Papa: sogno un’Europa madre accogliente

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

The handout picture released by the Vatican Newspaper L'Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance.  EPA/L'OSSERVATORE ROMANO

The handout picture released by the Vatican Newspaper L’Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance. EPA/L’OSSERVATORE ROMANO

CITTA’ DEL VATICANO. – Il “sogno” di papa Francesco è quello di un’Europa “giovane, capace di essere ancora madre”, che “rispetta la vita e offre speranze di vita”, che “si prende cura del bambino”, che “soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo”: un’Europa “in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

Nel crescendo finale sul suo “sogno” inclusivo e accogliente dell’Europa, che ha toccato le corde dell’emozione nei capi di Stato e nei vertici Ue presenti tra i 500 della Sala Regia, il discorso del Papa per il conferimento del premio internazionale Carlo Magno ha ricordato gli echi dell”I have a dream’ di Martin Luther King.

L’italo-argentino Bergoglio ha parlato “come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede”. E nel suo “sogno di un nuovo umanesimo europeo” c’è un vero e proprio manifesto per una rifondazione dell’Ue nel segno dell’integrazione e dei diritti.

“Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo – ha detto tra l’altro Francesco -; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.

Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni”.

Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Ad ascoltare il Papa tra gli affreschi vasariani, ori e gli stucchi della Sala Regia, dopo il premio consegnatogli “in tributo al suo straordinario impegno a favore della pace, della comprensione e della misericordia in una società europea di valori” dal sindaco di Aquisgrana Marcel Philipp e dal presidente del Comitato direttivo del prestigioso ‘Karlspreis’, Juergen Linden, i vertici al gran completo dell’Ue con i presidenti dell’Europarlamento Martin Schulz, della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e del Consiglio europeo Donald Tusk (prima ricevuti in udienza), il premier Matteo Renzi, la cancelliera Angela Merkel (anche lei vista in un’altra udienza), il re di Spagna Felipe VI, il granduca Enrico di Lussemburgo, la presidente lituana Dalia Grybauskaite, il capo della Bce Mario Draghi, il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi (entrambi ex vincitori del Carlo Magno).

Offrendo il premio all’Europa, Francesco ha auspicato “uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato continente”, poiché “la creatività, l’ingegno, la capacità di rialzarsi e di uscire dai propri limiti appartengono alla’anima dell’Europa”.

Una “famiglia di popoli” che però oggi “sembra sentire meno proprie le mura della casa comune”, in cui “l’ardente desiderio di costruire l’unità apre sempre più spento”, in preda a crescenti “egoismi”. Bergoglio ha ricordato la sua recriminazione a Strasburgo su “nonna Europa”, “stanca e invecchiata”, che si va “trincerando”.

“Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà?”, ha chiesto con toni accorati. E invitando a ritrovare lo spirito dei “padri fondatori”, ha richiamato, “in questo nostro mondo dilaniato e ferito” a tornare alla “solidarietà di fatto”, alla “generosità concreta” degli anni del dopoguerra.

“Costruire ponti e abbattere muri”, ha invocato con forza il Pontefice, lanciando “la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa” su “tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

“L’identità europea è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale”, ha ricordato il Papa, e questo richiama “la politica” a “promuovere un’integrazione che trova nella solidarietà il modo in cui fare le cose”.

Basta “unilateralismi”, ha ammonito Francesco, “vincere le chiusure”. La “cultura del dialogo”, poi, da promuovere in tutte le scuole, deve insegnare ad “ascoltare” anche “lo straniero, il migrante”. E più che le “coalizioni” soltanto “militari o economiche”, servono quelle “culturali, educative, filosofiche, religiose”, che evidenzino come “dietro molti conflitti è spesso in gioco il potere di gruppi economici”.

Per il Papa, infine, serve “un’economia sociale”, non incentrata sulla “speculazione finanziaria” o nutrita di “corruzione”, mentre un’Europa davvero inclusiva si costruire solo sapendo favorire opportunità di “lavoro dignitoso”, “specialmente per i nostri giovani”.

Schulz si è detto “profondamente impressionato” dalle parole di Francesco, in un’Europa dove con i muri “rischiamo di dissipare l’eredità di integrazione”. “Parlamento e Commissione approvano il discorso del Papa, siamo incoraggiati a non fermarci ed a continuare l’edificazione dell’Europa”, ha detto Juncker.

Tusk ha lodato la spinta di Bergoglio verso un’Europa “compassionevole e altruista”. “Un messaggio chiaro e incoraggiante”, ha apprezzato Angela Merkel, prendendo quello del Papa come “il compito assegnato a noi: agire per tenere l’Europa coesa”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

Archivio Ultima ora