Papa: sogno un’Europa madre accogliente

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

The handout picture released by the Vatican Newspaper L'Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance.  EPA/L'OSSERVATORE ROMANO

The handout picture released by the Vatican Newspaper L’Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance. EPA/L’OSSERVATORE ROMANO

CITTA’ DEL VATICANO. – Il “sogno” di papa Francesco è quello di un’Europa “giovane, capace di essere ancora madre”, che “rispetta la vita e offre speranze di vita”, che “si prende cura del bambino”, che “soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo”: un’Europa “in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

Nel crescendo finale sul suo “sogno” inclusivo e accogliente dell’Europa, che ha toccato le corde dell’emozione nei capi di Stato e nei vertici Ue presenti tra i 500 della Sala Regia, il discorso del Papa per il conferimento del premio internazionale Carlo Magno ha ricordato gli echi dell”I have a dream’ di Martin Luther King.

L’italo-argentino Bergoglio ha parlato “come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede”. E nel suo “sogno di un nuovo umanesimo europeo” c’è un vero e proprio manifesto per una rifondazione dell’Ue nel segno dell’integrazione e dei diritti.

“Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo – ha detto tra l’altro Francesco -; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.

Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni”.

Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Ad ascoltare il Papa tra gli affreschi vasariani, ori e gli stucchi della Sala Regia, dopo il premio consegnatogli “in tributo al suo straordinario impegno a favore della pace, della comprensione e della misericordia in una società europea di valori” dal sindaco di Aquisgrana Marcel Philipp e dal presidente del Comitato direttivo del prestigioso ‘Karlspreis’, Juergen Linden, i vertici al gran completo dell’Ue con i presidenti dell’Europarlamento Martin Schulz, della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e del Consiglio europeo Donald Tusk (prima ricevuti in udienza), il premier Matteo Renzi, la cancelliera Angela Merkel (anche lei vista in un’altra udienza), il re di Spagna Felipe VI, il granduca Enrico di Lussemburgo, la presidente lituana Dalia Grybauskaite, il capo della Bce Mario Draghi, il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi (entrambi ex vincitori del Carlo Magno).

Offrendo il premio all’Europa, Francesco ha auspicato “uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato continente”, poiché “la creatività, l’ingegno, la capacità di rialzarsi e di uscire dai propri limiti appartengono alla’anima dell’Europa”.

Una “famiglia di popoli” che però oggi “sembra sentire meno proprie le mura della casa comune”, in cui “l’ardente desiderio di costruire l’unità apre sempre più spento”, in preda a crescenti “egoismi”. Bergoglio ha ricordato la sua recriminazione a Strasburgo su “nonna Europa”, “stanca e invecchiata”, che si va “trincerando”.

“Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà?”, ha chiesto con toni accorati. E invitando a ritrovare lo spirito dei “padri fondatori”, ha richiamato, “in questo nostro mondo dilaniato e ferito” a tornare alla “solidarietà di fatto”, alla “generosità concreta” degli anni del dopoguerra.

“Costruire ponti e abbattere muri”, ha invocato con forza il Pontefice, lanciando “la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa” su “tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

“L’identità europea è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale”, ha ricordato il Papa, e questo richiama “la politica” a “promuovere un’integrazione che trova nella solidarietà il modo in cui fare le cose”.

Basta “unilateralismi”, ha ammonito Francesco, “vincere le chiusure”. La “cultura del dialogo”, poi, da promuovere in tutte le scuole, deve insegnare ad “ascoltare” anche “lo straniero, il migrante”. E più che le “coalizioni” soltanto “militari o economiche”, servono quelle “culturali, educative, filosofiche, religiose”, che evidenzino come “dietro molti conflitti è spesso in gioco il potere di gruppi economici”.

Per il Papa, infine, serve “un’economia sociale”, non incentrata sulla “speculazione finanziaria” o nutrita di “corruzione”, mentre un’Europa davvero inclusiva si costruire solo sapendo favorire opportunità di “lavoro dignitoso”, “specialmente per i nostri giovani”.

Schulz si è detto “profondamente impressionato” dalle parole di Francesco, in un’Europa dove con i muri “rischiamo di dissipare l’eredità di integrazione”. “Parlamento e Commissione approvano il discorso del Papa, siamo incoraggiati a non fermarci ed a continuare l’edificazione dell’Europa”, ha detto Juncker.

Tusk ha lodato la spinta di Bergoglio verso un’Europa “compassionevole e altruista”. “Un messaggio chiaro e incoraggiante”, ha apprezzato Angela Merkel, prendendo quello del Papa come “il compito assegnato a noi: agire per tenere l’Europa coesa”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

16:58Bimba due mesi con lesioni in ospedale,procura apre indagine

(ANSA) - VERCELLI, 26 LUG - La procura di Vercelli ha aperto un'inchiesta, al momento a carico di ignoti, per la vicenda della bimba di due mesi e mezzo ricoverata al Regina Margherita di Torino in condizioni gravissime, con un trauma cranico e diverse costole rotte. La piccola è ancora ricoverata in prognosi riservata e le sue condizioni rimangono gravi. I magistrati hanno raccolto cartelle cliniche e ascoltato diverse persone: la bimba è stata accompagnata dai genitori all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli venerdì sera. Presentava, precisa l'Asl, segni generali di malessere: sono state effettuate una serie di visite e ulteriori accertamenti che hanno condotto il giorno dopo al trasferimento presso il Regina Margherita per proseguire le cure necessarie. A far scattare l'allarme la comparsa, quella notte, di alcuni ematomi sul corpo della bimba. Al momento non risultano denunce. Quella della settimana scorsa era la terza volta che la bimba si presentava all'ospedale vercellese. La prima per una caduta dalle braccia del padre, per la quale era stata aperta un'inchiesta poi archiviata. La seconda per un fatto virale. I genitori hanno circa 30 anni.(ANSA).

