Fundación B.O.D. entregó kits “Bebé Prematuro” en Maternidad Concepción Palacios

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

bod

La Fundación B.O.D. donó 126 kits para atender a bebés prematuros que son atendidos a diario en la capitalina Maternidad Concepción Palacios. Se trata de la primera entrega de un total de 1.468 kits previstos para este año.

“B.O.D. quiere apoyar a la Maternidad Concepción Palacios en todo lo que necesite de ahora en adelante”, se comprometió Víctor Vargas Irausquín, Presidente de Fundación B.O.D., acompañado de la Presidenta Ejecutiva de Fundación B.O.D., María Beatriz Hernández de Vargas, y los directivos de la institución Fernando Chumaceiro y Milagro González.

“Tener un bebé prematuro es una gran experiencia porque descubres que, más allá de la tecnología y los cuidados médicos, el factor fundamental para que un niño crezca sano es el amor y el calor que recibe. Por eso, decidimos promover en la Maternidad Concepción Palacios el método Madre Canguro, un procedimiento avalado por la UNICEF y la Organización Mundial de la Salud”, señaló María Beatriz Hernández de Vargas durante el acto de entrega de los kits.

El kit “Bebé Prematuro” está compuesto por fajas especiales para cargar a los bebés, así como ropa a la medida para facilitar que los recién nacidos tengan contacto con las personas que los cargan.

La Presidenta Ejecutiva de la Fundación B.O.D. explicó que el método Madre Canguro consiste en colocar al bebé piel a piel, en el pecho de su mamá o de la persona que lo cuida, preferiblemente desde su nacimiento. De esta manera se promueve la lactancia materna y la salida temprana del hospital.

“Estoy muy agradecida por la labor que hacen con las madres de niños prematuros. Fuimos ‘padres canguros’ y dedicamos esta donación a nuestra hija y a los miles de niños prematuros que luchan por sus vidas en todo el mundo”, añadió.

A su vez, el Presidente de la Fundación B.O.D., Víctor Vargas Irausquín, comentó que “como padres vimos los resultados de este método y nos satisface poder no sólo promoverlo, sino brindar a este grupo de madres la posibilidad de ponerlo en práctica”.

Subrayó el interés del banco en apoyar a la Maternidad Concepción Palacios en todos sus proyectos. “Todos los seres humanos debemos estar comprometidos con ayudar a los demás. Damos gracias a Dios por darnos la oportunidad de ayudar, sobre todo en este país que tanto lo necesita. Vamos a unir la capacidad de la maternidad con nuestros recursos para lograr grandes avances que beneficien a muchas madres y a sus hijos”, enfatizó.

José Luis Odremán, director de la Maternidad Concepción Palacios, reconoció que el aporte de la empresa privada es fundamental en este momento. “Cada mes tenemos un 20% de nacimientos prematuros y este programa será de gran ayuda para las madres y los niños. Se siente muy bien saber que hay instituciones como el B.O.D. que está remando con nosotros hacia el mismo rumbo”.

Un método en expansión

El método Madre Canguro, creado en Colombia por el médico Edgar Ruiz Sanabria en 1979, es eficaz para salvar las vidas de los bebés prematuros y cuenta con el aval de Unicef (Fondo de las Naciones Unidad para la Infancia).

La pediatra francesa Nathalie Charpak, junto con un equipo interdisciplinario, se encarga de promover la aplicación de este método natural en todo el mundo. Países como Suecia, Estados Unidos, Holanda e Italia ya han implementado de manera eficiente, y con un éxito notable, el Programa Madre Canguro.

La Fundación B.O.D. apoya e impulsa causas educativas, culturales, económicas y en materia de salud, entre muchas otras, en alianza con organizaciones públicas y privadas.

B.O.D.

B.O.D Banco Universal, C.A. comenzó sus operaciones en octubre de 1956 con el nombre de Banco Occidental de Descuento con el propósito de impulsar los sectores comercial, industrial, agropecuario y petrolero en la zona occidental del país. En la actualidad, luego de un proceso de adquisiciones y fusiones, es una institución financiera de carácter nacional, ubicándose en cuarto lugar de la banca privada en Venezuela.

En sus 332 centros de negocios a nivel nacional y con el apoyo de la familia B.O.D. conformada por más de 7 mil trabajadores, se cumple a diario Su Misión: ofrecer servicios y productos financieros con el mayor valor agregado para sus clientes y Su Visión: ser líder del sistema financiero nacional gracias a su rentabilidad, participación y calidad de servicio.

Ultima ora

20:42Usa: maltempo e tornado, in Georgia 11 morti e 23 feriti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Il maltempo si abbatte sulla Georgia e fa almeno 11 morti e 23 feriti. Il bilancio e' ancora provvisorio, con i mezzi di soccorso ancora impegnati a far fronte all'emergenza tornado nell'area.

20:31Terremoto: turbine da Fiumicino liberano frazioni isolate

(ANSA) - FIUMICINO, 22 GEN - Liberate, nelle ultime ore, dai blocchi di neve diverse frazioni isolate di Amatrice, tra i 1300 e 1450 metri di quota. Sono gli ultimi interventi delle squadre della Protezione civile-Associazione Nuovo Domani di Fiumicino e del personale specializzato di Aeroporti di Roma, 11 persone in totale, che da 4 giorni sono in azione tra Accumoli, Torrita, Amatrice e Ussita. Le squadre, in 4 giorni, hanno già rimosso la neve su 340 chilometri di strade, in luoghi con casali e fattorie isolate, e liberato anche mezzi sepolti dalla neve. Gli ultimi interventi hanno riguardato, nel comune di Amatrice, le frazioni di Domo, Poggio Vitellino, Rocca Salli, Villanova, Scandarello, Colle Moresco, oltre alla provinciale 18 di Accumoli. I lavori sono stati svolti attraverso l'impiego di 3 speciali turbine messe a disposizione dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. I macchinari consentono di rimuovere dalle strade e in prossimità delle abitazioni blocchi di neve ghiacciata particolarmente duri e di grossi dimensioni.

