Obama va a Hiroshima, cade l’ultimo tabù dell’America

Pubblicato il 10 maggio 2016 da redazione

A files handout photograph of the Hiroshima A-bomb blast photographed by the U.S. military on 6 August 1945. EPA/A PEACE MEMORIAL MUSEUMHANDOUT

A files handout photograph of the Hiroshima A-bomb blast photographed by the U.S. military on 6 August 1945. EPA/A PEACE MEMORIAL MUSEUMHANDOUT

NEW YORK. – Ancora una pagina di storia scritta da Barack Obama. Probabilmente l’ultima prima del suo addio alla Casa Bianca. Il 27 maggio sarà il primo presidente in carica degli Stati Uniti a visitare Hiroshima, a coronamento di uno storico viaggio che prima del Giappone lo porterà anche ad Hanoi e ad Ho Chi Min, in Vietnam, tappe altrettanto simboliche.

Cade dunque uno degli ultimi tabù per gli Stati Uniti, dopo la fine della guerra fredda con Cuba e il disgelo con l’Iran. E si rafforza l’eredità lasciata da Obama in politica estera. La decisione della Casa Bianca di ufficializzare la visita a Hiroshima era nell’aria, dopo settimane di indiscrezioni: avverrà il 27 maggio, dopo il summit del G7 che si svolgerà nella non lontana Ise-Shima.

Ad aprire la strada era stato John Kerry, il primo segretario di stato Usa a recarsi nell’aprile scorso nella città incenerita da ‘Little Boy’, l’atomica sganciata la mattina del 6 agosto 1945 dal bombardiere americano ‘Enola Gay’. Tre giorni dopo un’altro ordigno nucleare colpì la città di Nagasaki. In tutto le vittime furono oltre 220 mila, senza contare le conseguenze per decenni sulla salute di migliaia di giapponesi.

Ma la destra americana è già da tempo sul piede di guerra, definendo il decimo viaggio in Asia di Obama (dal 21 al 28 maggio) come una sorta di ‘apology tour’, il tour delle scuse, se ci si mette dentro anche la guerra del Vietnam. L’ennesimo segno di debolezza – denunciano molti repubblicani – di un’amministrazione che hanno sempre accusato di mancanza di leadership e di essere prona verso i ‘nemici’ dell’America, Cina compresa.

Ma il presidente – assicura uno dei suoi più stretti consiglieri, Ben Rhodes – non intende chiedere scusa per le bombe che posero rapidamente fine alla seconda guerra mondiale. Il discorso tenuto da Obama davanti al Memoriale della Pace (al suo fianco il premier giapponese Shinzo Abe) sarà piuttosto un nuovo forte appello alla non proliferazione delle armi nucleari, all’assunzione di responsabilità da parte della comunità internazionale per un mondo sempre più sicuro e pacifico.

Un appello che va visto anche in chiave interna agli Usa, guardando alla campagna elettorale in corso, dove il messaggio di Obama si contrappone totalmente a quello di un Donald Trump che vorrebbe un riarmo nucleare di Giappone e Corea del Sud. E che, se necessario, non esiterebbe (sono le sue parole) a ricorrere alla forza nucleare.

Il presidente uscente si impegnerà a combattere con tutte le sue forze questa logica, anche quando non sarà più Commander in Chief. Per lui, da Praga a Hiroshima si chiuderà un cerchio. Nell’aprile del 2009, nella capitale ceca, un Obama appena insediatosi alla Casa Bianca lanciava la speranza per un mondo libero dalle bombe atomiche.

Dopo sette anni non molta strada è stata fatta. E a ricordare come la minaccia nucleare sia più che mai viva c’è il regime di Pyongyang. Ma il presidente americano può vantare un risultato che, per quanto controverso, è di fondamentale rilevanza: l’accordo raggiunto con Teheran che dovrebbe fermare il programma nucleare dell’Iran.

Un chiaro esempio – affermano alla Casa Bianca – che se c’è la volontà con l’arma del dialogo e della diplomazia si possono fare grandi passi in avanti per un futuro migliore. Obama lo dirà chiaro e forte davanti al memoriale che ricorda le vittime di una delle tragedie più grandi della storia contemporanea.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

17:19Sci nordico: Italia Team, raduno ad Anterselva

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' entrato nella seconda e ultima fase il quinto raduno estivo della squadra maschile di Coppa del mondo di sci di fondo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegesi di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna. Al lavoro sulla nuova pista di skiroll (inaugurata l'anno passato) di Anterselva (Bz) sono presenti Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori, i quali sono stati messi sotto torchio dall'allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, che ha presentato un menù ricco di camminate a piedi, skiroll, corsa, forza, bicicletta e balzi. Il raduno si concluderà venerdì 28 luglio.

17:19Vitalizi: Sisto (FI), è macelleria sociale per 20 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Un provvedimento che è un "atto di macelleria sociale per 20 milioni di pensionati". Lo dice il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto intervenendo in Aula durante la discussione sulle questioni pregiudiziali. Le misure all'esame della Camera, e che portano la firma del Pd, sono "un provvedimento barbaro sul piano costituzionale" e rappresentano una scelta "irresponsabile".

17:04Cade in canale, bambino morto annegato nel Novarese

(ANSA) - NOVARA, 25 LUG - Un bambino è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, al vaglio delle forze dell'ordine. Il bambino, tre anni da compiere, è scivolato in acqua a Galliate, dove viveva con la famiglia vicino al diramatore. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la madre.(ANSA).

16:54Lavoro: AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - A cinque anni dal conseguimento del titolo, in Italia i laureati lavorano nell'84% dei casi; oltre la metà è assunta a tempo indeterminato e i lavoratori autonomi sfiorano il 20%. I laureati nelle professioni sanitarie e gli ingegneri registrano un tasso di occupazione superiore al 90% e retribuzioni più elevati. Sono i dati dei focus realizzati da AlmaLaurea sulla base del 19/o 'Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati', presentato a Parma lo scorso maggio. Il rapporto ha coinvolto oltre 75mila laureati magistrali biennali del 2011. Dopo ingegneri e professionisti sanitari, i più occupati sono i laureati dei gruppi economico-statistico (89%), scientifico (88%), chimico e architettura (86% per entrambi). Il tasso di disoccupazione è del 9%, rimanendo su valori più elevati tra i laureati dei gruppi letterario (15%), giuridico e geo-biologico (14% per entrambi). A livello retributivo, i laureati magistrali a cinque anni dal titolo percepiscono in media 1.405 euro netti mensili. (ANSA).

16:47Pallavolo: Zaytsev spera, voglio andare agli Europei

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - ''Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione''. L'asso della pallavolo Ivan Zaytsev lascia le porte aperte ad un suo ritorno nella Nazionale di pallavolo in vista degli Europei dopo la querelle su sponsor e scarpe che ha portato alla sua esclusione dall'Italvolley. "Io ho sempre dato la mia massima disponibilità per cercare di trovare una soluzione - sottolinea lo Zar - e non ho mai detto che non avrei giocato senza le mie scarpe. Sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo".

16:46Calcio: domani nuova Serie A, Juve può partire con big match

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Roma, Napoli, Milan, Inter, Atalanta e Lazio: ci sono praticamente tutte le migliori squadre dell'ultima stagione tranne la Fiorentina fra le possibili avversarie della Juventus campione d'Italia per la prima giornata del nuovo campionato di Serie A, che prenderà forma domani con i sorteggi nella sede di Sky. Impegnate nei preliminari di coppe, non si possono incontrare al debutto il Napoli e il Milan, che inizierà il campionato in trasferta come Genoa, Roma e Chievo, mentre lo faranno in casa Inter, Sampdoria, Lazio e Hellas Verona. Fra i criteri per la stesura del calendario, è prevista alternanza assoluta di incontri in casa e in trasferta per Bologna e Spal, per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma. Nei turni infrasettimanali non sono possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all'ultima.

16:45Sinistra: Scotto, serve percorso comune con Pisapia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Non si può fare politica con il torcicollo. Sono d'accordo con Giuliano Pisapia, bisogna guardare avanti. L'alleanza con il Pd di Renzi e' archiviata nei fatti dalle scelte politiche di questi anni sul lavoro, sulla democrazia, sulla giustizia sociale. Oggi e' inutile tornarci sopra.I soggetti politici nascono se hanno una matrice popolare e democratica. Altrimenti sono solo amalgami tra stati maggiori. Che durano lo spazio di una campagna elettorale. E dunque stabiliamo insieme un percorso per decidere quando i nostri militanti, simpatizzanti ed elettori potranno dire la loro opinione sulla natura e la missione del soggetto della sinistra che vogliamo costruire". Lo dice Arturo Scotto , deputato di Mdp intervenendo su Fb.

Archivio Ultima ora