Scontro sul referendum nel Pd, Renzi anticipa il congresso

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

renzi-pd

ROMA. – Una moratoria di cinque mesi dalle amministrative fino al referendum sulle riforme per poi aprire, con anticipo, la battaglia congressuale che regoli i conti e pesi i rapporti di forza. Non dura neanche venti minuti, in direzione Pd, la tregua proposta alla minoranza da Matteo Renzi fino ad ottobre: Gianni Cuperlo chiede una smentita a Maria Elena Boschi sull’accostamento tra chi vota no al referendum a Casapound.

“Non è una comparazione ma un dato di fatto: chi vota no voterà no come Casapound”, risponde il ministro, dando un tono muscolare alla campagna referendaria e riaprendo lo scontro interno. L’anticipo del congresso dem, previsto a dicembre 2017, era nell’aria da tempo: la minoranza l’aveva chiesto, i renziani avevano fatto melina.

Adesso il leader Pd lo rilancia in cambio di una pax a tempo che veda tutto il partito unito in vista della difficile partita delle amministrative che il premier dice di non temere perchè “in base ai sondaggi, alle scorse comunali, M5S avrebbe dovuto vincere in 107 comuni ma ha vinto in 17”.

Candidati “concreti” e orgoglio per le riforme del governo sono il mix che per il premier può tirare la volata alle comunali. “Non abbiamo nessun motivo per continuare una sfibrante discussione interna – è l’appello – Non chiedo una moratoria delle polemiche. Ma si deve fare uno sforzo per non vergognarsi di ciò che abbiamo fatto in questi anni. Non voglio sottacere i tanti problemi sul territorio: sono meno di quelli che i media raccontano, più di quelli che dovrebbero esserci”.

Una tregua lunga cinque mesi, secondo il premier, per affrontare anche la “mobilitazione permanente” per il referendum istituzionale, che Renzi immagina capillare con “banchini” in città ma anche nei luoghi di vacanza. L’offerta convince la minoranza. Anche se, osserva Gianni Cuperlo, “nessuno ha la benda sugli occhi e vediamo le tante ombre, dall’ingresso formale di Verdini in maggioranza alla questione morale di lunga data”.

Ma se sull’unità in campagna elettorale la sinistra non ha nulla da eccepire, nei toni e negli argomenti del referendum alle riforme si scorge una divergenza di vedute pari alla motivazione che anima le varie anime dem. “Ho atteso la smentita – chiede l’ex presidente del Pd – della ministra Boschi che ha posto parte della sinistra sullo stesso piano di Casa Pound. Che senso ha spingere la polemica sino ad ignorare che tra chi sceglierà di dire no ci sono i vertici dell’Anpi o 11 presidenti emeriti della Consulta?”.

Un “bullismo” che imbarazza la minoranza ma non Boschi. “Io ho più volte sentito equiparare – chiarisce il ministro prendendo il microfono in direzione – chi vota sì alle riforme a Verdini. Io mi sono limitata a constatare che chi voterà no lo farà assieme a Casapound”. Per la madrina delle riforme, la minoranza strumentalizza partendo da un titolo del Fatto Quotidiano.

“Da qui alla fine della legislatura – si sfoga – ci sarà una direzione del Pd in cui la minoranza interna non attaccherà questa dirigenza? Dico una, Gianni, anche perché la nostra gente è stanca, quando gli attacchi sono su motivi pretestuosi”.

Un botta e risposta che la dice lunga sul clima dentro il Pd e sulla resa dei conti interna che si aprirà subito dopo il referendum. Ma Renzi, che conferma la sua candidatura al congresso così come il voto nel 2018, si gioca tutto ad ottobre. E lo farà a modo suo: “Noi dobbiamo rispetto per chi fa scelte diverse ma pretendiamo rispetto”, chiarisce il premier. Che, paragonando i costituzionalisti del no agli archeologi, rigetta l’accusa di non poter cambiare la costituzione perché non eletto: “Forse stanno difendendo il codice di Hammurabi e non la Costituzione”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora