Papa: sogno un’Europa madre accogliente

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

The handout picture released by the Vatican Newspaper L'Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance.  EPA/L'OSSERVATORE ROMANO

The handout picture released by the Vatican Newspaper L’Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance. EPA/L’OSSERVATORE ROMANO

CITTA’ DEL VATICANO. – Il “sogno” di papa Francesco è quello di un’Europa “giovane, capace di essere ancora madre”, che “rispetta la vita e offre speranze di vita”, che “si prende cura del bambino”, che “soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo”: un’Europa “in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

Nel crescendo finale sul suo “sogno” inclusivo e accogliente dell’Europa, che ha toccato le corde dell’emozione nei capi di Stato e nei vertici Ue presenti tra i 500 della Sala Regia, il discorso del Papa per il conferimento del premio internazionale Carlo Magno ha ricordato gli echi dell”I have a dream’ di Martin Luther King.

L’italo-argentino Bergoglio ha parlato “come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede”. E nel suo “sogno di un nuovo umanesimo europeo” c’è un vero e proprio manifesto per una rifondazione dell’Ue nel segno dell’integrazione e dei diritti.

“Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo – ha detto tra l’altro Francesco -; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.

Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni”.

Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Ad ascoltare il Papa tra gli affreschi vasariani, ori e gli stucchi della Sala Regia, dopo il premio consegnatogli “in tributo al suo straordinario impegno a favore della pace, della comprensione e della misericordia in una società europea di valori” dal sindaco di Aquisgrana Marcel Philipp e dal presidente del Comitato direttivo del prestigioso ‘Karlspreis’, Juergen Linden, i vertici al gran completo dell’Ue con i presidenti dell’Europarlamento Martin Schulz, della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e del Consiglio europeo Donald Tusk (prima ricevuti in udienza), il premier Matteo Renzi, la cancelliera Angela Merkel (anche lei vista in un’altra udienza), il re di Spagna Felipe VI, il granduca Enrico di Lussemburgo, la presidente lituana Dalia Grybauskaite, il capo della Bce Mario Draghi, il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi (entrambi ex vincitori del Carlo Magno).

Offrendo il premio all’Europa, Francesco ha auspicato “uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato continente”, poiché “la creatività, l’ingegno, la capacità di rialzarsi e di uscire dai propri limiti appartengono alla’anima dell’Europa”.

Una “famiglia di popoli” che però oggi “sembra sentire meno proprie le mura della casa comune”, in cui “l’ardente desiderio di costruire l’unità apre sempre più spento”, in preda a crescenti “egoismi”. Bergoglio ha ricordato la sua recriminazione a Strasburgo su “nonna Europa”, “stanca e invecchiata”, che si va “trincerando”.

“Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà?”, ha chiesto con toni accorati. E invitando a ritrovare lo spirito dei “padri fondatori”, ha richiamato, “in questo nostro mondo dilaniato e ferito” a tornare alla “solidarietà di fatto”, alla “generosità concreta” degli anni del dopoguerra.

“Costruire ponti e abbattere muri”, ha invocato con forza il Pontefice, lanciando “la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa” su “tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

“L’identità europea è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale”, ha ricordato il Papa, e questo richiama “la politica” a “promuovere un’integrazione che trova nella solidarietà il modo in cui fare le cose”.

Basta “unilateralismi”, ha ammonito Francesco, “vincere le chiusure”. La “cultura del dialogo”, poi, da promuovere in tutte le scuole, deve insegnare ad “ascoltare” anche “lo straniero, il migrante”. E più che le “coalizioni” soltanto “militari o economiche”, servono quelle “culturali, educative, filosofiche, religiose”, che evidenzino come “dietro molti conflitti è spesso in gioco il potere di gruppi economici”.

Per il Papa, infine, serve “un’economia sociale”, non incentrata sulla “speculazione finanziaria” o nutrita di “corruzione”, mentre un’Europa davvero inclusiva si costruire solo sapendo favorire opportunità di “lavoro dignitoso”, “specialmente per i nostri giovani”.

Schulz si è detto “profondamente impressionato” dalle parole di Francesco, in un’Europa dove con i muri “rischiamo di dissipare l’eredità di integrazione”. “Parlamento e Commissione approvano il discorso del Papa, siamo incoraggiati a non fermarci ed a continuare l’edificazione dell’Europa”, ha detto Juncker.

Tusk ha lodato la spinta di Bergoglio verso un’Europa “compassionevole e altruista”. “Un messaggio chiaro e incoraggiante”, ha apprezzato Angela Merkel, prendendo quello del Papa come “il compito assegnato a noi: agire per tenere l’Europa coesa”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

Archivio Ultima ora