L’Inter blinda il quarto posto, Empoli ko

Pubblicato il 08 maggio 2016 da redazione

Inter Milan's forward Mauro Emanuel Icardi (C) scores the 1-0 lead during the Serie A soccer match between Inter Milan and Empoli at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 7 May 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

Inter Milan’s forward Mauro Emanuel Icardi (C) scores the 1-0 lead during the Serie A soccer match between Inter Milan and Empoli at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 7 May 2016. Ansa/ Daniel Dal Zennaro

MILANO. – L’Inter saluta San Siro con una vittoria piccola piccola contro l’ottimo Empoli di Marco Giampaolo. Finisce 2-1 (gol di Icardi, Pucciarelli e Perisic) ma non c’è alcuna svolta rispetto alla partita contro la Lazio. Molte distrazioni, più di un vuoto, errori e disattenzioni per l’Inter che, dopo un primo tempo che lasciava ben sperare, soffre fino all’ultimo secondo.

La mente forse è già in vacanza, una sensazione colta dal presidente Erick Thohir in tribuna con un’aria piuttosto imbronciata. Saranno i tanti pensieri rivolti a sbrogliare la situazione societaria, dopo la cena con Moratti e l’enigma del Suning di cui si sono perse le tracce dopo un incoraggiante comunicato. I cinesi avevano annunciato di voler investire nell’Inter ma tempi e modi restano un mistero e forse qualcosa non sta andando per il verso giusto.

Un pomeriggio non indimenticabile a San Siro, anche se il quarto posto è assicurato, restano i dubbi e qualche rimpianto. Segna e si fa male Mauro Icardi: per lui distrazione muscolare ai flessori della coscia destra. Salterà l’ultima partita di campionato al Mapei Stadium contro il Sassuolo. Non ci sarà neppure Perisic, autore del raddoppio, che si fa ammonire da diffidato per aver calciato il pallone a gioco fermo. Vacanze anticipate anche per Handanovic che rimedia un giallo e sarà squalificato.

L’Inter inizia bene con due traversoni rasoterra al 2′ e al 7′, interessanti ma non concretizzati. Poco dopo tenta il tiro Jovetic, murato. Il gol è nell’aria e arriva al 12′: Perisic intercetta palla a metà campo, avanza e serve Icardi che di sinistro batte Pelagotti.

L’attacco dialoga bene ma anche questa volta spreca troppo. Al 15′ azione corale in ripartenza: Brozovic serve Jovetic, passaggio a Perisic e tiro respinto. L’Empoli non demorde, affronta i padroni di casa a viso aperto e complici gli errori di Melo e Kondogbia, spaventa San Siro.

Ci pensa Pucciarelli a riequilibrare il risultato: assist di Maccarone, errore di Juan Jesus e 1-1. Mancini si infuria, il difensore risponde, nasce un battibecco subito ridimensionato dal tecnico in conferenza. Soliti errori di un’Inter poco affidabile in difesa che punta tutto sulle ripartenze.

Ed è proprio da un ribaltamento di fronte che nasce il 2-1 di Perisic. Jovetic tira, Pelagotti respinge e tap-in vincente del croato. Poco prima dello scadere Icardi ha sui piedi la palla del definitivo ko ma calcia altissimo.

Nella ripresa l’Inter non riesce a tenere il ritmo della partita. E’ svogliata, involuta. Il baricentro è basso e i cambi di Mancini, alcuni forzati come Biabiany per Icardi infortunato, non sortiscono effetti. La manovra è lenta. Nessun guizzo.

L’Empoli cresce, va all’arrembaggio nel finale e più volte va vicino al pari: prima con Pucciarelli al 46′ che segna ma in posizione di fuorigioco poi con Costa in pieno recupero ma la palla esce di un soffio.

Ancora una volta l’Inter rischia la beffa nei secondi conclusivi, segnali evidenti che qualcosa andrà cambiato. Mancini deve approfittare della presenza di Thohir per ridisegnare la sua squadra e chiedere con fermezza almeno due giocatori capaci di fare la differenza.

Qualcuno potrebbe andare via: proprio stasera Handanovic apre ad un possibile addio: “Non giocare la Champions peserà come ogni anno, a me pesa tanto. Non so ancora se inciderà sulle mie scelte, nel calcio non si può mai sapere”.

“Se qualcuno vuole andar via lo accontenteremo” risponde Mancini.

Ultima ora

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

21:54Calcio: Inter-Bologna, Gabigol esordio da titolare

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Gabigol per la prima volta titolare contro il Bologna in Coppa Italia. Il giovane attaccante brasiliano partirà dal primo minuto, al fianco di Joao Mario e Eder, con Palacio unica punta. Una chance importante per Barbosa che finora e' stato utilizzato solo nei minuti finali di tre partite di campionato. Una gestione che ha sollevato molte polemiche, soprattutto da parte dell'agente che aveva anche ipotizzato il trasferimento in prestito del giocatore. Gabigol, costato quasi 30 milioni di euro, questa sera negli ottavi di Coppa Italia avrà quindi la possibilità di dimostrare il suo valore. Torna anche Medel, che formera' la coppia di centrali con Murillo. Terzini D'Ambrosio e Ansaldi, mentre a centrocampo confermati Gagliardini e Kondogbia. In porta c'e' Carrizo al posto di Handanovic.

Archivio Ultima ora