Premio letterario Fenice-Europa

Pubblicato il 10 maggio 2016 da redazione

Premio Fenice Europa

Luigi Ballerini con Hanna non chiude mai gli occhi (San Paolo), Carlo F. De Filippis con Le molliche del commissario (Giunti) e Andrea Fazioli con L’arte del fallimento (Guanda), sono i tre libri vincitori della XIX edizione del Premio Fenice-Europa “Un Romanzo Italiano per il mondo”.

I loro tre libri sono stati selezionati tra quelli pervenuti presso la segreteria del premio, da una giuria tecnica composta da Claudio Toscani, Younis Tawfik e Adriano Cioci. I tre romanzi sono stati consegnati a 460 lettori residenti in Italia e all’estero (Europa, America e Antartide). Saranno loro a decretare il “supervincitore” durante la cerimonia finale di Losanna (Svizzera) il prossimo 3 settembre.

LUIGI BALLERINI

Luigi Ballerini è nato a Sarzana e vive a Milano. Medico e psicoanalista, da anni si dedica alla narrativa. I suoi romanzi hanno ottenuto importanti riconoscimenti in Italia e all’estero. Con le Edizioni San Paolo ha pubblicato La signorina Euforbia maestra pasticciera, che ha vinto il Premio Andersen 2014.

Hanna non chiude mai gli occhi. Salonicco 1943. Le SS sono giunte nella città greca con lo scopo di annientare la grande e ricca comunità ebraica che vi abita da secoli, deportando tutti i suoi membri e impadronendosi dei loro beni. Mentre le partenze dei treni verso i campi di concentramento della Polonia si susseguono senza interruzione, nella città devastata dalla follia nazista due storie scorrono parallele.

Quella di Hanna e Yosef, due quindicenni ebrei rinchiusi nel ghetto di Kalamaria, testimoni del crescere delle violenze e alla ricerca con le loro famiglie di una possibile via di scampo; e la storia del console italiano Guelfo Zamboni e del capitano Lucillo Merci che, in corsa contro il tempo, si adoperano per salvare quante più vite possibili. Tratto da una storia vera, di coraggio e di speranza.

CARLO F. DE FILIPPIS

Carlo F. De Filippis vive e lavora a Chieri, sulle colline torinesi. Le molliche del commissario è il suo romanzo d’esordio, primo volume di una serie che ha come protagonista Salvatore Vivacqua.

Le molliche del commissario. Siciliano trapiantato a Torino, con più cicatrici che capelli e un carattere quadrato come la sua stazza, Salvatore Vivacqua sa bene che dove c’è un delitto c’è sempre anche una traccia che il colpevole si è lasciato dietro. Ma quando viene chiamato d’urgenza nella chiesa della Santissima Trinità, capisce subito che questa indagine gli darà del filo da torcere. Vicino al confessionale è stato rinvenuto il corpo di don Riccardo in una pozza di sangue.

Ma chi può aver massacrato con tanta ferocia un uomo anziano, che a detta di tutti viveva solo per aiutare gli altri? Vivacqua intuisce che quel delitto è solo il tassello di un mosaico molto più oscuro e complesso. Nelle stesse ore, il suo vice Santandrea, è alle prese con un secondo omicidio: una ricca musicista morta per soffocamento durante un gioco erotico. Due delitti a breve distanza negli ambienti più insospettabili della Torino bene. E non è finita qui…

ANDREA FAZIOLI in una foto di  Andrea Morges

Andrea Fazioli, nato nel 1978, vive a Bellinzona, nella Svizzera italiana. Presso Guanda ha pubblicato L’uomo senza casa (2008), Come rapinare una banca svizzera (2009), La sparizione (2010, Uno splendido inganno (2013) e Il giudice e la rondine (2014). I suoi libri sono tradotti in varie lingue.

L’arte del fallimento. Elia Contini sopravvive facendo l’investigatore privato, costretto a occuparsi per la maggior parte del tempo di piccoli furti e animali smarriti. Un giorno, però, viene assunto per ritrovare un imprenditore fuggito di casa, e la situazione diventa complessa. Mario Balmelli, proprietario di una ditta di arredamenti vorrebbe lasciare tutto e seguire il suo sogno: suonare il sax.

Ma quando trova il coraggio di provarci, tutto va a rotoli: la crisi economica che si inasprisce, una truffa ai danni dei lavoratori frontalieri tra la Svizzera e l’Italia, un pazzo omicida che si scaglia contro la sua famiglia con furia inaudita. Se nemmeno la polizia riesce a interrompere la catena dei delitti e a capirci qualcosa, come potrà farlo un piccolo detective?

460 giudici popolari sono impegnati nella lettura della terna vincitrice; le loro schede decreteranno il “Supervincitore”. I giurati sono dislocati non soltanto in Umbria ma anche in altre regioni italiane. Tra i lettori è presente un folto gruppo di ragazzi di San Patrignano (Rimini).

I lettori all’estero sono italiani (perlopiù coordinati dall’Arulef) e stranieri, residenti in Belgio, Bielorussia, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Lussemburgo, Slovenia, Svizzera, USA (Florida) e Venezuela.

Il gruppo più lontano (geograficamente) è quello della base Concordia, in Antartide, costituita da scienziati italiani e francesi del Programma Nazionale Ricerche in Antartide. La manifestazione 2016 è sostenuta dall’ARULEF (Associazione Regionale Umbra Lavoratori Emigrati e Famiglie), sezione di Losanna, con il patrocinio della Regione Umbria.

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora