Liste comunali: a un mese dal voto, le grandi città in bilico

Pubblicato il 08 maggio 2016 da redazione

voto

ROMA. – Ora si entra nel vivo: chiuse e depositate le liste per le comunali, scende in campo la schiera di migliaia aspiranti consiglieri, al fianco degli sfidanti alla poltrona di sindaco. Peseranno anche loro su una partita quanto mai incerta, tutta da scrivere nelle grandi città al voto.

In palio 1.368 municipi, 25 capoluogo. E, su tutti, Roma e Milano, Napoli, Torino, Bologna, Cagliari, Trieste. Ogni Comune fa storia a sé, non si stanca di ripetere Matteo Renzi: il voto è sulle amministrazioni, non sul governo. Ma gli avversari annunciano una campagna elettorale senza esclusione di colpi. Con i temi della giustizia, per ora, a farla da padrone.

Alle 12 di ieri è scaduto il termine di presentazione delle liste, a un mese dal primo turno del 5 giugno. Ma due città non al voto diventano l’epicentro dello scontro politico. Perché mentre a Lodi il M5s scende in piazza per chiedere le dimissioni del sindaco Pd arrestato, Simone Uggetti, da Livorno giunge la notizia che il sindaco 5 Stelle Filippo Nogarin è indagato, dà la disponibilità a dimettersi ma per ora non lascia.

E se Beppe Grillo da un lato incalza con l’hashtag #IoVotoOnesto, il Pd ha buon gioco a replicare #DoppiaMoraleM5s. E rilancia sul tema della competenza: “Quarto, Livorno, Civitavecchia, Bagheria… Nei piccoli comuni il M5s fallisce, come pensa di governare le grandi città? #Malgovernoa5Stelle”, domanda Stefano Esposito.

“Abbiamo bisogno di sindaci che sappiano tradurre in concreto” le riforme del governo “e sappiano spendere i soldi con onestà e trasparenza”, sottolinea il ministro Maria Elena Boschi, che non manca di attaccare “parte della sinistra” che al referendum “voterà come Casa Pound”.

Ma è tutta in salita la partita del Pd. “C’è da correre”, dice un dirigente Dem. E ci si aspetta che lunedì, nella direzione del partito, Renzi inviti tutti a lavorare ventre a terra, senza lasciarsi condizionare dai sondaggi. Anche perché, è il ragionamento, quelli fatti prima della presentazione delle liste scattano una fotografia imprecisa.

La riunione di lunedì sarà anche occasione per ribadire la linea sulla giustizia e aprirà una settimana decisiva per definire la strategia sul referendum costituzionale di ottobre (una riunione organizzativa è in programma l’11 e il 15 il via ai comitati per il sì).

Sul referendum il governo si mette in gioco: è questo il messaggio del premier agli avversari ma anche a chi, come la sinistra Dem, potrebbe far pesare un risultato negativo alle comunali. Milano, in questo senso, è la sfida cui si guarda con più attenzione. Perché i sondaggi danno appaiati il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala e quello del centrodestra Stefano Parisi.

“Li asfalteremo sulla concretezza”, ostenta tranquillità Sala al lancio del suo programma. Ma il centrodestra (qui unito) è pronto a brandire contro il governo un’eventuale sconfitta dell’uomo di Expo che arriva tra l’altro dopo l’amministrazione Pisapia.

A Torino Piero Fassino (Pd) corre per la riconferma contro Chiara Appendino (M5s), Osvaldo Napoli (FI), Alberto Morano (Lega e Fdi), Giorgio Airaudo (SI). Mentre a Napoli l’uomo da battere è Luigi De Magistris, sindaco uscente che si presenta con ben 14 liste, contro le 13 di Gianni Lettieri e le 10 di Valeria Valente.

Ma è ancora polemica nel Pd, sia per la scelta di Valente di farsi appoggiare da Ala, sia per quella di candidare uno degli esponenti ripresi a distribuire euro fuori ai seggi delle primarie: “Una vergogna”, dice Antonio Bassolino; “I rancori alimentano l’astensionismo”, replica Valente.

Roma, infine. Epicentro delle fibrillazioni nel centrodestra, che corre con i due candidati Giorgia Meloni (Fdi, Lega) e Alfio Marchini (FI, Ap, La Destra). Martedì arriverà Silvio Berlusconi ad accendere la campagna elettorale, anche se dentro FI c’è chi invita a guardare ai tentativi di dialogo dove ci si presenta uniti, come a Milano o in Liguria, anche in vista di una sfida unitaria per il referendum.

Con Meloni e Marchini, il Dem Roberto Giachetti si giocherà il ballottaggio, dietro la favorita (secondo i sondaggi) Virginia Raggi (M5s). Ma è già pronto a giocare su “incertezza e impreparazione” grilline o “onestà e competenza” Dem.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:26Francia: tenta di dare schiaffo a Valls, fermato

(ANSA) - PARIGI, 17 GEN - Un uomo ha cercato di dare uno schiaffo Manuel Valls a Lambelle, in Bretagna, nel nord-ovest della Francia. L'ex primo ministro, impegnato nella campagna per le primarie della sinistra insieme con il ministro della Difesa Jean-Yves Drian, era uscito dagli uffici del Comune e stava salutando alcuni simpatizzanti, quando un uomo di circa 20 anni, secondo la tv Bfm, ha tentato di schiaffeggiarlo. L'uomo è stato fermato dal servizio d'ordine e Valls, che al suo arrivo era stato contestato, ha continuato la sua visita senza difficoltà. Valls non è nuovo a questo tipo di attacchi: a dicembre a Strasburgo un uomo gli ha gettato un sacco di farina sulla testa.

19:23Bimbi per confezionare droga e spacciare,42 arresti a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni usati per confezionare droga e per spacciare; tassisti che acquistavano cocaina, marijuana e hashish da rivendere ai clienti; stese e i boss che mangiavano, senza pagare, in un noto ristorante della città il cui titolare pagava il pizzo. É quanto emerso dalle indagini che hanno portato i carabinieri di Napoli ad arrestare 42 persone, tra cui 17 donne, ritenute affiliate al clan Elia, attivo nel cuore della città, tra il "Pallonetto di Santa Lucia", piazza del Plebiscito e via Partenope. Una microcamera ha anche filmato una "stesa", lo scorso 3 luglio, dove sei giovani in sella a tre scooter, nel dedalo di vicoli del Pallonetto, hanno sparato colpi di pistola in aria a scopo intimidatorio. Il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo, in conferenza stampa, ha sottolineato che quei bimbi "vivono in un ambiente in cui il crimine è normalità". "É chiaro - ha aggiunto - che riterranno normale l'attività illecita. Un circolo vizioso da spezzare", ha concluso Colangelo.

19:21Meningite: morta a 5 anni, otto i medici indagati

(ANSA) - BRESCIA, 17 GEN - Salgono a otto i medici degli Spedali civili di Brescia indagati dalla Procura di Brescia per la morte di Malika, la bambina di 5 anni stroncata una settimana fa dalla meningite. Al medico del Pronto Soccorso che la sera del 7 gennaio firmò le dimissioni della bambina prescrivendo antibiotici, sono stati aggiunti i colleghi del reparto di anestesia e rianimazione pediatrica che hanno tenuto in cura la bambina di origini pakistane fino al giorno del decesso.

19:15Giochi: Fava, 49 clan mafiosi li controllano

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "L'azzardo è terreno fertile per le mafie, che riciclano nel gioco d'azzardo con grande fantasia criminale. Un dossier di Libera parla di 49 clan che controllano metodicamente il traffico del gioco lecito e illecito".Lo ha detto il deputato di Sinistra Italiana Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia, nel dare il voto favorevole del gruppo alla Relazione sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito ed illecito. "Il nostro sistema è complessivamente adeguato - ha detto Fava - ma servono alcuni correttivi: abbiamo bisogno di requisiti più efficaci per la concessione delle licenze sul gioco pubblico e occorre adeguare le sanzioni penali per mettere in condizione magistrati e polizia ad avere tempi di prescrizione più lunghi".

19:14Polizia Israele convoca Yair Netanyahu, figlio del premier

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 GEN - Il figlio del premier israeliano, Yair Netanyahu, è stato convocato dalla polizia (come testimone) nel contesto di indagini nei confronti del padre su benefici ricevuti dalla sua famiglia da importanti uomini d'affari israeliani e stranieri. Lo ha riferito la televisione commerciale canale 10. In parallelo le indagini su un'altra inchiesta - quella sulla concorrenza fra i tabloid Yediot Ahronot e Israel ha-Yom - e' proseguita con interrogatori separati da parte della polizia degli editori di entrambi i giornali. Netanyahu - secondo la stampa - e' sospettato di aver discusso un ipotetico accordo (poi non realizzato) in base al quale avrebbe accettato la riduzione della tiratura di Israel ha-Yom (a lui favorevole) in cambio di una moderazione delle critiche espresse da Yediot Ahronot nei suoi confronti. Netanyahu si dice certo che uscira' indenne da entrambe le indagini.

19:13Trump: inaugurazione sarà la più breve e la più costosa

(ANSA) - WASHINGTON, 17 GEN - La cerimonia di insediamento di Donald Trump potrebbe essere la più breve e la piu' costosa nella storia. La parata, secondo alcune fonti, dovrebbe durare solo 90 minuti, mentre con altri presidenti ha superato le quattro ore. Trump inoltre si farà vedere solo a tre balli nel giorno del giuramento, Bill Clinton a 14. I costi, secondo calcoli dei media, potrebbero raggiungere i 200 milioni di dollari, a carico dei contribuenti e dei donatori privati, dai quali sono arrivati oltre 90 milioni di dollari: una cifra record, quasi doppia rispetto a quella raccolta da Obama per il suo primo insediamento. La spesa più alta sarà per la sicurezza, garantita da circa 28 mila agenti: 100 milioni di dollari a carico del governo federale. Anche per i bagarini si prospettano tempi duri. Yossi Rosenberg, 36enne di New York, ha acquistato due biglietti per la cerimonia a 700 dollari, convinto che li avrebbe piazzati almeno al doppio. Invece al massimo qualcuno gli ha offerto 200 dollari per la coppia.

19:05Migranti: 2.397 sbarcati nel 2017,il doppio rispetto al 2016

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Sono già 2.397 i migranti sbarcati sulle coste italiane in questo inizio di 2017, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2016, quando gli arrivi sono stati 1.073. Lo rilevano i dati del Viminale. Lo scorso anno, con 181.436 stranieri giunti via mare, si è registrato il record di sbarchi. Guinea (372 persone), Costa d'Avorio (360), Nigeria (239), Senegal (173) e Mali (136) sono i principali Paesi di provenienza degli immigrati arrivati quest'anno. (ANSA).

Archivio Ultima ora