Papa: sogno un’Europa madre accogliente

Pubblicato il 06 maggio 2016 da redazione

The handout picture released by the Vatican Newspaper L'Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance.  EPA/L'OSSERVATORE ROMANO

The handout picture released by the Vatican Newspaper L’Osservatore Romano shows a general view of the ceremony for the award of the Charlemagne Prize to Pope Francis (C) at the Vatican, 06 May 2016. Pope Francis on Friday received the Charlemagne Prize, awarded annually since 1950 by the German city of Aachen to people who have contributed to the ideals upon which Europe has been founded, with top EU officials in attendance. EPA/L’OSSERVATORE ROMANO

CITTA’ DEL VATICANO. – Il “sogno” di papa Francesco è quello di un’Europa “giovane, capace di essere ancora madre”, che “rispetta la vita e offre speranze di vita”, che “si prende cura del bambino”, che “soccorre come un fratello il povero e chi arriva in cerca di accoglienza perché non ha più nulla e chiede riparo”: un’Europa “in cui essere migrante non sia delitto bensì un invito ad un maggior impegno con la dignità di tutto l’essere umano”.

Nel crescendo finale sul suo “sogno” inclusivo e accogliente dell’Europa, che ha toccato le corde dell’emozione nei capi di Stato e nei vertici Ue presenti tra i 500 della Sala Regia, il discorso del Papa per il conferimento del premio internazionale Carlo Magno ha ricordato gli echi dell”I have a dream’ di Martin Luther King.

L’italo-argentino Bergoglio ha parlato “come un figlio che ritrova nella madre Europa le sue radici di vita e di fede”. E nel suo “sogno di un nuovo umanesimo europeo” c’è un vero e proprio manifesto per una rifondazione dell’Ue nel segno dell’integrazione e dei diritti.

“Sogno un’Europa dove i giovani respirano l’aria pulita dell’onestà, amano la bellezza della cultura e di una vita semplice, non inquinata dagli infiniti bisogni del consumismo – ha detto tra l’altro Francesco -; dove sposarsi e avere figli sono una responsabilità e una gioia grande, non un problema dato dalla mancanza di un lavoro sufficientemente stabile.

Sogno un’Europa delle famiglie, con politiche veramente effettive, incentrate sui volti più che sui numeri, sulle nascite dei figli più che sull’aumento dei beni”.

Sogno un’Europa che promuove e tutela i diritti di ciascuno, senza dimenticare i doveri verso tutti. Sogno un’Europa di cui non si possa dire che il suo impegno per i diritti umani è stata la sua ultima utopia”.

Ad ascoltare il Papa tra gli affreschi vasariani, ori e gli stucchi della Sala Regia, dopo il premio consegnatogli “in tributo al suo straordinario impegno a favore della pace, della comprensione e della misericordia in una società europea di valori” dal sindaco di Aquisgrana Marcel Philipp e dal presidente del Comitato direttivo del prestigioso ‘Karlspreis’, Juergen Linden, i vertici al gran completo dell’Ue con i presidenti dell’Europarlamento Martin Schulz, della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e del Consiglio europeo Donald Tusk (prima ricevuti in udienza), il premier Matteo Renzi, la cancelliera Angela Merkel (anche lei vista in un’altra udienza), il re di Spagna Felipe VI, il granduca Enrico di Lussemburgo, la presidente lituana Dalia Grybauskaite, il capo della Bce Mario Draghi, il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi (entrambi ex vincitori del Carlo Magno).

Offrendo il premio all’Europa, Francesco ha auspicato “uno slancio nuovo e coraggioso per questo amato continente”, poiché “la creatività, l’ingegno, la capacità di rialzarsi e di uscire dai propri limiti appartengono alla’anima dell’Europa”.

Una “famiglia di popoli” che però oggi “sembra sentire meno proprie le mura della casa comune”, in cui “l’ardente desiderio di costruire l’unità apre sempre più spento”, in preda a crescenti “egoismi”. Bergoglio ha ricordato la sua recriminazione a Strasburgo su “nonna Europa”, “stanca e invecchiata”, che si va “trincerando”.

“Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà?”, ha chiesto con toni accorati. E invitando a ritrovare lo spirito dei “padri fondatori”, ha richiamato, “in questo nostro mondo dilaniato e ferito” a tornare alla “solidarietà di fatto”, alla “generosità concreta” degli anni del dopoguerra.

“Costruire ponti e abbattere muri”, ha invocato con forza il Pontefice, lanciando “la sfida di ‘aggiornare’ l’idea di Europa” su “tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

“L’identità europea è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale”, ha ricordato il Papa, e questo richiama “la politica” a “promuovere un’integrazione che trova nella solidarietà il modo in cui fare le cose”.

Basta “unilateralismi”, ha ammonito Francesco, “vincere le chiusure”. La “cultura del dialogo”, poi, da promuovere in tutte le scuole, deve insegnare ad “ascoltare” anche “lo straniero, il migrante”. E più che le “coalizioni” soltanto “militari o economiche”, servono quelle “culturali, educative, filosofiche, religiose”, che evidenzino come “dietro molti conflitti è spesso in gioco il potere di gruppi economici”.

Per il Papa, infine, serve “un’economia sociale”, non incentrata sulla “speculazione finanziaria” o nutrita di “corruzione”, mentre un’Europa davvero inclusiva si costruire solo sapendo favorire opportunità di “lavoro dignitoso”, “specialmente per i nostri giovani”.

Schulz si è detto “profondamente impressionato” dalle parole di Francesco, in un’Europa dove con i muri “rischiamo di dissipare l’eredità di integrazione”. “Parlamento e Commissione approvano il discorso del Papa, siamo incoraggiati a non fermarci ed a continuare l’edificazione dell’Europa”, ha detto Juncker.

Tusk ha lodato la spinta di Bergoglio verso un’Europa “compassionevole e altruista”. “Un messaggio chiaro e incoraggiante”, ha apprezzato Angela Merkel, prendendo quello del Papa come “il compito assegnato a noi: agire per tenere l’Europa coesa”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

18:29Calcio: Cagliari, per Lopez subito ostacolo Lazio

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Prima la Lazio e poi il Benevento. La prima tappa, per il neo allenatore Diego Lopez, è sen'altro la più difficile, ma non ci sono aspettative o fucili puntati. La seconda sfida, invece, è di quelle che non si possono fallire. Il presidente Giulini vuole la vittoria e Lopez è chiamato a dare le prime risposte. Tre anni fa, quando era sulla panchina del Cagliari, la sconfitta in casa con la Lazio fu l'inizio della fine: lo zero a due al Sant'Elia più i ko di Bologna e quelli con Torino e Roma (in mezzo una vittoria sul Verona) convinsero l'allora presidente Massimo Cellino ad esonerare l'uruguaiano e lasciare la squadra a Ivo Pulga. Ora Lopez per la sua rivincita riparte proprio dalla Lazio, tra l'altro gasatissima dopo la vittoria con la Juventus. "La Lazio? Ora vediamo", aveva detto ieri al suo arrivo. Come dire: scusate, ma sono appena arrivato. Ma per Lopez c'è già un problema: tutti e due i portieri, Cragno e Rafael, sono acciaccati. E il giovane Crosta è in preallarme. Per il resto già dalla partita dell'Olimpico potrebbe vedersi la mano del nuovo tecnico. L'ultima volta con il Cagliari c'erano Dessena e Cossu in campo e Sau in panchina. Ed era un 4-3-1-2. Ma con il Palermo, l'anno scorso, spesso Lopez usava il 4-3-3. E ora? C'è soprattutto un'esigenza: valorizzare Pavoletti. Perché la salvezza del Cagliari non può che passare dai suoi gol. E allora ci vogliono i cross o almeno più palloni in area: questo potrebbe suggerire un uso più massiccio di fasce e sovrapposizioni. Aspettando magari che Van der Wiel o Miangue possano nel frattempo diventare i terzini che il Cagliari cerca dal precampionato. "La nostra non è una situazione drammatica - osserva Lopez - ma occorre guardarsi dentro per capire che alcune partite non dobbiamo perderle se vogliamo raggiungere il traguardo della salvezza e che per centrare l'obiettivo dobbiamo dare ancora di più. Ai tifosi voglio dire che abbiamo bisogno del loro sostegno, ma spetta a noi dare l'input sul campo. I nostri tifosi ci sono sempre, ci seguono anche in trasferta e molte famiglie hanno sottoscritto un abbonamento facendo tanti sacrifici: meritano di essere ripagati".(ANSA).

18:27Giustizia: Catanzaro, Capomolla nuovo Procuratore aggiunto

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Il plenum del Csm ha nominato Vincenzo Capomolla nuovo procuratore aggiunto di Catanzaro. Il magistrato, attualmente in servizio come sostituto nella Dda, era stato designato all'unanimità dalla quinta commissione di Palazzo dei Marescialli. Capomolla sarà il terzo aggiunto della Procura, affiancando Giovanni Bombardieri e Vincenzo Luberto ed il procuratore, Nicola Gratteri. Nei mesi scorsi il Ministero della Giustizia aveva approvato l'aumento della pianta organica della Procura di Catanzaro. All'ufficio, così, sono stati assegnati otto nuovi pm, sei dei quali prenderanno servizio il 2 novembre. Da quella data, dunque, la Procura di Catanzaro potrà contare su 26 magistrati, il Procuratore, tre aggiunti e 26 sostituti. Restano da coprire altri due posti di sostituto procuratore previsti dalla nuova pianta organica e che saranno banditi a breve. (ANSA).

18:19Turista tedesca si perde sui monti del Nuorese, ricerche

(ANSA) - NUORO, 19 OTT - Una turista tedesca in vacanza in Sardegna, Renate Era Zellinger, di 54 anni, è scomparsa da due giorni nel Montalbo, a Lula (Nuoro). Le ricerche sono state attivate ieri, dopo la segnalazione del responsabile del servizio di noleggio auto di Olbia al commissariato di Polizia, allarmato per la ritardata consegna della Fiat Panda che la donna aveva preso a noleggio. L'auto è stata rinvenuta in prossimità di una casa cantoniera, in località Jenna e Rughe, nelle campagne di Lula. Senza sosta le ricerche da parte di Vigili del fuoco, unità cinofile, personale di Forestas e del Soccorso Alpino, oltre ai Carabinieri e volontari del luogo, ma della donna ancora nessuna traccia. (ANSA).

18:17Russia: penuria di lapidi, tutto il granito è finito a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 19 OTT - Il gigantesco programma di ammodernamento urbanistico di Mosca da 3 miliardi di euro, in atto ormai da sette anni sebbene l'impulso più spinto si sia concentrato negli ultimi tre con lo scopo di presentare una Capitale scintillante ai mondiali di calcio del 2018, ha avuto un effetto collaterale imprevisto: mettere in crisi il settore delle pompe funebri. Molte piccole imprese basate in Siberia e nella regione del Volga, infatti, hanno difficoltà a reperire il granito per le lapidi. I quantitativi richiesti da Mosca per ripavimentare i marciapiedi e abbellire il centro sono così massicci che le cave degli Urali hanno praticamente finito le scorte e il Comune di Mosca ha dovuto acquistare la pietra all'estero, in particolare in Cina e Ucraina. La richiesta è tale - spiega un'azienda di pompe funebri siberiana a Meduza - che chi ha ancora in magazzino del granito "non accetta ordini piccoli", di norma 300/400 metri quadrati, perché ormai vengono considerate commesse "poco vantaggiose".

18:13Israele, esercitazione ospedale Haifa contro attacco chimico

(ANSA) - TEL AVIV, 19 OTT - L'ospedale Rambam di Haifa, nel nord di Israele, ad un passo dal confine con il Libano e la Siria, ha svolto oggi un esercitazione contro un attacco missilistico e chimico. La prova ha incluso il trasferimento di tutto il personale dell'ospedale nel rifugio sotterraneo della struttura e il trattamento di centinaia di persone con pretese bruciature chimiche. All'esercitazione - hanno sottolineato i media - hanno preso parte tutte le istituzioni, esercito incluso, che dovrebbero intervenire nell'eventualità di un attacco contro la città da oltre confine effettuato con missili e testate chimiche.

18:10Usa: Melania dona abito inaugurazione al museo Smithsonian

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Melania Trump donera' l'abito indossato durante il ballo per la cerimonia di inaugurazione allo National Museum of American History Smithsonian. La First Lady onorerà quindi una tradizione iniziata nel 1912 da Helen Taft, moglie del presidente William Howard Taft (1909-1913). Il giorno in cui Melania e' diventata ufficialmente la First Lady degli Stati Uniti indossava come abito serale una creazione in colore avorio con cinturino rosso in vita e spacco del designer franco-americano Herve' Pierre. Secondo quanto scrive la Cnn, il processo per la donazione inizia immediatamente dopo l'insediamento alla Casa Bianca. Il museo avanza richiesta dell'abito e fa realizzare anche un manichino che fisicamente somigli il piu' possibile alla First Lady. La mostra sugli abiti delle First Lady e' una delle piu' popolari allo Smithsonian. Nel 2016 ha avuto oltre quattro milioni di visitatori.

18:06‘Ottocento imprese hanno lasciato la Catalogna’

(ANSA) - MADRID, 19 OTT - Il ministro dell'Economia spagnolo, Luis de Guindos, ha detto che 800 imprese catalane hanno spostato le sedi legali in altre regioni spagnole dopo il referendum di indipendenza del 1 ottobre. Secondo de Guindos "questo è solo l'aperitivo di quello che potrebbe succedere se ci fosse l'indipendenza, che il governo non permetterà".

Archivio Ultima ora