Venezuela: Referendum sì, referendum no

Pubblicato il 09 maggio 2016 da redazione

filas para comprar alimentos en Venezuela

filas para comprar alimentos en Venezuela

Due paesi. L’uno diametralmente opposto all’altro. Quello che ci presenta la propaganda del governo e quello che ci mostra l’Opposizione. Nel primo, si ammette l’esistenza di alcune difficoltà di carattere economico, si attribuisce la mancanza di alcuni generi alimentari e medicine alla catena di distribuzione e si accusano i movimenti di destra e l’“imperialismo” internazionale – leggasi, Stati Uniti – di promuovere cospirazioni per uccidere il capo dello Stato e favorire l’instabilità istituzionale.

Nell’altro, invece, si sostiene che si è sull’orlo dell’esplosione sociale, che si muore per mancanza di medicine, che la denutrizione è tornata a essere uno dei mali delle frange meno abbiente della popolazione e che la delinquenza dilaga senza che vi siano la capacità, o la volontà, di porvi rimedio.

Ma in quale Paese realmente viviamo? Dietro le lunghe file di venezuelani alle porte dei supermarket, alle sempre più frequenti proteste spontanee, ai numerosi casi di linciaggi che la Procuratrice Luisa Ortega Dìaz ha dovuto ammettere, alla mancanza di medicine negli Ospedali, ai “black-out” programmati e non, ai 4 mila 696 omicidi nel primo trimestre dell’anno, alla spirale inflazionaria che è già iper-inflazione, si cela effettivamente una cospirazione per portare il Paese al collasso e creare le condizioni per un colpo di Stato dalle conseguenze imprevedibili?

O, al contrario, è tutto prodotto dell’incapacità del Governo di ammettere i propri errori, di dare un giro di vite alla politica economica e di stabilire un dialogo con l’opposizione per affrontare le difficoltà del Paese? Viviamo nel Paese delle Meraviglie o, al contrario, in quello della “disperazione”?

Il referendum è sempre il tema politico di maggior attualità. L’Opposizione ha già consegnato le firme richieste per l’avvio del processo che dovrebbe condurre alla consulta popolare. Scartati l’emendamento costituzionale che permetterebbe di ridurre il periodo presidenziale – dovrebbe superare l’esame della Corte che, fino ad oggi, ha rappresentato uno scoglio insormontabile – e le dimissioni del capo dello Stato – non vi è scenario possibile in tal senso – è questo l’unico cammino che può transitare il Tavolo dell’Unità, nella consapevolezza che nessuno può assicurare un risultato favorevole. I sondaggi d’opinione che riflettono la perdita di popolarità del capo dello Stato non sono garanzia di trionfo in una consultazione popolare.

Per il momento, si attende il risultato della verifica delle firme consegnate che, per norma di legge, avrebbe già dovuto essere stato reso noto nei cinque giorni seguenti la loro consegna. Ma la burocrazia e la lentezza cui ci ha abituato il Cne – c’è anche chi insinua possa essere frutto di una ben precisa strategia dilatoria – potrebbero far slittare i tempi.

E allora il “referendum revocatorio” non permetterebbe all’Opposizione di ottenere il risultato sperato: nuove elezioni presidenziali. Infatti, se il referendum dovesse saltare al prossimo anno, la Costituzione prevede la revoca del capo dello Stato ma non nuove elezioni. Il potere passerebbe al vicepresidente fino a fine mandato.

Sembrerebbe questa la strategia del Psuv, forse considerando ormai impossibile evitare la realizzazione della consulta popolare. La domanda che ci si pone è: il Psuv scommetterà sulla figura di Aristòbulo Isturiz, politico di lungo corso, o punterà su un altro personaggio? E se così fosse, chi potrebbe incarnare tutte le anime del partito?

I tempi per la realizzazione del “referendum revocatorio” sono senz’altro lunghi, e il cammino da percorrere irto di difficoltà. Ma l’obiettivo, seppur difficile, pare non impossibile da raggiungere. Nel frattempo, la controversia agita gli animi in ambedue gli schieramenti.

In seno al Psuv, si ha la sensazione che la lotta tra l’ala radicale e quella moderata si faccia sempre più violenta. E’ lo scontro per il controllo del partito. Mentre la corrente radicale pare orientata a seguire imperterrita per il cammino tracciato e, semmai, ad irrigidire le proprie posizioni; quella moderata propone una svolta economica in senso più liberale, senza rinunciare a programmi sociali come le “misiones”.

Il Tavolo dell’Unità, dal canto suo, soffre le conseguenze della propria eterogeneità. E’ un contenitore in cui sono presenti movimenti e partiti di sinistra, di centro e di destra. E, non avendo un programma di governo comune, ognuno si sente in libertà di agire come meglio crede.

Così, Jesùs “Chuo” Torrealba si trova a dover svolgere un’azione mediatrice che toglie al Tavolo dell’Unità potere e forza. In altre parole, deve conciliare le diverse anime dell’Opposizione che, per il momento, sono d’accordo sull’obiettivo ma in dissidio sulla strategia per raggiungerlo.

Minacce e ricatti. Il deputato Diosdado Cabello e il Sindaco di Caracas, Jorge Rodrìguez, hanno assicurato che il Psuv passerà al setaccio prima tutte le firme presentate dall’Opposizione per avviare il referendum abrogativo e poi quelle che eventualmente presenterà il Tavolo dell’Unità per la richiesta formale.

Nulla da eccepire. E’ non solo un diritto, ma anche un dovere del Psuv, che comunque ha ottenuto circa 5 milioni di voti il 6D. Invece, c’è molto da ridire circa le dichiarazioni dei due esponenti del Psuv che hanno minacciato ritorsioni su chi ha firmato o firmerà.

– Chi ha firmato il referendum non può lavorare in una dipendenza pubblica – ha sostenuto l’ex presidente del Parlamento, Diosdado Cabello. Gli ha fatto eco Jorge Rodrìguez.

Il ricatto, la ritorsione sono tecniche che poco si addicono a un governo democratico; pratiche mafiose inammissibili in un sistema in cui il rispetto dell’opinione altrui merita rispetto.

L’atteggiamento degli esponenti del Psuv ricorda il licenziamento di massa, avvenuti all’indomani dello sciopero dell’industria petrolifera e la famosa “Lista Tascòn”.

A rendere ancor più confuso il panorama politico è l’atteggiamento della Corte Costituzionale. Il Parlamento, oggi, è un’anatra zoppa. E infatti, ogni qualvolta legifera, non importa su quale materia, la Corte boccia per incostituzionale la Legge e la rispedisce al mittente.

Così è stato per il “Decreto d’Emergenza”, ormai scaduto e non più prorogabile, con la Riforma Parziale della Legge del TSJ, con la Legge di Conferimento dei Titoli di Proprietà ai Beneficiati della “Gran Misiòn Vivienda” e così via di seguito.

Se dovessero essere certe alcune denunce di esponenti del Tavolo dell’Unità, in primis Henry Ramos Allup presidente dell’An, nei prossimi giorni la Corte potrebbe revocare l’immunità parlamentare ai deputati che si sono recati negli Stati Uniti ed esortato l’Osa a invocare l’applicazione della “Carta Democratica”. La revoca dell’immunità parlamentare spianerebbe la strada al loro arresto con l’accusa di “alto tradimento alla Patria”.

Nei prossimi giorni è attesa in Venezuela la missione di mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati. Il rappresentante del Vaticano verrebbe per esprimere al governo del presidente Maduro la preoccupazione del Sommo Pontefice per la situazione del Paese, per incontrare gli esponenti degli schieramenti politici e per promuovere il dialogo tra governo e Opposizione. L’arrivo di Gallagher è atteso per il 24 maggio.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora