Scontro sul referendum nel Pd, Renzi anticipa il congresso

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

renzi-pd

ROMA. – Una moratoria di cinque mesi dalle amministrative fino al referendum sulle riforme per poi aprire, con anticipo, la battaglia congressuale che regoli i conti e pesi i rapporti di forza. Non dura neanche venti minuti, in direzione Pd, la tregua proposta alla minoranza da Matteo Renzi fino ad ottobre: Gianni Cuperlo chiede una smentita a Maria Elena Boschi sull’accostamento tra chi vota no al referendum a Casapound.

“Non è una comparazione ma un dato di fatto: chi vota no voterà no come Casapound”, risponde il ministro, dando un tono muscolare alla campagna referendaria e riaprendo lo scontro interno. L’anticipo del congresso dem, previsto a dicembre 2017, era nell’aria da tempo: la minoranza l’aveva chiesto, i renziani avevano fatto melina.

Adesso il leader Pd lo rilancia in cambio di una pax a tempo che veda tutto il partito unito in vista della difficile partita delle amministrative che il premier dice di non temere perchè “in base ai sondaggi, alle scorse comunali, M5S avrebbe dovuto vincere in 107 comuni ma ha vinto in 17”.

Candidati “concreti” e orgoglio per le riforme del governo sono il mix che per il premier può tirare la volata alle comunali. “Non abbiamo nessun motivo per continuare una sfibrante discussione interna – è l’appello – Non chiedo una moratoria delle polemiche. Ma si deve fare uno sforzo per non vergognarsi di ciò che abbiamo fatto in questi anni. Non voglio sottacere i tanti problemi sul territorio: sono meno di quelli che i media raccontano, più di quelli che dovrebbero esserci”.

Una tregua lunga cinque mesi, secondo il premier, per affrontare anche la “mobilitazione permanente” per il referendum istituzionale, che Renzi immagina capillare con “banchini” in città ma anche nei luoghi di vacanza. L’offerta convince la minoranza. Anche se, osserva Gianni Cuperlo, “nessuno ha la benda sugli occhi e vediamo le tante ombre, dall’ingresso formale di Verdini in maggioranza alla questione morale di lunga data”.

Ma se sull’unità in campagna elettorale la sinistra non ha nulla da eccepire, nei toni e negli argomenti del referendum alle riforme si scorge una divergenza di vedute pari alla motivazione che anima le varie anime dem. “Ho atteso la smentita – chiede l’ex presidente del Pd – della ministra Boschi che ha posto parte della sinistra sullo stesso piano di Casa Pound. Che senso ha spingere la polemica sino ad ignorare che tra chi sceglierà di dire no ci sono i vertici dell’Anpi o 11 presidenti emeriti della Consulta?”.

Un “bullismo” che imbarazza la minoranza ma non Boschi. “Io ho più volte sentito equiparare – chiarisce il ministro prendendo il microfono in direzione – chi vota sì alle riforme a Verdini. Io mi sono limitata a constatare che chi voterà no lo farà assieme a Casapound”. Per la madrina delle riforme, la minoranza strumentalizza partendo da un titolo del Fatto Quotidiano.

“Da qui alla fine della legislatura – si sfoga – ci sarà una direzione del Pd in cui la minoranza interna non attaccherà questa dirigenza? Dico una, Gianni, anche perché la nostra gente è stanca, quando gli attacchi sono su motivi pretestuosi”.

Un botta e risposta che la dice lunga sul clima dentro il Pd e sulla resa dei conti interna che si aprirà subito dopo il referendum. Ma Renzi, che conferma la sua candidatura al congresso così come il voto nel 2018, si gioca tutto ad ottobre. E lo farà a modo suo: “Noi dobbiamo rispetto per chi fa scelte diverse ma pretendiamo rispetto”, chiarisce il premier. Che, paragonando i costituzionalisti del no agli archeologi, rigetta l’accusa di non poter cambiare la costituzione perché non eletto: “Forse stanno difendendo il codice di Hammurabi e non la Costituzione”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

11:53Kazakhstan: autorità, tutti uzbeki passeggeri bus in fiamme

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Secondo le autorità kazake, erano tutti cittadini uzbeki i passeggeri del pullman che ha preso fuoco nella regione di Aktobe, in Kazakhstan, causando la morte di 52 persone. Lo riporta Interfax. Stando alle prime informazioni, solo cinque sono sopravvissuti, tra i quali i due conducenti "Le informazioni preliminari disponibili indicano che i due conducenti sono cittadini del Kazakhstan ed entrambi sono sopravvissuti", riferisce il portavoce del Comitato per le situazioni di emergenza del Kazakistan al ministero dell'Interno, Ruslan Imankulov. I cinque sopravvissuti alla tragedia sono stati portati in un ospedale nel distretto di Irgiz. "Hanno riportato ferite lievi", ha detto un rappresentante del dipartimento delle situazioni di emergenza regionali.

11:46Tennis: Australia, eliminato Sonego, ko con Gasquet

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione e la dice lunga sulla prevalenza del francese numero 31 del mondo, contro il quale poco ha potuto il 22enne torinese che può comunque essere soddisfatto del suo risultato al torneo australiano. (ANSA).

11:46Mo: Jenin, Hamas annuncia morte di un ‘martire’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - Nello scontro a fuoco avvenuto la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) è morto Ahmed al-Jarrar, 22 anni: lo rende noto Hamas in un comunicato in cui afferma che si tratta di un "martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam" (il suo braccio armato) ed è anche un "martire figlio di un martire" perché suo padre Nasser al-Jarrar, ucciso dall'esercito israeliano nel 2002, era il comandante della sua ala militare a Jenin. La agenzia di stampa palestinese Maan aggiunge che a Jenin "manca all'appello" un altro giovane che la scorsa notte era con al-Jarrar. Potrebbe essere ancora sepolto nei detriti di tre edifici della famiglia al-Jarrar rasi al suolo dall'esercito. Nella notte l'esercito israeliano aveva annunciato di aver ucciso due palestinesi nello scontro a fuoco.

11:44Assalto a portavalori nel Brindisino, sparati colpi fucile

(ANSA) - TORCHIAROLO (BRINDISI), 18 GEN - Un gruppo di quattro persone a bordo di una Lancia Delta nera ha tentato di compiere una rapina ad un portavalori, con un assalto a colpi di fucile sulla superstrada Lecce - Brindisi, all'altezza di Torchiarolo (Brindisi). Diversi i colpi sparati con un fucile a canne mozze in direzione degli pneumatici del furgone e fortunatamente, nessuno è rimasto ferito anche se una guardia giurata della società Cosmopol ha riferito di essere stata sfiorata da uno dei proiettili. La carreggiata Nord della Statale è chiusa al traffico per consentire a carabinieri e polizia di effettuare i rilievi. Il portavalori è stato affiancato dalla vettura, ma la rapina non è andata a segno perché le guardie giurate non sono uscite dall'abitacolo e la banda è fuggita a piedi per le campagne circostanti. Le indagini vengono condotte dai carabinieri e dalla Squadra mobile della questura di Brindisi. Sul posto anche agenti della polizia stradale.

11:44Coree: concerto Samjiyon Orchestra a Sud per Kim Jong-il

(ANSA) - PECHINO, 18 GEN - La Samjiyon Orchestra coi suoi 80 componenti, più altri 60 tra corpi di ballo e di canto, terrà un concerto il 16 febbraio in Corea del Sud, nel giorno del compleanno del "caro leader" Kim Jong-il, padre dell'attuale leader nordcoreano Kim Jong-un. Lo riporta il Chosun Ilbo, citando fonti diplomatiche secondo cui l'orchestra, in missione nell'ambito degli accordi Sud-Nord sugli scambi culturali definiti per le Olimpiadi di PyeongChang, rimanda alla Samjiyon Band, lanciata nel 2009 dal "caro leader" e specializzata in canti patriottici e rivoluzionari con la forma popolare degli Arirang. I concerti pianificati si terranno a Seul e a Gangneung, località vicina a PyeongChang.

11:30Arrestato funzionario Protezione Civile a Roma

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Arrestato dai carabinieri a Roma un funzionario del Dipartimento della Protezione Civile, ritenuto responsabile di usura continuata, tentata estorsione ed esercizio abusivo di attività finanziaria. A quanto accertato dai carabinieri della compagnia San Pietro il 59enne romano avrebbe concesso prestiti a tasso usurario, anche del 40%, a vari commercianti del quartiere Prati e si sarebbe avvalso del suo ufficio della Protezione Civile in via Ulpiano come "base". Il Dipartimento della Protezione Civile ha collaborato all'indagine che questa mattina ha portato all'arresto del funzionario con le accuse di usura, tentata estorsione ed esercizio abusivo dell'attività finanziaria. "Appena venuti a conoscenza dell'indagine - sottolineano fonti del Dipartimento - ci siamo messi a disposizione per fugare ogni dubbio sulla Protezione Civile e sul suo operato". Il funzionario, affermano ancora in via Ulpiano, lavorava all'ufficio del consegnatario e non ricopriva ruoli di rilievo all'interno del Dipartimento.

11:26M5S: Di Maio, a parlamentarie 10 mila candidati

(ANSA) - ROMA, 18 JAN - Sono stati 10 mila gli aspiranti parlamentari che si sono autocandidati alla selezione del M5s. Il dato definitivo lo fornisce Luigi Di Maio a Radio 24 dove ha fatto il punto sulle parlamentarie. Di Maio nega che il sistema di voto sia andato in tilt: "Non è vero! Ogni volta che facciamo le parlamentarie leggo sui giornali di caos ma non leggo mai delle tessere comprate dai partiti". "Noi stiamo facendo una selezione ferrea - assicura - c'erano persone che non avevano i requisiti e li abbiamo scartati perché noi non siamo una navicella per andare in Parlamento".

Archivio Ultima ora