20:14Georgiano ucciso nel Barese, forse con colpo pistola

(ANSA) - BARI, 22 GEN - Un georgiano di 45 anni è stato assassinato, forse con un colpo di pistola alla schiena: il cadavere è stato trovato stamani su una panchina di piazza Simon Bolivar, a Corato, nel Barese. In un primo momento si era pensato ad un malore, ma l'ispezione cadaverica esterna ha evidenziato una ferita alla schiena, verosimilmente prodotta da una pistola di piccolo calibro. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza. Dalle informazioni raccolte dalla Squadra Mobile, l'uomo - ha riferito la moglie - ieri sera ha partecipato a una festa tra connazionali. L'ipotesi più plausibile è che possa esserci stato un diverbio durante la serata o immediatamente dopo. Sul luogo in cui è stato trovato il cadavere la polizia non ha trovato né tracce di sangue né bossoli. E' probabile, quindi, che l'uomo sia stato ferito altrove e che sia stato portato in piazza, oppure che l'abbia raggiunta a piedi morendo poco dopo. Alcuni testimoni vengono ascoltati in questura. (ANSA).

20:12Rigopiano: individuata in hotel sesta vittima

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 22 GEN - I vigili del fuoco hanno individuato il corpo di una vittima all'interno dell'Hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo ed è la sesta vittima ufficiale, finora, della slavina che ha investito l'albergo.

20:08Calcio: Empoli, Martusciello “ancora non parliamo salvezza”

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 22 GEN - "Ancora la strada è lunga, la possibilità di perdere punti è ancora concreta. Stiamo facendo passi importanti, ma è presto". Il tecnico dell'Empoli, Giovanni Martusciello, è forse troppo prudente, ma è chiaro che per la matematica il +11 sulla terz'ultima non è ancora sufficiente. Il successo contro l'Udinese è comunque importantissimo: "Fino al 35' eravamo sullo 0-0 e rischiavamo pur sempre di perdere. Accolgo questi tre punti con grande soddisfazione perché non eravamo al meglio e perché ho dovuto scegliere una situazione tattica, senza Saponara, mai vista. Pucciarelli mi è piaciuto. Meno Mchedlidze, ma ha segnato e questo è importante. Un grande gol il suo".

19:58Maltempo: ancora rischio valanga a Lama dei Peligni

(ANSA) - LAMA DEI PELIGNI (CHIETI), 22 GEN - "Non ritengo si possa rientrare nelle case, almeno finché non avrò dati analitici dai tecnici che mi assicurano allarme cessato". Permane il rischio valanga a Lama dei Peligni, sotto al massiccio della Majella, dove il sindaco due giorni fa ha emesso un'ordinanza di sgombero per 12 case. Le 35 persone che ci vivono sono ospiti presso parenti, amici e strutture alberghiere. "I cittadini vogliono risposte - dice il sindaco Andrea Di Fabrizio - Sono in parte arrabbiati, ma il primo sono io. Dopo l'eccezionale nevicata del 2012, con l'ausilio di relazioni Meteomont abbiamo preparato, per ampliare la rete di paravalanghe, progetti trasmessi al ministero dell'Ambiente e alla Protezione civile regionale, ma nonostante le mie sollecitazioni non abbiamo mai avuto risposta". "Sapevo che prima o poi ci saremmo trovati in una situazione simile - continua Di Fabrizio - Chi non vive qui non si rende conto. Teniamo presente che sulla direttrice della slavina ci sono tralicci dell'alta tensione". "Ringrazio la cittadinanza per come sta collaborando, le forze dell'ordine e il personale del Comune, che lavora nel Coc attivato dall'inizio dell'emergenza maltempo, e la Forestale" Il progetto di cui parla il sindaco prevede l'ampliamento dei fronti delle rastrelliere fermaneve a monte e del cuneo spaccafronte a valle. Per realizzarlo servirebbero 2 milioni di euro. "Al momento dalla Protezione civile abbiamo ottenuto uno stanziamento d'urgenza di 150mila euro per la manutenzione straordinaria dei paravalanghe in legno" spiega ancora di Fabrizio.

19:58Calcio: Genoa, Juric “abbiamo perso sicurezza”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Ho parlato nello spogliatoio con Preziosi, ci siamo confrontati per capire alcune cose. Siamo in emergenza in mezzo, abbiamo fuori sia Cataldi sia Rigoni e calcolavamo come poter affrontare la prossima sfida". L'allenatore del Genoa, Ivan Juric, spiega così l'incontro con il presidente dopo il 2-2 col Crotone. "Abbiamo perso un po' di sicurezza e facciamo meno possesso palla, queste sono le difficoltà - prosegue Juric - poi abbiamo preso due gol su calci piazzati lontani dalla nostra porta e questo ci ha penalizzato molto. Al di là delle cessioni, penso che siamo stati anche molto sfortunati: penso agli infortuni di Veloso e Perin".

Archivio Ultima ora