Venezuela: Referendum sì, referendum no

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

filas para comprar alimentos en Venezuela

filas para comprar alimentos en Venezuela

Due paesi. L’uno diametralmente opposto all’altro. Quello che ci presenta la propaganda del governo e quello che ci mostra l’Opposizione. Nel primo, si ammette l’esistenza di alcune difficoltà di carattere economico, si attribuisce la mancanza di alcuni generi alimentari e medicine alla catena di distribuzione e si accusano i movimenti di destra e l’“imperialismo” internazionale – leggasi, Stati Uniti – di promuovere cospirazioni per uccidere il capo dello Stato e favorire l’instabilità istituzionale.

Nell’altro, invece, si sostiene che si è sull’orlo dell’esplosione sociale, che si muore per mancanza di medicine, che la denutrizione è tornata a essere uno dei mali delle frange meno abbiente della popolazione e che la delinquenza dilaga senza che vi siano la capacità, o la volontà, di porvi rimedio.

Ma in quale Paese realmente viviamo? Dietro le lunghe file di venezuelani alle porte dei supermarket, alle sempre più frequenti proteste spontanee, ai numerosi casi di linciaggi che la Procuratrice Luisa Ortega Dìaz ha dovuto ammettere, alla mancanza di medicine negli Ospedali, ai “black-out” programmati e non, ai 4 mila 696 omicidi nel primo trimestre dell’anno, alla spirale inflazionaria che è già iper-inflazione, si cela effettivamente una cospirazione per portare il Paese al collasso e creare le condizioni per un colpo di Stato dalle conseguenze imprevedibili?

O, al contrario, è tutto prodotto dell’incapacità del Governo di ammettere i propri errori, di dare un giro di vite alla politica economica e di stabilire un dialogo con l’opposizione per affrontare le difficoltà del Paese? Viviamo nel Paese delle Meraviglie o, al contrario, in quello della “disperazione”?

Il referendum è sempre il tema politico di maggior attualità. L’Opposizione ha già consegnato le firme richieste per l’avvio del processo che dovrebbe condurre alla consulta popolare. Scartati l’emendamento costituzionale che permetterebbe di ridurre il periodo presidenziale – dovrebbe superare l’esame della Corte che, fino ad oggi, ha rappresentato uno scoglio insormontabile – e le dimissioni del capo dello Stato – non vi è scenario possibile in tal senso – è questo l’unico cammino che può transitare il Tavolo dell’Unità, nella consapevolezza che nessuno può assicurare un risultato favorevole. I sondaggi d’opinione che riflettono la perdita di popolarità del capo dello Stato non sono garanzia di trionfo in una consultazione popolare.

Per il momento, si attende il risultato della verifica delle firme consegnate che, per norma di legge, avrebbe già dovuto essere stato reso noto nei cinque giorni seguenti la loro consegna. Ma la burocrazia e la lentezza cui ci ha abituato il Cne – c’è anche chi insinua possa essere frutto di una ben precisa strategia dilatoria – potrebbero far slittare i tempi.

E allora il “referendum revocatorio” non permetterebbe all’Opposizione di ottenere il risultato sperato: nuove elezioni presidenziali. Infatti, se il referendum dovesse saltare al prossimo anno, la Costituzione prevede la revoca del capo dello Stato ma non nuove elezioni. Il potere passerebbe al vicepresidente fino a fine mandato.

Sembrerebbe questa la strategia del Psuv, forse considerando ormai impossibile evitare la realizzazione della consulta popolare. La domanda che ci si pone è: il Psuv scommetterà sulla figura di Aristòbulo Isturiz, politico di lungo corso, o punterà su un altro personaggio? E se così fosse, chi potrebbe incarnare tutte le anime del partito?

I tempi per la realizzazione del “referendum revocatorio” sono senz’altro lunghi, e il cammino da percorrere irto di difficoltà. Ma l’obiettivo, seppur difficile, pare non impossibile da raggiungere. Nel frattempo, la controversia agita gli animi in ambedue gli schieramenti.

In seno al Psuv, si ha la sensazione che la lotta tra l’ala radicale e quella moderata si faccia sempre più violenta. E’ lo scontro per il controllo del partito. Mentre la corrente radicale pare orientata a seguire imperterrita per il cammino tracciato e, semmai, ad irrigidire le proprie posizioni; quella moderata propone una svolta economica in senso più liberale, senza rinunciare a programmi sociali come le “misiones”.

Il Tavolo dell’Unità, dal canto suo, soffre le conseguenze della propria eterogeneità. E’ un contenitore in cui sono presenti movimenti e partiti di sinistra, di centro e di destra. E, non avendo un programma di governo comune, ognuno si sente in libertà di agire come meglio crede.

Così, Jesùs “Chuo” Torrealba si trova a dover svolgere un’azione mediatrice che toglie al Tavolo dell’Unità potere e forza. In altre parole, deve conciliare le diverse anime dell’Opposizione che, per il momento, sono d’accordo sull’obiettivo ma in dissidio sulla strategia per raggiungerlo.

Minacce e ricatti. Il deputato Diosdado Cabello e il Sindaco di Caracas, Jorge Rodrìguez, hanno assicurato che il Psuv passerà al setaccio prima tutte le firme presentate dall’Opposizione per avviare il referendum abrogativo e poi quelle che eventualmente presenterà il Tavolo dell’Unità per la richiesta formale.

Nulla da eccepire. E’ non solo un diritto, ma anche un dovere del Psuv, che comunque ha ottenuto circa 5 milioni di voti il 6D. Invece, c’è molto da ridire circa le dichiarazioni dei due esponenti del Psuv che hanno minacciato ritorsioni su chi ha firmato o firmerà.

– Chi ha firmato il referendum non può lavorare in una dipendenza pubblica – ha sostenuto l’ex presidente del Parlamento, Diosdado Cabello. Gli ha fatto eco Jorge Rodrìguez.

Il ricatto, la ritorsione sono tecniche che poco si addicono a un governo democratico; pratiche mafiose inammissibili in un sistema in cui il rispetto dell’opinione altrui merita rispetto.

L’atteggiamento degli esponenti del Psuv ricorda il licenziamento di massa, avvenuti all’indomani dello sciopero dell’industria petrolifera e la famosa “Lista Tascòn”.

A rendere ancor più confuso il panorama politico è l’atteggiamento della Corte Costituzionale. Il Parlamento, oggi, è un’anatra zoppa. E infatti, ogni qualvolta legifera, non importa su quale materia, la Corte boccia per incostituzionale la Legge e la rispedisce al mittente.

Così è stato per il “Decreto d’Emergenza”, ormai scaduto e non più prorogabile, con la Riforma Parziale della Legge del TSJ, con la Legge di Conferimento dei Titoli di Proprietà ai Beneficiati della “Gran Misiòn Vivienda” e così via di seguito.

Se dovessero essere certe alcune denunce di esponenti del Tavolo dell’Unità, in primis Henry Ramos Allup presidente dell’An, nei prossimi giorni la Corte potrebbe revocare l’immunità parlamentare ai deputati che si sono recati negli Stati Uniti ed esortato l’Osa a invocare l’applicazione della “Carta Democratica”. La revoca dell’immunità parlamentare spianerebbe la strada al loro arresto con l’accusa di “alto tradimento alla Patria”.

Nei prossimi giorni è attesa in Venezuela la missione di mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati. Il rappresentante del Vaticano verrebbe per esprimere al governo del presidente Maduro la preoccupazione del Sommo Pontefice per la situazione del Paese, per incontrare gli esponenti degli schieramenti politici e per promuovere il dialogo tra governo e Opposizione. L’arrivo di Gallagher è atteso per il 24 maggio.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora