Renzi, muri e paura non sono il futuro Europa

Pubblicato il 07 maggio 2016 da redazione

renzi

FIRENZE. – Il futuro dell’Europa non si costruisce sui muri e sulla paura ma su una strategia di lungo periodo di cui il migration compact è la chiave. Matteo Renzi a Firenze ribadisce la sua ricetta per uscire dal buco nero della crisi dei migranti e trova una sponda politica nel presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, convinto che la direzione indicata dal premier sia quella “giusta”.

“Il primo muro è quello della paura: se si gioca la carta della paura, dei muri, si sa dove si inizia e non dove si finisce” scandisce Renzi da Palazzo Vecchio nell’intervento che conclude ‘The State of the Union’, la convention sull’Europa organizzata dall’Istituto universitario europeo.

E rilancia, senza nascondere le critiche all’Europa che sulla questione migranti “troppo spesso vuole metterci una pezza, non una strategia di lungo periodo”. Con il migration compact, noi proponiamo una soluzione a breve ma anche una lettura a lungo periodo”.

Da Roma, dopo l’incontro con il papa in Vaticano, Juncker concorda. “Il ‘migration compact’ proposto da Matteo Renzi ci indica la direzione giusta”, afferma il capo dell’esecutivo di Bruxelles che non si sbilancia su dove prendere i soldi e dichiara di non voler fare un “commento sul finanziamento con eurobond o altro”.

Una linea di prudenza, per non entrare sul terreno delle ‘divegenze’ tra Roma e Berlino che anche ieri aveva ribadito il suo no all’ipotesi eurobond proposta dall’Italia. Il premier torna anche sull’accordo Ue-Turchia, ribadendo che “non può essere la sola soluzione”, e guarda all’Africa, in particolare quella subsahariana, terra di emigrazione e dove il terrorismo estremista trova terreno fertile ma anche continente sul quale “scommettere non solo perché è etico, ma perché è utile”.

E “se noi diciamo di aiutarli (i migranti)a casa loro”, allora è evidente che “non possiamo tagliare sulla cooperazione internazionale”. Ma il premier non crede all’invasione evocata da populismi xenofobi e scandisce: “Attenzione a dare un messaggio in cui le parole che sono pesanti come sassi e pietre vengono usate a casaccio: non c’è alcuna invasione”.

Uno sguardo largo, Renzi si preoccupa di recuperare “la cultura come elemento di identità” europea e cita Obama e un suo recente discorso. E’ lui che “ci ha ricordato chi siamo, come se avesse tirato fuori la nostra carta di identità che avevamo smarrito”.

Guarda al 2017, mettendo in cantiere iniziative con l’Istituto universitario europeo per celebrare il sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Il messaggio è chiaro, perché l’Europa abbia un futuro.”Dopo la stagione gloriosa dei padri fondatori tocca anche a noi figli non vivere di rendita”.

(dell’inviata Eloisa Gallinaro/ANSA)

Ultima ora

15:32Mattarella, sono entusiasta del Magistero del Papa

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il Papa ha inciso profondamente nella sensibilità generale e nei rapporti tra le religioni. Anche per questo rappresenta un punto di riferimento, nella fiducia e nell'affetto, per credenti e non". Lo dice Mattarella in un' intervista a "Famiglia Cristiana". "Avere aperto il Giubileo della misericordia a Bangui, in un luogo che appare, più che periferia, il confine del mondo e che Francesco ha definito capitale spirituale del mondo è stato straordinario. A Buenos Aires uno studente mi ha chiesto un giudizio sul Magistero di papa Francesco. Gli ho risposto che sono entusiasta".

15:29Rifiuti: Raggi, maiale in strada è di un Casamonica

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Mi spiace che la campagna elettorale abbia spinto Giorgia Meloni a rilanciare l'immagine di un maiale in strada. La politica dovrebbe essere altro. Abbiamo scoperto che quel maiale è di proprietà di un membro della famiglia Casamonica che ha ammesso alla polizia locale di averne perso il controllo il giorno precedente". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi nel corso della presentazione di un protocollo per aumentare la differenziata, riferendosi alle foto rilanciate nei giorni scorsi da Giorgia Meloni di un maiale tra i cassonetti dei rifiuti e poi mentre attraversava la strada nel quartiere della Romanina, alla periferia di Roma.

15:25Praticante in aula con il velo, giudice la fa uscire

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - "Chi interviene o assiste all'udienza non può portare armi o bastoni e deve stare a capo scoperto e in silenzio". E' la scritta su un foglio davanti ad un'aula del Tar di Bologna dove questa mattina ad una giovane praticante avvocato che indossava il velo hijab è stato chiesto dal giudice di toglierselo, oppure uscire. Secondo quanto riferito da alcuni presenti la giovane, marocchina, a quel punto si è rifiutata di scoprirsi il capo e si è allontanata. (ANSA).

15:23Messico:imprenditore italiano nascosto,’mi hanno incastrato’

(ANSA) - VENEZIA, 17 GEN - "Mi hanno incastrato, stanno seminando indizi e prove contro di me". Si è rifatto vivo Alessandro Bozzato, 52 anni, l'imprenditore veneto che si troverebbe a Città del Messico in pericolo di vita. Del suo caso si sta interessando anche la Farnesina. L'uomo ha mandato un nuovo messaggio alla sorella Erica, che vive a Cavarzere (Venezia). Nei giorni scorsi aveva inviato video e messaggi inquietanti nei quali, dicendo di trovarsi coinvolto in una pericolosa vicenda criminale, lanciava un appello per tornare in Italia: "Aiutatemi, venitemi a prendere altrimenti mi ammazzano". Bozzato, imprenditore edile, vive e lavora da 20 anni in Messico. Ha raccontato alla sorella di essersi messo in affari nel giugno scorso con una persona che doveva acquistare un camion. "Ho speso mezzo milione di euro. Ma questo - ha sostenuto nei messaggi - era un delinquente e ha tentato di uccidermi per rubarmi i soldi. Poi gli hanno sparato e hanno dato la colpa a me. Adesso sono nascosto, sto bene, ma non mi faccio vedere".

15:22‘Ndrangheta:Tribunale riesame scarcera ex sindaco Taurianova

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 17 GEN - Il tribunale del riesame di Reggio Calabria ha annullato, per mancanza di gravità indiziaria, l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell'ex sindaco di Taurianova Domenico Romeo e ne ha disposto l'immediata scarcerazione. Lo rendono noto i suoi legali, gli avvocati Giuseppe Alvaro e Rocco Iorianni. Romeo era stato arrestato nel dicembre scorso nell'operazione Terramara-Closed contro le cosche Zagari - Fazzalari - Viola con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. In particolare è accusato di avere favorito, nella sua qualità di sindaco dal maggio 2011 fino alla data di scioglimento del Consiglio comunale del luglio 2013, gli interessi di alcune cosche nel settore degli impianti serricoli e fotovoltaici e di avere tentato di costringere il responsabile dell'ufficio tecnico a dire sì al rilascio di concessioni edilizie in favore di società ritenute mafiose. La decisione del riesame è giunta in accoglimento di un ricorso dei difensori di Romeo. (ANSA).

15:22Cremlino, Putin gode di ottima salute

(ANSA) - MOSCA, 17 GEN - Il presidente russo Vladimir Putin è in buona salute ed è in condizioni molto migliori di molte persone. Lo ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato da Interfax. "Posso assicurarvi che il presidente è assolutamente sano ed è in condizioni molto migliori di molte altre persone", ha detto Peskov ai giornalisti quando gli è stato chiesto se è previsto un rapporto dettagliato sulla salute di Putin simile a quello del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. "Non so nulla al riguardo, la nostra legislazione non prevede alcuna pubblicazione obbligatoria di informazioni sullo stato di salute del presidente", ha detto Peskov.

15:18Dj Fabo: pm, assolvere Cappato, fatto non sussiste

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - La procura di Milano ha chiesto l'assoluzione di Marco Cappato "perché il fatto non sussiste". Il radicale è imputato a Milano per aiuto al suicidio in relazione alla vicenda di Dj Fabo. Il pm Tiziana Siciliano insieme alla collega Sara Arduini hanno chiesto in subordine alla corte d'assise di eccepire l'illegittimità costituzionale dell'articolo 580 del codice penale, quello sull'aiuto al suicidio. "Marco Cappato non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire" ha sostenuto in aula il pm Sara Arduini, che ha ripetuto più volte come fosse "forte e granitica la volontà di Fabiano di morire". I pm originariamente avevano chiesto l'archiviazione della indagine a carico di Cappato ma poi il gip Luigi Gargiulo aveva imposto l'imputazione coatta e l'esercizio dell'azione penale sostenendo che Cappato andasse accusato di aiuto al suicidio per avere addirittura rafforzato la volontà di togliersi la vita.

Archivio Ultima ora