L’Inter blinda il quarto posto, Empoli ko

Pubblicato il 08 maggio 2016 da redazione

Inter Milan's forward Mauro Emanuel Icardi (C) scores the 1-0 lead during the Serie A soccer match between Inter Milan and Empoli at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 7 May 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

Inter Milan’s forward Mauro Emanuel Icardi (C) scores the 1-0 lead during the Serie A soccer match between Inter Milan and Empoli at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 7 May 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

MILANO. – L’Inter saluta San Siro con una vittoria piccola piccola contro l’ottimo Empoli di Marco Giampaolo. Finisce 2-1 (gol di Icardi, Pucciarelli e Perisic) ma non c’è alcuna svolta rispetto alla partita contro la Lazio. Molte distrazioni, più di un vuoto, errori e disattenzioni per l’Inter che, dopo un primo tempo che lasciava ben sperare, soffre fino all’ultimo secondo.

La mente forse è già in vacanza, una sensazione colta dal presidente Erick Thohir in tribuna con un’aria piuttosto imbronciata. Saranno i tanti pensieri rivolti a sbrogliare la situazione societaria, dopo la cena con Moratti e l’enigma del Suning di cui si sono perse le tracce dopo un incoraggiante comunicato. I cinesi avevano annunciato di voler investire nell’Inter ma tempi e modi restano un mistero e forse qualcosa non sta andando per il verso giusto.

Un pomeriggio non indimenticabile a San Siro, anche se il quarto posto è assicurato, restano i dubbi e qualche rimpianto. Segna e si fa male Mauro Icardi: per lui distrazione muscolare ai flessori della coscia destra. Salterà l’ultima partita di campionato al Mapei Stadium contro il Sassuolo. Non ci sarà neppure Perisic, autore del raddoppio, che si fa ammonire da diffidato per aver calciato il pallone a gioco fermo. Vacanze anticipate anche per Handanovic che rimedia un giallo e sarà squalificato.

L’Inter inizia bene con due traversoni rasoterra al 2′ e al 7′, interessanti ma non concretizzati. Poco dopo tenta il tiro Jovetic, murato. Il gol è nell’aria e arriva al 12′: Perisic intercetta palla a metà campo, avanza e serve Icardi che di sinistro batte Pelagotti.

L’attacco dialoga bene ma anche questa volta spreca troppo. Al 15′ azione corale in ripartenza: Brozovic serve Jovetic, passaggio a Perisic e tiro respinto. L’Empoli non demorde, affronta i padroni di casa a viso aperto e complici gli errori di Melo e Kondogbia, spaventa San Siro.

Ci pensa Pucciarelli a riequilibrare il risultato: assist di Maccarone, errore di Juan Jesus e 1-1. Mancini si infuria, il difensore risponde, nasce un battibecco subito ridimensionato dal tecnico in conferenza. Soliti errori di un’Inter poco affidabile in difesa che punta tutto sulle ripartenze.

Ed è proprio da un ribaltamento di fronte che nasce il 2-1 di Perisic. Jovetic tira, Pelagotti respinge e tap-in vincente del croato. Poco prima dello scadere Icardi ha sui piedi la palla del definitivo ko ma calcia altissimo.

Nella ripresa l’Inter non riesce a tenere il ritmo della partita. E’ svogliata, involuta. Il baricentro è basso e i cambi di Mancini, alcuni forzati come Biabiany per Icardi infortunato, non sortiscono effetti. La manovra è lenta. Nessun guizzo.

L’Empoli cresce, va all’arrembaggio nel finale e più volte va vicino al pari: prima con Pucciarelli al 46′ che segna ma in posizione di fuorigioco poi con Costa in pieno recupero ma la palla esce di un soffio.

Ancora una volta l’Inter rischia la beffa nei secondi conclusivi, segnali evidenti che qualcosa andrà cambiato. Mancini deve approfittare della presenza di Thohir per ridisegnare la sua squadra e chiedere con fermezza almeno due giocatori capaci di fare la differenza.

Qualcuno potrebbe andare via: proprio stasera Handanovic apre ad un possibile addio: “Non giocare la Champions peserà come ogni anno, a me pesa tanto. Non so ancora se inciderà sulle mie scelte, nel calcio non si può mai sapere”.

“Se qualcuno vuole andar via lo accontenteremo” risponde Mancini.

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora