Crimini atroci dell’Isis. L’Onu trova 50 fosse comuni

Pubblicato il 08 maggio 2016 da redazione

iraq

BEIRUT. – Crimini atroci sono stati compiuti dall’Isis in Iraq, secondo l’inviato dell’Onu Jan Kubis che al Palazzo di Vetro ha annunciato il ritrovamento finora di oltre 50 fosse comuni nelle zone riconquistate ai jihadisti dalle forze irachene. In una delle fosse, a Ramadi, c’erano almeno 40 corpi, ha affermato Kubis. Resti umani sono stati trovati anche a Sinjar, Anbar e Tikrit e tra le vittime si contano molte donne.

Secondo Kubis, nonostante “i progressi costanti e notevoli” contro l’Isis, “il gruppo rimane ancora un nemico forte che modifica costantemente le tattiche e gli attacchi”. “Condanno nei termini più forti possibili le continue uccisioni, i rapimenti, gli stupri e le torture compiuti dall’Isis, che possono configurarsi come crimini contro l’umanità, crimini di guerra e anche genocidio”, ha detto l’inviato dell’Onu.

Intanto in Siria la fragile tregua nella regione di Aleppo, negoziata da Russia e Stati Uniti, è stata prorogata di altre 48 ore dopo che un accordo era stato trovato mercoledì in seguito a due settimane di sanguinosi bombardamenti aerei governativi su obiettivi civili e rappresaglie con colpi di artiglieria pesante altrettanto sanguinosi da parte di insorti o jihadisti su altre aree civili.

Ad Aleppo città i miliziani dell’Isis non sembrano esserci ma quasi 300 civili in circa 14 giorni sono stati uccisi, la maggior parte nei raid aerei governativi. “La tregua è stata prorogata per evitare che la situazione possa peggiorare”, si legge in una nota del ministero della Difesa russo citato dal sito Internet della Bbc.

E domani si svolgerà a Parigi la riunione dei dieci “Paesi amici della Siria”, una piattaforma guidata dagli Stati Uniti e di cui fanno parte anche l’Italia, la Turchia e l’Arabia Saudita. L’obiettivo della riunione è quello di mantenere il sostegno alle opposizioni in esilio e di coordinare le pressioni perché il governo di Damasco e i suoi alleati russo e iraniano rispettino la cessazione temporanea delle ostilità.

Anche se per il regime siriano e per i suoi alleati il gruppo “Paesi amici della Siria”, soprattutto proprio per la presenza di Riad e Ankara, è un’alleanza che “sostiene il terrorismo” e che mira alla “distruzione della Siria”.

Intanto sul terreno, si sono registrati intensi scontri armati nella Siria centrale tra i miliziani dell’Isis e le forze governative siriane per il controllo di un giacimento di gas e petrolio vicino a Palmira. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, i jihadisti attaccano le posizioni lealiste nei pressi del campo petrolifero e di gas di Muhr, a nord-ovest di Palmira e a est di Homs.

Giovedì l’Isis nella stessa zona si era impadronito del giacimento di gas di Shaer, già più volte passato di mano. Nella Siria centrale si registra l’impiego di un alto numero di combattenti sciiti iracheni e libanesi filo-iraniani. E di soldati iraniani che combattono a fianco delle forze governative siriane.

Dall’Iran arriva la notizia che 13 militari della Repubblica islamica sono stati uccisi di recente in un singolo scontro in Siria. Si stima che circa 150 mila iraniani combattano attualmente nel Paese e che un migliaio siano caduti in battaglia.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

07:29Ucraina:ancora scontri polizia-dimostranti vicino Parlamento

MOSCA - Ancora scontri tra la polizia e i manifestanti accampati con le loro tende davanti al Parlamento ucraino. Ieri sera - stando a quanto riporta il Kyiv Post - si sono verificati nuovi scontri e la polizia ha bloccato momentaneamente l'accesso alla zona dove sorgono le tende. In una seconda ondata di tafferugli, gli agenti hanno fermato 11 persone per essersi rifiutate di restituire alla polizia una trentina di scudi antisommossa di cui si erano impossessate durante gli scontri del 17 ottobre.

07:04Filippine:ancora scontri a Marawi, leader Isis tra 13 uccisi

MARAWI (FILIPPINE) - Un leader malese dell'Isis e' probabilmente tra i 13 combattenti dello Stato islamico uccisi durante la notte in scontri a Marawi, citta' nel sud delle Filippine che solo due giorni fa e' stata liberata dai militanti islamici legati all'Isis che vi erano asserragliati da quasi cinque mesi, secondo quanto annunciato dal presidente filippino Rodrigo Duterte. Il generale Restituto Padilla ha detto che si attende il recupero del corpo per la conferma. Ha aggiunto che due ostaggi, una madre e la sua giovane figlia sono state liberate dopo il blitz.

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

Archivio Ultima ora