Papa: sogno un’Europa madre accogliente

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

The handout picture released by the Vatican Newspaper L'Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance.  EPA/L'OSSERVATORE ROMANO

The handout picture released by the Vatican Newspaper L’Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance. EPA/L’OSSERVATORE ROMANO

CITTA’ DEL VATICANO. – Il “sogno” di papa Francesco è quello di un’Europa “giovane, capace di essere ancora madre”, che “rispetta la vita e offre speranze di vita”, che “si prende cura del bambino”, che “soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo”: un’Europa “in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

Nel crescendo finale sul suo “sogno” inclusivo e accogliente dell’Europa, che ha toccato le corde dell’emozione nei capi di Stato e nei vertici Ue presenti tra i 500 della Sala Regia, il discorso del Papa per il conferimento del premio internazionale Carlo Magno ha ricordato gli echi dell”I have a dream’ di Martin Luther King.

L’italo-argentino Bergoglio ha parlato “come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede”. E nel suo “sogno di un nuovo umanesimo europeo” c’è un vero e proprio manifesto per una rifondazione dell’Ue nel segno dell’integrazione e dei diritti.

“Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo – ha detto tra l’altro Francesco -; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.

Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni”.

Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Ad ascoltare il Papa tra gli affreschi vasariani, ori e gli stucchi della Sala Regia, dopo il premio consegnatogli “in tributo al suo straordinario impegno a favore della pace, della comprensione e della misericordia in una società europea di valori” dal sindaco di Aquisgrana Marcel Philipp e dal presidente del Comitato direttivo del prestigioso ‘Karlspreis’, Juergen Linden, i vertici al gran completo dell’Ue con i presidenti dell’Europarlamento Martin Schulz, della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e del Consiglio europeo Donald Tusk (prima ricevuti in udienza), il premier Matteo Renzi, la cancelliera Angela Merkel (anche lei vista in un’altra udienza), il re di Spagna Felipe VI, il granduca Enrico di Lussemburgo, la presidente lituana Dalia Grybauskaite, il capo della Bce Mario Draghi, il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi (entrambi ex vincitori del Carlo Magno).

Offrendo il premio all’Europa, Francesco ha auspicato “uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato continente”, poiché “la creatività, l’ingegno, la capacità di rialzarsi e di uscire dai propri limiti appartengono alla’anima dell’Europa”.

Una “famiglia di popoli” che però oggi “sembra sentire meno proprie le mura della casa comune”, in cui “l’ardente desiderio di costruire l’unità apre sempre più spento”, in preda a crescenti “egoismi”. Bergoglio ha ricordato la sua recriminazione a Strasburgo su “nonna Europa”, “stanca e invecchiata”, che si va “trincerando”.

“Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà?”, ha chiesto con toni accorati. E invitando a ritrovare lo spirito dei “padri fondatori”, ha richiamato, “in questo nostro mondo dilaniato e ferito” a tornare alla “solidarietà di fatto”, alla “generosità concreta” degli anni del dopoguerra.

“Costruire ponti e abbattere muri”, ha invocato con forza il Pontefice, lanciando “la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa” su “tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

“L’identità europea è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale”, ha ricordato il Papa, e questo richiama “la politica” a “promuovere un’integrazione che trova nella solidarietà il modo in cui fare le cose”.

Basta “unilateralismi”, ha ammonito Francesco, “vincere le chiusure”. La “cultura del dialogo”, poi, da promuovere in tutte le scuole, deve insegnare ad “ascoltare” anche “lo straniero, il migrante”. E più che le “coalizioni” soltanto “militari o economiche”, servono quelle “culturali, educative, filosofiche, religiose”, che evidenzino come “dietro molti conflitti è spesso in gioco il potere di gruppi economici”.

Per il Papa, infine, serve “un’economia sociale”, non incentrata sulla “speculazione finanziaria” o nutrita di “corruzione”, mentre un’Europa davvero inclusiva si costruire solo sapendo favorire opportunità di “lavoro dignitoso”, “specialmente per i nostri giovani”.

Schulz si è detto “profondamente impressionato” dalle parole di Francesco, in un’Europa dove con i muri “rischiamo di dissipare l’eredità di integrazione”. “Parlamento e Commissione approvano il discorso del Papa, siamo incoraggiati a non fermarci ed a continuare l’edificazione dell’Europa”, ha detto Juncker.

Tusk ha lodato la spinta di Bergoglio verso un’Europa “compassionevole e altruista”. “Un messaggio chiaro e incoraggiante”, ha apprezzato Angela Merkel, prendendo quello del Papa come “il compito assegnato a noi: agire per tenere l’Europa coesa”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

20:31Leu: Boldrini, D’Alema? Così si disincentiva voto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Intanto mi permetto di dire che dobbiamo motivare le persone ad andare a votare, non possiamo dare per scontata l'ingovernabilità. Dobbiamo unirci a Mattarella all'appello al voto; le persone non possono pensare che non servirà andare a votare. Votare significa decidere in che paese si vuole vivere". Così Laura Boldrini, intervistata a Carta Bianca, ha commentato le affermazioni di Massimo D'Alema su un governo del Presidente dopo le urne. "Il governo certo che serve, e questa legge non è il massimo e rende tutto più difficile. Potrebbe esserci questi problemi, ma si risolvono sui programmi e sui valori, non in astratto. Noi siamo di sinistra - ha proseguito - diciamo 'lavoro, ambiente', valori che mancavano, e noi andiamo a riempire un vuoto, poi vediamo. Qualsiasi previsione rischia di essere un esercizio vuoto".

20:26Brasile: proteste per aumento prezzi dei trasporti pubblici

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Centinaia di brasiliani hanno protestato oggi contro l'aumento delle tariffe del trasporto pubblico a San Paolo, in una manifestazione terminata con alcuni incidenti che hanno coinvolto cittadini e polizia. La protesta è stata indetta dal movimento Passe Livre per denunciare l'aumento del 5,26% della tariffa della rete di trasporto pubblico (autobus, metropolitana e treno), che è salita da 3,80 real a 4 real (1,24 dollari). Per gli organizzatori, l'aumento danneggia soprattutto le classi sociali più povere. "I brasiliani con un salario minimo investiranno il 20% del loro denaro per pagare la tariffa giornaliera dell'autobus", ha detto Francisco Bueno, 21 anni, membro del movimento Passe Livre. La protesta, che ha visto un importante dispiegamento di forze di polizia, è stata pacifica fino a quando un gruppo di manifestanti ha invaso la stazione Brás della metro, con conseguente intervento degli agenti che hanno lanciato gas lacrimogeni contro i cittadini.

20:19Siccità in Sudafrica, manca l’acqua

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Città del Capo, la metropoli sudafricana colpita dalla peggiore siccità del secolo, ha annunciato nuove riduzioni della disponibilità d'acqua per i cittadini: dal mese prossimo il quantitativo massimo che ogni cittadino potrà usare scenderà dagli attuali 87 a 50 litri al giorno. La sindaca della città, Patricia de Lille, teme che Città del Capo possa diventare la prima metropoli al mondo a restare senza acqua già fra tre mesi. La città sudafricana ha raggiunto un "punto di non ritorno" e il "Giorno Zero" in cui la maggior parte dei rubinetti rimarrà a secco è fissato per il 21 aprile. De Lille ha lamentato che, nonostante appelli al risparmio idrico lanciati per mesi, il 60% dei cittadini continua a usare più di 87 litri al giorno. "Non possiamo più solo chiedere alla gente di smettere di sprecare l'acqua. Dobbiamo obbligarla", ha detto de Lille, che ha già messo al bando il lavaggio delle auto e il riempimento delle piscine.

20:13Berlusconi, ho sperato in Renzi ma è stata promessa mancata

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Renzi è stata una promessa in cui molti hanno sperato tra cui il sottoscritto ma è stata promessa mancata". Lo afferma Silvio Berlusconi ospite del programma Quinta Colonna su rete 4.

20:12Uccisa da uno sparo accidentale, indagato il ragazzo

(ANSA) - BERGAMO, 18 GEN - Sarà eseguita mercoledì prossimo l'autopsia sul corpo di Alessandra Cornago, la studentessa ventunenne di Ponteranica morta ieri sera per un proiettile esploso dalla pistola del fidanzato, l'ex guardia giurata Denis Zeni, suo coetaneo, da oggi indagato a piede libero per omicidio colposo. Gli inquirenti hanno sequestrato gli smartphone dei due fidanzati e il computer su cui stava studiando Alessandra Cornago. Denis aveva in camera da letto una pistola perché, per circa sei mesi e fino a un anno fa, aveva lavorato come guardia particolare giurata all'istituto di vigilanza privato Fidelitas. Dopo aver lasciato l'istituto, aveva continuato a detenere legalmente l'arma. Pochi istanti dopo la tragedia la reazione del giovane è stata di quelle che, a detta degli inquirenti, non lasciano dubbi sull'involontarietà dell'episodio: ha cercato di rianimarla, ha chiamato la madre che era in un'altra stanza (il papà era invece fuori casa) e hanno subito avvertito il 118. Era sotto choc.

20:10Maltempo: in Belgio si fermano treni ad alta velocità

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La circolazione dei treni ad alta velocità Thalys dal Belgio verso Olanda e Germania è stata interrotta, per l'intera giornata, a causa del maltempo. Una cinquantina di treni regionali sono stati cancellati, e sono stati accumulati ritardi per oltre 20 ore sulla rete ferroviaria del Paese. Inoltre si sono registrati una ventina di incidenti ferroviari a causa dei detriti finiti sui binari. Lo scrivono i media online del Paese. Ad Anversa si contano almeno 4 feriti tra cui una donna grave.

20:06Calcio: serie A, Orsato arbitrerà Atalanta-Napoli

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Sarà Daniele Orsato di Schio l'arbitro di Atalanta-Napoli, anticipo delle 12.30 della 2/a giornata di ritorno in programma domenica 21 gennaio. Inter-Roma, big match delle 20.45 è stata affidata a Davide Massa di Imperia mentre il posticipo di lunedì tra Juventus e Genoa sarà diretto da Marco Di Bello di Brindisi. Queste le altre designazioni: Bologna-Benevento ad Abbattista di Molfetta; Cagliari-Milan a Guida di Torre Annunziata; Verona-Crotone a Rocchi di Firenze; Lazio-Chievo ad Abisso di Palermo; Samp-Fiorentina a Pasqua di Tivoli; Sassuolo-Torino a Fabbri di Ravenna; Udinese-Spal a Doveri di Roma 1.

Archivio Ultima ora