Riforme: Boschi avverte, non è un referendum sul governo

Pubblicato il 13 maggio 2016 da redazione

boschi

ROMA. – Il referendum di ottobre sulle riforme deve riguardare il loro contenuto e non il governo, sul quale ci si pronuncerà alle elezioni politiche, nel 2018. Le parole del ministro Maria Elena Boschi, durante un incontro con gli studenti della Scuola superiore dell’Università di Catania, sembrano riorientare la campagna del Governo, anche se la stessa Boschi ha confermato che in caso di vittoria del “no” l’esecutivo si dimetterebbe.

Indicativo del nuovo approccio del governo è anche il format scelto dal ministro per il nuovo tour a sostegno della riforma: un confronto con gli studenti dell’ateneo etneo, durante il quale ha prima illustrato la riforma e poi ha risposto alle domande dei ragazzi, alcune delle quali critiche, con domande chiaramente non filtrate.

Tanto è vero che alla fine, dopo un intervento-comizio dell’ultimo studente, Boschi ha commentato: “Vi ringrazio per questo confronto franco e senza filtri”. Boschi, oltre ad illustrare i contenuti, ha sottolineato che le Camere hanno modificato il testo iniziale del Governo: “quindi – ha osservato – il testo approvato non è più quello del Governo ma è del Parlamento, non solo perchè lo ha votato ma perchè lo ha deciso, per di più con una maggioranza più ampia di quella prevista dalla Costituzione”, dato che nella definizione dell’attuale testo hanno preso parte anche Fi e Lega, che poi “per ragioni politiche e non di merito” non hanno più sostenuto le riforme.

Insomma il governo solo co-protagonista delle riforme, e non dominus. Il corollario è la seconda affermazione di Boschi: quella che i cittadini dovranno fare sul referendum – ha detto – “è una scelta di merito, non di simpatia o antipatia verso il Governo. Si vota sulle Riforme: su altro saremo chiamati a decidere, nel 2018”.

Certo, Boschi non ha smentito che in caso di vittoria del no l’esecutivo farà un passo indietro (“non sarebbe serio”) ma ha insistito: “Noi al referendum abbiamo chiesto un voto sul merito delle Riforme”.

Il nuovo approccio si rifletterebbe anche nella scelta del Presidente del Comitato per il sì (dovrebbe essere annunciato il 21): è circolato il nome di Luigi Berlinguer anche se questi, interpellato al telefono ha detto: “personalmente non sono stato informato di niente. Sono a Bruxelles per una attività dell’Ue”.

Ma in ogni caso sarà il profilo di una personalità non renziana. Evidentemente sono arrivati a destinazione i suggerimenti giunti da chi, pur d’accordo con le riforme, invitava a spoliticizzare il referendum: da costituzionalisti come Cesare Pinelli, alla Civiltà Cattolica che invitava ad usare il referendum come “occasione per rifondare intorno alla Costituzione la cultura politica del Paese”.

Per non parlare della moral suasion del presidente della Repubblica. Ogni giorno però ha la sua pena. Ieri ha suscitato malumori nella minoranza del Pd l’affermazione del sottosegretario Gianclaudio Bressa per il quale la legge elettorale per l’elezione del nuovo Senato la varerà “il prossimo Parlamento”, il che implica urne nel 2017 e non alla fine naturale della legislatura, indicata da Boschi.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora