Asse Renzi e Merkel sul Brennero. Non sugli eurobond

Pubblicato il 05 maggio 2016 da redazione

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016.  ANSA/ANGELO CARCONI

Italian Premier Matteo Renzi with German Chancellor Angela Merkel during a press conference after a bilateral meeting, in Rome, Thursday, May 5, 2016. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – I nazionalismi, la chiusura dei confini, i muri e la spinta populista della destra europea preoccupano Angela Merkel e Matteo Renzi. Che si schierano uniti e pronti a saldare un asse ‘anti-Austria’ e a sostegno di Schengen, provando anche a superare scogli come gli eurobond, il meccanismo di finanziamento del Migration Compact proposto da Roma ma che a Berlino non piace.

I due leader cercano così di minimizzare le distanze. “Abbiamo opinioni diverse su questo punto, ma a me interessa il risultato: trovare fondi per l’Africa”, sottolinea il premier lasciando aperta qualsiasi opzione alternativa. Purché le risorse si mettano sul tavolo: “Non sono innamorato di una forma di finanziamento o un’altra”, ripete anche più tardi ai Musei Capitolini.

La cancelliera lo ascolta. Non si muove dalla sua posizione, quella di una Germania che non vuol sentire parlare di condivisione del debito, ma rilancia proponendo la sua idea: quella di usare la flessibilità all’interno del bilancio Ue. Un po’ come accaduto per finanziare l’accordo con la Turchia, spiega.

Insomma i distinguo ci sono e restano ma la parola d’ordine è rimanere compatti perché “è un dovere di tutti che la scommessa europea sull’immigrazione funzioni. Siamo impegnati affinché l’accordo con la Turchia possa essere ulteriormente incoraggiato”, dice Renzi parlando di “forte convergenza” con Berlino sui migranti.

Frau Angela rilancia: “Dobbiamo difendere il trattato di Schengen, altrimenti si rischia di ricadere nei nazionalismi. E’ in gioco il futuro dell’Europa”, dice mentre rimbalza dalla sala l’attesa domanda sul Brennero e su quella definizione – “scafisti di Stato” – con cui il leader dell’ultradestra austriaca, Heinz-Christian Strache, ha bollato il duo Renzi-Merkel.

Il premier italiano la liquida come “una frase vergognosa”, ribadendo che l’ipotesi della chiusura del valico “simbolo” e la posizione di Vienna sono “fuori dalla storia, anacronistiche e non giustificate da nessuna emergenza”. Anche perché i numeri degli arrivi dalla Libia non parlano di emergenza, aggiunge.

“Serve una risposta politica, non tecnica”, rimarca Angela, spiegando che “i problemi non si risolvono con la chiusura dei confini. Sono stata molto critica anche nel caso del muro della Macedonia. Dobbiamo essere leali gli uni con gli altri”, aggiunge senza sbilanciarsi di più ma chiarendo, almeno in parte, la sua posizione sul Brennero apparsa finora un po’ ambigua. E lancia un assist a Roma, che “non va lasciata sola nell’emergenza migranti”, usando la stessa frase ribadita a Roma anche dal presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker.

Angela e Matteo scherzano, si scambiano battute sul calcio e sul quel ‘destino comune’ che ora unisce i due Paesi anche con Carlo Ancelotti allenatore del Bayern, parlano di rapporti eccellenti e si ‘corteggiano’ scambiandosi complimenti. A cominciare dal plauso, l’ennesimo, arrivato dalla cancelliera alle riforme del governo Renzi, prima tra tutte il Jobs act.

La Merkel si sfila però – è un organo “indipendente”, taglia corto – alla richiesta di commento sulle recenti dichiarazioni del presidente della Bundesbank sulle violazioni italiane al Patto. Domanda che, invece, accende Renzi: quelle frasi “non hanno creato certo concitazione in Italia, quella stagione è finita”.