16:42Pop.Vicenza: chiusura indagini per Zonin e altri 7

(ANSA) - VICENZA, 26 LUG - E' stato depositato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari riguardante l'inchiesta sulla Banca Popolare di Vicenza aperta dalla procura berica. Nell'atto risultano indagate sette persone, tra le quali l'ex presidente della Popolare vicentina Giovanni Zonin e l'ex direttore generale Samuele Sorato, oltre che la stessa banca. Tra le ipotesi indicate l'aggiotaggio e l'ostacolo all'esercizio nelle attività di vigilanza. Il procuratore della Repubblica reggente di Vicenza, Orietta Canova ha rilevato che seguirà "in un lasso di tempo contenuto, che si confida non superiore ad alcuni mesi, la conclusione delle indagini preliminari in relazione a capi d'imputazione residuali, auspicabilmente in tempo utile per riunirne la trattazione. Le ipotesi di bancarotta connesse con la liquidazione coatta amministrativa della Banca appartengono ad una futura analisi di consistenza del reato e, dunque, ad eventuali separate iniziative".

16:41Nasce ‘La nuova casa di papà’ per padri separati impoveriti

(ANSA) - ANCONA, 26 LUG - Uno spazio di vita nuovo in cui padri separati o divorziati, impoveriti a causa del nuovo status familiare-sociale, possono abitare e incontrare i propri figli, con il supporto di uno staff qualificato. E' il progetto "La nuova casa di papà", promosso dal Comune di Ancona e finanziato dalla Fondazione Cariverona. Al momento sono due le persone accolte nel progetto, con una terza sono in corso i colloqui per l'accettazione. "La nuova casa di papà" è stata realizzata in due appartamenti che si affacciano su un unico pianerottolo nel centro di Ancona: 3 camere, 2 bagni e, in condivisione, una cucina e un salotto. E' un sistema di co-housing temporaneo (fino ad un massimo di 18 mesi) come misura di supporto, non di mera natura assistenziale, realizzato dalle cooperative sociali 'La Gemma', capofila del progetto, Irs 'L'Aurora', dal Comune di Ancona in collaborazione con una catena di supermercati. Vi potranno accedere i padri in regola con gli adempimenti connessi alla separazione o divorzio.

16:40Calenda, io Macron d’Italia? Non servono altri partiti

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Non fonderò mai un partito personale sul modello di Macron con En Marche. Non è il mio mestiere e all'Italia non servono altri partiti. Come ripeto spesso faccio il ministro da poco più di un anno, e ho ancora da dimostrare di saperlo fare bene". E' quanto afferma il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, in un'intervista che uscirà domani sul settimanale Tempi, secondo quanto riporta una nota della rivista.

16:21Corea Nord: minaccia Usa di attacco nucleare preventivo

(ANSA) - PECHINO, 26 LUG - La Corea del Nord minaccia un attacco nucleare preventivo contro gli Usa alla vigilia del 64/mo anniversario della firma dell'armistizio che chiuse la Guerra di Corea del 1950-53: è il "messaggio" di Pak Yong-sik, ministro delle Forze armate di Pyongyang, contenuto in un intervento dedicato all'imminente ricorrenza. "Se i nemici sottostimano il nostro status strategico e mantengono le opzioni d'attacco nucleare preventivo contro di noi, allora lanceremo un colpo al cuore dell'America come la più implacabile punizione senza avvertimento o preavviso", ha detto Pak, secondo l'agenzia Kcna. Il monito del Nord è maturato nel mezzo dei segnali, secondo l'intelligence di Usa e Corea del Sud, secondo cui Pyongyang potrebbe testare un altro missile intorno all'anniversario della fine della guerra.

16:16Rolling Stone incorona Trudeau, è migliore speranza America

(ANSA) - NEW YORK, 26 LUG - Justin Trudeau 'la stella del Nord'. Il primo ministro canadese conquista la copertina del magazine americano Rolling Stone, secondo il quale Trudeau è probabilmente la "migliore speranza" dell'America nel suo complesso, inclusi anche gli Stati Uniti. "Il Canada di Justin Trudeau sembra un posto meraviglioso per superare la tempesta americana", scrive Rolling Stone in un lungo articolo in cui ripercorre la vita e la carriera del primo ministro. Trudeau a Ottawa sembra essere a un ''mondo di distanza da Washington'', anche se a separare le due città sono meno di mille chilometri.

16:15Vela: parte speciale estivo su RaiSport

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Andrà in onda oggi alle 16.30 su RAISPORT+HD la prima di 10 puntate riservate alla vela che la Rai vuole proporre agli appassionati durante la pausa estiva del programma "L'Uomo e Il Mare". Dal 26 luglio al 26 settembre RAISPORT proporrà, tutti i mercoledì pomeriggio, 10 puntate di circa 12 minuti estratte dallo speciale vela. A VELA 20 ANNI", storico programma di RAISPORT, curato e condotto da Giulio Guazzini con il montaggio di Roberto Toti, che nel corso degli anni, dalla nascita dell'allora TGS. Si parte con le prime sfide di Giovanni Soldini alle prese con le prime traversate atlantiche per passare poi alle imprese di Alessandra Sensini, oro olimpico a Sydney 2000 con la telecronaca storica dei quel risultato. Le immagini della grande vela della Coppa America con Paul Cayard skipper del MORO di VENEZIA nel 92' a San Diego e il riferimento ad AZZURRA ed ai suoi uomini da Cino Ricci a Mauro Pelaschier artefici con tutto l'equipaggio, nel 1983 a Newport USA, di un risultato sorprendente.

Archivio Ultima ora