CNE ya revisó 550 mil firmas de las consignadas

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

firmas

CARACAS- El Consejo Nacional Electoral (CNE) venezolano revisó 555.000 firmas del total de las rúbricas consignadas para solicitar la activación del referendo revocatorio del presidente venezolano, Nicolás Maduro, informó ayer la alianza opositora Mesa de la Unidad Democrática (MUD).

“Ayer se revisaron 24 cajas de las 80 que allí fueron consignadas, con lo cual ya están revisadas 555.000 (firmas)”, dijo a la emisora privada Unión Radio el opositor Vicente Bello, coordinador de Asuntos Electorales de la MUD.

Esta cifra es más del doble de las exigidas por el organismo electoral para iniciar este trámite, que establecía que para solicitar la activación del proceso de referendo revocatorio debían entregarse 195.721 firmas, lo que equivalen al 1 % de los poco más de 19 millones de venezolanos.

Aunque el CNE ha contabilizado, según Bello, más de las 200.000 firmas que habían sido solicitadas inicialmente, el organismo tiene previsto verificar solo el número requerido, un proceso que, estimó, culminará entre el 10 y el 17 de mayo.

De acuerdo con la legislación electoral, una vez verificados y aprobados estos datos, el CNE dará un nuevo plazo a los solicitantes para que esta vez entreguen una colección de firmas en favor del referendo equivalentes a al menos al 20 % del padrón electoral, unos 4 millones de firmas.

“El revocatorio debería estar convocándose a finales de agosto, si hay operación morrocoy (tortuga) (…) el referendo sería convocado en septiembre o en octubre que aún es tiempo hábil”, dijo el vocero de la coalición opositora.

Los dirigentes opositores han denunciado que los rectores electorales están retardando el proceso con el objeto de postergarlo hasta 2017, algo que ha sido negado por las autoridades.

En Venezuela, todos los cargos de elección popular pueden ser revocados a través de un referendo una vez cumplido la mitad del periodo, incluyendo el de la Presidencia.

Ultima ora

13:24Calcio: Zidane, con Juve finale speciale

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Alla Juve ho fatto cinque anni, ma ora sono l'allenatore del Real Madrid: sarà una finale speciale, spero sia anche bella". Lo dice Zinedine Zidane, in vista della finale Champions di Cardiff. "Io ho il Dna del Real Madrid, qui mi sento a casa: quando sono arrivato mi sono sentito ben accolto, sarò sempre tifoso del Real".

13:22Calcio: stadio Roma, Frongia replica a Pallotta

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Lo stadio della Roma? Stiamo andando avanti per la nostra strada ben delineata dalla memoria di giunta dell'assessore Montuori qualche settimana fa. Entro la metà del prossimo mese ci saranno rilevanti novità in termini di atti depositati in Giunta in assemblea capitolina". Così l'assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, a margine dei premi Ussi-Roma al circolo Canottieri Aniene. Replicando a chi gli chiede dell'ultimatum del presidente della Roma, James Pallotta, che ha fissato al 2020 la data limite per la realizzazione del nuovo impianto, altrimenti la Roma cambierà proprietario, Frongia si è limitato a dire: "Noi andiamo avanti per la nostra strada, seguiamo gli accordi presi anche col proponente".

13:05Berlusconi, verso legge condivisa per votare

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Mi sembra che si stia andando verso una legge elettorale condivisa, come io ho sempre auspicato, e verso un sistema proporzionale che è un sistema di giustizia". Lo ha detto Silvio Berlusconi a margine della consegna del premio Rosa Camuna in Regione Lombardia. Secondo il leader di FI, "in un Paese che ha tre poli non si può applicare il maggioritario per evidenti ragioni". Quindi, ha concluso Berlusconi, "credo che sia la cosa giusta, in Germania funziona da oltre 70 anni".

13:02Calcio: Marchisio, pronti alla battaglia finale

(ANSA) - TORINO, 30 MAG - "Ci siamo quasi, pronti alla battaglia finale!" A quattro giorni da Juve-Real che a Cardiff assegnerà la Champions, Claudio Marchisio suona la carica su Instagram pubblicando una foto degli scarpini da gioco su cui è incisa la data del 3 giugno. Ieri, con l'allenamento allo 'Stadium' aperto ai media, è iniziata "la settimana più bella", come ha scritto Leonardo Bonucci sui social, oggi i bianconeri si alleneranno a Vinovo e anche nei prossimi due giorni. La partenza è prevista venerdì mattina.

12:57Merkel, relazioni con gli Usa d’importanza capitale

(ANSA) - BERLINO, 30 MAG - "Le relazioni con gli Usa sono di importanza capitale". Lo ha affermato Angela Merkel oggi a Berlino, in conferenza stampa con il premier indiano Nerendra Modi. La cancelliera ha sottolineato però che per la Germania e l'Europa, sono molto significativi anche altri rapporti internazionali, e ha citato India e Cina. Merkel ha chiarito infine che le relazioni con l'India, segnate dalle consultazioni di oggi, non sono da intendersi "contro" quelle transatlantiche.

12:55Iraq: secondo attentato a Baghdad, 9 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 9 persone sono state uccise e 36 ferite stamane in un nuovo attentato compiuto con un'autobomba a Baghdad, dopo quello che la notte scorsa ha provocato 15 morti davanti ad una gelateria. Secondo fonti della sicurezza l'esplosione di stamane è avvenuta davanti alla direzione del servizio pensionistico statale e tra le vittime vi sono bambini. Il primo attentato, avvenuto poco dopo la mezzanotte in un'area molto frequentata durante le notti di Ramadan, è stato rivendicato dall'Isis, che sembra deciso a moltiplicare gli attacchi contro la capitale mentre perde terreno a Mosul davanti all'offensiva delle forze governative. L'esplosione ha anche provocato 27 feriti. L'offensiva per riconquistare Mosul, occupata dallo Stato islamico dal 2014, è cominciata nell'ottobre scorso. Secondo fonti militari, poche centinaia di jihadisti rimangono trincerati nel cuore della città, sulla sponda ovest del fiume Tigri, ma continuano ad opporre una strenua resistenza, mentre migliaia di civili restano intrappolati

12:51Bambino morto in incidente rally, nove indagati

(ANSA) - TORINO, 30 MAGGIO - Svolta nelle indagini della procura di Ivrea sulla tragedia del rally Città di Torino che sabato scorso è costato la vita a un bimbo di sei anni. Questa mattina il pubblico ministero Ruggero Mauro Crupi ha iscritto nel registro degli indagati nove persone. Tutte a vario titolo indagate per omicidio colposo. Gli indagati sono cinque organizzatori del rally, il pilota della Skoda uscita di strada, il navigatore, il papà e la mamma del bimbo deceduto. Domani sarà dato l'incarico per l'autopsia sul piccolo Aldo, deceduto a seguito dell'incidente.(ANSA).

Archivio Ultima ora