“Quello che c’è da fare lo sappiamo da soli, lo decidiamo con i partner Ue e non ce lo facciamo dire da governatori di banche straniere”, aggiunge parlando dei ‘suoi’ progressi e di quella curva del debito che ha invertito tendenza e si è “stabilizzata”.

Certo “deve scendere”, ma “noi vogliamo farlo gradualmente per inserire incentivi nell’economia, anche se altri ci richiamano ad una curva più veloce”. E rilancia la sua ricetta: “Se non c’è una forte scommessa sugli investimenti l’Europa perderà la sua leadership” nel mondo.

“Se l’Europa investe solo sul patto di stabilità dimentica che si chiama patto di stabilità e crescita”, ribadisce ancora una volta mentre la Merkel accanto ascolta. E chiude commentando che le riforme italiane “sono un contributo alla competitività: è la direzione in cui dobbiamo andare. Non solo l’Italia, anche in Germania abbiamo compiti da fare….”.

(di Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

12:23Tennis: Australia, clamoroso ko di Murray

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Gli Australian Open registrano un'altra eliminazione più che eccellente, quella del numero uno del tennis mondiale, lo scozzese Andy Murray, 5 volte finalista a Melbourne, fatto fuori in quattro set e oltre tre ore e mezza di gioco dal russo-tedesco Misha Zverev, n. 50 del mondo. Al secondo turno era saltata la testa di Novak Djokovic, a lungo re della racchetta, poi spodestato appunto da Murray in vetta al ranking. Entrambi puntavano a rinnovare il duello ai vertici del tennis mondiale, cominciando proprio dal torneo di Melbourne. Invece entrambi tornano a casa. Oggi Murray è stato irriconoscibile, ha sbagliato molto al servizio, e il Murray vero sembrava invece Zverev che ha combattuto con vigore, rifilando al blasonato rivale il punteggio di 7-5 5-7 6-2 6-4. Per Zverev quella di oggi è stata la più importante vittoria in carriera. Ai quarti dovrà misurarsi con il vincente dell'ultimo incontro programmato nella Rod Laver Arena tra lo svizzero Roger Federer e il giapponese Kei Nishikori. (ANSA).

12:18Mo: Israele, dimostrazione contro demolizioni case arabe

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Diverse migliaia di arabi israeliani hanno inscenato ieri ad Arara (nel Nord di Israele) una manifestazione di protesta contro le recenti demolizioni in localita' arabe di case definite "abusive". Hannno anche invocato le dimissioni del ministro per la sicurezza interna Ghilad Erdan (Likud) in seguito alla morte di un beduino in scontri avvenuti mercoledì con la polizia nel Neghev. Secondo le autorità durante i preparativi per le demolizioni di case nel villaggio beduino di Um el-Hiran (Neghev) l'uomo - Yaakub Abu Al-Kyan, 45 anni, vice preside di una scuola locale - ha travolto ed ucciso intenzionalmente un agente di polizia, prima di essere colpito a sua volta dal fuoco di altri agenti. I dimostranti hanno invece accusato il ministro Erdan di aver fornito una versione menzognera dei fatti ed hanno invocato che sull' incidente sia condotta una inchiesta indipendente. (ANSAmed).

12:02Mo: ad inizio febbraio possibile incontro Trump-Netanyahu

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Benyamin Netanyahu potrebbe incontrare il neo presidente Usa Donald Trump nella prima settimana di febbraio a Washington. Lo indicano alcune indiscrezioni giornalistiche che citano fonti non specificate a Gerusalemme. Secondo queste Netanyahu - che ha definito Trump "un vero amico di Israele" - non aspetterebbe il congresso dell'Aipac, la principale lobby filo israeliana negli Usa, prevista per fine marzo e dove è tradizionale che partecipi il premier, ma tenderebbe ad anticipare i tempi. Netanyahu a fine gennaio ha in calendario due trasferte all'estero: Australia e Singapore. Ma subito dopo andrebbe in America. In questo primo, cruciale, incontro, sono molti i temi: dalla situazione della regione alla costruzione delle colonie ebraiche, dall'accordo sul nucleare dell'Iran alla ripresa delle sanzioni contro Teheran, al trasferimento del'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

11:52Francia: primarie, sinistra sceglie candidato all’Eliseo

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Urne aperte dalle 9 in Francia per il primo turno delle primarie della sinistra che sceglie oggi il suo candidato nella corsa all'Eliseo della prossima primavera. Lacerata al suo interno dopo cinque anni di governo tutti in salita, la gauche teme per l'affluenza e punta a un risultato - 1,5 - 2 milioni di votanti - che sarebbe comunque la metà dei partecipanti alle primarie della destra a fine novembre. I candidati favoriti sono l'ex premier socialista Manuel Valls, l'ex ministro dell'Economia e oggi portatore di ricette radicali, Arnaud Montebourg, e il capo della "fronda" interna alla maggioranza di sinistra, Benoit Hamon. Completano il quadro l'altro ex ministro Vincent Peillon, gli ecologisti Jean-Luc Bennhamias e Francois de Rugy, la radicale di sinistra Sylvia Pinel. Primo turno stasera, ballottaggio fra i due che si classificheranno ai primi posti fissato per domenica prossima.

11:43Maltempo: nelle Marche frazioni tutte raggiunte

(ANSA) - ANCONA, 22 GEN - Sono state tutte raggiunte le frazioni dell'entroterra marchigiano rimaste isolate per la neve, ma restano ancora diverse strade da aprire. Le persone per giorni bloccate sono state comunque raggiunte, anche a piedi e con gli sci, dalla macchina dei soccorsi, che ha portato, dov'era stato richiesto, viveri e medicinali. Continua il monitoraggio per l'allerta valanghe e slavine (ieri la frazione di Pozza di Acquasanta Terme, in provincia di Ascoli Piceno, era stata evacuata a causa dell'alto pericolo che una slavina potesse abbattersi sulla strada provinciale che conduce al paese) e dei fiumi. In tutta la regione ci sono 165 centraline per controllare l'innalzamento dei corsi d'acqua con il rischio di possibili esondazioni. Per quanto riguarda l'energia elettrica, ci sono ancora 5-600 utenze disalimentate. Il dato è riferito all'ultimo aggiornamento, di ieri sera. E' probabile che nel frattempo i tecnici Enel ne abbiano riattivate altre.

11:19Ritrovati due sciatori dispersi su montagne Irpinia

(ANSA) - AVELLINO, 22 GEN - Sono stati trovati dai Vigili del fuoco in una zona impervia dell'altopiano del Laceno, nell'Avellinese, due giovani di Atripalda (Avellino) dispersi da ieri: si erano recati con alcuni amici sulle vette innevate dell'altopiano per sciare, e ad un certo punto si sono separati dalla comitiva, dandosi appuntamento alle auto nel tardo pomeriggio. Appuntamento al quale non si sono presentati, suscitando l'allarme del resto della comitiva. I caschi rossi del distaccamento di Montella e di Lioni hanno lavorato tutta la notte setacciando l'area anche con l'ausilio di un gatto delle nevi del comando di Avellino. Stamane si è alzato in volo un elicottero ed ha individuato i due, infreddoliti ma in buone condizioni. (ANSA).

10:51Terremoti: scossa magnitudo 8 alle Salomone, escluso tsunami

(ANSA) - CANBERRA, 22 GEN - Escluso il rischio tsunami dopo il terremoto di magnitudo 8 che ha colpito le isole Salomone. Lo riferisce il Centro d'allarme tsunami del Pacifico che inizialmente aveva diffuso l'allarme. Il sisma è stato localizzato ad una profondità di 167km sotto Bougainville, la provincia più a est di Papa Nuova Guinea, dove il Paese e le isole del sud Pacifico formano un arcipelago, ha riferito Chris McKee, vice direttore dell'agenzia geofisica di Port Moresby. Non si hanno notizie di danni o vittime.

Archivio Ultima ora