Mancini, siamo da quarto posto ma miglioreremo

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

Manciniconferenza

MILANO. – “La vera Inter è quella di oggi che è al quarto posto, la posizione che meritiamo”. Alla vigilia della sfida contro l’Empoli, ultima partita casalinga della stagione e penultima gara di campionato, Roberto Mancini fa un primo bilancio, affermando che l’Inter non è da terzo posto: “Abbiamo avuto delle possibilità di arrivare più in alto, senza riuscirci. L’Inter attuale è questa, occorre lavorare e migliorare”.

Mancini accetta il verdetto della classifica con la promessa di scalare posizioni già dal prossimo anno. Serve maggiore “continuità, tra le prestazioni a San Siro e quelle in trasferta”. Proprio lontano dalle mura casalinghe, la squadra di Mancini ha sofferto maggiormente collezionando solo sei punti in nove partite.

“Non so se Thohir – spiega il tecnico – sia soddisfatto. Si inizia sempre con l’obiettivo di vincere ma non è semplice. Ora però abbiamo una base su cui lavorare”. Il presidente nerazzurro è a Milano e nel pomeriggio ha raggiunto Appiano Gentile per incontrare la squadra e l’allenatore che esclude un suo approdo al Psg: “E’ una bufala. Blanc ha vinto il campionato e due Coppe” ma che non ha sciolto finora il nodo sul rinnovo.

Thohir sarà a San Siro per assistere alla partita contro l’Empoli per poi ripartire domenica. Un viaggio lampo in cui incontrerà Massimo Moratti per parlare del futuro del club. Continuano i colloqui con il gruppo cinese Suning ma resta l’incognita sulla posizione dell’ex presidente.

Mancini non parla delle questioni societarie ma sottolinea: “Non c’è molta differenza economica tra gli introiti dell’Europa League e quelli della Champions. L’Inter per il blasone meritava di tornare nel calcio che conta. Questo non significa che con il terzo posto avremmo sistemato i nostri conti. Le entrate saranno minori ma la differenza non è così grande da cambiare una strategia e una situazione. Abbiamo chiuso il mercato in attivo e non con un passivo di 100 milioni”.

L’obiettivo della prossima stagione sarà migliorare il quarto posto, rinforzando la base costruita quest’anno possibilmente senza cedere i giocatori con più appeal: “Credo sia possibile trattenerli ma abbiamo anche venduto Kovacic, Shaqiri, Guarin ed Hernanes a malincuore e per i motivi che si sanno”.

I parametri del Fair Play Finanziario vanno rispettati. Sarà addio per Telles, Ljajic e forse uno tra Handanovic, Icardi e Brozovic. Operazioni necessarie per autofinanziarsi. Intanto, serve una vittoria contro l’Empoli per riscattare la brutta sconfitta contro la Lazio, chiudere la pratica del quarto posto e assicurarsi la tournée negli Usa che porterà circa 4 milioni di euro nelle casse dell’Inter.

Mancini con Thohir parlerà di mercato e chiederà almeno due top player per dare maggiore qualità a quella che lui definisce una buona base. Obiettivo sarà lottare per il podio e archiviare così una stagione piuttosto negativa non solo per l’Inter ma per tutto il calcio di Milano.

“Una squadra non può vincere per decenni senza avere momenti di difficoltà. Per anni Inter e Milan sono state ai vertici del calcio mondiale. Non sono passati 20 anni da allora. Hanno fatto la storia del calcio e ora stanno attraversando un momento di difficoltà. Ci vuole un po’ di tempo per crescere e ricostruire. Bisogna avere pazienza”.

Difficile, secondo Mancini, replicare la “fairy tale” del Leicester nel campionato italiano perché si tratta di “situazioni diverse”. Avrà anche ragione Mancini ma è lecito sognare anche Italia.

(di Daniela Simonetti e Francesca Cozzi/ANSA)

Ultima ora

09:46Calcio: Mondiali 2018, Brasile-Paraguay 3-0

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il Brasile ha battuto a San Paolo il Paraguay per 3-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali 2018. Verdeoro in vantaggio al 33' con Coutinho, raddoppio di Neymar al 63' e terzo gol di Marcelo all'85'. Con la vittoria il Brasile, leader della classifica del girone, si porta a 33 punti, 9 di vantaggio sulla Colombia seconda a 24.

09:43Calcio:Mondiali 2018, Cile-Venezuela 3-1, Sanchez record gol

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Allo stadio Monumental di Santiago il Cile ha battuto per 3-1 il Venezuela in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Alexis Sanchez ha aperto le marcature al 4'. Grazie alla rete l'attaccante dell'Arsenal, ex Udinese, ha raggiunto Marcelo Salas a 37 gol come maggior cannoniere di sempre della 'Roja'. Sanchez avrebbe anche potuto scavalcare Salas se il portiere del Venezuela Farinez non gli avesse respinto un rigore al 75'. Sanchez ha comunque poi propiziato anche gli altri due gol del Cile, entrambi segnati da Esteban Paredes al 7' e al 23'. Per il Venezuela ha accorciato le distanze Rondon al 63'.

09:38Mondiali 2018: squalifica Messi, interviene anche Macri

(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 MAR - Sulla pesante squalifica di Lio Messi da parte della Fifa si muove anche il presidente argentino Mauricio Macri, che ha definito ''esagerata'' la misura. ''Avergli dato il massimo, tra una e quattro gare... un'esagerazione, speriamo si possa appellare e ridurre questa condanna. E' terribile'', ha commentato il presidente dall'Olanda, dove si trova in visita.

09:38Morti marito e moglie, forse omicidio-suicidio

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAR - Un probabile caso di omicidio-suicidio è avvenuto a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Della Valle, dove i carabinieri nella notte sono intervenuti rinvenendo sul selciato il corpo senza vita dell'80enne Gennaro Merola: si sarebbe lanciato dal balcone dell'abitazione al primo piano in cui risiedeva. In casa, é stato invece trovato nel letto, il cadavere della moglie, Gerarda Di Pietro di 77 anni. La donna aveva evidenti lesioni al volto causate da un probabile corpo contundente.

09:36Calcio: Mondiali 2018, Ecuador-Colombia 0-2, in gol Cuadrado

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La Colombia ha battuto l'Ecuador a Quito per 2-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Le reti sono state segnate dal madridista James Rodriguez al 19' e dallo juventino Juan Cuadrado al 33'. I 'cafeteros' sono così tornati a vincere a Quito, a 2.850 metri di altitudine, dopo oltre 20 anni. L'ultimo successo risaliva infatti all'ottobre 1996 nelle qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998 e la nazionale dell'allora ct Francisco 'Pacho' Maturana si era imposta per 1-0 grazie ad un gol di Faustino Asprilla, che vestiva la maglia del Parma.

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

Archivio Ultima ora