Colle media lo scontro tra politica e magistratura

Pubblicato il 10 maggio 2016 da redazione

Foto Ufficio Stampa Quirinale/Antonio Di Gennaro/LaPresse24-02-2015 Scandicci (Italia)PoliticaIl Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Ministro della Giustizia  On.. Andrea Orlando in occasione dell''inaugurazione dei corsi di formazione per i magistrati ordinari in tirocinio.

Foto Ufficio Stampa Quirinale/Antonio Di Gennaro/LaPresse24-02-2015 Scandicci (Italia)PoliticaIl Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Ministro della Giustizia On.. Andrea Orlando in occasione dell”inaugurazione dei corsi di formazione per i magistrati ordinari in tirocinio.

ROMA. – “Raffreddare la temperatura”, “stemperare le tensioni”, “lavorare per ricucire”. Sono queste le parole d’ordine che girano nei palazzi delle istituzioni per spegnere sul nascere l’incendio tra politica e magistratura che rischia di ardere per mesi, fino al referendum costituzionale di ottobre.

E il Colle, come è naturale che sia con Sergio Mattarella presidente anche del Csm, cerca di fare ordine in una mediazione complessa, stretta fra dirompenti inchieste giudiziarie e qualche sconfinamento delle toghe nel territorio della politica. E’ sulla necessità di riordinare spazi e competenze che il vice presidente del Csm, Giovanni Legnini, è salito al Quirinale per spiegare punto per punto i dettagli della seduta del Consiglio dedicata al caso del consigliere Piergiorgio Morosini e della sua ormai famosa intervista, poi smentita, al Foglio.

Legnini non ha nascosto la sua preoccupazione al capo dello Stato che lo ha incoraggiato a prendere tutte le iniziative atte riportare un clima di maggiore collaborazione istituzionale in quanto, come ha ripetuto più volte Mattarella, “il conflitto indebolisce tutte le parti”.

Intanto la seconda carica dello Stato, Pietro Grasso – fonti parlamentari confermano che ha parlato nei giorni scorsi con Mattarella -, pur premettendo che “anche i magistrati debbono poter esprimere le proprie opinioni su un tema fondamentale quale la Costituzione”, non rinuncia ad una stoccata etica: “non bisogna però confondere le due attività. Io ho fatto una scelta di cambiare dando le dimissioni dalla magistratura e ora sono in politica. La magistratura è una funzione importante che poi però deve lasciare il posto alla politica”.

E questo è un concetto, pur nel riserbo assoluto del Quirinale, che si ritrova nelle convinzioni di Mattarella che solo poche settimane fa ricordò con chiarezza proprio ai magistrati come “gli ambiti di spettanza dei diversi poteri non devono essere fortilizi da contrapporre gli uni agli altri. Vanno rispettati i confini delle proprie attribuzioni, senza cedere alla tentazione di sottrarre spazi di competenza a chi ne ha titolo in base alla Costituzione”.

Della necessità di evitare le “invasioni dei campi altrui” – o meglio rispettare la “terzietà” – l’inquilino del Colle ne ha fatto un giuramento ed anche in questa fase non mancherà di far recapitare il suo “credo” – discretamente, come sempre – agli attori della controversia.

E arriverà anche il tempo di incontrare l’Anm con la nuova gestione di Davigo in un incontro fissato per il 30 maggio ben prima che scoppiasse l’incendio. Intanto, a conferma dei tentativi istituzionali di riportare lo scontro a dialettica, si moltiplicano gli incontri sul tema.

Dopo il colloquio con il presidente, Legnini adesso avrà il suo da fare: sicuramente riceverà con gli altri componenti del Comitato di presidenza di Palazzo dei marescialli il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo e la nuova giunta. Poi è in programma anche un incontro con il ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Il Guardasigilli a sua volta incontrerà l’Anm e quindi Davigo. Un tourbillon di contatti che rientrano nella linea del Colle di favorire ogni iniziativa utile per riaprire il dialogo. A rendere più complessa la partita c’è poi in Senato la riforma del Processo penale con la delega sulle intercettazioni e la modifica della prescrizione.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

15:13Bullismo, permanenza in casa per due minori

(ANSA) - PERUGIA, 21 GEN - Sono accusati di avere minacciato per mesi i loro compagni di classe, derubandoli di penne e quaderni, colpendoli con calci e pugni, ma anche deridendoli per il loro aspetto due minorenni stranieri ai quali i carabinieri di Gualdo Tadino hanno notificato un provvedimento di permanenza in casa per atti persecutori. Senza possibilità di uscire né di comunicare con alcuno. La misura cautelare è stata notificata inizialmente a un quindicenne e ora a un connazionale di 16 anni, considerato suo complice. Quest'ultimo è stato rintracciato - hanno spiegato gli investigatori - appena tornato in Italia dal suo Paese d'origine nel quale si era recato con la famiglia. Nel fascicolo d'indagine sono finiti i racconti di sei studenti ascoltati dai militari della stazione di Gualdo Tadino e le note disciplinari scritte sul registro dai docenti. Il magistrato ha imposto ai due indagati di frequentare un corso di recupero in cui verranno approfonditi i concetti di legalità e rispetto.

Archivio Ultima ora