Liste comunali: a un mese dal voto, le grandi città in bilico

Pubblicato il 08 maggio 2016 da redazione

voto

ROMA. – Ora si entra nel vivo: chiuse e depositate le liste per le comunali, scende in campo la schiera di migliaia aspiranti consiglieri, al fianco degli sfidanti alla poltrona di sindaco. Peseranno anche loro su una partita quanto mai incerta, tutta da scrivere nelle grandi città al voto.

In palio 1.368 municipi, 25 capoluogo. E, su tutti, Roma e Milano, Napoli, Torino, Bologna, Cagliari, Trieste. Ogni Comune fa storia a sé, non si stanca di ripetere Matteo Renzi: il voto è sulle amministrazioni, non sul governo. Ma gli avversari annunciano una campagna elettorale senza esclusione di colpi. Con i temi della giustizia, per ora, a farla da padrone.

Alle 12 di ieri è scaduto il termine di presentazione delle liste, a un mese dal primo turno del 5 giugno. Ma due città non al voto diventano l’epicentro dello scontro politico. Perché mentre a Lodi il M5s scende in piazza per chiedere le dimissioni del sindaco Pd arrestato, Simone Uggetti, da Livorno giunge la notizia che il sindaco 5 Stelle Filippo Nogarin è indagato, dà la disponibilità a dimettersi ma per ora non lascia.

E se Beppe Grillo da un lato incalza con l’hashtag #IoVotoOnesto, il Pd ha buon gioco a replicare #DoppiaMoraleM5s. E rilancia sul tema della competenza: “Quarto, Livorno, Civitavecchia, Bagheria… Nei piccoli comuni il M5s fallisce, come pensa di governare le grandi città? #Malgovernoa5Stelle”, domanda Stefano Esposito.

“Abbiamo bisogno di sindaci che sappiano tradurre in concreto” le riforme del governo “e sappiano spendere i soldi con onestà e trasparenza”, sottolinea il ministro Maria Elena Boschi, che non manca di attaccare “parte della sinistra” che al referendum “voterà come Casa Pound”.

Ma è tutta in salita la partita del Pd. “C’è da correre”, dice un dirigente Dem. E ci si aspetta che lunedì, nella direzione del partito, Renzi inviti tutti a lavorare ventre a terra, senza lasciarsi condizionare dai sondaggi. Anche perché, è il ragionamento, quelli fatti prima della presentazione delle liste scattano una fotografia imprecisa.

La riunione di lunedì sarà anche occasione per ribadire la linea sulla giustizia e aprirà una settimana decisiva per definire la strategia sul referendum costituzionale di ottobre (una riunione organizzativa è in programma l’11 e il 15 il via ai comitati per il sì).

Sul referendum il governo si mette in gioco: è questo il messaggio del premier agli avversari ma anche a chi, come la sinistra Dem, potrebbe far pesare un risultato negativo alle comunali. Milano, in questo senso, è la sfida cui si guarda con più attenzione. Perché i sondaggi danno appaiati il candidato del centrosinistra Giuseppe Sala e quello del centrodestra Stefano Parisi.

“Li asfalteremo sulla concretezza”, ostenta tranquillità Sala al lancio del suo programma. Ma il centrodestra (qui unito) è pronto a brandire contro il governo un’eventuale sconfitta dell’uomo di Expo che arriva tra l’altro dopo l’amministrazione Pisapia.

A Torino Piero Fassino (Pd) corre per la riconferma contro Chiara Appendino (M5s), Osvaldo Napoli (FI), Alberto Morano (Lega e Fdi), Giorgio Airaudo (SI). Mentre a Napoli l’uomo da battere è Luigi De Magistris, sindaco uscente che si presenta con ben 14 liste, contro le 13 di Gianni Lettieri e le 10 di Valeria Valente.

Ma è ancora polemica nel Pd, sia per la scelta di Valente di farsi appoggiare da Ala, sia per quella di candidare uno degli esponenti ripresi a distribuire euro fuori ai seggi delle primarie: “Una vergogna”, dice Antonio Bassolino; “I rancori alimentano l’astensionismo”, replica Valente.

Roma, infine. Epicentro delle fibrillazioni nel centrodestra, che corre con i due candidati Giorgia Meloni (Fdi, Lega) e Alfio Marchini (FI, Ap, La Destra). Martedì arriverà Silvio Berlusconi ad accendere la campagna elettorale, anche se dentro FI c’è chi invita a guardare ai tentativi di dialogo dove ci si presenta uniti, come a Milano o in Liguria, anche in vista di una sfida unitaria per il referendum.

Con Meloni e Marchini, il Dem Roberto Giachetti si giocherà il ballottaggio, dietro la favorita (secondo i sondaggi) Virginia Raggi (M5s). Ma è già pronto a giocare su “incertezza e impreparazione” grilline o “onestà e competenza” Dem.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:40Maria: autorità Porto Rico, almeno sei morti

(ANSA) - SAN JUAN (PORTO RICO), 22 SET - Le autorità di Porto Rico hanno reso noto che almeno 6 persone sono morte a seguito del passaggio dell'uragano Maria. Il responsabile del dipartimento di pubblica sicurezza di Porto Rico, Héctor M. Pesquera, ha precisato che le autorità sono al corrente di "altre possibili vittime", ma non sono in grado di confermale. Le sei persone sono morte in tre municipalità, a Utuado, Toa Baja e Bayamón.

17:35Catalogna: procura denuncia dimostranti per ‘sedizione’

(ANSA) - BARCELLONA, 22 SET - La procura dello Stato spagnolo ha denunciato per presunta "sedizione" i manifestanti, fino a 40mila, che mercoledì sera si sono concentrati davanti alla sede del ministero dell'economia di Barcellona per protestare contro il blitz della Guardia Civil e l'arresto di 14 dirigenti dell'amministrazione. Intanto un tribunale di Barcellona ha ordinato oggi la rimessa in libertà provvisoria degli ultimi sei dei 14 dirigenti dell'amministrazione catalana arrestati nel blitz di mercoledì ancora detenuti. Fra di loro il braccio destro del vicepresidente Oriol Junqueras, Josep José. Tutti hanno rifiutati di rispondere alle domande del giudice che aveva ordinato la loro detenzione. Sono stati dichiarati indagati per disobbedienza, abuso di potere e presunta malversazione, per l'organizzazione del referendum del 1 ottobre.

17:32Massa, indagati sacerdote e il vescovo Santucci

(ANSA) - MASSA, 22 SET - Il sacerdote don Luca Morini e il vescovo della diocesi di Massa monsignor Giovanni Santucci sono indagati in un'inchiesta sull'impiego da parte del sacerdote delle offerte dei fedeli: il sospetto è che le abbia usate per spese personali 'particolari'. L'indagine della procura, partita nel febbraio 2016 e chiusa ora, nasce dopo che un escort napoletano aveva raccontato di una relazione col prete. "Acquisizione illecita di ingenti somme di denaro come ministro del culto", è la contestazione. Don Morini è accusato dai fedeli di aver usato offerte e donazioni a scopi personali. Il vescovo è indagato per impiego indebito di denaro e tentata truffa per due episodi, un prelievo di 1.000 euro dal fondo della Fondazione Pie Legati per consegnarli a don Morini senza motivare perché e per aver fatto pressione sulla Cattolica Assicurazione per aumentare il punteggio di invalidità di don Morini. L'avvocato difensore del vescovo parla di "grande equivoco".

17:31May, periodo di transizione è interesse comune

(ANSA) - LONDRA, 22 SET - Un accordo di transizione "è nell'interesse" sia dell'Ue sia del Regno Unito dopo la Brexit. Lo ha detto Theresa May a Firenze, formalizzando la proposta di una fase "di attuazione" durante la quale Londra punta a restare nel mercato unico, offrendo in cambio il mantenimento dei suoi impegni finanziari verso Bruxelles. Tale periodo, secondo i media, dovrà essere di due anni e prevedere un versamento di circa 20 miliardi di euro al bilancio comunitario. Nella fase di transizione di due anni auspicata da Theresa May per il dopo Brexit, fino al 2021, in Gran Bretagna resterà in vigore una serie di norme Ue e la giurisdizione delle corti europee, ma il Regno si riserva di riacquisire piena sovranità sul "controllo dei suoi confini".

17:31Calcio: Juventus, bilancio record con ricavi a 562 milioni

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Numeri da record per il bilancio della Juventus, approvato oggi dal consiglio di amministrazione. L'utile dell'esercizio è pari a 42,6 milioni di euro (contro i 4,1 dell'anno precedente), i ricavi ammontano a 562,7 milioni, a fronte dei 387,9 al 30 giugno 2016. I dati dovranno essere approvati dall'assemblea degli azionisti, convocata per il 24 ottobre.

17:29Assenteismo: sindaco Assisi, niente sconti

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 22 SET - "Niente sconti a chi non rispetta la legge e il pubblico impiego": il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, commenta così il licenziamento senza preavviso di una dipendente del Comune che attestava falsamente la sua presenza in servizio. Lo fa rispondendo all'ANSA. "Ci siamo mantenuti coerenti - ha sottolineato - con le nostre affermazioni. Chi non rispetta la legge e il pubblico impiego provoca un danno a tutta la collettività, oltre che d'immagine all'ente e alle persone oneste che lavorano per esso. Dipendenti - conclude Proietti - che abbiamo il dovere di difendere".(ANSA).

17:23Papa visita a sorpresa il centro di riabilitazione S.Lucia

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Oggi il Papa è uscito dal Vaticano per una visita a sorpresa alla Fondazione Santa Lucia, in Via Ardeatina, un centro di eccellenza molto conosciuto a Roma, specializzato nella neuro-riabilitazione di pazienti con deficit di movimento e cognitivi, dove vengono trattate patologie derivanti da ictus, lesioni midollari, Parkinson e sclerosi multipla. Papa Francesco accompagnato da Presidente dell' Associazione, Maria Adriana Amadio, e dal Direttore Generale, Edoardo Alesse, ha visitato il reparto di riabilitazione dei bambini affetti da patologie neurologiche. Si è fermato ed ha scherzato con loro; ha scambiato poi alcune parole di conforto con i genitori. Il Papa ha assistito con grande attenzione agli esercizi che consentono ai bambini di acquisire o recuperare la stabilità motoria. In seguito ha visitato il reparto dei pazienti tra i 15 e 25 anni tetraplegici e paraplegici, alcuni dei quali a seguito di incidenti stradali, e la palestra dove le persone anziane svolgono attività per la riabilitazione motoria.

Archivio Ultima ora