena internazionale, il summit è l'occasione per diversi primi incontri bilaterali con gli altri leader. Dopo May infatti vedrà il premier canadese Justin Trudeau, mentre nel pomeriggio sarà la volta del giapponese Shinzo Abe. Sempre nel pomeriggio sono previste riunioni bilaterali anche con il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, e con quello tunisino, Béji Caid Essebsi, presenti a Taormina per il dialogo allargato sull'Africa.

10:42Terrorismo: allarme per due tunisini entrati in Italia

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Una caccia a due presunti terroristi è partita per il possibile viaggio sospetto di due tunisini in Italia. "Una segnalazione partita ieri mattina dalla polizia di Como e che è stata raccolta e poi convogliata su tutto il territorio nazionale, dà in viaggio due tunisini legati al terrorismo islamico. Report e alert si susseguono ormai con ritmo quotidiano ma quest'ultima nota di ricerca è particolareggiata". I due, Fouad Khaskhoussi e Wassim Ben Hassem, si troverebbero a bordo di una Citroen di colore bianco di targa tedesca e sarebbero partiti dalla Germania. Non si sa come mai siano venuti in Italia ma entrambi sarebbero noti alle forze dell'ordine, uno anche per legami con il fondamentalismo.

Archivio Ultima ora